GP2 – In attesa del GP di Montecarlo.

0

a cura di Alessandro Roca.

Dicono che correre a Montecarlo sia come andare in bicletta in salotto. Personalmente, purtroppo,  non saprei dirvi. Tuttavia è un’emozione unica anche solo vederlo in TV. E’ uno dei grandi classici dell’automobilismo, è la storia che ciclicamente si ripete e mette in bella mostra l’evoluzione tecnologica dell’automobilismo.

Questo è una gara estremamente particolare a causa del suo percorso cittadino tortuoso e pieno di accelerazioni e decelerazioni violente che mettono a dura prova tutto il mezzo meccanico, in particolare: gomme, impianto frenante e cambio. Per questo motivo sono state cambiate delle regole per quanto riguarda i pneumatici: avranno a disposizione 2 set per ogni tipo di mescola e non sarà necessario salvare un set di dure per la gara sprint. Anche il format della qualifica è stato cambiato per salvaguardare la prestazione di ogni singolo pilota riducendo l’incognita del traffico che, a Montecarlo più che su ogni altro circuito, è cruciale: la sessione ufficiale del venerdì pomeriggio sarà divisa in due sessioni di 14 minuti e la divisione avverrà a seconda del numero di gara (pari o dispari).

Albo d’oro del GP di Monaco:

– 2005: Adam Carroll*

– 2006: Lewis Hamilton*

– 2007: Pastor Maldonado*

– 2008: Bruno Senna – Mike Conway

– 2009: Romanin Grosjean – Pastor Maldonado

– 2010: Sergio Perez – Jerome d’Ambrosio

– 2011: Davide Valsecchi – Charles Pic

* nelle prime tre edizioni si svolgeva una sola gara.

Twitter: @alessandroroca

Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image