F1 – Singapore, analisi gara: Hamilton, riscatto compiuto

0

hamilton_singapore3

SINGAPORE 27.09.2009 Ci aveva lasciato alla seconda di Lesmo, stampato contro le barriere di protezione all’ultimo giro, sintomo di una voglia e di una foga fuori dal normale. Lo ritroviamo adesso, sulla cima del podio beato e festante, cancellando quel crash con una vittoria in grande stile, rispondendo così alle critiche dei giornali.

Si conferma l’arbitro di questo mondiale Lewis Hamilton, alla sua seconda vittoria in stagione che indirettamente sancisce, anzi consegna il mondiale agli amici della Brawn.  Perfetto, ovunque e comunque. In qualifica, in partenza e in gara. Peccato che questo mondiale ha avuto tanti volti e tante facce. Poteva esser la volta di Nico Rosberg, pronto a mettere la sua di faccia per una vittoria, ma gli è andata male. Un errore, un grosso errore, lo ha portato a rinunciare ad un podio più che certo, come Vettel, forse ancora acerbo per puntare all’iride. L’iride, appunto, e due piloti dall’ugual tuta pronti ad accaparrarselo. Barrichello e Button, entrambi opachi, ma in grado di portare a casa quei pochi punti utili anche in classifica costruttori. E tra i costruttori in lotta, Ferrari e McLaren, se la giocheranno fino alla fine. Con l’unica, sostanziale, differenza. La rossa da qui a fine anno sarà sempre la stessa.

FLAG TO FLAG Al via Hamilton mantiene facilmente la pole, mentre Rosberg infila un incerto Vettel che deve difendersi dall’attacco di Alonso. Lo spagnolo, così facendo, perde due posizioni su Webber  e Glock. Hamilton, Rosberg, Vettel, Webber, Glock, Alonso, Barrichello, Kubica, Kovalainen e  Button i primi dieci. Problemi ai freni costringono Grosjean al ritiro già al terzo giro, mentre Fisico e Liuzzi duellano nelle retrovie.  Fino alle prime soste niente da segnalare, poi al 20esimo passaggio Sutil centra Heidfeld e la Safety-car è inevitabile. La gara vive il suo massimo splendore al rientro della vettura di sicurezza. Rosberg sconta un drive-trough per aver scavalcato la famosa linea bianca in uscita dai box, e Vettel è libero di lanciarsi alle calcagna di Hamilton. La posizione dell’ inglese, saldamente in testa, non sembra mai in pericolo anche perché il tedesco RedBull ha meno carburante del campione del mondo.  Al momento della seconda sosta però, Vettel oltrepassa il limite di velocità in pit lane ed il drive trough è inevitabile.

Traggono vantaggio dalla penalità Glock, sorprendentemente secondo, e  Alonso che nel caos safety-car hanno avuto la meglio.

L’ultimo sussulto avviene al 45esimo giro, quando Webber, in netta crisi di freni, va fuori alla prima curva. Per un attimo si teme il nuovo ingresso della safety-car, ma la vettura austriaca non è in posizione pericolosa. Falso allarme quindi. In ogni caso la vittoria di Hamilton non sarebbe stata messa in discussione. Riscatto compiuto.

Valerio Lo Muzzo

World Championship standings, round 14:                
 
Drivers:                    Constructors:             
 1.  Button        84        1.  Brawn-Mercedes        153
 2.  Barrichello   69        2.  Red Bull-Renault      110.5
 3.  Vettel        59        3.  Ferrari                62
 4.  Webber        51.5      4.  McLaren-Mercedes       59
 5.  Raikkonen     40        5.  Toyota                 46.5
 6.  Hamilton      37        6.  Williams-Toyota        30.5
 7.  Rosberg       30.5      7.  Renault                26
 8.  Alonso        26        8.  BMW Sauber             21
 9.  Glock         24        9.  Force India-Mercedes   13
10.  Trulli        22.5     10.  Toro Rosso-Ferrari      5
11.  Kovalainen    22
12.  Massa         22
13.  Heidfeld      12
14.  Kubica         9
15.  Fisichella     8
16.  Sutil          5
17.  Buemi          3
18.  Bourdais       2
Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image