WSR – Presentato a Monaco il nuovo corso della Formula Renault 3.5

1

Il nuovo pacchetto tecnico della World Series by Renault è stato presentato venerdì sera in quel di Montecarlo alla presenza di team principal, piloti e manager. Gli organizzatori di Renault sport, con piglio umile e lungimirante, guardano al futuro immediato della categoria non proponendo più una nuova monoposto come si pensava, ma bensì una radicale revisione di quella già in uso. Gli stessi  già un anno fa avevano posticipato la data del rinnovo delle vetture per venire incontro ai team che potevano così ammortizzare il materiale su un ulteriore anno di vita dello stesso, risparmiando così l’investimento, o meglio, posticipando l’acquisto della nuova vettura, soluzione poi scartata. Ponendosi infatti l’obbiettivo di limitare i costi, gli organizzatori hanno abbandonato l’idea di una vettura riprogettata da zero, ma sono intervenuti nelle aree strategiche per rendere più performante la vettura realizzata da Dallara. Una filosofia opposta rispetto ad altre categorie.

La World Series by Renault ha cavalcato ottimamente la concorrenza derivante dalla GP2, che le ha sottratto la posizione di categoria direttamente inferiore alla F1 dal 2005 (anche se Alguersuari, Vettel e Kubiça la GP2 non l’hanno mai vista!). La decisione di stabilizzarsi quale salto intermedio tra un F3 e la GP2 l’ha resa vincente, soprattutto con budget che devono rimanere quasi dimezzati rispetto alla categoria di Bruno Michel. Per fare questo Dallara ha fatto la sua parte rimodellando il 60% della vettura, specialmente negli alettoni anteriori e posteriori, fornendo così ai team un kit per l’aggiornamento come fatto già nel 2008, dove la vettura fu resa quasi identica alla Renault di Alonso, per poi tornare a delle linee meno “estreme e sofisticate” dall’anno successivo. Per incrementare la potenza, la Renault che già firma i motori della GP2 col marchio Mecachrome, ha siglato una partnership tecnica che a molti pare ambigua. Lo sviluppo del motore (3.500 cc – V8), capace di generare 50 cavalli in più degli attuali 480, sarà infatti sviluppato e prodotto in collaborazione con la Zytek, storico motorista di F3000 e di prototipi endurance.

La ricerca della prestazione ha riguardato anche la riduzione del peso. Quindici kg in meno sulla vettura saranno un bel boost per i piloti 2012. Interventi anche sul cambio, che sarà completamente rivisto e fornito di controllo pneumatico. Nuovo disegno anche per le sospensioni, mentre la vettura sarà dotata dell’antistallo per impedire lo spegnimento del motore come in F1, non essendo prevista in vettura l’unità di accensione indipendente del propulsore. Sempre guardando alla F1, il nuovo modello sarà dotato di DRS, l’ala mobile che deriva dalla F1. Tale dispositivo (unico nelle categorie minori) permetterà ai piloti di appiattire l’ala posteriore in rettilineo guadagnando circa 20 km/h in velocità di punta.

Lo sviluppo della vettura comincerà dal mese di giugno e proseguirà tutta l’estate. Per fare ciò la Renault ha coinvolto uno dei suoi piloti, che pur essendo molto giovane ha già maturato esperienza in varie categorie, ed è già molto esperto in collaudi avendo sviluppato sia le gomme Pirelli che la nuova monoposto di GP2: Romain Grosjean. Il francese (chissà perchè negli altri paesi qualsiasi occasione è buona per supportare un proprio pilota) girerà su diverse piste europee, e presenterà ufficialmente la nuova vettura in occasione del round di Silverstone, dove porterà in pista la monoposto del 2012.

Marco Borgo

Condividi in

Autore

Nato nel 1987, a Treviso, percussionista e cornista, appassionato di automobilismo sportivo segue per eracemotorblog: World Series by Renault, F2, GP3, F3 Italia e A1GP.

1 commento

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image