Tag: Martins

F.3 Italia – Monza, qualifiche: doppia pole di Eddie Cheever che riduce il gap da Agostini

a cura di Alessandro Roca.

Il tempio della velocità brianzolo è stato conquistato da Eddie Cheever Jr. Il pilota romano del team Prema è stato davanti al gruppo fin dalle sessioni di prove libere, per poi conquistare la pole in entrambe le sessioni di qualifica.

Qualifiche 1: 

Eddie conquista la prima posizione con un tempo di 1’45.756 rifilando ben 0.7 secondi circa al suo compagno di squadra Brandon Maisano, che chiude in seconda posizione la prima sessione di qualifiche. Il driver del Ferrari Driver Academy ha preceduto Mario Marasca, ottimo terzo con la Dallara del team BVM. Chiude la seconda fila l’alfiere del team Ghinzani Kevin Giovesi. Solo quinto il leader del campionato Riccardo Agostini, che scatterà di fianco a Martins. Chiudono lo schieramento Latifi, Visoiu, Kuroda, e Sergey Sirotkin che partirà dal fondo.

Classifica qualifiche 1:

1. Eddie Cheever – Prema Powerteam – 1’45.756
2. Brandon Maisano – Prema Powerteam – 1’46.472
3. Mario Marasca – BVM – 1’46.657
4. Kevin Giovesi – Team Ghinzani – 1’46.817
5. Riccardo Agostini – JD Motorsport – 1’46.838
6. Henrique Martins – Prema Powerteam – 1’47.083
7. Nicholas Latifi – JD Motorsport – 1’47.509
8. Robert Visoiu – Team Ghinzani – 1’47.820
9. Yoshitaka Kuroda – Euronova – 1’48.287
10. Sergey Sirotkin – Euronova – s.t.

Qualifiche 2:

Il figlio d’arte si conferma al top e fa segnare il suo personale, migliorando di più di un decimo la prestazione della prima sessione di qualifiche e negando la gioia della prima pole a Giovesi che è risultato 65 millesimi di secondo più lento. Maisano, non è andato oltre la terza piazza, ed ad affiancarlo in seconda fila ci sarà Mario Marasca. L’altro pilota di casa Prema, Henrique Martins, scatta dalla quinta piazza. Sesta piazza per il pilota del JD Motorsport e leader del campionato Riccardo Agostini che non riesce a lanciare la sua Mygale sui lunghi tratti del circuito di Monza. Settimo il russo Sergey Sirotkin che scatterà davanti a Visoiu, Latifi e Kuroda.

Classifica qualifiche 2:

1. Eddie Cheever – Prema Powerteam – 1’45.555
2. Kevin Giovesi – Team Ghinzani – 1’45.620
3. Brandon Maisano – Prema Powerteam – 1’45.649
4. Mario Marasca – BVM – 1’45.874
5. Henrique Martins – Prema Powerteam – 1’46.266
6. Riccardo Agostini – JD Motorsport – 1’46.507
7. Sergey Sirotkin – Euronova – 1’46.979
8. Nicholas Latifi – JD Motorsport – 1’47.169
9. Robert Visoiu – Team Ghinzani – 1’47.957
10. Yoshitaka Kuroda – Euronova – 1’49.197

Twitter: @AlessandroRoca

Renault ALPS – Budapest, gara 2: la prima di Chatin davanti a Tarancon e McKee

Ennesimo podio internazionae per la nuova Renault ALPS. In gara 2 è stato Paul Loup Chatin a cogliere la prima vittoria nella serie, guidando la doppietta del team Tech 1 grazie a Tarancon che ha concluso al secondo posto. Tech1 e Tarancon dunque formazione da battere, vista la leadership in campionato. La gara è stata contrassegnata dalla pioggia, che ha scombussolato molti assetti, nonchè causato qualche incidente, l’ultimo quello tra Cougnaud e Edolo Ghirelli che a un giro dalla fine ha dichiarato conclusa la gara con l’esposizione della bandiera rossa da parte dei commissari.

Gradino basso del podio per McKee, dopo che la terza posizione gli era sfuggita in gara 1 per un testacoda e aveva concluso nelle retrovie. Non mancano quindi i risultati per questo volto nuovo del motorsport. Fuori dal podio Zimmer davanti a Martins, che aveva seriamente danneggiato la vettura nella gara dell’Eurocup, prontamente rimessa in sesto dal team Cram. Solo un settimo ed un nono posto per Gilardoni e Ghirelli, che in gara 1 trovava la via del podio. Non ha invece potuto correre Frisone che già in gara 1 aveva dovuto dare forfait.

Budapest, gara 2

1 – Paul Loup Chatin – Tech 1 – 10 giri 20’49″771
2 – Javier Tarancon – Tech 1 – 1”653
3 – Melville McKee – ARTA – 2″845
4 – Yann Zimmer – ARTA – 4″887
5 – Henrique Martins – Cram – 19″351
6 – Christof Von Grunigen – Daltec/Interwetten – 22″126
7 – Kevin Gilardoni – Torino – 24″631
8 – Thomas Jager – Epic – 26″337
9 – Vittorio Ghirelli – One – 28″536
10 – Roman Mavlanov – Boetti – 31″896
11 – Federico Gibbin – Viola – 33″915
12 – Mauro Calamia – Daltec – 52″942
13 – Stefano Colombo – Epic – 1’08″286
14 – Gustavo Menezes – Interwetten – 1’08″777
15 – Amir Mesny – ARTA – 1’12″911
16 – Cristiano Marcellan – Tech 1 – 1’13″393
17 – Enrico Garbelli – Torino – 1’24″387
18 – Edolo Ghirelli – One – 1 giro
19 – Alexandre Cougnaud – ARTA – 1 giro
20 – Giada De Zen – Epic – 1 giro

Giro veloce: Paul Loup Chatin 2’03”034

Non partito
Francesco Frisone – Viola

Renault ALPS – Budapest, gara 1: Tarancon incontrastato

Javier Tarancon ha dominato la prima gara del week end ungherese della Formula Renault ALPS. Lo spagnolo, che per l’occasione si divideva tra l’ALPS e l’Eurocup, ha fatto sua la corsa dopo essere scattato dalla pole, e non ha concesso niente agli avversari, nonostante Martins, secondo all’esordio, ci avesse provato diverse volte. Completa il podio Ghirelli, che al via aveva perso la terza posizione a favore di McKee, ma il pilota del team ARTA è uscito per un banalissimo testacoda. All’italiano non è rimasto che il compito di rintuzzare i numerosi attacchi di Chatin per salire sul podio. Difficoltà nel settaggio della vettura per Zimmer, che è comunque riuscito a tenersi alle spalle Jager. Buon settimo Marcellan davanti a Colombo e a Edolo Ghirelli. A fine gara Mavlanov è stato arretrato in sedicesima posizione. Problemi meccanici per Gibbin e Gilardoni, quest’ultimo appiedato dal motore nel giro di formazione.

Budapest, gara 1

1 – Javier Tarancon – Tech 1 – 15 giri in 26’28″562
2 – Henrique Martins – Cram – 1″288
3 – Vittorio Ghirelli – One – 5″262
4 – Paul Loup Chatin – Tech 1 – 5″420
5 – Yann Zimmer – ARTA – 25″358
6 – Thomas Jager – Epic – 25″825
7 – Cristiano Marcellan – Tech 1 – 26″372
8 – Stefano Colombo – Epic – 26″730
9 – Edolo Ghirelli – One – 27″154
10 – Gustavo Menezes – Interwetten – 29″406
11 – Alexandre Cougnaud – ARTA – 33″515
12 – Giada De Zen – Epic – 36″496
13 – Mauro Calamia – Daltec/Interwetten – 38″347.
14 – Melville McKee – ARTA – 42″396
15 – Christof Von Grunigen – Daltec/Interwetten – 43″958
16 – Roman Mavlanov – Boetti – 51″082.
17 – Enrico Garbelli – Torino – 1’34″367

Giro veloce: Paul Loup Chatin 1’44″425

Ritirati
1° giro – Kevin Gilardoni
9° giro – Amir Mesny
13° giro – Federico Gibbin

Non partito
Francesco Frisone

Marco Borgo

Renault ALPS – Budapest, qualifica: Tarancon fa sua la pole

Javier Tarancon ha conquistato la pole position per la gara 1 dell’ALPS che si correrà domani mattina, dopo aver preso parte anche alle gare dell’Eurocup che disputa sempre col team Tech1. Nel corso delle prime libere infatti i piloti delle due categorie gemelle sono stati accorpati per praticità, ma in qualifica e in gara si è preferito tenere le due categorie divise anzichè stilare delle classifiche divise per classi in stile Le Mans nel post gara.

In prima fila si conferma Martins, pilota al debutto e subito capace di mettersi tutti dietro nelle libere di ieri. In seconda fila il progressivo miglioramento di Ghirelli jr. comincia a dare i suoi frutti, e la terza piazza di oggi in qualifica sembra poter essere il preludio ad una serie di risultati importanti. A fianco all’italiano scatterà il giovanissimo McKee, con già diverse vittorie all’attivo nella serie. Terza fila invece per Chatin e Gilardoni, che si è visto soffiare in questa occasione da Ghirelli il ruolo di miglior pilota italiano sullo schieramento. Settimo Von Gruningen, mentre ottavo è Mavlanov arrivato ai ferri corti dopo il week end scorso con Gibbin. Quest’ultimo si è piazzato undicesimo dietro a Jager e Zimmer.

Budapest, qualifica

1. Javier Tarancon – Tech 1 – 1’43″730
2. Henrique Martins – Cram – 1’43″911
3. Vittorio Ghirelli – One – 1’44″119
4. Melville McKee – ARTA – 1’44″133
5. Paul Loup Chatin – Tech 1 – 1’44″280
6. Kevin Gilardoni – Torino – 1’44″357
7. Christof Von Grunigen – Daltec/Interwetten – 1’44″451.
8. Roman Mavlanov – Boetti – 1’44″505
9. Thomas Jager – Epic – 1’44″998
10. Yann Zimmer – ARTA – 1’45″009
11. Federico Gibbin – Viola – 1’45″287
12. Mauro Calamia – Daltec – 1’45″432
13. Francesco Frisone – Viola – 1’45″451
14. Stefano Colombo – Epic – 1’45″543.
15. Edolo Ghirelli – One – 1’45″626
16. Alexandre Cougnaud – ARTA – 1’45″634
17. Cristiano Marcellan – Tech 1 – 1’45″677
18. Giada De Zen – Epic – 1’45″752
19. Gustavo Menezes – Interwetten – 1’45″923
20. Amir Mesny – ARTA – 1’46″251
21. Enrico Garbelli – Torino – 1’47″605

Marco Borgo

Renault ALPS – Budapest, libere: brillano Martins e Cram all’esordio

In occasione del round di Budapest, concomitante con la World Series by Renault, i piloti dell’ALPS sono stati accorpati nelle prove libere assieme a quelli dell’Eurocup, e divisi in due gruppi. Esaminando la classifica ottenuta estrapolando i piloti della nuova serie della FastLane, otteniamo un dato significativo: il team Cram sbaraglia al debutto con Henrique Martins che si mette dietro tutti. Javier Tarancon infatti, dopo aver primeggiato assieme ai suoi compagni di team divisi nell’altro gruppo, si è visto soffiare la miglior prestazione cronometrica dagli ultimi arrivati. Acuto di Vittorio Ghirelli, quarto nonchè primo degli italiani. Seguono McKee, Zimmer, Jager  e Mavlanov. Nono Von Gruningen davanti a Gilardoni. Fuori dalla top ten Marcellan, che dopo il passaggio al team Tech1 aveva cominciato ad ingranare. Qualche posizione la guadagna la De Zen, mentre Gibbin, fedele al suo team sta faticando leggermente. Hanno inoltre debuttato nella serie in occasione del round di Budapest Francesco Frisone, che ha rilevato il sedile lasciato libero dalla De Zen, nonchè Enrico Garbelli che ha riempito il secondo sedile nel team Torino Motorsport, che a Zeltweg fu occupato dal trevigiano Patrick Gobbo.

Budapest, libere (classifica piloti ALPS)

1. Henrique Martins – Cram – 1’44.261
2. Javier Tarancon – Tech1- 1’44.507
3. Paul Loup Chatin – Tech1 – 1’44.559
4. Vittorio Ghirelli – One – 1’44.800
5. Melville McKee – Arta – 1’45.248
6. Yann Zimmer – ARTA – 1’45.407
7. Thomas Jager – Epic – 1’45.574
8. Roman Mavlanov – Boetti – 1’45.601
9. Christof Von Gruningen – Interwetten – 1’45.676
10. Kevin Gilardoni – Torino – 1’45.833
11. Cristiano Marcellan – Tech1 – 1’45.921
12. Stefano Colombo – Epic – 1’46.427
13. Giada De Zen – 1’46.522
14. Mauro Calamia – Daltec – 1’46.656
15. Federico Gibbin – Viola – 1’46.698
16. Francesco Frisone – Viola – 1’47.165
17. Alexandre Cougnaud – Arta – 1’47.297
18. Gustavo Menezes – Interwetten – 1’47.500
19. Edolo Ghirelli – One racing – 1’48.010
20. Enrico Garbelli – Torino – 1’49.758
21. Amyr Mesny – Arta – 1’49.782

Marco Borgo