Tag: NASCAR

NASCAR – A Brands Hatch Boucenna realizza una doppietta

Boucenna realizza una doppietta a Brands Hatch

Il francese rafforza la sua leadership in campionato sul compagno di squadra Ferrando

Brands Hatch, UK – Wilfried Boucenna (#33 Overdrive Chevrolet SS) ha concluso nel migliore dei modi la seconda edizione dell’American Speedfest a Brands Hatch vincendo per la seconda volta consecutiva in Divisione ELITE 2 e allungando il suo vantaggio in testa al campionato sul compagno di team Thomas Ferrando (#22 Overdrive-Buffalo Chevrolet Camaro), giunto secondo. Leggi tutto

NASCAR – NASCAR Whelen Euro Series 2014

NASCAR Whelen Euro Series stagione 2014

Il Tours Speedway pronto a fare di nuovo la Storia grazie al secondo banking La costruzione della nuova sopraelevata dell’ovale francese è quasi terminata Blois, Francia – Due anni dopo aver dato vita alla prima gara in assoluto di una serie NASCAR su un circuito ovale europeo e un anno dopo aver ospitato il debutto dell’appena rinominata NASCAR Whelen Euro Series, il Tours Speedway è pronto a riscrivere la Storia ancora una volta, grazie all’aggiunta di un secondo banking da 9 gradi in curva 1 e 2.! Leggi tutto

Valencia NASCAR Fest – Weekend report

Un grande successo in pista e fuori

Blois, Francia – La prima edizione della Valencia NASCAR Fest ha aperto la stagione 2014 della NASCAR Whelen Euro Series con un grande successo, sia in pista che fuori, grazie al grande equilibrio fra i concorrenti e agli oltre 14.000 fan spagnoli che hanno affollato il Circuit Ricardo Tormo per godersi l’atmosfera di un weekend NASCAR che è stato unico sotto molti punti di vista.! Leggi tutto

IndyCar – E’ ufficiale il ritorno di Montoya in IndyCar

30834_juan_pablo_montoya_torna_in_indycar_con_penske_

Colpo di mercato del Team Penske in vista della stagione IndyCar 2014. La squadra di Roger Penske ha infatti firmato Juan Pablo Montoya per correre l’intera stagione al fianco di Helio Castroneves e Will Power. Per il pilota colombiano si tratta di un ritorno alle ruote scoperte dopo 8 anni in NASCAR con l’Earnhardt Ganassi Racing. Montoya aveva vinto il titolo CART nel 1999 e la 500 Miglia di Indianapolis nel 2000 (entrambi come rookie) prima di passare in Formula 1 nel 2001 e quindi in NASCAR nel 2006. “Sono davvero entusiasta di far parte di questo gruppo leggendario a partire dal prossimo anno“, ha detto Montoya. “Ho avuto l’opportunità di guidare per alcune delle migliori squadre da corsa in tutto il mondo e ho sempre ammirato Roger Penske e la sua organizzazione. Considero un onore avere l’opportunità di guidare per il Team Penske. Appena sono diventato un free agent la mia priorità è stata quella di essere su una macchina vincente. Quando questa occasione si è prospettata, non si ho pensato su due volte. Sono pronto alla sfida. Dal momento in cui sono diventato un free agent ho pensato ad un ritorno alla gare a ruote scoperte e ho lavorato duramente per questo. So che ci vorrà molta preparazione e sto già lavorando su questo.“”Juan ha dimostrato di essere un vincente a tutti i livelli del motorsport“, ha detto RogerPenske. “Ha vinto un sacco di gare e campionati e ha una grossa base di fan. Non vediamo l’ora di costruire insieme nuovi successi e siamo convinti che sarà una grande aggiunta al Team Penske.” Oltre al titolo CART nel 1999 e alla 500 Miglia di Indianapolis del 2000, Montoya ha nel suo palmares due vittorie in NASCAR (Sonoma 2007 e Watkins Glen 2010), 11 nel campionato CART, 7 in Formula 1, oltre al titolo di F3000 nel 1998 e tre vittorie alla 24 Ore di Daytona.

Marco Strazzulla

NASCAR – Watkins Glen, Gara: Kyle Busch vince nella terra di Ambrose una gara dal finale mozzafiato.

Appena terminata sul magico tracciato di Watkins Glen, la Cheez-it 355 ha eletto al termine dei 90 giri previsti il proprio vincitore: a festeggiare con burnout e passeggiata in Victory Lane è stato Kyle Busch, capace di conquistare una doppia rivincita togliendosi allo stesso tempo qualche sassolino dalla scarpa. Proprio un anno fa, sullo stesso circuito, il minore dei fratelli Busch aveva visto una possibile vittoria sfumare all’ultimo giro a seguito di un contatto con Brad Keselowski mentre i due lottavano per la leadership. Il contatto lo aveva spedito, notevolmente irritato, a muro. Nella giornata di ieri, scattando dalla prima fila, l’irruento Kyle era finito in testacoda alla prima curva della prima tornata, danneggiando irreparabilmente la vettura e mandando in fumo un’ulteriore chance di vittoria. Imparata la lezione in una notte, il pilota della vettura numero #18 ha saputo mantenere il sangue freddo per tutti i 90 giri, rimanendo lontano dai numerosi incidenti che hanno caratterizzato la giornata di oggi, e al contempo difendere la vittoria negli ultimi due giri dai pressanti attacchi di Brad Keselowski, giunto secondo al traguardo a pochi centesimi dalla sua #18.

CRONACA DI GARA

Allo sventolare della green-flag il favorito della vigilia Marcos Ambrose ha mantenuto la prima posizione davanti a Bowyer e Truex Jr., riuscendo ben presto ad aprire alle sue spalle un discreto margine sugli inseguitori, vanificato ben 2 volte dalle cautions causate da Reutimann, al sesto giro, e da Jeff Gordon, al quattordicesimo giro. Il cinque volte campione NASCAR ha commesso un banale errore tra la curva 2 e la curva 3 del tracciato, ritrovandosi impossibilitato a controllare la sua auto, lanciata ad alta velocità contro le barriere esterne. L’incidente ha lasciato Jeff Gordon con la macchina semi-distrutta, ma ciò non ha fermato l’alacre lavoro della sua crew, che ha riparato alla meglio la vettura rimandando in pista, seppur a vari giri di distacco dal leader, l’esperto pilota del team HMS.

La ripartenza del giro 17 ha visto sempre Ambrose in testa intento ad allungare sui diretti inseguitori, in particolare Truex e Montoya, stabili nell’occupare le posizioni nella top five. Al giro 31 un contatto tra McMurray e Keselowski, sesto e settimo  al momento, ha spedito il secondo in testacoda, costringendolo ad una gara in rimonta dalla ventiduesima poszione. Persino un’ulteriore caution al giro 40 non è riuscita a cambiare le carte in tavola: l’incidente nelle retrovie che ha coinvolto Fellows, Drissi, Kvapil e Gonzalez Jr., ha provocato l’esposizione della red flag per una ventina di minuti, necessari per rimuovere l’olio fuoriuscito dalla vettura di Gonzalez Jr., lasciando comunque invariate le posizioni di testa, con Ambrose ancora in prima posizione alla ripartenza successiva.

A cambiare la gara in favore di  Busch e del rimontante Keselowski è la caution del giro 60, necessaria a seguito dell’incidente alla curva 3 di Aric Almirola. La bandiera gialla, sventolata proprio appena Brad e Kyle uscivano dalla pit lane a seguito del loro pit, costringeva Montoya, Allmendinger e Ambrose, fino a quel momento protagonisti nella top 3 della gara, ad effettuare lo stop e ritrovarsi immischiati all’altezza della decima posizione nel ruggente gruppo di stock cars alla ripartenza seguente. Busch è ripartito dalla testa della corsa con accanto Brad Keselowski, congelando le posizioni fino al giro 78, in cui il secondo incidente di giornata di Kvapil ha costretto la direzione gara a sventolare un’ulteriore bandiera gialla sotto l’assolato cielo di Watkins Glen. La ripartenza del giro 80 ha lasciato i piloti battagliare per sole 2 curve, cioè fino a quando il testacoda di Kasey Kahne non ha coinvolto anche Dale Earnhardt Jr e causato la settima caution di giornata.

A 10 giri dalla fine, con i protagonisti ancora in difficoltà ai margini della top ten, la vittoria diveniva affare tra Busch, Keselowski e Truex. Il restart del giro 85 non è però la ripartenza decisiva, poichè ancora alla curva 2 un contatto questa volta tra Max Papis ed Ambrose a centro gruppo spedisce il secondo a muro. Nella carambola, costretto al ritiro insieme al tasmaniano vi è Brian Vickers, al volante della #55 e protagonista di una gara sempre dentro la top 10. L’ultimo restart regala agli appassionati due giri di fuoco sul magico tracciato del “Glen”, con Keselowski impegnato allo stesso tempo a difendere la seconda posizione da Truex ed ad attaccare Busch per la vittoria, riuscendo nella prima missione ma fallendo nella seconda per maturità, come ammesso nella intervista post-gara. “Sapevo che se gli avessi tolto la vittoria con una mossa poco ortodossa, Kyle avrebbe ricambiato il favore in una delle prossime gare. Non è ciò di cui ho bisogno al momento”, ha affermato Brad.

La gara di oggi lascia estremamente soddisfatti i primi tre classificati per differenti ragioni: Busch grazie alla vittoria odierna si assicura un posto nella imminente Chase for the Sprint Cup Series, Keselowski risale in ottava posizione in classifica, in piena zona Chase e si consola con la vittoria ottenuta ieri in Nationwide Series, mentre Truex entra tra i papabili per la Chase recuperando, grazie al terzo posto di oggi, ben quattro posti. A tornare a casa da Watkins Glen con l’amaro in bocca sono in particolare, oltre al favorito Ambrose che abbandona ogni velleità di partecipare alla Chase, i 4 piloti dell’HMS: Johnson si accontenta di un ottavo posto che vale oro, mentre traditi dalle insidie del circuito stradale concludono malamente il weekend Earnhardt Jr., Kahne e Gordon, nell’ordine trentesimo, trentaquattresimo e trentaseiesimo. Prossimo appuntamento targato Sprint Cup Series domenica prossimo da Michigan!

A cura di Fabio Valente –

ORDINE D’ARRIVO DELLA CHEEZ-IT 355

1 18 Kyle Busch Toyota 5 90 29
Position Up
Running 47 4
2 2 Brad Keselowski Ford 8 90 0
Position Up
Running 42 0
3 56 Martin Truex Jr Toyota 3 90 0
Position Up
Running 41 0
4 99 Carl Edwards Ford 16 90 0
0
Running 40 0
5 42 Juan Pablo Montoya Chevrolet 11 90 1
Position Up
Running 40 1
6 15 Clint Bowyer Toyota 2 90 0
0
Running 38 0
7 22 Joey Logano Ford 9 90 0
Position Up
Running 37 0
8 48 Jimmie Johnson Chevrolet 18 90 0
0
Running 36 0
9 78 Kurt Busch Chevrolet 13 90 0
Position Up
Running 35 0
10 47 AJ Allmendinger Toyota 4 90 0
Position Up
Running 34 0
11 1 Jamie McMurray Chevrolet 6 90 1
Position Up
Running 34 1
12 13 Casey Mears Ford 30 90 0
0
Running 32 0
13 29 Kevin Harvick Chevrolet 26 90 8
0
Running 32 1
14 39 Ryan Newman Chevrolet 14 90 0
Position Up
Running 30 0
15 14 Max Papis Chevrolet 29 90 0
0
Running 0 0
16 16 Greg Biffle Ford 17 90 0
Position Up
Running 28 0
17 27 Paul Menard Chevrolet 7 90 0
0
Running 27 0
18 17 Ricky Stenhouse Jr Ford 33 90 0
Position Up
Running 26 0
19 11 Denny Hamlin Toyota 20 90 0
0
Running 25 0
20 10 Danica Patrick Chevrolet 35 90 0
0
Running 24 0
21 34 David Ragan Ford 31 90 0
0
Running 23 0
22 32 Boris Said Ford 27 90 0
0
Running 22 0
23 20 Matt Kenseth Toyota 10 90 0
0
Running 21 0
24 51 Owen Kelly Chevrolet 23 90 0
0
Running 0 0
25 38 David Gilliland Ford 21 90 0
0
Running 19 0
26 31 Jeff Burton Chevrolet 22 90 0
-1 Position Down
Running 18 0
27 7 Dave Blaney Chevrolet 40 90 0
Position Up
Running 17 0
28 40 Landon Cassill Chevrolet 41 90 0
-1 Position Down
Running 0 0
29 19 Alex Kennedy Toyota 37 90 0
Position Up
Running 15 0
30 88 Dale Earnhardt Jr Chevrolet 25 85 0
-1 Position Down
Running 14 0
31 9 Marcos Ambrose Ford 1 84 51
-1 Position Down
Accident 15 2
32 55 Brian Vickers Toyota 15 84 0
0
Accident 0 0
33 30 David Stremme Toyota 39 83 0
0
Running 11 0
34 5 Kasey Kahne Chevrolet 19 82 0
-4 Position Down
Running 10 0
35 33 Ron Fellows Chevrolet 24 74 0
0
Running 9 0
36 24 Jeff Gordon Chevrolet 28 65 0
-4 Position Down
Running 8 0
37 43 Aric Almirola Ford 32 58 0
0
Accident 7 0
38 35 Michael McDowell Ford 12 58 0
0
Suspension 6 0
39 52 Brian Keselowski Toyota 43 47 0
Position Up
Brakes 5 0
40 93 Travis Kvapil Toyota 38 41 0
-1 Position Down
Accident 4 0
41 36 Victor Gonzalez Jr Chevrolet 34 39 0
0
Accident 3 0
42 87 Tomy Drissi Toyota 42 39 0
-2 Position Down
Accident 2 0
43 83 David Reutimann Toyota 36 4 0
0
Engine 1 0

CLASSIFICA DOPO LA CHEEZ-IT 355

1 48
Hendrick Motorsports
Jimmie Johnson
808 Leader 22 4 9 15 0 0
2 15
Michael Waltrip Racing
Clint Bowyer
733 -75 22 0 7 12 1 0
3 99
Roush Fenway Racing
Carl Edwards
728 -80 22 1 7 11 0 0
4 29
Richard Childress Racing
Kevin Harvick
707 -101 22 2 5 11 2 0
5 18
Joe Gibbs Racing
Kyle Busch
693 -115 22 3 10 14 3 Position Up
6 88
Hendrick Motorsports
Dale Earnhardt Jr
670 -138 22 0 5 12 2 -1 Position Down
7 20
Joe Gibbs Racing
Matt Kenseth
659 -149 22 4 5 11 3 0
8 2
Penske Racing
Brad Keselowski
634 -174 22 0 7 11 1 Position Up
9 16
Roush Fenway Racing
Greg Biffle
627 -181 22 1 3 8 0 Position Up
10 56
Michael Waltrip Racing
Martin Truex Jr
625 -183 22 1 5 9 2 Position Up
11 78
Furniture Row Racing
Kurt Busch
623 -185 22 0 5 10 2 Position Up
12 5
Hendrick Motorsports
Kasey Kahne
622 -186 22 2 7 9 3 -4 Position Down
13 24
Hendrick Motorsports
Jeff Gordon
610 -198 22 0 5 9 5 -4 Position Down
14 39
Stewart-Haas Racing
Ryan Newman
605 -203 22 1 4 10 5 Position Up
15 1
Earnhardt Ganassi Racing
Jamie McMurray
600 -208 22 0 1 5 0 Position Up
16 22
Penske Racing
Joey Logano
598 -210 22 0 5 11 2 Position Up
17
Stewart-Haas Racing
Tony Stewart
594 -214 21 1 5 8 0

 

NASCAR – Watkins Glen, Qualifiche: Non ci sono sorprese al “Glen”, la pole è di Ambrose

NAPA Auto Parts 200 - Day 2

A cura di Fabio Valente –

Record della pista abbattuto e pole position. NASCAR Sprint Cup Series. Sembra il solito discorso con protagonista Jimmie Johnson eppure quando non si è costretti a curvare solo a destra, quando la NASCAR si sposta su uno dei due circuiti stradali presenti nel campionato, il nome del mattatore può cambiare. E come accade da tre anni a questa parte, quando è tempo di correre sul tracciato di Watkins Glen il nome di Marcos Ambrose, Ford numero #9 ed un passato nelle categorie a ruote scoperte, non riesce a rimanere nella pancia del gruppo ma emerge e svetta tra gli altri, ergendosi come maggiore candidato alla vittoria della gara.

Al termine delle qualifiche, adattate secondo un format differente rispetto a quello adottato per le gare sugli ovali, il pilota tasmaniano è risultato il più veloce sia del suo gruppo di qualifica, l’ultimo, sia di tutti i qualificati, grazie ad un giro in 68.777 secondi, alla media di 128.241 miglia orarie. In prima fila per la Cheez-it 355 di domani, che scatterà attorno alle 19 ora italiana, partirà Clint Bowyer, staccato dal poleman di più di un decimo e mezzo. A chiudere la top five si schiereranno nell’ordine altri specialisti di tracciati cittadini, ovvero Martin Truex Jr., AJ Allmendnger e Kyle Busch. Molto indietro i soliti noti, con Jimmie Johnson diciottesimo, Dale Earnhardt Jr. venticinquesimo e Jeff Gordon ventottesimo. Scatterà ventinovesimo Max Papis, unico italiano in gara, che guiderà la vettura #14, vuota a seguito dell’incidente occorso pochi giorni fa a Tony Stewart.

ORDINE DI PARTENZA DELLA CHEEZ-IT 355

1 Marcos Ambrose 9 Ford Stanley / CTC Jumpstart 128.241 68.777 Leader
2 Clint Bowyer 15 Toyota Peak/Duck Dynasty 127.958 68.929 –0.152
3 Martin Truex Jr 56 Toyota NAPA Auto Parts 127.462 69.197 –0.420
4 AJ Allmendinger 47 Toyota Scott Products 127.433 69.213 –0.436
5 Kyle Busch 18 Toyota M&M’s 127.400 69.231 –0.454
6 Jamie McMurray 1 Chevrolet McDonald’s/Monopoly 127.374 69.245 –0.468
7 Paul Menard 27 Chevrolet Menards / Splash 127.146 69.369 –0.592
8 Brad Keselowski 2 Ford Miller Lite 127.141 69.372 –0.595
9 Joey Logano 22 Ford Shell-Pennzoil 127.111 69.388 –0.611
10 Matt Kenseth 20 Toyota The Home Depot / Husky 127.038 69.428 –0.651
11 Juan Pablo Montoya 42 Chevrolet Target 126.932 69.486 –0.709
12 Michael McDowell 35 Ford Dockside Logistics 126.823 69.546 –0.769
13 Kurt Busch 78 Chevrolet Furniture Row Racing-Denver Mattress 126.813 69.551 –0.774
14 Ryan Newman 39 Chevrolet Haas Automation 30th Anniversary 126.766 69.577 –0.800
15 Brian Vickers 55 Toyota Toyota Camry 30th Anniversary 126.515 69.715 –0.938
16 Carl Edwards 99 Ford Kelloggs / Cheez-it 126.464 69.743 –0.966
17 Greg Biffle 16 Ford 3M / 811 126.377 69.791 –1.014
18 Jimmie Johnson 48 Chevrolet Lowe’s 126.357 69.802 –1.025
19 Kasey Kahne 5 Chevrolet Farmers Insurance 126.321 69.822 –1.045
20 Denny Hamlin 11 Toyota FedEx Ground 126.209 69.884 –1.107
21 David Gilliland 38 Ford Long John Silver’s 126.124 69.931 –1.154
22 Jeff Burton 31 Chevrolet Caterpillar 126.086 69.952 –1.175
23 Owen Kelly 51 Chevrolet Phoenix Construction Services Inc. 126.011 69.994 –1.217
24 Ron Fellows 33 Chevrolet Canadian Tire 125.924 70.042 –1.265
25 Dale Earnhardt Jr 88 Chevrolet National Guard 125.876 70.069 –1.292
26 Kevin Harvick 29 Chevrolet Budweiser 125.711 70.161 –1.384
27 Boris Said 32 Ford U.S. Chrome 125.707 70.163 –1.386
28 Jeff Gordon 24 Chevrolet Drive To End Hunger 125.591 70.228 –1.451
29 Max Papis 14 Chevrolet Rush Truck Centers/Mobil 1 125.589 70.229 –1.452
30 Casey Mears 13 Ford GEICO 124.890 70.622 –1.845
31 David Ragan 34 Ford Taco Bell 124.848 70.646 –1.869
32 Aric Almirola 43 Ford Smithfield 124.793 70.677 –1.900
33 Ricky Stenhouse Jr 17 Ford Best Buy 124.576 70.800 –2.023
34 Victor Gonzalez Jr 36 Chevrolet Mobil 1/IMCA 123.878 71.199 –2.422
35 Danica Patrick 10 Chevrolet GoDaddy.com 123.750 71.273 –2.496
36 David Reutimann 83 Toyota Burger King / Dr. Pepper 123.708 71.297 –2.520
37 Alex Kennedy 19 Toyota MediaMaster 123.687 71.309 –2.532
38 Travis Kvapil 93 Toyota Burger King / Dr. Pepper 123.637 71.338 –2.561
39 David Stremme 30 Toyota Genny Light 123.157 71.616 –2.839
40 Dave Blaney 7 Chevrolet TBA 123.095 71.652 –2.875
41 Landon Cassill 40 Chevrolet Interstate Moving Services 122.004 72.293 –3.516
42 Tomy Drissi 87 Toyota The Counselor 120.295 73.320 –4.543
43 Brian Keselowski 52 Toyota Star Coach Race Tours 118.924 74.165 –5.388

NASCAR – Tony Stewart: Infortunio con rottura di tibia e perone per il pilota dello SHR

tony_stewart_lg

 

A cura di Fabio Valente –

Giunge con le prime luci italiane di Martedì mattina la agghiacciante notizia riguardante Tony Stewart, impegnato in una gara di contorno al volante di una delle vetture del suo team sul tracciato di Oskaloosa, Iowa. Mentre il campione NASCAR dell’annata 2011 si trovava al comando del lotto dei partecipanti, che comprendeva, tra gli altri, anche nomi del calibro di Kyle Larson, giovane promessa del mondo delle Stock Cars, una vettura doppiata, precisamente quella di Josh Highday, finiva in testacoda alla curva 4, non lasciando spazio a coloro che sopraggiungevano di evitare l’impatto. Coinvolti nella carambola insieme al momentaneo leader della corsa sono stati anche i provvisori secondo e terzo in classifica, ovvero Tasker Phillips e Tony Schilling.

Come accennato, nella dinamica dell’incidente Tony Stewart è stato il pilota a cui è toccata la sorte peggiore, con la macchina del quarantaduenne pilota nativo dell’Indiana che si è accartocciato sbattendo più volte con violenza contro le barriere. Coloro che seguivano i primi tre, in particolare il quarto ed il quinto, rispettivamente Brian Brown e Kyle Larson, hanno dichiarato di non aver visto con chiarezza quanto accaduto davanti a loro e di aver evitato un incidente che sarebbe potuto essere assai più grave grazie all’aiuto più della fortuna che della propria abilità. Per dovere di cronaca, sono stati proprio Brown e Larson a concludere la gara, che al momento dell’incidente si trovava al 25esimo dei 30 giri in programma, in prima e seconda piazza.

Stewart, estratto dall’auto e trasportato celermente in ospedale, a Tony è stata diagnosticata la frattura di tibia e perone della gamba destra, infortunio che normalmente richiede tra i 4 e i 6 mesi di stop. Sicuramente il pilota della numero #14 in Sprint Cup Series sarà costretto a saltare il weekend di Watkins Glen, in programma la prossima domenica, per il quale non è ancora stato ufficializzato un pilota sostituto. Rimane il dato che in un’annata costellata in generale da infortuni più o meno gravi, si aggiunge il nome di Tony Stewart a quelli di coloro che, per un motivo o per un altro, si ritroveranno, in certi casi anche a sorpresa, estromessi dalla partecipazione alla Chase for the Sprint Cup Series.

NASCAR – Pocono, Gara: Kahne si avvicina alla Chase con una diffcile quanto meritata vittoria

kahne

A cura di Fabio Valente –

Nel giorno in cui potevano trionfare la cabala, nel segno di Jeff Gordon, oppure il dominatore assoluto della stagione in corso, nei panni di Jimmie Johnson, “The Tricky Triangle”, il Pocono Raceway regala una delle gare più frizzanti ed interessanti degli ultimi anni, regalando la Victory Lane al trentatreenne pilota dell’Hendrick MotorSports Kasey Kahne. La vittoria del pilota della vettura numero #5 è infatti arrivata nel giorno del quarantaduesimo compleanno di Jeff Gordon e contemporaneamente nel corso della quarantaduesima presenza dello stesso Jeff sul Pocono Raceway: i numeri hanno portato fortuna al cinque volte campione della NASCAR, portando l’altro alfiere del HMS ad un secondo posto insperato considerando il ritmo mai eccellente mostrato nel corso del weekend e la partenza dall’undicesima fila. Si ritrova a dover recriminare molto il capo classifica Jimmie Johnson, partito in testa con l’intenzione di dominare da capo a fondo ancora una volta la gara ma costretto ad arrendersi a causa di una delle numerose esplosioni degli pneumatici Goodyear nel corso della gara. L’incidente ha tolto JJ dalle prime posizioni della corsa, costringendo il pilota della vettura #48 ad una gara di rimonta che non ha però potuto regalargli nulla di meglio che una tredicesima posizione.

Già al primo dei 160 giri in programma la gara si è animata nel tipico stile NASCAR: Juan Pablo Montoya, complice una partenza piuttosto avventata, si è ritrovato ad essere causa della prima caution di giornata, coinvolgendo con sè nell’incidente anche l’incolpevole Ricky Stenhouse Jr., che non ha certo risparmiato commenti sarcastici all’indirizzo del pilota del team Ganassi. Pochi giri dopo è stato il turno di Denny Hamlin a ricevere nuovamente il bacio della cattiva sorte: il pilota dell’auto numero #11 ha scritto definitivamente la parola fine sulle proprie speranze di partecipare alla Chase con un incidente in solitaria contro le barriere di sicurezza del triovale di Pocono. Mentre a centro gruppo infuriavano battaglie e sorpassi conduceva in solitaria la gara Jimmie Johnson, talvolta impensierito dai fratelli Busch, talvolta avvicinato da Kahne o Keselowski.

L’idillio del cinque volte campione NASCAR veniva bruscamente interrotto dall’incidente di cui sopra parlato e la testa della corsa passava così tra le mani di Kasey Kahne. L’ultimo quarto di gara non ha riservato particolari sorprese, se si eccettua l’incidente causato, ancora una volta, da una fino a quel momento ottima Danica Patrick. La pilota sponsorizzata GoDaddy.com ha coinvolto gli incolpevoli Kvapil, Menard e Burton, costringendo tutti al rientro ai box anticipato. Il finale, con un restart a 3 giri dalla fine a seguito di un testacoda di Matt Kenseth, ha visto duellare per un paio di curve Kahne e Gordon, con il primo che è poi transitato in solitaria sul traguardo davanti allo stesso Gordon, a Kurt Busch, Ryan Newman e Dale Earnhardt Jr. A completare la top ten sono successivamente giunti nell’ordine Keselowski, Logano, Kyle Busch, Tony Stewart e Biffle.

Per quanto riguarda la classifica generale in vista della Chase for the Sprint Cup Series, Jimmie Johnson resta più che saldamente in testa con 77 punti di vantaggio su Bowyer e 84 su Carl Edwards. Grazie alla vittoria ottenuta oggi Kahne si porta in ottava posizione, mentre precipita in decima Greg Biffle.  Al momento i due lasciapassare per la Chase al di fuori della top ten restano tra le mani di Tony Stewart, undicesimo, e di Truex Jr., quattordicesimo. Continua a sperare Brad Keselowski, dodicesimo ma a soli 7 punti dalla top ten.

ORDINE DI ARRIVO DELLA GOBOWLING.COM 400

1 Kasey Kahne 5 Chevrolet 18 160 66
Position Up
Running 48/5
2 Jeff Gordon 24 Chevrolet 22 160 7
Position Up
Running 43/1
3 Kurt Busch 78 Chevrolet 5 160 9
Position Up
Running 42/1
4 Ryan Newman 39 Chevrolet 4 160 2
Position Up
Running 41/1
5 Dale Earnhardt Jr 88 Chevrolet 25 160 2
0
Running 40/1
6 Brad Keselowski 2 Ford 11 160 14
Position Up
Running 39/1
7 Joey Logano 22 Ford 6 160 0
Position Up
Running 37/0
8 Kyle Busch 18 Toyota 2 160 0
Position Up
Running 36/0
9 Tony Stewart 14 Chevrolet 20 160 3
0
Running 36/1
10 Greg Biffle 16 Ford 7 160 0
-2 Position Down
Running 34/0
11 Carl Edwards 99 Ford 3 160 0
0
Running 33/0
12 Marcos Ambrose 9 Ford 8 160 0
0
Running 32/0
13 Jimmie Johnson 48 Chevrolet 1 160 43
0
Running 32/1
14 Clint Bowyer 15 Toyota 16 160 0
0
Running 30/0
15 Martin Truex Jr 56 Toyota 26 160 7
-2 Position Down
Running 30/1
16 Jamie McMurray 1 Chevrolet 12 160 1
-1 Position Down
Running 29/1
17 Kevin Harvick 29 Chevrolet 14 160 0
0
Running 27/0
18 Mark Martin 55 Toyota 28 160 0
0
Running 26/0
19 Bobby Labonte 47 Toyota 33 160 0
0
Running 25/0
20 Aric Almirola 43 Ford 10 160 1
-1 Position Down
Running 25/1
21 David Ragan 34 Ford 30 160 1
Position Up
Running 24/1
22 Matt Kenseth 20 Toyota 24 160 1
-1 Position Down
Running 23/1
23 Dave Blaney 7 Chevrolet 32 160 3
Position Up
Running 22/1
24 Casey Mears 13 Ford 29 160 0
0
Running 20/0
25 J.J. Yeley 36 Chevrolet 36 160 0
0
Running 19/0
26 Travis Kvapil 93 Toyota 23 160 0
0
Running 18/0
27 Timmy Hill 32 Ford 41 158 0
Position Up
Running 17/0
28 Juan Pablo Montoya 42 Chevrolet 19 157 0
0
Running 16/0
29 Landon Cassill 40 Chevrolet 38 157 0
0
Running 0/0
30 David Stremme 30 Toyota 31 151 0
0
Running 14/0
31 David Reutimann 83 Toyota 35 141 0
-1 Position Down
Running 13/0
32 Paul Menard 27 Chevrolet 21 127 0
0
Running 12/0
33 AJ Allmendinger 51 Chevrolet 15 122 0
0
Brakes 11/0
34 Ricky Stenhouse Jr 17 Ford 17 113 0
0
Running 10/0
35 Danica Patrick 10 Chevrolet 34 110 0
-1 Position Down
Accident 9/0
36 Jeff Burton 31 Chevrolet 13 109 0
0
Accident 8/0
37 Joe Nemechek 87 Toyota 39 55 0
0
Accident 0/0
38 Tony Raines 33 Chevrolet 43 53 0
0
Brakes 0/0
39 David Gilliland 38 Ford 37 51 0
-1 Position Down
Accident 5/0
40 Michael McDowell 98 Ford 27 44 0
0
Brakes 4/0
41 Josh Wise 35 Ford 40 44 0
0
Brakes 0/0
42 Alex Kennedy 19 Toyota 42 22 0
Position Up
Vibration 2/0
43 Denny Hamlin 11 Toyota 9 14 0
0
Accident 1/0

CLASSIFICA GENERALE

1
Hendrick Motorsports
Jimmie Johnson
0 48 772 0 4 21 9 14 0
2
Michael Waltrip Racing
Clint Bowyer
0 15 695 77 0 21 7 11 1
3
Roush Fenway Racing
Carl Edwards
0 99 688 84 1 21 6 10 0
4
Richard Childress Racing
Kevin Harvick
0 29 675 97 2 21 5 11 2
5
Hendrick Motorsports
Dale Earnhardt Jr
0 88 656 116 0 21 5 12 2
6
Joe Gibbs Racing
Kyle Busch
Position Up 18 646 126 2 21 9 13 3
7
Joe Gibbs Racing
Matt Kenseth
-1 Position Down 20 638 134 4 21 5 11 3
8
Hendrick Motorsports
Kasey Kahne
Position Up 5 612 160 2 21 7 9 3
9
Hendrick Motorsports
Jeff Gordon
Position Up 24 602 170 0 21 5 9 5
10
Roush Fenway Racing
Greg Biffle
-2 Position Down 16 599 173 1 21 3 8 0
11
Stewart-Haas Racing
Tony Stewart
0 14 594 178 1 21 5 8 0
12
Penske Racing
Brad Keselowski
Position Up 2 592 180 0 21 6 10 1
13
Furniture Row Racing
Kurt Busch
Position Up 78 588 184 0 21 5 9 2
14
Michael Waltrip Racing
Martin Truex Jr
-2 Position Down 56 584 188 1 21 4 8 2
15
Stewart-Haas Racing
Ryan Newman
Position Up 39 575 197 1 21 4 10 5
16
Earnhardt Ganassi Racing
Jamie McMurray
-1 Position Down 1 566 206 0 21 1 5 0
17
Penske Racing
Joey Logano
Position Up 22 561 211 0 21 5 10 2
18
Richard Petty Motorsports
Aric Almirola
-1 Position Down 43 554 218 0 21 1 5 3

 

NASCAR – Pocono, Qualifiche: Jimmie Johnson continua nella sua incredibile marcia trionfale. Altra pole per JJ

jj

A cura di Fabio Valente –

Ad aggiudicarsi la pole position per la gara di domenica della serie NASCAR Sprint Cup Series è stato, come era facilmente prevedibile alla vigilia del weekend, il capo classifica e più volte campione Jimmie Johnson al volante della sua Chevrolet numero #48. JJ, questo il soprannome da anni affibbiatogli dai numerosi fans, ha abbassato il precedente record della pista con un giro stratosferico della durata di soli 49.819 secondi alla favolosa media di 180.654 miglia orarie. L’unico avversario ad avvicinare il suo tempo è stato il più giovane dei fratelli Busch, Kyle, che ha girato anch’egli sotto al vecchio giro veloce del tracciato, rimanendo staccato dal poleman per soli 4 millesimi di secondo e conquistando la possibilità di partire in prima fila insieme al veterano della categoria.

Alle spalle dei primi due si sono classificati Carl Edwards, che ha mostrato netti segni di ripresa nei vari turni di practice invertendo la tendenza delle ultime gare, Ryan Newman, galvanizzato dalla recente vittoria nella terra natìa di Indianapolis e Kurt Busch, fratello maggiore di Kyle. A completare la top 10 Joey Logano, Greg Biffle, Marcos Ambrose, Denny Hamlin e Aric Almirola. Più indietro gli altri protagonisti della serie quali Brad Keselowski, undicesimo, Jeff Gordon, ventiduesimo, Matt Kenseth e Dale Earnhardt Jr, rispettivamente ventiquattresimo e venticinquesimo.

La gara, la GoBowling.com 400, avrà luogo domenica sul triovale di Pocono, The Tricky Triangle, e partirà verso le 19 ora italiana. Il meteo previsto non è rassicurante e potrebbe costringere la corsa a subire variazioni e ritardi e posticipi.

ORDINE DI PARTENZA

1 Jimmie Johnson 48 Chevrolet Lowe’s Planes 180.654 49.819 Leader
2 Kyle Busch 18 Toyota M&M’s Peanut Butter 180.639 49.823 -0.004
3 Carl Edwards 99 Ford Fastenal 180.180 49.950 -0.131
4 Ryan Newman 39 Chevrolet Haas Automation 30th Anniversary 180.004 49.999 -0.180
5 Kurt Busch 78 Chevrolet Furniture Row Racing-Denver Mattress 179.695 50.085 -0.266
6 Joey Logano 22 Ford Shell-Pennzoil 179.601 50.111 -0.292
7 Greg Biffle 16 Ford 3M 179.533 50.130 -0.311
8 Marcos Ambrose 9 Ford Stanley 179.329 50.187 -0.368
9 Denny Hamlin 11 Toyota FedEx Office 179.144 50.239 -0.420
10 Aric Almirola 43 Ford GoBowling.com 179.094 50.253 -0.434
11 Brad Keselowski 2 Ford Redd’s Apple Ale 178.937 50.297 -0.478
12 Jamie McMurray 1 Chevrolet CESSNA 178.848 50.322 -0.503
13 Jeff Burton 31 Chevrolet FXI GutterClear365 178.667 50.373 -0.554
14 Kevin Harvick 29 Chevrolet Budweiser 178.508 50.418 -0.599
15 AJ Allmendinger 51 Chevrolet Phoenix Construction Services Inc. 178.501 50.420 -0.601
16 Clint Bowyer 15 Toyota Toyota Let’s Go Places 178.409 50.446 -0.627
17 Ricky Stenhouse Jr 17 Ford Zest 178.264 50.487 -0.668
18 Kasey Kahne 5 Chevrolet Farmers Insurance 178.260 50.488 -0.669
19 Juan Pablo Montoya 42 Chevrolet Target 178.056 50.546 -0.727
20 Tony Stewart 14 Chevrolet GoDaddy.com 178.031 50.553 -0.734
21 Paul Menard 27 Chevrolet Menards / Tarkett 177.982 50.567 -0.748
22 Jeff Gordon 24 Chevrolet Drive To End Hunger 177.658 50.659 -0.840
23 Travis Kvapil 93 Toyota Burger King / Dr. Pepper 177.592 50.678 -0.859
24 Matt Kenseth 20 Toyota The Home Depot / Husky 177.508 50.702 -0.883
25 Dale Earnhardt Jr 88 Chevrolet National Guard Youth Foundation 177.441 50.721 -0.902
26 Martin Truex Jr 56 Toyota NAPA Auto Parts 177.239 50.779 -0.960
27 Michael McDowell 98 Ford Phil Parsons Racing 177.221 50.784 -0.965
28 Mark Martin 55 Toyota Aaron’s Dream Machine 176.991 50.850 -1.031
29 Casey Mears 13 Ford GEICO 176.942 50.864 -1.045
30 David Ragan 34 Ford Taco Bell 176.838 50.894 -1.075
31 David Stremme 30 Toyota Widow Wax 176.821 50.899 -1.080
32 Dave Blaney 7 Chevrolet TBA 176.267 51.059 -1.240
33 Bobby Labonte 47 Toyota Scott Products 176.098 51.108 -1.289
34 Danica Patrick 10 Chevrolet GoDaddy.com 175.860 51.177 -1.358
35 David Reutimann 83 Toyota Burger King / Dr. Pepper 175.743 51.211 -1.392
36 J.J. Yeley 36 Chevrolet TBA 175.179 51.376 -1.557
37 David Gilliland 38 Ford Long John Silver’s 175.046 51.415 -1.596
38 Landon Cassill 40 Chevrolet Interstate Moving Services 174.886 51.462 -1.643
39 Joe Nemechek 87 Toyota TBA 174.095 51.696 -1.877
40 Josh Wise 35 Ford MDS Transport 173.695 51.815 -1.996
41 Timmy Hill 32 Ford OXY Water 172.068 52.305 -2.486
42 Alex Kennedy 19 Toyota Plinker Tactical/Hampton Inn Lehighton 168.900 53.286 -3.467
43 Tony Raines 33 Chevrolet LittleJoe’sAuto.com 166.790 53.960 -4.141

 

NASCAR – Indianapolis, Gara: In un weekend perfetto Ryan Newman conquista pole e vittoria

newman

A cura di Fabio Valente –

A sorpresa ad aggiudicarsi il prestigioso bacio di Indianapolis al termine dei 160 giri previsti sull’ovale dell’Indiana è stato il pilota del team Stewart-Haas Ryan Newman, al volante della vettura numero #39. Pochi giorni prima, Ryan aveva subito la doccia fredda da parte del team che gli ricordava i recenti insuccessi e le negative prestazioni dell’anno in corso invitandolo a trovarsi un lavoro per il 2014, poichè per lui non vi era più posto all’interno della squadra capitanata da Tony Stewart. Newman ha risposto alle critiche ed ai suoi avversari con una prestazione magnifica che lo ha visto comandare i vari turni di prove libere, vincere la pole position e conquistare il prestigioso trofeo del suo circuito di casa. “E’ stata la macchina migliore della mia vita” ha ammesso il pilota “non avrei potuto buttare al vento un’occasione simile.” E così è stato: grazie alla vittoria ottenuta domenica notte la lotta per la Chase for the Sprint Cup Series si allarga accogliendo, oltre a nomi quali quelli di Truex Jr., Kahne, McMurray, Keselowski, Almirola, Logano, Stenhouse e Ragan, anche Ryan Newman, ora a caccia di uno dei due lascia-passare delle wild-card.

La gara, caratterizzata da sole tre cautions, ha avuto due principali protagonisti: assieme al vincitore della corsa ha comandato il plotone per un cospicuo numero di tornate anche il capoclassifica e pluricampione Jimmie Johnson, giunto poi secondo al traguardo. Alle spalle dei due piloti più veloci del weekend si è piazzato un redivivo Kasey Kahne, che ritorna a fare capolino nella top five dopo le ultime deludenti prestazioni, e a seguire il compagno di squadra del vincitore, Tony Stewart e Matt Kenseth. A completare la top 10 sono transitati sul traguardo Earnhardt Jr., Gordon, Logano, Montoya e un deluso Kyle Busch, molto veloce sul circuito dell’Indiana e fresco vincitore della gara della categoria Nationwide corsasi il giorno prima.

In classifica generale resta saldamente al comando Jimmie Johnson con un vantaggio abissale sul pilota meglio piazzato alle sue spalle, ovvero Clint Bowyer, distante ben 75 punti. La terza posizione resta nelle mani di Carl Edwards, seguito da Kevin Harvick e da Dale Earnhardt Jr. A completare la top ten dei momentanei qualificati alla Chase della stagione in corso vi sono Matt Kenseth, Kyle Busch, Greg Biffle, Kasey Kahne e Jeff Gordon. Le due wild card sono al momento nelle mani di Tony Stewart e Martin Truex Jr, rispettivamente undicesimo e dodicesimo. Il primo degli esclusi è il nome importante del campione in carica Brad Keselowski, terdicesimo in classifica e possessore al momento di zero vittorie nell’annata in corso. In lotta con lui per ravvivare le speranze di gloria vi sono il maggiore dei fratelli Busch, il neovincitore Newman e il suo compagno di squadra Joey Logano. Prossimo appuntamento con la NASCAR Sprint Cup Series sul triovale di Pocono il 2 Agosto.

ORDINE DI ARRIVO DELLA BRICKYARD 400

1 Ryan Newman 39 Chevrolet 1 160 45
3 Position Up
Running 47/4
2 Jimmie Johnson 48 Chevrolet 2 160 73
0
Running 44/2
3 Kasey Kahne 5 Chevrolet 7 160 0
1 Position Up
Running 41/0
4 Tony Stewart 14 Chevrolet 5 160 0
2 Position Up
Running 40/0
5 Matt Kenseth 20 Toyota 13 160 0
0
Running 39/0
6 Dale Earnhardt Jr 88 Chevrolet 15 160 0
0
Running 38/0
7 Jeff Gordon 24 Chevrolet 9 160 11
2 Position Up
Running 38/1
8 Joey Logano 22 Ford 11 160 11
0
Running 37/1
9 Juan Pablo Montoya 42 Chevrolet 8 160 1
0
Running 36/1
10 Kyle Busch 18 Toyota 19 160 0
0
Running 34/0
11 Martin Truex Jr 56 Toyota 38 160 0
-1 Position Down
Running 33/0
12 Paul Menard 27 Chevrolet 23 160 1
1 Position Up
Running 33/1
13 Carl Edwards 99 Ford 3 160 1
0
Running 32/1
14 Kurt Busch 78 Chevrolet 6 160 0
0
Running 30/0
15 Jamie McMurray 1 Chevrolet 18 160 5
0
Running 30/1
16 Marcos Ambrose 9 Ford 10 160 0
0
Running 28/0
17 Aric Almirola 43 Ford 21 160 0
-1 Position Down
Running 27/0
18 Denny Hamlin 11 Toyota 4 160 4
0
Running 27/1
19 Kevin Harvick 29 Chevrolet 24 160 2
0
Running 26/1
20 Clint Bowyer 15 Toyota 17 160 1
0
Running 25/1
21 Brad Keselowski 2 Ford 12 160 5
-4 Position Down
Running 24/1
22 AJ Allmendinger 51 Chevrolet 14 160 0
0
Running 22/0
23 Mark Martin 55 Toyota 26 160 0
0
Running 21/0
24 Greg Biffle 16 Ford 27 159 0
0
Running 20/0
25 Ricky Stenhouse Jr 17 Ford 25 159 0
0
Running 19/0
26 Austin Dillon 33 Chevrolet 20 159 0
0
Running 0/0
27 Casey Mears 13 Ford 30 159 0
0
Running 17/0
28 Trevor Bayne 21 Ford 28 159 0
0
Running 0/0
29 David Reutimann 83 Toyota 31 158 0
1 Position Up
Running 15/0
30 Danica Patrick 10 Chevrolet 33 158 0
1 Position Up
Running 14/0
31 Travis Kvapil 93 Toyota 22 158 0
0
Running 13/0
32 Michael McDowell 98 Ford 35 157 0
1 Position Up
Running 12/0
33 Landon Cassill 40 Chevrolet 29 157 0
0
Running 0/0
34 David Ragan 34 Ford 36 157 0
0
Running 10/0
35 David Gilliland 38 Ford 42 157 0
-1 Position Down
Running 9/0
36 Bobby Labonte 47 Toyota 34 157 0
0
Running 8/0
37 Dave Blaney 7 Chevrolet 41 156 0
-1 Position Down
Running 7/0
38 Josh Wise 35 Ford 32 156 0
0
Running 0/0
39 J.J. Yeley 36 Chevrolet 39 156 0
0
Running 5/0
40 David Stremme 30 Toyota 37 151 0
0
Running 4/0
41 Joe Nemechek 87 Toyota 40 146 0
0
Running 0/0
42 Timmy Hill 32 Ford 43 121 0
0
Running 2/0
43 Jeff Burton 31 Chevrolet 16 110 0
-3 Position Down
Running 1/0

CLASSIFICA AGGIORNATA

1
Hendrick Motorsports
Jimmie Johnson
0 48 740 0 4 20 9 14 0
2
Michael Waltrip Racing
Clint Bowyer
0 15 665 75 0 20 7 11 1
3
Roush Fenway Racing
Carl Edwards
0 99 655 85 1 20 6 10 0
4
Richard Childress Racing
Kevin Harvick
0 29 648 92 2 20 5 11 2
5
Hendrick Motorsports
Dale Earnhardt Jr
0 88 616 124 0 20 4 11 2
6
Joe Gibbs Racing
Matt Kenseth
0 20 615 125 4 20 5 11 3
7
Joe Gibbs Racing
Kyle Busch
0 18 610 130 2 20 9 12 3
8
Roush Fenway Racing
Greg Biffle
0 16 565 175 1 20 3 7 0
9
Hendrick Motorsports
Kasey Kahne
1 Position Up 5 564 176 1 20 6 8 3
10
Hendrick Motorsports
Jeff Gordon
2 Position Up 24 559 181 0 20 4 8 5
11
Stewart-Haas Racing
Tony Stewart
2 Position Up 14 558 182 1 20 5 7 0
12
Michael Waltrip Racing
Martin Truex Jr
-1 Position Down 56 554 186 1 20 4 8 2
13
Penske Racing
Brad Keselowski
-4 Position Down 2 553 187 0 20 6 9 1
14
Furniture Row Racing
Kurt Busch
0 78 546 194 0 20 4 8 2
15
Earnhardt Ganassi Racing
Jamie McMurray
0 1 537 203 0 20 1 5 0
16
Stewart-Haas Racing
Ryan Newman
3 Position Up 39 534 206 1 20 3 9 5
17
Richard Petty Motorsports
Aric Almirola
-1 Position Down 43 529 211 0 20 1 5 3
18
Penske Racing
Joey Logano
0 22 524 216 0 20 5 9 2
19
Richard Childress Racing
Paul Menard
1 Position Up 27 520 220 0 20 0 4 1