Tag: Leal

WSR – Qualifiche A e B – Dominio P1 Motor, Leo accede in Superpole

MOTORSPORT/ FR 3.5 PORTIMAO 2009

Netto dominio dei team P1 motorsport, che solo un mese fa vedeva distrutta in un incendio la sua Factory. I due piloti, divisi nei due gruppi, hanno centrato ciascuno la miglior prestazione di gruppo, guidando il plotone dei piloti che accedono nalla Superpole. Nel gruppo A dietro al leader Walker, troviamo un ottimo Chris Van Der Drift, che ha saputo tenre a bada il neo campione Baguette, terzo. Seguono Fauzy, Martinez e Lancaster. Esclusi i due piloti della Prema.

Nel secondo gruppo il russo Move ha preceduto Hartley, ma l’attenzione era tutta per Federico Leo, mai così in palla. L’italiano che ha fatto della costanza il suo stile di guida, è arrivato a segnare anche la miglior prestazione, superato poi dagli altri piloti. Federico ha resistito, e con il sesto posto accede per la prima volta alla Superpole. Davanti a lui Alguersuari, Mansell e Turvey. Esclusi Nebilitsky e Pic. 

Qualifiche gruppo A

1 – James Walker – P1 – 1’44″201
2 – Chris Van der Drift – Epsilon Euskadi – 1’44″328
3 – Bertrand Baguette – Draco – 1’44″423
4 – Fairuz Fauzy – Fortec – 1’44″447
5 – Marcos Martinez – Pons – 1’44″480
6 – Jon Lancaster – Comtec – 1’44″488
7 – Sten Pentus – Fortec – 1’44″614 – escluso dalla Superpole
8 – Esteban Guerrieri – RC – 1’44″701 – escluso dalla Superpole
9 – Filip Salaquarda – Prema – 1’45″637 – escluso dalla Superpole
10 – Julian Leal – Prema – 1’45″649 – escluso dalla Superpole
11 – Keisuke Kunimoto – Epsilon Euskadi – 1’45″659 – escluso dalla Superpole
12 – Mihai Marinescu – Interwetten – 1’46″613 – escluso dalla Superpole

Qualifiche gruppo B

1 – Daniil Move – P1 – 1’44″615
2 – Brendon Hartley – Tech 1 – 1’44″619
3 – Jaime Alguersuari – Carlin – 1’44″656
4 – Oliver Turvey – Carlin – 1’44″659
5 – Greg Mansell – Comtec – 1’44″714
6 – Federico Leo – Pons – 1’44″907
7 – Guillaume Moreau – SG – 1’45″074 – escluso dalla Superpole
8 – Marco Barba – Draco – 1’45″158 – escluso dalla Superpole
9 – Anton Nebilitskiy – SG – 1’45″238 – escluso dalla Superpole
10 – Charles Pic – Tech 1 – 1’45″324 – escluso dalla Superpole
11 – Salvador Duran – Interwetten – 1’46″163 – escluso dalla Superpole
12 – Bruno Mendez – RC – 1’46″938 – escluso dalla Superpole

Marco Borgo

 

WSR – Alcaniz, libere 1 e 2 – Baguette dominatore

MOTORSPORT / 2009 WSR NURBURGRING

Fresco campione della World Series Renault, Bertrand Baguette ha praticamente dominato le libere dell’ultimo appuntamento della serie cadetta sull’inedita pista di Alcaniz. Il belga ha colto la miglior prestazione in 1’45.053, nella seconda sessione, abbassando di oltre un secondo e mezzo la prestazione fatta segnare in mattinata.

Sono state due sessioni piuttosto vivaci, caratterizzate da una pista simil-Portimao. Dietro al leader, nella prima sessione si è piazzato Guerrieri, che ha riportato la monoposto che fu di Di Sabatino al top. Terzo posto per l’ormai titolare in F1 Alguersuari. Sesto tempo per Hartley, che lascia così la sua monoposto a Bortolotti in F3 Euroseries a Hockeniem, mentre rientra Greg Mansell, conquistando la diciannovesima posizione. Solo soletto, Federico Leo è rimasto l’unico rappresentante della pattuglia italiana, e nella prima sessione si piazza in 18° posizione.

Nella seconda sessione, oltre alla ribadita leadership di Baguette, da notare il balzo in avanti di Van Der Drift con la monoposto di Joan Villadelprat. Terzo posto per Julian Leal della Prema, che vede anche l’altro pilota entrare nella top ten. Lima qualcosa alla sua prestazione Lancaster, guadagnando un piazzamento, mentre scavalca la classifica Mansell, sesto. Ottimo Federico Leo che risale fino all’undicesima posizione, lasciandosi alle spalle nomi “pesanti”. Laltra monoposto del team RC Motorsport è stata affidata a Bruno Mendez, in lotta per il titolo della Euro F3 Open con Miguez.

Alcaniz, libere 1

1 – Bertrand Baguette – Draco – 1’46″717 – 22 giri
2 – Esteban Guerrieri – RC – 1’46″801 – 17
3 – Jaime Alguersuari – Carlin – 1’47″221 – 21
4 – Anton Nebilitskiy – SG – 1’47″228 – 26
5 – Jon Lancaster – Comtec – 1’47″335 – 23
6 – Brendon Hartley – Tech 1 – 1’47″492 – 22
7 – Fairuz Fauzy – Fortec – 1’47″542 – 14
8 – Chris Van der Drift – Epsilon Euskadi – 1’47″688 – 18
9 – Marcos Martinez – Pons – 1’47″710 – 21
10 – Salvador Duran – Interwetten – 1’47″816 – 19
11 – Daniil Move – P1 – 1’47″988 – 19
12 – Oliver Turvey – Carlin – 1’47″990 – 21
13 – Guillaume Moreau – SG – 1’48″011 – 24
14 – Sten Pentus – Fortec – 1’48″062 – 18
15 – Charles Pic – Tech 1 – 1’48″540 – 20
16 – James Walker – P1 – 1’48″571 – 19
17 – Julian Leal – Prema – 1’48″598 – 19
18 – Federico Leo – Pons – 1’48″670 – 21
19 – Greg Mansell – Comtec – 1’48″847 – 20
20 – Keisuke Kunimoto – Epsilon Euskadi – 1’50″096 – 20
21 – Filip Salaquarda – Prema – 1’50″193 – 21
22 – Marco Barba – Draco – 1’50″245 – 16
23 – Bruno Mendez – RC – 1’50″459 – 13
24 – Mihai Marinescu – Interwetten – 1’50″947 – 17

Alcaniz, libere 2

1 – Bertrand Baguette – Draco – 1’45″053 – 21 giri
2 – Chris Van der Drift – Epsilon Euskadi – 1’45″273 – 17
3 – Julian Leal – Prema – 1’45″766 – 20
4 – Jon Lancaster – Comtec – 1’45″855 – 21
5 – Marcos Martinez – Pons – 1’45″933 – 15
6 – Greg Mansell – Comtec – 1’46″035 – 15
7 – Brendon Hartley – Tech 1 – 1’46″042 – 19
8 – James Walker – P1 – 1’46″187 – 18
9 – Filip Salaquarda – Prema – 1’46″222 – 20
10 – Daniil Move – P1 – 1’46″252 – 20
11 – Federico Leo – Pons – 1’46″390 – 14
12 – Sten Pentus – Fortec – 1’46″498 – 18
13 – Marco Barba – Draco – 1’46″570 – 20
14 – Fairuz Fauzy – Fortec – 1’47″019 – 19
15 – Anton Nebilitskiy – SG – 1’47″039 – 17
16 – Esteban Guerrieri – RC – 1’47″056 – 19
17 – Jaime Alguersuari – Carlin – 1’47″187 – 16
18 – Charles Pic – Tech 1 – 1’47″267 – 19
19 – Salvador Duran – Interwetten – 1’47″305 – 13
20 – Keisuke Kunimoto – Epsilon Euskadi – 1’47″379 – 18
21 – Mihai Marinescu – Interwetten – 1’47″834 – 21
22 – Oliver Turvey – Carlin – 1’47″910 – 15
23 – Guillaume Moreau – SG – 1’48″261 – 13
24 – Bruno Mendez – RC – 1’49″516 – 6

Marco Borgo

WSR – Budapest, gara 2 – Dominio italiano: Di Sabatino vince, i tre team italiani sul podio

20090072

La seconda gara del week end ungherese è stata una corsa incredibile, con molti colpi di scena che hanno rimescolato continuamente le carte. Gli attesi “big” si sono dovuti far da parte per dare spazio a quei piloti che di solito occupano posizioni di rincalzo. Alla fine a spuntarla è stato Pasquale Di Sabatino, che ha colto la prima vittoria in World Series by Renault, con la vettura della RC Motorsport, che ha preceduto le vetture italiane di Draco e Prema rispettivamente di Marco Barba e Omar Leal.

La partenza è stata regolare, con tutti i piloti che sono stati molto attenti a non commettere toccate o errori, diversamente dalla gara di ieri. Il colpo di scena è infatti arrivato a circa metà giro, quando Zaugg viene toccato da Van der Drift che cercava di infilarsi all’interno di curva. La monoposto di Zaugg si intraversa innescando una carambola con le vetture che seguivano che non riescono ad evitare di tamponare le vetture davanti. Nella confuzione sono rimasti invischiati Zaugg, Mansell, Salaquarda, Mortara, Valles e Turvey che sono costretti al ritiro. Riesce a fermarsi in tempo solo il nostro Federico Leo.

Entra così in pista la safety car, che per ben dieci minuti neutralizza la gara per consentire la rimozione delle vetture. Dietro alla Safety car Martinez conduce su Molina, Baguette, Pic, Walker, Hartley, Alguersuari e Barba. All’uscita della safety car, Martinez parcheggia a bordo pista la sua monoposto con problemi tecnici. Baguette non si fa scappare l’occasione di effettuare il sorpasso sul leader di campionato Martinez, ed alla staccata della prima curva supera subito con decisione Molina. Mortara, cambiato il musetto, prosegue la gara.  

Baguette, portatosi al comando, imprime alla gara il suo ritmo, precedendo Molina, Pic e Walker, alla staccata della seconda curva Alguersuari tenta l’attacco su Hartley per la sesta posizione, ma in ritardo, e finisce col colpire il neozelandese e spedirlo fuori pista.

Si apre la finestra dei pit stop, estesa sino al 19° giro per la neutralizzaione iniziale, quando Mortara esce sbattendo contro le barriere e piegando una sospensione, mentre anche Walker esce sbattendo contro il guardrail dell’ingresso della pit lane. Entra nuovamente in pista la safety car per rimuovere le vetture e se ne avvantaggiano quei piloti che hanno già effettuato il pit stop. All’uscita della safety car infatti Molina e Baguette poi, vanno in pit lane lasciando il comando a Pic. Seguono Algersuari, Leo e Di Sabatino primo che ha già cambiato le gomme che precede Barba, Leal e Van Der Drift.

Al 18° giro i tre davanti vanno ai box, spianando la strada a Di Sabatino. Mentre Molina si ritira ai box, Di Sabatino conduce sino al traguardo, staccando di 1″7 Barba, di 6″ Leal, poi Van Der Drift, Herck e Baguette. Sul traguardo vince Di Sabatino per l’italiana RC Motorsport, che precede Marco Barba, al secondo posto consecutivo con la monoposto della Draco e terzo termina Omar Leal, pilota della Prema Powerteam. Termina undicesimo l’esordiente Lancaster e quindicesimo Federico Leo.

Budapest, gara 2

1 – Pasquale Di Sabatino – RC – 25 giri 46’54″069
2 – Marco Barba – Draco – 0″926
3 – Julian Leal – Prema – 11″991
4 – Chris Van der Drift – Epsilon Euskadi – 12″445
5 – Michael Herck – Interwetten – 15″306
6 – Bertrand Baguette – Draco – 17″044
7 – Fairuz Fauzy – Fortec – 17″346
8 – Charles Pic – Tech 1 – 18″329
9 – Daniil Move – P1 – 19″177
10 – Jaime Alguersuari – Carlin – 19″622
11 – Jon Lancaster – Comtec – 27″696
12 – Mihai Marinescu – RC – 35″775
13 – Brendon Hartley – Tech 1 – 36″273
14 – John Martin – Comtec – 40″046
15 – Federico Leo – Pons – 40″613
16 – Sten Pentus – Fortec – 40″836

Ritirati
19° giro – Miguel Molina
18° giro – Filip Salaquarda
15° giro – Anton Nebilitskiy
7° giro – James Walker
7° giro – Edoardo Mortara
4° giro – Marcos Martinez
1° giro – Oliver Turvey
0 giri – Greg Mansell
0 giri – Adrian Zaugg
0 giri – Adrian Valles

Marco Borgo

WSR – Spa libere 1 – Doppietta Draco

MOTORSPORT/WSR CATALUNYA 2009

La prima sessione di prove libere disputatasi questa mattina sul circuito delle Ardenne, ha visto brillare il team italiano Draco, diretto da Adriano Morini.

Entrambi i piloti del Force India Junior Team, qual’è da quest’anno la Draco, hanno raggiunto le prime posizioni della classifica, con Bertrand Baguette in prima posizione (2’05″185) e Marco Barba in seconda posizione (2’05″812). Terzo, costante, Adrian Valles del team Epsilon seguito da Pic e Walker. Sesta piazza per l’italiano Di Sabatino, nonostante una lieve influenza.

Nona posizione per il dominatore del week end catalano, Martinez, mentre gli altri italiani, Leo e Provenzano concludono in 14° e 20° posizione.

La sessione è stata interrotta due volte. La prima per l’uscita di pista di Marsoin, schierato da questa gara dal team Comtec, la seconda a causa del botto di Julian Leal, che ha danneggiato sospensione destra e musetto della Dallara del team Prema.

Spa, Libere 1

1 – Bertrand Baguette – Draco – 2’05″185
2 – Marco Barba – Draco – 2’05″185
3 – Adrian Valles – Epsilon Euskadi – 2’06″138
4 – Charles Pic – Tech 1 – 2’06″253
5 – James Walker – P1 – 2’06″622
6 – Pasquale Di Sabatino – RC – 2’06″625
7 – Fairuz Fauzy – Fortec – 2’06″676
8 – Tobias Hegewald – Interwetten – 2’06″995
9 – Marcos Martinez – Pons – 2’07″014
10 – Brendon Hartley – Tech 1 – 2’07″025
11 – Adrian Zaugg – Interwetten – 2’07″125
12 – Oliver Turvey – Carlin – 2’07″221
13 – Sten Pentus – Fortec – 2’07″314
14 – Federico Leo – Pons – 2’07″526
15 – Anton Nebilitskiy – Comtec – 2’07″826
16 – Jaime Alguersuari – Carlin – 2’07″843
17 – Daniil Move – P1 – 2’08″293
18 – Greg Mansell – Ultimate – 2’08″369
19 – Chris Van der Drift – Epsilon Euskadi – 2’08″640
20 – Frankie Provenzano – Prema – 2’08″804
21 – Miguel Molina – Ultimate – 2’09″656
22 – Alexandre Marsoin – Comtec – 2’09″949
23 – Julian Leal – Prema – 2’11″610

Marco Borgo

WSR – Barcellona – Libere – Spagna subito davanti con Molina e Alguersuari

 600_4-molina_tcm2-93530

Le prime sessioni di prove libere del primo appuntamento stagionale di Barcellona hanno un unico fattore in comune: i piloti spagnoli al comando. Nel primo turno è stato Miguel Molina del team Ultimate a prendere il miglior tempo con 1’33″542, seguito dal connazionale Jaime Alguersuari schierato dal team Carlin, staccato di 6 decimi.

Segue al terzo posto James Walker, a confermare quanto già visto durante i test invernali. Quarto posto per la prima squadra italiana, la Draco, con Baguette che stacca un tempo di 1’34″336. Primo pilota italiano Pasquale Di Sabatino in 13° posizione, mentre la Prema vede i suoi portacolori Leal e Provenzano rispettivamente in 16° e 20° posizione. Federico Leo del team Pons conquista la 19° posizione.

Libere 1, Barcellona

1 – Miguel Molina – Ultimate – 1’33″542
2 – Jaime Alguersuari – Carlin – 1’34″145
3 – James Walker – P1 – 1’34″223
4 – Bertrand Baguette – Draco – 1’34″336
5 – Daniil Move – P1 – 1’34″466
6 – Charles Pic – Tech 1 – 1’34″492
7 – Adrian Valles – Epsilon Euskadi – 1’34″560
8 – Marco Barba – Draco – 1’34″561
9 – Oliver Turvey – Carlin – 1’34″616
10 – Sten Pentus – Fortec – 1’34″852
11 – Chris Van der Drift – Epsilon Euskadi – 1’34″910
12 – Marcos Martinez – Pons – 1’34″923
13 – Pasquale Di Sabatino – RC – 1’35″095
14 – Fairuz Fauzy – Fortec – 1’35″245
15 – Greg Mansell – Ultimate – 1’35″266
16 – Julian Leal – Prema – 1’35″583
17 – Adrian Zaugg – Interwetten – 1’35″601
18 – Harald Schlegelmilch – Comtec – 1’35″813
19 – Federico Leo – Pons – 1’36″033
20 – Frankie Provenzano – Prema – 1’36″163
21 – Anton Nebilistkiy – Comtec – 1’36″204
22 – Mihai Marinescu – Interwetten – 1’36″363
23 – Brendon Hartley – Tech 1 – 1’36″788

Nella seconda sessione di libere il miglior tempo è stato segnato dallo spagnolo Alguersuari. Il campione della F3 inglese 2008 ha rifilato quasi 7 decimi agli avversari con un tempo di 1’33″537. Secondo posto, inaspettato dato l’andamento della prima sessione di libere, per un altro pilota Red Bull, il neozelandese Hartley, Brendon, schierato da Tech1, e impegnato nell’euroseries di F3, conquista il secondo miglior tempo, 1’34″214. Quinta piazza per il debuttante Zaugg, che porta la sua monoposto in 5° posizione, mentre un buon salto in avanti lo compie Federico Leo, qualificato si 10°. Ancora nelle retrovie Provenzano e Di Sabatino.

Libere 2, Barcellona

1 – Jaime Alguersuari – Carlin – 1’33″537
2 – Brendon Hartley – Tech 1 – 1’34″214
3 – Bertrand Baguette – Draco – 1’34″221
4 – Oliver Turvey – Carlin – 1’34″237
5 – Adrian Zaugg – Interwetten – 1’34″268
6 – Charles Pic – Tech 1 – 1’34″454
7 – Miguel Molina – Ultimate – 1’34″568
8 – Chris Van der Drift – Epsilon Euskadi – 1’34″612
9 – Federico Leo – Pons – 1’34″825
10 – Marco Barba – Draco – 1’35″062
11 – James Walker – P1 – 1’35″366
12 – Mihai Marinescu – Interwetten – 1’35″416
13 – Anton Nebilitskiy – Comtec – 1’35″439
14 – Adrian Valles – Epsilon Euskadi – 1’35″444
15 – Julian Leal – Prema – 1’35″613
16 – Daniil Move – P1 – 1’35″627
17 – Harald Schlegelmilch – Comtec – 1’35″718
18 – Fairuz Fauzy – Fortec – 1’35″854
19 – Sten Pentus – Fortec – 1’36″146
20 – Greg Mansell – Ultimate – 1’36″148
21 – Frankie Provenzano – Prema – 1’36″195
22 – Pasquale Di Sabatino – RC – 1’36″642
23 – Marcos Martinez – Pons – 1’36″848

Nella mattinata di oggi le prove di qualificazione, e nel pomeriggio gara 1 trasmessa in diretta su Eurosport alle ore 13.45

Marco Borgo

F3 (F3000) Misano Seconde Libere – Khan, Prost e Razia che sfida!

00_razia

La seconda ed ultima sessioni di prove libere che conclude questa prima giornata dell’Euroseries 3000 sul tracciato di Misano Adriatico, ha visto nuovamente la lotta al vertice tra il brasiliano di casa Bull Racing e l’anglo-pakistano della TP Formula: ad avere la meglio questa volta è proprio Luiz Razia che nei minuti finali riesce a sopravanzare Adam khan per 202 millesimi. Leggi tutto