IndyCar – Continuano i progressi delle nuove vetture

0

Continuano i test in vista della nuova stagione della IZOD IndyCar Series. In questo inizio settimana un totale di 15 piloti sono scesi in pista sul Texas Motor Speedway, sul Barber Motorsports Park e sul Phoenix International Raceway. A Fort Worth i test erano previsti in due giorni, ma il primo è stato annullato a causa della pioggia. In pista sono scesi Tony Kanaan (KV Racing Technology), Ryan Briscoe (Team Penske) e Alex Tagliani (Bryan Herta Autosport). Quest’ultimo ha portato il motore Lotus al suo primo test su ovale, mentre Kanaan e Briscoe hanno trascorso buona parte del tempo in tandem per raccogliere dati sul comportamento delle nuove vetture quando sono in scia. Al riguardo il prossimo mese si tornerà di nuovo in Texas  con un campo più ampio di vetture. Nonostante la velocità non era l’obiettivo primario, i due piloti Chevrolet hanno girato attorno ai 210-212 mph (l’anno scorso Tagliani ottenne la pole alla velocità di 215,1 mph), mentre Tagliani ha raggiunto i 205 mph. “Avevo già provato la vettura sull’ovale di Homestead“, ha detto Kanaan. “Stiamo provando diverse cose per quanto riguarda correre in scia, e per me adesso si sente che si guida una vettura Indy. Non c’è molta differenza. E’ solo una questione di quale pacchetto utilizzare.” “Le cose vanno veramente bene“, ha dichiarato Briscoe. “Abbiamo provato una configurazione della sospensione, e in termini di bilanciamento della macchina tutto è sembrato normale, che è ciò che stavamo cercando da un po’ di tempo.” “Onestamente, sono molto soddisfatto della macchina“, ha detto Tagliani. “Abbiamo fatto alcuni cambiamenti importanti. Con il mio ingegnere Todd Malloy abbiamo una chimica molto buona, e questo ci ha aiutato a iniziare a lavorare subito oggi. Era la prima volta per me con il nuovo telaio su un ovale, e lo stesso era per il motore Lotus, quindi all’inizio ero preoccupato, ma nel complesso mi sento incoraggiato. C’è un sacco di lavoro ancora da fare con il motore, ma per ora non abbiamo mai avuto problemi e tutto ha funzionato bene per tutto il giorno. La cosa buona è che il motore è molto affidabile, e questo ci ha aiutato a rimanere in pista e imparare molto.”

Sul circuito dell’Alabama sono invece scesi in pista lunedi e martedì i quattro piloti di Ganassi (Scott Dixon, Dario Franchitti, Graham Rahal e Charlie Kimball), i due piloti del Dale Coyne Racing (James Jakes e Justin Wilson), Mike Conway (A.J. Foyt Racing), Takuma Sato (Rahal Letterman Lanigan Racing), e Simon Pagenaud (Sam Schmidt Motorsports) con i motori Honda, più Helio Castroneves e Will Power (Team Penske) con i motori Chevrolet. Va segnalato che era presente, ma non è sceso in pista, anche Luca Filippi, che è vicino alla firma per guidare la seconda vettura del Rahal Letterman Lanigan Racing. Il miglior tempo è stato fatto segnare da Rahal in 1:09.96, seguito da Dixon che ha girato in 1:10.07, Castroneves è stato terzo in 1:10.27, Conway quarto in 1:10.29 e Power quinto in 1:10.3 (l’anno scorso l’australiano ottenne la pole in 1:11.4546). “Siamo usciti molto presto oggi, e questo ci ha permesso di girare di più rispetto a ieri“, ha detto Rahal alla fine della giornata di martedì. “Nel complesso, le cose sono andate molto bene e il motore Honda è stato davvero buono. La macchina ha molto grip, e c’è ancora una lunga strada da percorrere. La macchina è impressionante. Rispetto agli ultimi due anni, i tempi a cui stiamo girando ora sono più veloci, con gomme simili. Tutto è andato bene e stiamo facendo progressi notevoli. Stiamo solo cercando di trovare quello che va e quello che non va nella macchina. Abbiamo avuto un po’ di entrambe le cose in questi test, e noi stiamo lavorando sodo e metodicamente su tutto ciò che stiamo facendo, e penso che stiamo cominciando a capire meglio la macchina.” “Oggi in molti sono andati sotto la pole position dello scorso anno, e ciò dimostra che la macchina è veloce“, ha detto Castroneves. “E’ ancora nuova, è ancora da sviluppare, ma mi sento estremamente competitivo ora. Ognuno sta migliorando e girando veloce, e c’è una buona competizione tra Chevrolet e Honda. Si stanno spingendo a vicenda. Abbiamo ancora molte cose da migliorare, come ad esempio la guidabilità, ma sono davvero soddisfatto. E’ bello avere questa competizione, ci ha riportato ai vecchi tempi in cui questa era la consuetudine.” “E’ stato un po’ deludente ieri, perché abbiamo potuto effettuare solo qualche giro“, ha detto Jakes, appena confermato ufficialmente dal Dale Coyne Racing. “Era la prima volta che guidavo dal mese di ottobre. Oggi ho fatto 65 giri, ed è stata una buona giornata. Ne avevo bisogno, il via della stagione è sempre più vicino.”

Marco Andretti ha invece percorso 85 giri sul rinnovato ovale di Phoenix, dove oggi scenderà nuovamente in pista, questa volta insieme a JR Hildebrand (Panther Racing). “Sarebbe un grande spettacolo se corressimo qui“, ha dichiarato Andretti. “La nuova vettura ha un ottimo grip per un ovale corto, ma le gomme che abbiamo provato oggi erano troppo dure e non sarebbero durante abbastanza a lungo per fare una buona gara.

Per quanto riguarda i prossimi test, Tagliani, Oriol Servia (Dreyer&Reinbold Racing) e Simona de Silvestro (HVM Racing) saranno in pista il prossimo lunedi e martedì al Barber Motorsports Park. I piloti Ganassi più Sato e Pagenaud saranno invece in pista il 23 e il 24 a Sebring insieme a Servia e alla de Silvestro, mentre il 25 e 25 a Sonoma scenderanno in pista Briscoe, Power, Hildebrand, Ryan Hunter-Reay (Andretti Autosport), EJ Viso e Rubens Barrichello (KV Racing Technology).

Marco Strazzulla

Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image