Tag: Chatin

Renault Alps: Barcellona, Gara 1 e 2: Kvyat campione

a cura di Marco Borgo

Il week end catalano della Formula Renault Alps ha sancito la vittoria in campionato di Daniil Kvyat. Il russo del team Koiranen ha dovuto lasciar scappare Norman Nato, che vinceva gara 1 davanti a Paul-loup Chatin e lo stesso Kvyat che si vedeva così rosicchiare il vantaggio in classifica per una gara finale che avrebbe deciso l’assegnazione del titolo in una lotta diretta tra i due contendenti.

E lotta diretta è stata! In un epilogo simile a quanto successo tra Bianchi e Frijns in WSR 3.5, anche nell’Alps i due rivali nella corsa al titolo sono venuti a contatto e hanno terminato la loro corsa nella ghiaia. Poker quindi del team Tech1 nella seconda corsa, che con un altro secondo posto per Paul-loup Chatin non poteva comunque aiutarlo nella lotta al titolo. Si conferma al top anche il team Prema, compagine al debutto nella categoria che ha piazzato Bruno Bonifacio all’ottavo posto nella prima corsa e Luca Ghiotto al settimo in Gara 2.

Barcellona, Gara 1 (top 10)

1. Norman Nato – RC Formula – 11 giri
2. Paul-loup Chatin – Tech1 racing – 1.067
3. Daniil Kvyat – Koiranen Motorsport – 1.607
4. Hans Villemi – Koiranen Motorsport – 3.063
5. Oscar Tunjo – Tech1 racing – 4.443
6. Victor franzoni – Koiranen Motorsport – 5.706
7. Aurelien Panis – RC Formula – 8.453
8. Bruno Bonifacio – Prema Powerteam – 9.104
9. Roman Mavlanov – Tech1 racing – 9.772
10. William Vermont – Arta engineering – 11.150

Barcellona, Gara 2 (top 10)

1. Oscar Tunjo – Tech1 racing – 14 giri
2. Paul-loup Chatin – Tech1 racing – 0.435
3. Felipe Fraga – Tech1 racing – 8.848
4. Roman Mavlanov – Tech1 racing – 11.932
5. Patrick Kujala – Koiranen Motorsport – 12.507
6. Hans Villemi – Loiranen Motorsport – 15.664
7. Luca Ghiotto – Prema Powerteam – 18.000
8. Victor Franzoni – Koiranen Motorsport – 23.355
9. Matthieu Vaxiviere – Tech1 racing – 27.005
10. William Vermont – Arta engineering – 31.658

Renault Alps – Mugello, Gara 1: Kvyat a segno, sul podio Nato e Chatin

a cura di Marco Borgo

Come da copione Daniil Kvyat ha vinto la prima corsa della Formula Renault Alps al Mugello scattando dalla pole e portando così a sei il numero di centri stagionali nella categoria cadetta di casa Renault. Il russo del Red Bull Young driver aveva dimostrato fin qui un passo inarrivabile, copione ripetuto anche in gara, dove ha tagliato il traguardo con sette secondi su Norman Nato, il francese del team RC Formula che da leader di classifica con tre punti di vantaggio ora si ritrova ad inseguire il russo a -6.

Il francese aveva colto subito l’occasione per passare Bruno Bonifacio al via salendo in seconda posizione per lanciarsi all’inseguimento di Kvyat. Terzo al traguardo è Paul-Loup Chatin, che dopo aver passato Luca Ghiotto e Bonifacio ha occupato la terza posizione, con Bonifacio che ha tentato diverse volte l’attacco finché non è andato in testacoda compromettendo la sua corsa.

Anche Patrick Kujala alla fine ha avuto ragione di Ghiotto, giunto sesto al traguardo nel week end del debutto in una serie molto competitiva. Obiettivo raggiunto dunque in casa Prema. La formazione capitanata da Angelo Rosin punta a crescere in vista della partecipazione stabile a partire dalla prossima stagione, ed i risultati fin qui ottenuti vanno oltre le aspettative.

Dietro al vicentino ha chiuso Stefan Wackerbauer, un po’in ombra in questa stagione nell’Alps mentre il suo compagno Kvyat sta facendo il bello ed il cattivo tempo. Chiudono la top ten Victor Franzonie William Vermont.

Mugello, Gara 1

1. Daniil Kvyat – Koiranen Motorsport – 16 giri
2. Norman Nato – RC Formula – 7.034
3. Paul Loup Chatin – Tech1 racing – 15.794
4. Simone Iaquinta – Torino Motorsport – 18.616
5. Patrick Kujala – Koiranen Motorsport – 19.355
6. Luca Ghiotto – Prema Powerteam – 19.623
7. Stefan Wackerbauer – Koiranen Motorsport – 23.136
8. Guilherme Silva – Interwetten – 23.720
9. Victor Franzoni – Koiranen Motorsport – 30.365
10. William Vermont – Arta engineering – 36.132
11. Aurelien Panis – RC Formula – 36.792
12. Felipe Fraga – Koiranen Motorsport – 37.564
13. Hans Villemi – Koiranen Motorsport – 37.786
14. Michael Heche – BVM target – 38.614
15. Stefano De Val – GSK Motorsport – 40.870
16. Tatiana Calderon – AV Formula – 41.151
17. Alex Albon – EPIC Racing – 46.783
18. Gabriel Casagrande – Mark Burdett Motorsport – 53.558
19. Emanuele Zonzini – AV Formula – 53.576
20. Roman Mavlanov – Tech1 racing – 53.836
21. Gustavo Lima – Interwetten – 1’14.276
22. Alex Loan – Arta engineering – 1’15.077
23. Leo Roussel – Arta engineering – 1’15.120
24. Alejandro Abogado – Torino Motorsport – 1’25.916
25. Alex Bosak – One Racing – 1’34.753

Giro veloce: Daniil Kvyat – 1’46.651

Ritirati
0 giri – Tristan Papavoine
0 giri – Konstantin Tereshchenko
3° giro – Bruno Bonifacio
6° giro – Andrea Baiguera
9° giro – Nicola De Val
9° giro – Egor Orudzhev

Renault Alps – Mugello, Libere: Kvyat non si smentisce, Prema e AV fanno la voce grossa

a cura di Marco Borgo

Il penultimo appuntamento stagionale della Formula Renault Alps sui saliscendi del Mugello si è aperto con tre sessioni di libere in cui ha primeggiato il russo Daniil Kvyat. Fin qui nulla di strano; il pilota seguito dal Red Bull Young Drivers ha fatto segnare il miglior tempo in tutte e tre le sessioni e con margini di diversi decimi sugli inseguitori.

Ma è proprio su questi ultimi che occorre puntare l’attenzione. Al secondo posto della classifica di fine giornata troviamo il russo Egar Orudzhev, esordiente con il team AV Formula dell’ex pilota Adrian Valles. Al terzo e quarto posto il duo Bruno Bonifacio-Luca Ghiotto del team Prema Powerteam, ritornato dopo alcuni anni nelle categorie minori di Renault Sport e che proprio al Mugello ha messo per la prima volta le proprie vetture in pista fatto salvo lo shakedown di Vallelunga. Un ritorno non da poco quello fatto segnare dalla formazione vicentina che indica la professionalità e l’approccio dimostrato nei confronti della serie gestita dalla Fast Lane Promotion.

Quinto posto per Simone Iaquinta del team Torino Motorsport davanti al francese Paul-Loup Chatin (Tech1). Il resto della pattuglia del team Koiranen (sei vetture!) non tiene il passo del leader della classifica Kvyat: al settimo posto troviamo Hans Villemi, all’ottavo Victor Franzoni, mentre decimo è Patrick Kujala e dodicesimo è l’altro esponente del team Red Bull Stefan Wackerbauer. Bel nono posto di Emanuele Zonzini, anch’egli in arrivo dalla Formula Abarth così come il team BVM, che con Michael Heche ha segnato la tredicesima prestazione.

Mugello, Libere (riepilogativa)

1. Daniil Kvyat – Koiranen Motorsport – 1’45.595
2. Egar Orudzhev – AV Formula – 0.194
3. Bruno Bonifacio – Prema Powerteam – 0.616
4. Luca Ghiotto – Prema Powerteam – 0.630
5. Simone Iaquinta – Torino Motorsport – 0.818
6. Paul-Loup Chatin – Tech1 racing – 0.818
7. Hans Villemi – Koiranen Motorsport – 0.820
8. Victor Franzoni – Koiranen Motorsport – 0.902
9. Emanuele Zonzini – AV Formula – 0.925
10. Patrick Kujala – Koiranen Motorsport – 1.066
11. Norman Nato – RC Formula – 1.068
12. Stefan Wackerbauer – Koiranen Motorsport – 1.069
13. Michael Heche – BVM Target – 1.098
14. Simone De Val – GSK Motorsport – 1.159
15. Alex Albon – EPIC Racing – 1.191
16. Felipe Fraga – Tech1 racing – 1.269
17. Aurelien Panis – RC Formula – 1.383
18. William Vermont – Arta engineering – 1.578
19. Nicola De Val – GSK Motorsport – 1.706
20. Leo Roussel – Arta engineering – 1.863
21. Gabriel Casagrande – Mark Burdett Motorsport – 1.996
22. Tristane Papavoine – Arta engineering – 2.142
23. Konstantin Tereschenko – Interwetten – 2.298
24. Tatiana Calderon – AV Formula – 2.369
25. Alex Bosak – One racing – 2.682
26. Roman Mavlanov – Tech1 racing – 2.689
27. Guilherme Silva – Interwetten – 2.919
28. Alex Loan – Arta engineering – 3.090
29. Gustavo Lima – Koiranen Motorsport – 3.384
30. Andrea Baiguera – Brixia – 3.780
31. Alex Abogado – Torino Motorsport – 4.421

Renault Alps – Red Bull Ring, Gara 2: Kvyat pigliatutto, ad un passo dalla leadership

a cura di Marco Borgo

Daniil Kvyat ha disputato davvero un week end sopra le righe tra le montagne austriache, raccogliendo bottino pieno in entrambe le corse che gli hanno permesso di sopravanzare in classifica il francese Paul Loup Chatin per il secondo posto. Il russo nei primi giri di corsa si è portato al comando superando Alex Albon e Victor Franzoni. Proprio il brasiliano si era visto sfilare al via da Albon che si era installato al comando della corsa.

Franzoni ha poi dovuto cedere strada anche ad Esteban Ocon scivolando così in quarta posizione da cui ha visto la bandiera a scacchi. Strepitosa la gara di Melville McKee, l’inglese che partito dalla quattordicesima posizione è risalito fino alla seconda piazza. Solo sesto il leader di campionato Norman Nato, che dopo una prestazione non entusiasmante al pari di ieri, ora vede Kvyat paurosamente a meno tre punti dalla vetta. Week end decisamente negativo per il francese Chatin, a secco di punti e costretto a cedere la seconda posizione in campionato a Kvyat che, come detto, ora insidia il leader.

Red Bull Ring, Gara 2

1. Daniil Kvyat – Koiranen Motorsport – 18 giri
2. Melville McKee – Interwetten – 7.751
3. Esteban Ocon – Koiranen Motorsport – 10.270
4. Victor Franzoni – Koiranen Motorsport – 11.889
5. Patrick Kujala – Koiranen Motorsport – 12.916
6. Norman Nato – RC Formula – 13.289
7. William Vermont – Arta engineering – 13.829
8. Leo Roussel – Arta engineering – 20.082
9. Felipe Fraga – Tech 1 racing – 21.019
10. Guilherme Silva – Interwetten – 22.004
11. Alexander Albon – Epic racing – 22.941
12. Paul-Loup Chatin – Tech 1 racing – 24.749
13. Hans Villemi – Koiranen Motorsport – 26.781
14. Stefan Wackerbauer – Koiranen Motorsport – 28.015
15. Aurelien Panis – RC Formula – 29.351
16. Tristan Papavoine – Arta engineering – 29.604
17. Roman Mavlanov – Tech 1 racing – 31.866
18. Konstantin Tereschenko – Interwetten – 32.432
19. Andrea Baiguera – Facondini – 32.591
20. Gustavo Lima – Koiranen Motorsport – 39.693
21. Alex Loan – Arta engineering – 46.382
22. Alejandro Abogado – Torino Motorsport – 58.930

Giro veloce: Daniil Kvyat – 1’32.209

Ritirati
0 giri – Nicola De Val
1° giro – Oscar Tunjo
4° giro – Stefano De Val
5° giro – Alex Bosak

Renault Alps – Red Bull Ring, Gara 1: Kvyat si impone in Austria

a cura di Marco Borgo

Quarta vittoria stagionale messa a segno nel campionato di Formula Renault Alps per Daniil Kvyat. Il russo si è imposto oggi nella prima corsa del Red Bull Ring (Zeltweg) con una progressione regolare, portandosi subito in seconda posizione al via ai danni di Albon, e superando il poleman Franzoni nel corso della seconda tornata.

Il brasiliano Franzoni ha visto la sua gara compromessa anche da un’uscita di pista, venendo sfilato da William Vermont ed Esteban Ocon che salgono così sul podio.

Termina al decimo posto la rimonta di Norman Nato dal ventesimo posto da cui ha preso il via. Il francese rimane leader di campionato su Chatin, 14° all’arrivo, e Daniil Kvyat, che con la vittoria ha recuperato punti preziosi per la corsa al titolo.

Bottino magro per la pattuglia tricolore: Nicola de Val e Andrea Baiguera hanno chiuso rispettivamente in sedicesima e diciassettesima posizione, dovendo arrendersi al passo degli avversari. Ventunesimo Stefano De Val. Non hanno visto la bandiera a scacchi Alex Loan, Roman Mavlanov, Gustavo Lima (il pilota, non l’omonimo cantante, ndr), Leo Roussell e Konstantin Tereschenko

Red Bull Ring, Gara 1

1. Daniil Kvyat – Koiranen Motorsport – 13 giri
2. William Vermont – Arta engineering – 5.858
3. Esteban Ocon – Koiranen Motorsport – 7.479
4. Victor Franzoni – Koiranen Motorsport – 8.292
5. Alexander Albon – Epic racing – 17.523
6. Patrick Kujala – Koiranen Motorsport – 17.607
7. Stefan Wackerbauer – Koiranen Motorsport – 18.378
8. Melville McKee – Interwetten – 22.953
9. Guilherme Silva – Interwetten – 23.801
10. Norman Nato – RC Formula – 26.949
11. Aurelien Panis – RC Formula – 29.397
12. Oscar Tunjo – Tech 1 racing – 36.464
13. Tristan Papavoine – Arta engineering – 39.342
14. Paul-Loup Chatin – Tech 1 racing – 39.538
15. Felipe Fraga – Tech 1 racing – 41.139
16. Nicola De Val – GSK Motorsport – 42.999
17. Andrea Baiguera – Facondini – 1’00″908
18. Hans Villemi – Koiranen Motorsport – 1’04″750
19. Alex Bosak – One racing – 1’29″916
20. Alejandro Abogado – Torino Motorsport – 1’30″878
21. Stefano De Val – GSK Motorsport – 1 giro

Giro veloce: Esteban Ocon – 1’33.882

Ritirati
1° giro – Alex Loan
1° giro – Roman Mavlanov
2° giro – Gustavo Lima
3° giro – Leo Roussell
6° giro – Kostantin Tereschenko

Renault ALPS – Spa, gara 2: a Riberas la gara, a Tarancon il titolo

a cura di Marco Borgo

Si tirano le somme al termine dell’ultima gara del primo campionato Renault 2.0 ALPS. Con la seconda gara sul circuito delle Ardenne è stato decretato il nome del campione della serie: Javier Tarancon. Lo spagnolo del Team Tech1 si è imposto su Yann Zimmer, pilota ARTA e sul compagno di squadra Chatin. I protagonisti in gara invece sono stati altri. Ad imporsi è stato Alex Riberas, che così come in gara 1 è stato imbattibile sul tracciato di Spa (buon biglietto da visita). Secondo posto per Hansen, bravo a difendersi da Zimmer. A seguire il due Tech1 Tarancon-Chatin seguiti da Menezes e dallo svizzero Calamia. Primo degli italiani l’ottimo Ghirelli, che partendo dall’ultima posizzione ha rimontato fino alla ottava posizione finale. Poca gloria invece per il fratello maggiore Edolo. Conquistatosi la seconda pozizione in griglia, il pilota One Racing è stato retrocesso per una manovra scorretta (decisione secondo molti discutibile) in gara 1. Al via è stato spinto fuori pista da Colombo e nel rientrare ha coinvolto Mavlanov, anch’egli ritirato.

Spa, gara 2

1 – Alex Riberas – Epic – 12 giri in 28’37.709
2 – Timmy Hansen – Interwetten – 6.414
3 – Yann Zimmer – Arta – 7.215
4 – Javier Tarancon – Tech 1 – 14.198
5 – Paul Loup Chatin – Tech 1 – 14.680
6 – Gustavo Menezes – Interwetten – 26.031
7 – Mauro Calamia – Daltec/Interwetten – 27.055
8 – Vittorio Ghirelli – One – 27.548
9 – Kevin Gilardoni – Torino – 28.218
10 – Melville McKee – Arta – 30.406
11 – Alexandre Cougnaud – Arta – 46.825
12 – Amir Mesny – Arta – 48.833
13 – Giada De Zen – Torino – 48.963
14 – Stefano Colombo – Epic – 54.138

Giro più veloce: Alex Riberas 2’22.011

Ritirati
1° giro – Edolo Ghirelli
2° giro – Roman Mavlanov
2° giro – Federico Gibbin
2° giro – Christof Von Grunigen

Il campionato finale
1. Javier Tarancon – 344 pt.
2. Yann Zimmer – 338
3. Paul Loup Chatin – 326
4. Melville McKee – 229
5. Stefano Colombo – 154
6. Kevin Gilardoni – 153
7. Thomas Jager – 150
8. Christof Von Grunigen – 133
9. Vittorio Ghirelli – 128
10. Mauro Calamia – 125

Renault ALPS – Spa, gara 1: vittoria di Riberas su Zimmer

a cura di Marco Borgo

Gara spettacolare la prima che si è svolta quest’oggi a Spa. Penultimo evento della stagione, gara 1 ha riservato non poche sorprese, con la vittoria di Alex Riberas quale primo piatto forte della giornata. Il pilota del team Epic ha colto la vittoria davanti a Zimmer ed Edolo Ghirelli, quest’ultimo entrato in bagarre con Chatin ritiratosi però con la ruota posteriore destra dechappata.

Gradino basso del podio per il maggiore dei fratelli Ghirelli, mentre Vittorio non è partito per l’incidente rimediato in qualifica. Quarto posto finale per Von Gruningen davanti a Menezes. Solo sesto Tarancon, che grazie all’uscita di scena di Chatin riesce a riportarsi in testa alla classifica generale. Tutto quindi rimandato alla gara di domani, l’ultima della stagione, per conoscere il nome del campione della serie. Da registrare la gran rimonta di Melville McKee, mentre tre posizioni le ha perse Colombo. Scivolato invece in ultima posizione Hansen che lottava al vertice.

Spa, gara 1

1. Alex Riberas – Epic – 12 giri in 28’38.460
2. Yann Zimmer – Arta – 3.572
3. Edolo Ghirelli – One – 4.917
4. Christof Von Grunigen – Daltec – 6.355
5. Gustavo Menezes – Interwetten – 7.040
6. Javier Tarancon – Tech 1 – 7.971
7. Melville McKee – Arta – 11.163
8. Mauro Calamia – Daltec – 19.399
9. Stefano Colombo – Epic – 21.820
10. Alexandre Cougnaud – Arta – 31.836
11. Kevin Gilardoni – Torino – 33.714
12. Giada De Zen – Torino – 37.481
13. Federico Gibbin – Viola – 42.401
14. Amir Mesny – Arta – 47.879
15. Roman Mavlanov – Boetti – 50.064
16. Timmy Hansen – Interwetten – 50.623

Giro veloce: Timmy Hansen 2’22.244

Ritirati
9° giro – Paul Loup Chatin

Non partito
Vittorio Ghirelli

Renault ALPS – Spa, qualifica: Hansen sigla la pole sulle Ardenne

a cura di Marco Borgo

Torna davanti a tutti Timmy Hansen nelle qualifiche delle Ardenne, ultima qualifica della stagione della Formula Renault ALPS. Lo svedese ha preceduto un fantastico Edolo Ghirelli che è riuscito a portarsi fino in seconda posizione alle spalle di Hansen. L’italiano si è messo alle spalle Alex Riberas, che scatterà dalla seconda fila assieme a Zimmer. Quest’ultimo, in lotta per il campionato, dovrà approfittare della qualifica non brillante degli avversari Chatin e Tarancon che scatteranno dietro di lui. Sesto tempo per Colombo, che è riuscito a sbloccarsi entrando alla grande nella top ten. Chiude la top ten Calamia dietro a Menezes. Indietro invece gli attesi protagonisti McKee, Gibbin e Gilardoni. Disastro per Vittorio Ghirelli, uscito subito al Raidillon.

Spa, qualifica

1. Timmy Hansen – Interwetten – 2’19.756 – 11
2. Edolo Ghirelli – One Racing – 0.507 – 9
3. Alex Riberas – Epic – 0.547 – 10
4. Yann Zimmer – ARTA – 0.648 – 10
5. Paul Loup Chatin – Tech1 – 0.776 – 8
6. Stefano Colombo – Epic – 0.847 – 12
7. Javier Tarancon – Tech1 – 0.982 – 9
8. Christof Von Gruningen – Daltec – 1.057 – 11
9. Gustavo Menezes – Interwetten – 1.170 – 11
10. Mauro Calamia – Daltec – 1.429 – 10
11. Roman Mavlanov – Boetti – 1.445 – 12
12. Melville McKee – ARTA – 1.838 – 11
13. Federico Gibbin – Viola – 1.927 – 13
14. Alexandre Cougnaud – ARTA – 1.947 – 12
15. Kevin Gilardoni – Team Torino – 2.718 – 12
16. Amir Mesny – ARTA – 3.175 – 12
17. Giada De Zen – Team Torino – 3.748 – 11
18. Vittorio Ghirelli – One Racing – senza tempo

Renault ALPS – Spa, libere 3: Chatin fa prove di pole, secondo Hansen

a cura di Marco Borgo

Nella terza sessione di libere sul tracciato delle Ardenne è il francese Chatin a portarsi al comando della classifica su Hansen. Tra i due pochissimi millesimi di differenza, con Chatin unico a scendere sotto al muro dei due minuti e 22″. Gran balzo in avanti di Gustavo Menezes, che artiglia un fantastico terzo posto su Tarancon quarto. Quinto invece è Riberas su Vittorio Ghirelli. Risalgono anche Gibbin ed Edolo Ghirelli. Non riesce invece a mettere a segno un guizzo per entrare nella top ten Stefano Colombo. Ancora indietro la coppia Gilardoni-McKee. Da registrare il debutto in questa sessione di Andrea Boffo, neo campione italiano del Challenge su una vettura del Team Torino Motorsport, struttura che lo ha portato alla vittoria della stagione nella nuova categoria che sostituisce il vecchio campionato italiano Formula Renault 2.0.

Spa, libere 3

1. Paul Loup Chatin – Tech 1 – 2’21.986 – 15 giri
2. Timmy Hansen – Interwetten – 2’22.000 – 18
3. Gustavo Menezes – Interwetten – 2’22.074 – 17
4. Javier Tarancon – Tech 1 – 2’22.123 – 14
5. Alex Riberas – Epic – 2’22.194 – 15
6. Vittorio Ghirelli – One – 2’22.367 – 15
7. Yann Zimmer – Arta – 2’22.462 – 16
8. Edolo Ghirelli – One – 2’22.942 – 16
9. Federico Gibbin – Viola – 2’23.216 – 17
10. Mauro Calamia – Daltec/Interwetten – 2’23.233 – 16
11. Roman Mavlanov – Boetti – 2’23.400 – 21
12. Stefano Colombo – Epic – 2’23.756 – 18
13. Alexandre Cougnaud – Arta – 2’23.765 – 18
14. Christof Von Grunigen – Daltec/Interwetten – 2’23.858 – 11
15. Kevin Gilardoni – Torino – 2’24.401 – 18
16. Melville McKee – Arta – 2’24.704 – 13
17. Giada De Zen – Torino – 2’25.318 – 19
18. Amir Mesny – Arta – 1’25.329 – 17
19. Andrea Boffo – Torino – 2’25.687 – 21
20. Kevin Jorg – Daltec/Interwetten – 2’26.972 – 18

Renault ALPS – Spa, libere 1-2: Timmy Hansen guida il gruppo

a cura di Marco Borgo

Ritorna Timmy Hansen nella Formula Renault Alps e ritorna al comando della classifica delle libere svoltesi oggi sulle Ardenne. L’ex pilota di Formula BMW schierato dal team Interwetten ha fermato i cronometri sui 2’21.552, precedendo Chatin di soli 31 millesimi. Il francese dal canto suo ha avuto la meglio su Alex Riberas, terzo. Quarto in questa prima giornata in pista il capoclassifica Tarancon, braccato da Yann Zimmer. Sesta posizione per la prima vettura del team Daltec, quella di Von Gruningen, mentre settimo è il nostro Vittorio Ghirelli, capace di due arrivi a podio nell’ultimo appuntamento del Paul Ricard. Decima posizione per Gibbin davanti a Colombo ed Edolo Ghirelli. Sottotono Gilardoni e McKee sul tracciato delle Ardenne.

Spa, libere 1-2

1. Timmy Hansen – Interwetten – 2’21”552
2. Paul-Loup Chatin – Tech1 – 2’21”583
3. Alex Riberas – Epic – 2’21”600
4. Javier Tarancon – Tech1 – 2’21”682
5. Yann Zimmer – Arta – 2’21”842
6. Christof Von Grüningen – Daltec – 2’22”132
7. Vittorio Ghirelli – One – 2’22”177
8. Roman Mavlanov – Boetti – 2’22”802
9. Gustavo Menezes – Interwetten – 2’23”077
10. Federico Gibbin – Viola – 2’23”313
11. Stefano Colombo – Epic – 2’23”545
12. Edolo Ghirelli – One – 2’23”598
13. Alexandre Cougnaud – Arta – 2’23”791
14. Mauro Calamia – Daltec – 2’23”854
15. Giada De Zen – Torino – 2’24”015
16. Kevin Gilardoni – Torino – 2’24”021
17. Melville McKee – Arta – 2’24”509
18. Amir Mesny – Arta – 2’25”825
19. Kevin Jörg – Daltec – 2’26”620