F1 – Le pagelle del Gp di Gran Bretagna

0

newey-red-bull

Vettel: voto 10. Condotta di gara “Schumacheriana” per il giovane astro della Red Bull, in testa alla corsa flag-to-flag. Semplicemente, domenica non c’è stata storia per nessuno. Una grande partenza, un ritmo forsennato ( costantemente un secondo al giro più veloce di tutti ), una costanza e una tranquillità sbalorditiva. Nella classifica mondiale Button è ancora lontano, ma siamo certi che il tedesco si giocherà le proprie carte fino in fondo.

Webber: voto 8. Grande gara dell’australiano, che con il suo secondo posto completa la giornata trionfale della scuderia “bibitara”. Partito dietro a Barrichello, riesce subito a imporre il suo ritmo scavalcando il paulista nel gioco dei pit-stop. Vettel oramai è troppo lontano, e ad essere sinceri il suo passo è ben altra cosa.

Barrichello: voto 7. Buona gara per Rubinho, che limita i danni in una giornata in cui le Brawn non sono sembrate così forti come negli scorsi appuntamenti. Partito secondo, non riesce a contenere un incalzante Mark Webber, che nel corso della prima sosta gli ruba la posizione. Conscio della inferiorità del suo pacchetto, preferisce mettere al sicuro un piazzamento importante in ottica campionato.

Massa: voto 8. Ottima gara del brasiliano, che riscatta in pieno il brutto errore fatto delle qualifiche. Partito molto bene dalla undicesima posizione, Felipe rimonta alcune posizioni grazie ad un ritmo veramente intenso, al passo con la seconda Red Bull di Webber. Nel finale raggiunge Barrichello, senza avere però il giusto guizzo per rubargli il gradino più basso del podio.

Rosberg: voto 7. Un buona quinta posizione davanti a tanti nomi illustri.

Button: voto 5. La delusione della corsa. Attendeva questo evento da Gennaio, da quando aveva capito di avere un cavallo buono per la battaglia: ma arrivato al momento clou, tutto è andato storto, un po’ come ad un giovane adolescente al primo appuntamento. Peccato, perchè difficilmente ricapiterà un’altra occasione come questa.

Trulli: voto 6. Delude un po’ le aspettative della qualifica. Male al via ( perde tre posizioni ), conduce con regolarità la corsa senza però mai impressionare. Conclude a punti, ma forse si poteva fare meglio.

Raikkonen: voto 6. Parte nono, arriva ottavo: guadagna una posizione ma, come dimostrato da Massa, si poteva fare meglio. Dopo un grande partenza, gira su tempi non molto competitivi, perdendo alcune posizioni nel gioco dei pit-stop.

Glock: voto 6. Gara regolare per il tedesco, in odore di conferma per il 2010

Fisichella: voto 7,5. Grande prestazione del romano, veramente in palla sul circuito di Silverstone. Partito nelle retrovie, si lancia in una serie di giri veloci veramente sorprendenti per una Force India. Ottimo passo, ottima condotta di gara, che però ancora una volta non porta i frutti sperati. Torna ad essere convincete dopo periodi non troppo felici.

Nakajima: voto 6,5. Nella prima parte di gara stupisce ( e forse illude ), poi si perde nel traffico delle posizioni centrali.Quantomeno ha dato segnali di risveglio.

Piquet: voto 6. Per una volta, termina davanti ad Alonso e senza errori: la sufficienza è d’ obbligo!

Kubica: voto 5. Nelle fasi iniziali della gara lotta con Alonso ed Hamilton, poi la sua gara prosegue segue senza scossoni fino al traguardo, in tredicesima posizione.

Alonso: voto 4. Finisce dietro a Piquet, il che è tutto dire. In attesa del 2010, parla già alla stampa da pilota della rossa.

Heidfeld: voto 4,5. Come altri, paga la cronica pochezza del mezzo.

Hamilton: vot 4,5. Fa tristezza vedere il campione del mondo in carica uscire miseramente già alla Q1 davanti al pubblico di casa. Indubbiamente il 2009 è un anno da dimenticare per l’ inglese, la macchina che si ritrova tra le mani è una delle peggiori del lotto. In gara prova a inventarsi qualcosa di nuovo, ma il risultato è solo qualche divagazione di troppo per le vie di fuga.

Sutil: voto 4. Esce nettamente sconfitto nel confronto con il compagno di squadra. Forse dopo il botto del sabato la condizione psico-fisica non era più quella ottimale.

Buemi: voto 4. Termina in ultima posizione un gran premio veramente incolore.

Bourdais: voto 3. Male, molto male. Sebbene sia al suo secondo anno nella massima serie, Sebastian continua a commettere errori da debuttante, rovinando la propria gara e quella altrui. Il suo posto in Toro Rosso è più traballante che mai.

Kovalainen: voto 5. Una gara anonima nelle retrovie prima dell’ incidente con Bourdais.

 

Davide Mainò

Condividi in

Autore

Studente di ingegneria meccanica a Perugia

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image