Tag: carlos Huertas

F3

F3 inglese- Silverstone, gara1: Hat trick per James Calado

 

 

Pole, giro veloce, e vittoria in gara1 per il rookie Calado che estrae dal cilindro delle meraviglie la sua classe e la sua caparbietà. Sul nuovo circuito di Silverstone, il pilota di Carlin domina da inizio a fine una gara che, accorciata di un giro dall’incidente fra Nasr e Idafar, è anche la sua prima vittoria nella Serie. Già al secondo giro Calado aveva staccato il maggiore avversario, Webb, che dal canto suo non ha mai dato segni di cedimento, mostrando invece di poter riagganciare il leader nelle fasi centrali della corsa. Una battaglia a tratti accesa fra i due che ha permesso anche a Nakajima di mantenere il ritmo giusto per concludere poi a podio.

Dietro di lui, il lader di campionato Vergne che conclude davanti all’altro pilota Raikkonen-Robertson Racing, Carlos Huertas. Nella top ten anche Gutierrez, Dias, Jaafar, Buzaid e Svendsen- Cook, tutti davanti al più esperto ed atteso Sims.

Risultati gara1
1 - James Calado (Dallara-Volkswagen) - Carlin - 14 giri 27’01”234
2 - Oliver Webb (Dallara-Mercedes) - Fortec - 1”015
3 - Daisuke Nakajima (Dallara-Mercedes) - Raikkonen Robertson - 2”143
4 - Jean-Eric Vergne (Dallara-Volkswagen) - Carlin - 3”308
5 - Carlos Huertas (Dallara-Mercedes) - Raikkonen Robertson - 6”180
6 - Esteban Gutierrez (Dallara-Mercedes) - Art - 6”921.
7 - Jazeman Jaafar (Dallara-Volkswagen) - Carlin - 8”613
8 - Gabriel Dias (Dallara-Volkswagen) - Hitech - 9”448
9 - Adriano Buzaid (Dallara-Volkswagen) - Carlin - 10”852
10 - Rupert Svendsen-Cook (Dallara-Volkswagen) - Carlin - 16”711
11 - Alexander Sims (Dallara-Mercedes) - Art - 17”375
12 - William Buller (Dallara-Volkswagen) - Hitech - 18”336.
13 - Alex Brundle (Dallara-Volkswagen) - T-Sport - 21”100
14 - Lucas Foresti (Dallara-Volkswagen) - Carlin - 21”587
15 - Daniel McKenzie (Dallara-Mercedes) - Fortec - 24”205
16 - Jim Pla (Dallara-Mercedes) - Art - 32”698
17 - James Cole (Dallara-Mugen Honda) - T-Sport - 44”234
18 - Jay Bridger (Dallara-Mercedes) - Litespeed - 45”413.
19 - Max Snegirev (Dallara-Mercedes) - Fortec - 45”923
20 - Luiz Razia (Dallara-Mugen Honda) - West Tec - 49”808
21 - Rio Haryanto (Dallara-Mercedes) - Manor - 1’02”780
22 - Hywel Lloyd (Dallara-Mercedes) - Manor - 1’16”849
23 - Adderley Fong (Dallara-Mercedes) - Sino Vision - 1 giro
24 - Kevin Chen (Dallara-Mercedes) - Sino Vision - 1 giro.

Giro più veloce: James Calado 1’54”731

Ritirati

Menasheh Idafar
Felipe Nasr
F3

F3 inglese- Oulton Park, gara2-3: Svendsen-Cook, Vergne e Webb su tutti

 

È il momento dei rookie, letteralmente esplosi in tutta la loro classe in questa prima due giorni di gara a Oulton Park; dopo il successo e la conferma di Vergne (che vince anche gara3), arriva Rupert Svendsen-Cook aggiudicandosi in gara2 la sua primissima vittoria nella Serie britannica di F3. Grandissima partenza dalla seconda fila per il giovanissimo pilota Carlin che mantiene con una corposa prova di maturità la leadership e riesce ad aggiudicarsi la gara.

E dire che Nakajima e Dias erano partiti molto bene per poi annullare la propria gara troppo presto  a causa di una serie di fatali errori dovuti all’asfalto ancora non totalmente asciutto. Dias esce di pista e termina la sua corsa mentre il pilota giapponese del team Raikkonen- Robertson mantiene la posizione; Svendsen-Cook coglie al volo la chance, supera Nakajima e tiene il comando fino al traguardo. Doppietta per il team Double R grazie al terzo posto conquistato dal colombiano Huertas. Concludono al quarto e quinto posto Buzaid e Vergne, autori di una bellissima gara1.

Così al traguardo di gara2

1 – Rupert Svendsen-Cook (Dallara-Volkswagen) – Carlin – 20’08″175
2 – Daisuke Nakajima (Dallara-Mercedes) – Raikkonen – 0″658
3 – Carlos Huertas (Dallara-Mercedes) – Raikkonen – 3″168
4 – Adriano Buzaid (Dallara-Volkswagen) – Carlin – 3″618
5 – Jean-Eric Vergne (Dallara-Volkswagen) – Carlin – 4″500
6 – Jazeman Jaafar (Dallara-Volkswagen) – Carlin – 7″417
7 – Daniel McKenzie (Dallara-Mercedes) – Fortec – 7″916.
8 – Oliver Webb (Dallara-Mercedes) – Fortec – 8″240
9 – William Buller (Dallara-Volkswagen) – Hitech – 9″378
10 – Alex Brundle (Dallara-Volkswagen) – T Sport – 10″860
11 – James Calado (Dallara-Volkswagen) – Carlin – 11″006
12 – Jay Bridger (Dallara-Mercedes) – Litespeed – 12″355
13 – Menasheh Idafar (Dallara-Mugen) – T Sport – 20″228
14 – Felipe Nasr (Dallara-Mercedes) – Raikkonen – 23″420.
15 – Lucas Foresti (Dallara-Volkswagen) – Carlin – 23″975
16 – Max Snegirev (Dallara-Mercedes) – Fortec – 27″317
17 – Adderly Fong (Dallara-Mercedes) – Sino Vision – 1 giro
18 – Hywel Lloyd (Dallara-Mercedes) – CF/Manor – 3 giri

Out
4° giro – James Cole
6° giro – Gabriel Dias.

In gara3 si vedono le conferme di Vergne che si aggiudica la gara, di Webb che conquista di nuovo il podio con il secondo posto ed infine sul terzo gradino sale Svendsen-Cook. Una prima occasione ghiottissima per questi giovanissimi piloti che si presentano alla prima di campionato in piena forma e mostrando che la fiducia data loro dai rispettivi team è tutta molto ben riposta. Gara che dura soltanto quaranta minuti ma tutti di lotta intensa con Vergne che supera immediatamente Webb al primo giro (segnando poi anche il giro più veloce) aggiudicandosi due preziosi punti extra per il campionato e raggiungendo una doppietta di vittorie. Huertas permette invece la partenza ottima di Oli Webb che passa subito al secondo posto. Il pilota inglese insidia da vicino il francese di Carlin, ma il pupillo RedBull ha la meglio nel finale mente l’inglese riesce comunque a tenere dietro gli avversari.

Concludono nei primi sei anche Dias, Buzaid e Calado (autore di una rimonta magnifica dal quattordicesimo al sesto posto) ; nella top ten anche Alex Brundle in lotta fino all’ultimo con McKenzie.

1 – Jean-Eric Vergne (Dallara-Volkswagen) – Carlin – 39’00″158
2 – Oliver Webb (Dallara-Mercedes) – Fortec – 1″377
3 – Rupert Svendsen-Cook (Dallara-Volkswagen) – Carlin – 25″912
4 – Gabriel Dias (Dallara-Volkswagen) – Hitech – 26″893
5 – Adriano Buzaid (Dallara-Volkswagen) – Carlin – 27″544
6 – James Calado (Dallara-Volkswagen) – Carlin – 28″131
7 – Daisuke Nakajima (Dallara-Mercedes) – Raikkonen – 31″976.
8 – Jay Bridger (Dallara-Mercedes) – Litespeed – 40″341
9 – Alex Brundle (Dallara-Volkswagen) – T Sport – 42″837
10 – Daniel McKenzie (Dallara-Mercedes) – Fortec – 43″024
11 – William Buller (Dallara-Volkswagen) – Hitech – 46″059
12 – Carlos Huertas (Dallara-Mercedes) – Raikkonen – 46″428
13 – Jazeman Jaafar (Dallara-Volkswagen) – Carlin – 48″547
14 – Max Snegirev (Dallara-Mercedes) – Fortec – 1’04″443.
15 – Lucas Foresti (Dallara-Volkswagen) – Carlin – 1’16″562
16 – Adderly Fong (Dallara-Mercedes) – Sino Vision – 1’28″870
17 – James Cole (Dallara-Mugen) – T Sport – 1 giro

Out
15° giro – Felipe Nasr
0 giri – Menasheh Idafar.

Così la classifica di campionato
1.Vergne 50; 2.Webb 33; 3.Svendsen-Cook 30; 4.Buzaid 27; 5.Nakajima 19; 6.Huertas 18; 7.Dias 14; 8.Jaafar 8; 9.McKenzie 7; 10.Calado 6.

F3

F3 inglese- Oulton Park, gara1 : rookie al top

 

Dopo aver dominato nei test pre stagione, Jean-Eric Vergne si aggiudica la vittoria alla sua prima gara e porta il suo team, il Carlin, alle 100 vittorie in F3 britannica. Una serie di incidenti nel corso dei primi giri (coinvolti Calado e Lloyd) permette di mettere dietro gli avversari ed alle sue spalle Webb che a sua volta può lottare da vicino con il pilota francese, mantenendo poi la posizione per tutto il corso della gara e conquistando il podio. Buzaid, al terzo posto, ha il merito di superare il duo Huertas-Svendsen Cook che partiva davanti a lui dalla griglia e tenere con costanza il ritmo di gara. Promossi nella top ten Dias e McKenzie insieme ai rookie Jaafar e Buller.

Arrivo di gara1

1 – Jean-Eric Vergne (Dallara-Volkswagen) – Carlin – 19 giri 30’21″288
2 – Oliver Webb (Dallara-Mercedes) – Fortec – 2″491
3 – Adriano Buzaid (Dallara-Volkswagen) – Carlin – 5″797
4 – Carlos Huertas (Dallara-Mercedes) – Raikkonen – 9″698
5 – Rupert Svendsen-Cook (Dallara-Volkswagen) – Carlin – 11″164
6 – Daisuke Nakajima (Dallara-Mercedes) – Raikkonen – 12″572.
7 – Gabriel Dias (Dallara-Volkswagen) – Hitech – 15″741
8 – Jazeman Jaafar (Dallara-Volkswagen) – Carlin – 16″942
9 – Daniel McKenzie (Dallara-Mercedes) – Fortec – 17″771
10 – William Buller (Dallara-Volkswagen) – Hitech – 20″105
11 – Menasheh Idafar (Dallara-Mugen) – T Sport – 26″259
12 – James Cole (Dallara-Mugen) – T Sport – 33″714.
13 – Max Snegirev (Dallara-Mercedes) – Fortec – 34″159
14 – Hywel Lloyd (Dallara-Mercedes) – CF/Manor – 34″800
15 – Alex Brundle (Dallara-Volkswagen) – T Sport – 35″428
16 – Adderley Fong (Dallara-Mercedes) – Sino Vision – 42″381
17 – Lucas Foresti (Dallara-Volkswagen) – Carlin – 1 giro
18 – Jay Bridger (Dallara-Mercedes) – Litespeed – 2 giri.

Giro più veloce: Jean-Eric Vergne 1’29″073

Ritirati
3° giro – James Calado
7° giro – Felipe Nasr

Così alla partenza di gara 1

1.Jean-Eric Vergne (Dallara-Volkswagen) – Carlin – 1’28″751
2.Carlos Huertas (Dallara-Mercedes) – Raikkonen – 1’29″028
3.Oli Webb (Dallara-Mercedes) – Fortec – 1’29″044
4.Rupert Svendsen-Cook (Dallara-Volkswagen) – Carlin – 1’29″104
5.Jay Bridger (Dallara-Mercedes) – Litespeed – 1’29″272
6.Gabriel Dias (Dallara-Volkswagen) – Hitech – 1’29″495.
7.Adriano Buzaid (Dallara-Volkswagen) – Carlin – 1’29″549
8.Hywel Lloyd (Dallara-Mercedes) – CF/Manor – 1’29″843
9.Daisuke Nakajima (Dallara-Mercedes) – Raikkonen – 1’30″010
10.Alex Brundle (Dallara-Volkswagen) – T Sport – 1’30″049.
11.William Buller (Dallara-Volkswagen) – Hitech – 1’30″066
12.Jazeman Jarfar (Dallara-Volkswagen) – Carlin – 1’30″126
13.Daniel McKenzie (Dallara-Mercedes) – Fortec – 1’30″452
14.James Calado (Dallara-Volkswagen) – Carlin – 1’31″097
15.Menasheh Idafar (Dallara-Mugen) – T Sport – 1’31″277
16.James Cole (Dallara-Mugen) – T Sport – 1’31″559.
17.Max Snegirev (Dallara-Mercedes) – Fortec – 1’31″803
18.Adderley Fong (Dallara-Mercedes) – Sino Vision – 1’32″921
19.Lucas Foresti (Dallara-Volkswagen) – Carlin – 1’33″408
20.Felipe Nasr (Dallara-Mercedes) – Raikkonen – no time

F3

F3 inglese- Brands Hatch, gara2: finalmente Chilton

 

 

 

5868brands hatch gara2 1st win

 

 

Sul circuito di Brands Hatch, all’ultima gara della stagione, la vittoria arriva anche per Max Chilton, da tre anni in F3 e che, nel corso di quest’anno, ha realizzato sempre buone prestazioni soprattutto in qualifica e che spesso e volentieri ha raggiunto il podio.

Partito dalla prima fila, il pilota britannico, con un sorpasso all’esterno beffa il compagno di squadra e campione della Serie. Ricciardo scivola in quarta posizione e tocca a Chilton costruire tutto il vantaggio sugli inseguitori e poter mantenere il margine per la vittoria.

Ma contro di lui si mettono gli eventi quando, dopo soli quattro giri, in seguito alla collisione fra Snegirev e Quing Ha, entra in pista la safety car e per Chilton è tutto da rifare. Ma alla ripartenza si fa trovare pronto e riguadagna spazio fino alla meritata vittoria tanto attesa.

Alle sue spalle Christodoulou e la “new” entry Marcus Ericsson completano il podio, seguiti da Ricciardo che questa volta si deve accontentare.

I distacchi dietro di loro sono notevoli e a combattere per le posizioni sono Arundel, Nakajima, Grubmuller, Buzaid e Boyd seguiti da Huertas.

 

Si confermano così in questo finale di stagione i valori in campo e si attendono le riconferme in vista della prossima stagione dopo un’annata di lotta a tre fra Ricciardo, Grubmuller e Van der Zande che ha permesso però di scoprire anche con piacere numerosi nuovi giovani e talenti.

Così al traguardo:

1.  Max Chilton         Carlin     D/V   31m16.848s
 2.  Riki Christodoulou  Fortec     D/M     + 0.967s
 3.  Marcus Ericsson     Double R   D/M     + 2.552s
 4.  Daniel Ricciardo    Carlin     D/V     + 3.576s
 5.  Henry Arundel       Carlin     D/V    + 14.887s
 6.  Walter Grubmuller   Hitech     D/M    + 15.303s
 7.  Daisuke Nakajima    Double R   D/M    + 15.794s
 8.  Wayne Boyd          T-Sport    D/V    + 16.462s
 9.  Adriano Buzaid      T-Sport    D/V    + 21.750s
10.  Carlos Huertas      Double R   D/M    + 22.003s
11.  Victor Garcia       Fortec     D/M    + 22.522s
12.  Gabriel Dias        T-Sport    D/H    + 30.613s
13.  Jay Bridger         Litespeed  M/H    + 31.073s
14.  Philip Major        Carlin     D/V    + 31.642s
15.  Daniel McKenzie     Fortec     D/H    + 41.465s
16.  Joe Ghanem          Carlin     D/H    + 59.614s
17.  Victor Correa       Litespeed  S/H  + 1m02.655s
 
Ritirati:
 
     Maxim Snegirev      West-Tec   D/H  4 laps
     Qinghua Ma          West-Tec   D/H  0 laps
     Hywel Lloyd         CF         D/H  0 laps
 
F3

F3 inglese- Brands Hatch, gara1: Ricciardo non è sazio, Ericsson c’è

 

 

 

4139

 

 

La conferma che per i campioni ogni vittoria non è mai solo una formalità ma una sfida nuova gara per gara contro se stessi e contro ogni avversario, viene da questa performance di Ricciardo che, ormai leader e campione della Serie britannica di F3, non ci pensa due volte per portare  a casa ancora un primo posto.

Il pilota australiano non si lascia sfuggire la possibilità di dominare il suo flag to flag nella penultima gara di un campionato che lo ha visto trionfare molte volte. Mai sazio, conquista gara1, supera il record segnato da Laguersuari nel 2008 e si lascia alle spalle il compagno di squadra Chilton con un imponente ed abbondante margine di 15.531.

Per Max Chilton colpo di scena quando, proprio alla partenza, dai freni anteriori della sua vettura su sprigiona un fumo copioso che rallenta anche se non di molto le procedure di partenza. Presa visione dell’accaduto, i commissari decidono affinchè la gara cominci senza incidenti ulteriori. Il pilota inglese, che nel corso della gara non accusa ulteriori inconvenienti, si deve però difendere da Christodoulu che si conferma pilota roccioso e tenace (prima vittoria conquistata a Snetterton) conquistando il terzo gradino del podio.

Ma non è da meno l’incomodo outsider svedese Marcus Ericsson, che, di ritorno dal campionato F3 giapponese, con il team Raikkonen-Robertson per un altro appuntamento inglese, non fa attendere una performance al livello e rimane negli scarichi dei due avversari fino a fine gara seminando gli inseguitori guidati da Grubmuller che alla partenza brucia il duo Huertas-Nakajima.

Buona gara per il colombiano che chiude al sesto posto mentre Nakajima è costretto al ritiro; Buzai coglie al volo la possibilità di guadagnare punti approfittando del contatto fra Major e Boyd che tuttavia conclude ottavo dopo aver sostituito il musetto della sua vettura.

F3

F3 inglese- Brands Hatch, qualifiche: Ricciardo non si adagia

 

 

 

 

5610titolo

 

Nessuna tensione per il neo campione di F3 britannica, Daniel Ricciardo, che, conquistato il titolo nell’appuntamento di Portimao, punta alla vittoria anche al ritorno su circuiti inglesi. Per lui pole a Brands Hatch dopo un dominio incondizionato. Torna anche Marcus Ericsson con la terza vettura del team Raikkonen-Robertson e si piazza subito al quarto posto. Secondo Chilton e terzo Christodoulu che conferma la sua performance positiva in questa stagione. Quinto e sesto posto per Huertas e Nakajima che fanno meglio di Grubmuller. Decimo e undicesimo Buzaid e Boyd che si confermano tra i protagonisti della Serie. Ottima prestazione per Major che conquista l’ottavo posto in griglia.

1. Daniel Ricciardo Carlin D/V 1m17.207s

2. Max Chilton Carlin D/V 1m17.518s + 0.311s

 3. Riki Christodoulou Fortec D/M 1m17.745s + 0.538s

4. Marcus Ericsson Double R D/M 1m17.779s + 0.572s

5. Carlos Huertas Double R D/M 1m17.840s + 0.633s

6. Daisuke Nakajima Double R D/M 1m18.017s + 0.810s

 7. Walter Grubmuller Hitech D/M 1m18.057s + 0.850s

8. Philip Major Carlin D/V 1m18.207s + 1.000s

9. Henry Arundel Carlin D/V 1m18.263s + 1.056s

 10. Adriano Buzaid T-Sport D/V 1m18.334s + 1.127s

11. Wayne Boyd T-Sport D/V 1m18.508s + 1.301s

12. Victor Garcia Fortec D/M 1m18.631s + 1.424s

13. Gabriel Dias T-Sport D/H 1m18.903s + 1.696s

 14. Jay Bridger Litespeed M/H 1m19.073s + 1.866s

15. Hywel Lloyd CF D/H 1m19.387s + 2.180s

16. Joe Ghanem Carlin D/H 1m20.421s + 3.214s

17. Daniel McKenzie Fortec D/H 1m20.499s + 3.292s

18. Maxim Snegirev West-Tec D/H 1m21.414s + 4.207s

19. Victor Correa Litespeed S/H 1m21.708s + 4.501s

20. Qinghua Ma West-Tec D/H 1m22.901s + 5.694s

 

Così in qualifica 2; per Ricciardo il successo è assicurato. Si confermano Ericsson, Chilton e Christodoulu.

1.  Daniel Ricciardo    Carlin     D/V  1m17.151s
 2.  Max Chilton         Carlin     D/V  1m17.196s  + 0.045s
 3.  Riki Christodoulou  Fortec     D/M  1m17.852s  + 0.701s
 4.  Marcus Ericsson     Double R   D/M  1m17.895s  + 0.744s
 5.  Daisuke Nakajima    Double R   D/M  1m18.079s  + 0.928s
 6.  Henry Arundel       Carlin     D/V  1m18.117s  + 0.966s
 7.  Walter Grubmuller   Hitech     D/M  1m18.122s  + 0.971s
 8.  Carlos Huertas      Double R   D/M  1m18.144s  + 0.993s
 9.  Adriano Buzaid      T-Sport    D/V  1m18.151s  + 1.000s
10.  Wayne Boyd          T-Sport    D/V  1m18.477s  + 1.326s
11.  Philip Major        Carlin     D/V  1m18.607s  + 1.456s
12.  Victor Garcia       Fortec     D/M  1m18.757s  + 1.606s
13.  Hywel Lloyd         CF         D/H  1m19.042s  + 1.891s
14.  Jay Bridger         Litespeed  M/H  1m19.629s  + 2.478s
15.  Gabriel Dias        T-Sport    D/H  1m19.844s  + 2.693s
16.  Daniel McKenzie     Fortec     D/H  1m20.407s  + 3.256s
17.  Joe Ghanem          Carlin     D/H  1m20.538s  + 3.387s
18.  Victor Correa       Litespeed  S/H  1m21.747s  + 4.596s
19.  Maxim Snegirev      West-Tec   D/H  1m21.929s  + 4.778s
20.  Qinghua Ma          West-Tec   D/H  1m22.337s  + 5.186s
F3

F3 inglese- A Portimao sbanca tutto Bianchi; titolo per Ricciardo

5596

 Molto buona la performance di Bianchi che raggiunge il gradino alto del podio per la sua doppietta personale anche nell’appuntamento della serie britannica a Portimao.

Il francese di Art mette a segno colpi preziosi e si mette in vista davanti al pubblico mentre i contendenti al titolo sono costretti ad accontentarsi di performance meno appariscenti.

Con Art in gara 1 arriva secondo Gutierrez, poi quinto in gara2; ritorna Bird, autore di un’ottima seconda gara ma molti sono anche gli incidenti che coinvolgono alcuni dei protagonisti.

Fine settimana da dimenticare per Valtteri Bottas che in gara1, dopo essere scattato in terza posizione ed aver mantenuto il vantaggio e la pressione su Ricciardo, resta coinvolto in un contatto con Bird. In gara2 subito al via è tra i piloti eliminati per l’incidente innescato alla partenza.

Con lui anche Merhi esce nel primo appuntametno di Portimao mentre Ricciardo arriva terzo.

Basta un settimo posto in gara2 per vedere da vicino il titolo di categoria.

 

E se Ricciardo è in grado di agguantare il titolo anche con l’ala anteriore danneggiata, Van der Zande non fa meglio della quarta posizione nonostante un fine settimana autorevole e la conferma delle sue qualità e doti.

Numerosi i nomi illustri messi fuori gioco in questo fine settimana portoghese. Insieme a Bottas e Merhi anche Boyd e Buzaid non trovano il traguardo in gara2.

 

 

Note di merito per Chilton e Huertas, sul podio e a punti a ridosso dei primi.

 

Ordine di arrivo di gara1

 

1.  Jules Bianchi         ART             D/M  30m14.666s
 2.  Esteban Gutierrez     ART             D/M   +  2.168s
 3.  Daniel Ricciardo      Carlin          D/V   +  4.437s
 4.  Renger van der Zande  Hitech          D/M   +  4.445s
 5.  Carlos Huertas        Double R        D/M   +  4.929s
 6.  Max Chilton           Carlin          D/V   +  5.670s
 7.  Riki Christodoulou    Fortec          D/M   +  6.613s
 8.  Adrien Tambay         ART             D/M   + 15.437s
 9.  Pedro Enrique         Manor           D/M   + 15.964s
10.  Hywel Lloyd           CF              D/H   + 16.917s
11.  Philip Major          Carlin          D/V   + 18.474s
12.  Walter Grubmuller     Hitech          D/M   + 19.738s
13.  Jay Bridger           Litespeed       M/H   + 22.946s
14.  Daniel McKenzie       Fortec          D/H   + 28.513s
15.  Joe Ghanem            Carlin          D/H   + 36.709s
16.  Kevin Chen            Double R        D/M   + 41.508s
17.  Gabriel Dias          T-Sport         D/H   + 45.164s
18.  Victor Correa         Litespeed       S/H   + 45.870s
19.  Max Snegirev          West-Tec        D/H   + 46.715s
20.  Victor Garcia         Fortec          D/M   +  2 laps
21.  Stephane Richelmi     Barazi-Epsilon  D/M   +  2 laps

Ritirati:

     Adriano Buzaid        T-Sport         D/V  12 laps
     Satrio Hermanto       Litespeed       S/H  7 laps
     Wayne Boyd            T-Sport         D/V  6 laps
     Henry Arundel         Carlin          D/V  6 laps
     Sam Bird              Fortec          D/M  3 laps
     Valtteri Bottas       ART             D/M  2 laps
     Daisuke Nakajima      Double R        D/M  2 laps
     Roberto Merhi         Manor           D/M  2 laps
     Mathieu Maurage       West-Tec        D/H  0 laps
Ordine di arrivo di gara2
 1.  Jules Bianchi         ART             D/M  31m35.286s
 2.  Sam Bird              Fortec          D/M   +  4.666s
 3.  Max Chilton           Carlin          D/V   +  6.059s
 4.  Carlos Huertas        Double R        D/M   +  8.904s
 5.  Esteban Gutierrez     ART             D/M   + 11.334s
 6.  Adriano Buzaid        T-Sport         D/V   + 17.957s
 7.  Daniel Ricciardo      Carlin          D/V   + 18.747s
 8.  Henry Arundel         Carlin          D/V   + 19.544s
 9.  Hywel Lloyd           CF              D/H   + 19.723s
10.  Adrien Tambay         ART             D/M   + 20.332s
11.  Jay Bridger           Litespeed       M/H   + 21.244s
12.  Renger van der Zande  Hitech          D/M   + 21.496s
13.  Daisuke Nakajima      Double R        D/M   + 21.817s
14.  Gabriel Dias          T-Sport         D/H   + 23.244s
15.  Stephane Richelmi     Barazi-Epsilon  D/M   + 24.516s
16.  Daniel Mckenzie       Fortec          D/H   + 25.432s
17.  Wayne Boyd            T-Sport         D/V   + 29.778s
18.  Kevin Chen            Double R        D/M   + 43.900s
19.  Mathieu Maurage       West-Tec        D/H   + 47.867s
20.  Walter Grubmuller     Hitech          D/M   + 47.874s
21.  Victor Correa         Litespeed       S/H   + 48.548s
22.  Max Snegirev          West-Tec        D/H   +   1 lap
Ritirati:

     Philip Major          Carlin          D/V  12 laps
     Pedro Enrique         Manor           D/M  10 laps
     Victor Garcia         Fortec          D/M  7 laps
     Valtteri Bottas       ART             D/M  2 laps
     Roberto Merhi         Manor           D/M  1 laps
     Joe Ghanem            Carlin          D/M  0 laps
     Riki Christodoulou    Fortec          D/H  0 laps
Per la serie nazionale il titolo va a McKenzie. In evidenza
i rookies Huertas, Boyd, Buzaid, Dias e Christodoulu.
F3

F3 inglese-Silverstone, gara2: la risposta di Van der Zande

 

 

358

 

 

Renger van der Zande mette a segno la  vittoria in gara2 in risposta al leader di campionato Ricciardo e mostra a tutti che la corsa per il titolo, sebbene in salita, ha anche lui fra i protagonisti.

Il poleman  Daisuke Nakajima parte bene e mantiene la leadership chiudendo ogni accesso a Chilton ma di fatto favorendo la rimonta di Van der Zande capace a sua volta di superare il pilota giapponese nei primi giri prendendo così la testa della corsa.

Nakajima, dal canto suo, dopo il duello con l’olandese, mantiene con successo la seconda posizione, realizzando punti importanti e un podio meritato, e mostrando la sua abilità nel chiudere ogni spazio ed ogni attacco di Chilton. Il pilota inglese sarà poi relegato, in seguito ad un contatto proprio con Nakajima, in settima posizione.

Contrariamente a quanto ci si sarebbe attesi dopo il successo di gara1, Ricciardo nella seconda gara sul circuito di Silverstone appare in difficoltà dopo una partenza non brillante e non fosse stato per gli errori dei piloti che lo avevano preceduto in griglia forse non sarebbe giunto a podio. Al pilota australiano riesce anche di fronteggiare gli attacchi del rivale diretto, Grubmuller e mettersi alle spalle anche l’altro pilota del team Double R, Huertas autore di un’ottima partenza passando da ottavo a sesto al primo giro e approfittando dell’errore di Chilton giunge quinto al traguardo.

Christodoulou non riesce a superare il pilota colombiano e si deve accontentare del sesto posto.

 

Ordine di arrivo di gara2

1. Renger van der Zande    Hitech           D/M      29m39.462s
 2. Daisuke Nakajima        Double R         D/M        +11.197s
 3. Daniel Ricciardo        Carlin           D/V        +12.432s
 4. Walter Grubmuller       Hitech           D/M        +12.724s
 5. Carlos Huertas          Double R         D/M        +17.878s
 6. Riki Christodoulou      Fortec           D/M        +18.300s
 7. Max Chilton             Carlin           D/V        +18.808s
 8. Wayne Boyd              T-Sport          D/V        +20.560s
 9. Henry Arundel           Carlin           D/V        +21.298s
10. Victor Garcia           Fortec           D/M        +21.379s
11. Hywel Lloyd             CF               D/H        +21.955s
12. Adriano Buzaid          T-Sport          D/V        +25.383s
13. Philip Major            Carlin           D/V        +25.830s
14. Gabriel Dias            T-Sport          D/H        +36.701s
15. Stephane Richelmi       Barazi Epsilon   D/M        +40.459s
16. Daniel McKenzie         Fortec           D/H        +41.334s
17. Victor Correa           Litespeed        S/H      +1m00.244s
18. Kevin Chen              Double R         D/M      +1m01.443s
19. Jay Bridger             Litespeed        M/M      +1m01.685s
20. Michele Faccin          West-Tec         D/H      +1m03.335s
21. Satrio Hermanto         Litespeed        S/C      +1m19.794s
22. Maxim Snegirev          West-Tec         D/H          +1 lap

F3

F3 inglese- Donington gara2: Boyd, il talento viene dall’Ulster

 

 

941_0

 

 

Il rookie Wayne Boyd, campione di F.Ford inglese, vince la sua prima gara in F3 sul circuito di Donington e mostra a tutti di che pasta è fatto. Un talento cristallino e sangue freddo che gli hanno permesso di arrivare in testa ad una gara quanto mai convulsa e difficile e siglare la doppietta grazie all’ottima prestazione del compagno di squadra, l’altro giovane talento Adriano Buzaid.

Se il tempo ha deciso di graziare i piloti nella prima gara, gara due parte invece asciutta (con tutti i piloti in pista con le slick fin dalla partenza) ma ben presto la pioggia si fa vedere all’orizzonte e impone il suo marchio. Entra la safety car e le condizioni si fanno difficili con la pioggia battente.

Il diciottenne che viene dall’Ulster inizia sotto la pioggia la sua trionfale risalita. Dopo un iniziale nono posto con tanto di escursione sull’erba alla partenza, Boyd è decimo e, appena ae gomme vanno in temperatura, inizia anche la rimonta.

Nelle prime battute, con pista asciutta, leader della gara è Ricciardo, davanti a Buzaid e Van Der Zande, seguiti da Grubmuller, ma i colpi di scena sono in agguato. Il pilota australiano ha la peggio quando resta invischiato nella lotta fra Buzaid e Van der Zande, perdendo diverse posizioni.

Boyd, nel frattempo, con pista bagnata e sotto la pioggia, sembra avere trovato la migliore forma. Da decimo a sesto, il pilota TSport supera anche Ricciardo, Chilton e Huertas mentre al quindicesimo giro sono Grubmuller e Buzaid le vittime dell’implacabile Boyd, autore di due mirabili sorpassi, il primo alla Redgate, il secondo alla Coppins. Ora nel mirino c’è solo Van Der Zande, penalizzato con un drive trough per aver innescato l’incidente con Ricciardo; Boyd si mette in scia e compie il sorpasso decisivo di nuovo alla Redgate.

Boyd sigla così l’1-2 con Buzaid, prima doppietta per Tsport e prima vittoria per il rookie ulsteriano. Completa il podio Grubmuller, seguito da Huertas autore di una rocciosa prestazione sotto la pioggia.

Il pilota austriaco guadagna altri punti preziosi per la lotta al titolo e si avvicina pericolosamente a Ricciardo.

 

Così all’arrivo

 

1  INT  Wayne Boyd/GBR, T-Sport Dallara-Volkswagen, 30m 13.649s / 93.24mph

2  INT  Adriano Buzaid/BRA, T-Sport Dallara-Volkswagen, +6.082s

3  INT  Walter Grubmüller/AUT, Hitech Dallara-Mercedes, +7.362s

4  INT  Carlos Huertas/COL, RR Dallara-Mercedes, +8.308s

5  INT  Daniel Ricciardo/AUS, Carlin Dallara-Volkswagen, +10.452s

6  INT  Henry Arundel/GBR, Carlin Dallara-Volkswagen, +11.994s

7  INT  Max Chilton/GBR, Carlin Dallara-Volkswagen, +13.462s

8  INT  Jay Bridger/GBR, Litespeed Mygale-Mugen Honda, +14.168s

9  INT  Daisuke Nakajima/JPN, RR Dallara-Mercedes, +15.305s

10  INT  Riki Christodoulou/GBR, Fortec Dallara-Mercedes, +16.503s

11  INT  Hywel Lloyd/GBR, CF Racing Dallara-Mugen Honda, +24.226s

12  NAT  Daniel McKenzie/GBR, Fortec Dallara-Mugen Honda, +30.017s

13  INT  Renger van der Zande/NED, Hitech Dallara-Mercedes, +32.936s

14  NAT  Gabriel Dias/BRA, T-Sport Dallara-Mugen Honda, +45.035s

 

Ritirati

 

NAT  Victor Correa/BRA, Litespeed-Mugen Honda, 19 laps

INT  Dominic Storey/NZL, RR Dallara-Mercedes, 15 laps

NAT  Max Snegirev/RUS, West-Tec Dallara-Mugen Honda, 13 laps

INT  Philip Major/CDN, Carlin Dallara-Volkswagen, 3 laps

INT  Victor Garcia/ESP, Fortec Dallara-Mercedes, 2 laps

 

Giro veloce

 

INT Ricciardo 1m 04.596s / 109.08mph

NAT Dias 1m 06.577s / 105.83mph

, dry laps, pursued by Buzaid and the Hitech cars of Renger van der Zande and Walter Grubmuller. But at the completion of a two-lap safety car period, caused by the need to rescue a stranded car from the track, Ricciardo was hijacked by van der Zande and Buzaid through McLeans corner, and the Australian spun back to seventh, just ahead of Boyd, who had recovered well from a grassy moment on the opening lap and who was revelling in the increasingly damp conditions.

 

 

 

 

 

 

E.M.

Championship leader Daniel Ricciardo led the way from the pole in the early, dry laps, pursued by Buzaid and the Hitech cars of Renger van der Zande and Walter

F3

F3 inglese- Grubmuller e Van Der Zande, coppia da battere

 45281

 

 

 

Walter Grubmuller continua l’alternanza trionfale con il compagno di squadra Renger Van Der Zande, che, dopo aver conquistato la pole per gara1, finisce alle spalle del pilota austriaco.

Dopo la leggera pioggia scesa in mattinata, tutti i piloti si sono schierati in pista con le slick dal momento che in alcuni punti già alla partenza l’asfalto si presentava asciutto ed è migliorato nel corso della gara. Grubmuller, partito dalla seconda posizione riesce subito al via a sopravanzare il compagno di squadra, prendendo la leadership della gara che non mollerà fino alla fine, sempre seguito da Van Der Zande.

L’intervento della safetycar  a metà gara permette la rimonta di Ricciardo, che, dopo una prima parte di gara difficile (era scivolato in settima posizione), aggancia il duo di testa e segna il giro veloce senza però riuscire a scalfire i due piloti Hitech.

Ottima gara per Huertas, terzo per buona parte della gara ma anch’egli vittima della rimonta tutta forza e carattere di Ricciardo.

Continua inoltre la buona stagione di Buzaid, oggi quinto, autore di una prestazione rocciosa ed autorevole alle prese con Chilton e Ricciardo. Seguono Christodoulu, Nakajima, Bridger (a suo agio nelle sue prime gare Euro Series con Litespeed) e il rookie Boyd.

1.  Walter Grubmuller     Hitech     D/M  30m28.106s

 2.  Renger van der Zande  Hitech     D/M   +  0.656s
 3.  Daniel Ricciardo      Carlin     D/V   +  1.182s
 4.  Carlos Huertas        Double R   D/M   +  6.660s
 5.  Adriano Buzaid        T-Sport    D/V   +  9.882s
 6.  Max Chilton           Carlin     D/V   + 11.245s
 7.  Riki Christodoulou    Fortec     D/M   + 12.479s
 8.  Daisuke Nakajima      Double R   D/M   + 13.097s
 9.  Jay Bridger           Litespeed  M/M   + 17.760s
10.  Wayne Boyd            T-Sport    D/V   + 20.692s
11.  Victor Garcia         Fortec     D/M   + 21.419s
12.  Daniel McKenzie       Fortec     D/H   + 21.807s
13.  Henry Arundel         Carlin     D/V   + 22.131s
14.  Dominic Storey        Double R   D/M   + 28.668s
15.  Philip Major          Carlin     D/V   + 29.346s
16.  Hywel Lloyd           CF         D/H   + 31.903s
17.  Victor Correa         Litespeed  S/H   + 47.543s
18.  Gabriel Dias          T-Sport    D/H   +  5 laps
 
Retirements:
 
     Maxim Snegirev        West-Tec   D/H   21 laps