Tag: huff

Wtcc – Macao, Gara 1 e 2: a segno Muller e Menu, Robert Huff è campione

a cura di Marco Borgo

Cambio al vertice del FIA WTCC. Il bicampione Yvan Muller ha dovuto cedere lo scettro al compagno di squadra Robert Huff, che ha colto il successo in un week end di Macao partito in maniera difficoltosa. L’inglese in gara 1 era subito uscito di pista, vedendo la vittoria ad appannaggio proprio dell’alsaziano Muller che quindi recuperava in classifica.

Nella seconda corsa Huff ha chiuso in seconda posizione dietro ad Alain Menu, terzo pilota ufficiale della squadra americana che nonostante l’ennesimo bottino pieno ha da tempo ufficializzato l’uscita dal campionato del mondo. La matematica ha quindi dato ragione all’inglese, che ha potuto così scrivere finalmente il suo nome nell’albo d’oro della serie FIA.

Terzo gradino del podio in gara 1 per Tiago Monteiro, pilota portoghese che sta portando al debutto la Honda nel Wtcc in vista dell’impegno ufficiale della casa giapponese a partire dalla prossima stagione. Sempre in gara 1 l’italiano Gabriele Tarquini ha chiuso in scia al suo futuro compagno di squadra, mentre nella seconda corsa non ha visto la bandiera a scacchi.

Macao, Gara 1 (top 10)

 1. Yvan Muller – Chevrolet Cruze – 9 giri
2. Alain Menu – Chevrolet Cruze – 0.915
3. Tiago Monteiro – Honda – 1.297
4. Gabriele Tarquini – Seat Leon – 1.967
5. Darryl O’young – Chevrolet Cruze – 11.519
6. Tom Coronel – Bmw – 55.136
7. Franz Engstler – Bmw – 1’04.037
8. Fredy Barth – Seat Leon – 1’09.730
9. Alex Macdowall – Chevrolet Cruze – 1’16.524
10. Tom Boardman – Seat Leon – 1’22.194

Macao, Gara 2 (top 10)

1. Alain Menu – Chevrolet Cruze – 11 giri
2. Rob Huff – Chevrolet Cruze – 0.320
3. Yvan Muller – Chevrolet Cruze – 0.889
4. Tiago Monteiro – Honda – 9.015
5. Darryl O’Young – Chevrolet Cruze – 9.786
6. Franz Engstler – BMW – 10.127
7. Aleksei Dudukalo – Seat Leon – 11.024
8. Fredy Barth – Seat Leon – 11.399
9. Tom Boardman – Seat LEon – 11.582
10. Fernando Monje – Seat Leon – 11.900

Wtcc – Valencia, qualifiche: Muller fa sua la pole

 

a cura di Marco Borgo

Anche sul tracciato di Valencia è continuata la lotta tra i due alfieri Chevrolet. Yvan Muller ha avuto la meglio sul compagno Huff, rifilandogli ben mezzo secondo in Q2 conquistando la pole di gara 1. La seconda fila è invece stata ad appannaggio delle Seat di Tarquini e Monteiro. La prima BMW in griglia è quella di Tom Coronel, della scuderia veneta Roal Motorsport. Il pilota olandese dividerà la terza fila con il terzo alfiere Chevrolet, Alain Menu. Nella top ten anche le vetture bavaresi di Michelisz, Villa e Engstler, mentre il giovane Oriola ha chiuso a ridosso della top ten. 

Valencia, qualifica

 1.  Yvan Muller – Chevrolet – 1m42.649s
2.  Rob Huff – Chevrolet – 1m43.105s  + 0.456s
3.  Gabriele Tarquini – SUNRED SEAT – 1m43.182s  + 0.533s
4.  Tiago Monteiro – SUNRED SEAT – 1m43.269s  + 0.620s
5.  Tom Coronel – ROAL BMW – 1m43.367s  + 0.718s
6.  Alain Menu – Chevrolet – 1m43.387s  + 0.738s
7.  Norbert Michelisz – Zengo BMW – 1m43.731s  + 1.082s
8.  Javier Villa – Proteam BMW – 1m43.759s  + 1.110s
9.  Franz Engstler – Engstler BMW – 1m44.077s  + 1.428s
10.  Michel Nykjaer – SUNRED SEAT – 1m44.836s  + 2.187s
11.  Pepe Oriola – SUNRED SEAT – 1m44.614s  Q1
12.  Kristian Poulsen – Engstler BMW – 1m44.734s  Q1
13.  Darryl O’Young – Bamboo Chevrolet – 1m44.741s  Q1
14.  David Sigacev – KK BMW – 1m44.768s  Q1
15.  Fredy Barth – SUNRED SEAT – 1m44.849s  Q1
16.  Stefano D’Aste – Wiechers BMW  – 1m44.905s  Q1
17.  Robert Dahlgren – Polestar Volvo – 1m45.082s  Q1
18.  Yukinori Taniguchi – Bamboo Chevrolet – 1m45.096s  Q1
19.  Aleksei Dudukalo – SUNRED SEAT – 1m45.113s  Q1
20.  Fabio Fabiani – Proteam BMW – 2m04.283s  Q1
21.  Mehdi Bennani – Proteam BMW – Q1

WTCC – Oschersleben, gara 1: Muller al fotofinish con Huff, terzo Tarquini

a cura di Marco Borgo

Il campione del mondo in carica Yvan Muller ha sapientemente condotto al comando gara 1 del Wtcc dall’inizio alla fine. Partito dalla pole il francese ha impresso alla gara il suo ritmo sotto la pioggia. Ad Huff il compito di inseguire il compagno/rivale, riagganciato nel finale dopo l’errore che ne aveva fatto perdere il contatto col leader. Huff infatti è finito sull’erba della prima staccata nei giri finali, mantenendo però la posizione su Tarquini, terzo in quel momento.

Proprio Tarquini ha avuto la meglio su Dahlgren che partiva in prima fila con Muller, ma aveva subito dovuto cedere il passo a Huff e Coronel. L’olandese alle prese con un set up da rifare ha terminato in decima posizione. Quinto Menu, lontano dalla battaglia interna al team Chervolet al vertice della corsa. Lo svizzero ha preceduto D’aste, primo pilota su vettura bavarese. Ottavo il diciassettenne Oriola dietro a Nykjaer.

Oschersleben, gara 1

1. Yvan Muller – Chevrolet Cruze – 14 giri in 25’54.624
2. Robert Huff – Chevrolet Cruze – 0.289
3. Gabriele Tarquini – Seat Leon – 13.810
4. Robert Dahlgren – Volvo C30 – 14.665
5. Alain Menu – Chevrolet Cruze – 18.578
6. Stefano D’aste – BMW 320 – 25.058
7. Michel Nykjaer – Seat Leon – 33.795
8. Pepe Oriola – Seat Leon – 34.362
9. Alexey Dudukalo – Seat Leon – 43.187
10. Tom Coronel – BMW 320 – 45.665
11. Mehdi Bennani – BMW 320 – 46.105
12. Javier Villa – BMW 320 – 46.328
13. Kristian Poulsen – BMW 320 – 46.627
14. Darryl O’young – Chevrolet Cruze – 46.919
15. Norbert Michelisz – BMW 320 – 47.560
16. Franz Engstler – BMW 320 – 55.327
17. Yukinori Taniguchi – Chevrolet Cruze – 1’29.885
18. Ibrahim Okyay – BMW 320 – 1’52.554
19. Fabio Fabiani – BMW 320 – 1 lap

Giro veloce: Robert Huff – 1’49.734 – 10

Ritirati

7° giro – Tiago Menteiro
5° giro – Fredy Barth

Wtcc – Le dichiarazioni dei protagonisti e le classifiche di campionato dopo il week end di Donington

Nel 13° e 14° round tenutisi nella pista britannica di Donington, Yvan Muller ha spadroneggiato a bordo della sua vettura, battagliando solamente con il compagno Huff che in terra di Gran Bretagna ha perso molti punti rimanendo però leader della classifica provvisoria. Sentiamo dunque le dichiarazioni dei due protagonisti nel post gara.

Yvan Muller: “Due vittorie nello stesso week end sono certamente un gran bel risultato! Era importante per me ridurre lo svantaggio che avevo in classifica. Avevo una macchina perfetta e veloce quanto gli altri, per cui sarebbe stato un peccato commettere errori. In gara 1 dovevo solo tenere il comando alla prima curva anche se nel finale la leggera pioggia mi ha un po’ infastidito. In gara 2 è successo un po’ di caos tra i piloti davanti a me e questo mi ha aiutato a guadagnare posizioni. In quanto ad Huff, è successo esattamente quanto già visto a Porto, solamente a ruoli invertiti. Non mi sembra di dover aggiungere altro se non che lo considero un incidente di gara…”

Robert Huff: “Sfortunatamente ho perso molti punti in questo week end. Nonostante tutto rimango davanti con 15 punti di distacco, ma Yvan era imprendibile. In gara 1 ho provato a inseguire Muller, ma non sono riuscito a trovare un varco per infilarmi. Quando sul finire della corsa ha rallentato per la pioggia speravo molto in un suo errore, cosa che invece non è accaduta. In gara 2 sono stato colpito da Yvan che è balzato davanti. Così come mi disse a Porto ora gli rispondo io che bisogna sapere cosa è concesso in gara e cosa invece non lo è. Vedremo cosa succederà nei prossimi week end, certo è che battaglieremo ancora per le pole e le vittorie.

Classifica piloti

1 Robert HUFF (GBR) 263
2 Yvan MULLER (FRA) 248
3 Alain MENU (CHE) 192
4 Tom CORONEL (NLD) 124
5 Gabriele TARQUINI (ITA) 115
6 Tiago MONTEIRO (PRT) 101
7 Norbert MICHELISZ (HUN) 66
8 Kristian POULSEN (DNK) 59
9 Javier VILLA (ESP) 44
10 Franz ENGSTLER (DEU) 43
11 Darryl O’YOUNG (CHN) 43
12 Michel NYKJÆR (DNK) 37
13 Robert DAHLGREN (SWE) 36
14 Carlos BUENO (BRA) 25
15 Fredy BARTH (CHE) 7
16 Mehdi BENNANI (MAR) 4
17 Aleksei DUDUKALO (RUS) 2
18 Pepe ORIOLA (ESP) 2
18 Colin TURKINGTON (GBR) 2
20 Stefano D’ASTE (ITA) 1

Classifica costruttori

1 CHEVROLET 577
2 BMW Customer Racing Team 328
3 SR Customer Racing 313
4 VOLVO Polestar Evaluation Team 92

F2

F2 – Brands Hatch preview: Snoeks fuori per caduta con lo scooter, torna Gladdis. Esordio per Pineiro e Theobald.

Ad un anno esatto dal tragico evento di Brands Hatch, in cui perse la vita Henry Surtees, la Formula 2 ritorna sulla pista del Kent, che in più occasioni ha dimostrato di aver ormai perso gli standard minimi di sicurezza per quanto riguarda il settore formule. Il giovane figlio di John Surtees è stato ricordato con una gara di Kart organizzata sul kartodromo di Buckmore Park, pista in cui Henry percorse i suoi primi giri di pista. Alla gara hanno preso parte nomi importanti quali Andy Soucek, campione 2009 della F2, Johnny Herbert, Alex Sims e Oliver Turvey.

In avvicinamento alla tappa inglese, la seconda in campionato dopo l’apertura a Silverstone, è stata messa in piedi un altra curiosa iniziativa: Jolyon Palmer, leader del campionato F2, e Rob Huff, pilota della Chevrolet attualmente al quarto posto in classifica si sono scambiati le vetture, per percorrere alcuni giri del circuito. Per Huff è stato un ritorno alle formule, mentre per il giovane rampollo di casa Palmer è stata la scoperta di un nuovo mondo, quello delle ruote coperte. Divertente la scena in cui Jolyon tenta di salire sulla vettura di Huff, ma non riuscendo a scorgere dove si trovasse la maniglia tenta di salire come si fa abitualmente in Nascar, salvo poi essere “istruito” dal collega. ( a fondo articolo il link del video)

Passando invece alle gare che si correranno nel week end, bisogna registrare degli uteriori cambiamenti in griglia. Ritorna infatti Tom Gladdis, dopo lo stop seguito al primo round di Silverstone. Due invece saranno i nomi nuovi: Ramon Pineiro, l’anno scorso protagonista in Formula BMW Europe, e che già aveva provato la vettura di F2 nei test invernali, e Julian Theobald, che dopo varie esperienze in diverse categorie, ritorna alle corse a Brands Hatch dopo un anno di stop.

Non prenderà parte invece alla trasferta inglese Kelvin Snoeks, vittima mercoledì di una brutta caduta con lo scooter che gli è costata la frattura di una caviglia. Subito operato, il ventiduenne olandese ha confermato che non ci sono state complicazioni. Dopo il primo periodo di riposo, comincerà la fase di riabilitazione, per poter essere in pista a Brno il 30 luglio.

Palmer-Huff, scambio di vetture

Marco Borgo

WTCC – Curitiba Gara 1: Yvan Muller guida la tripletta Chrevolet, giornata storica per il team americano

E’ una giornata storica per il team Chevrolet, il team americano completa interamente il podio della prima gara stagionale grazie al successo di Yvan Muller, davanti ad Huff e Menu.

Come l’anno scorso l’alsaziano parte nel migliore dei modi conquistando la pole position e dominando la gara, costretto invece ad una gara di rimonta Huff partito dalla quarta posizione, ma un errore di Menu e Genè che sono andati larghi alla prima curva ha permesso all’inglese di trovarsi subito al secondo posto.

Lo svizzero nonostante abbia perso una posizione in quell’occasione riesce a difendere il terzo posto, partecipando alla festa Chevrolet sul podio.

Quarto Tarquini, l’italiano precede le due Bmw di Priaulx e Farfus e Jordi Genè, completano le prime dieci posizioni Coronel, Barth e Michelisz.

Vincenzo Carlesimo

Classifica Gara 1 Tempo
1. Yvan Muller (Chevrolet Cruze) 26:57.181
2. Robert Huff (Chevrolet Cruze) + 1.053
3. Alain Menu (Chevrolet Cruze) + 5.582
4. Gabriele Tarquini (Seat Leon TDI) + 7.136
5. Andy Priaulx (Bmw 320si) + 11.625
6. Augusto Farfus (Bmw 320si) + 12.098
7. Jordi Genè (Seat Leon TDI) + 14.379
8. Tom Coronel (Seat Leon TDI) + 14.647
9. Fredy Barth (Seat Leon TDI) + 18.773
10. Norbert Michelisz (Seat Leon TDI) + 20.359
11. Tiago Monteiro (Seat Leon TDI) + 21.691
12. Michel Nykjaer (Seat Leon TDI) + 22.645
13. Sergio Hernandez (Bmw 320si) + 34.973
14. Franz Engstler (Bmw 320si) + 38.092
15. Darryl O’Young (Chevrolet Lacetti) + 44.692
16. Harry Vaulkhard (Chevrolet Lacetti) + 50.005
17. Stefano D’Aste (Bmw 320si) + 50.742
18. Mehdi Bennani (Bmw 320si) + 1:20.825
19. Andrei Romanov (Bmw 320si) Ritirato

WTCC – Gara 2 Pau: Alain Menu vince una gara incredibile

menu

In una gara incredibile Alain Menu conquista la quarta vittoria consecutiva della Chevrolet, dopo i due successi di Huff e quello di Larini.

Nel primo giro è stato necessario sospendere la gara con la bandiera rossa, per due incidenti tra le Bmw di Müller e Priaulx e quello tra Hernandez e Porteiro.

Dopo l’incidente di Tom Boardman che si schianta al muro, con molto ritardo entra la Safety Car e Franz Engstler, che in quel momento era in testa, non riesce ad evitare l’impatto e la colpisce in pieno.

Successivamente la gara è ripartita dietro una Safety Car alternativa con Menu che riconquista la leadership dopo il ritiro di Engstler.

Al secondo posto termina Farfus, terzo Huff, quarto Andy Priaulx, ottimo quinto posto per Alex Zanardi.

In un weekend dove la Seat ha sofferto moltissimo, importantissimi i punti ottenuti da Tarquini e Yvan Muller, che con il sesto e settimo posto, evitano al team iberico di chiudere questa trasferta francese a 0 punti.

Vincenzo Carlesimo

Classifica : Tempo
1. Alain Menu (Chevrolet) 52 :22.260
2. Augusto Farfus (BMW) + 0.351
3. Robert Huff (Chevrolet) + 3.066
4. Andy Priaulx (BMW) + 3.325
5. Alex Zanardi (BMW) + 16.153
6. Gabriele Tarquini (SEAT) + 17.728
7. Yvan Muller (SEAT) + 19.686
8. Eric Cayrolle (SEAT) + 22.425
9. Nicola Larini (Chevrolet) + 22.581
10. Kristian Poulsen (BMW) + 23.297
11. Tiago Monteiro (SEAT) + 28.247
12. Jordi Gene (SEAT) + 29.778
13. Jaap van Lagen (Lada) + 34.095
14. Laurent Cazenave (BMW) + 38.990
15. Viktor Shapovalov (Lada) + 44.402
16. Marin Colak (SEAT) + 52.439
17. Felix Porteiro (BMW) + 1 giro
18. Jörg Müller (BMW) + 1 giro
19. Tom Coronel (SEAT) + 3 giri

WTCC- Pau Gara 1: Robert Huff s’impone sulle BMW

huff1

Sul circuito di Pau, ottiene la seconda vittoria stagionale Robert Huff. Terza vittoria consecutiva per la Chevrolet dopo la doppietta conquistata a Marrakech, dove si imposero proprio Huff in gara 1 e Larini in gara 2.

Dietro l’inglese Augusto Farfus che non è riuscito a sfruttare la partenza dalla pole position, dopo la penalizzazione di Priaulx, commettendo un errore nel secondo giro nel quale Huff lo ha sorpassato difendendo a denti stretti un’importante vittoria.

Terzo posto per Jörg Muller, quarto Priaulx, quinto Hernandez, sesto Porteiro, settimo Engstler.

Ottavo posto e quindi pole position in gara 2 per Alain Menu che ha rallentato nel finale proprio per partire in prima posizione.

Lo svizzero vorrà sicuramente far proseguire la serie di vittorie consecutive della Chevrolet, cercando di vincere gara 2, ma non sarà facile tener dietro le Bmw ed il compagno di squadra Huff.

Vincenzo Carlesimo

Classifica: Tempo
1. Robert Huff (Chevrolet) 27:10.540
2. Augusto Farfus (BMW) +0.261
3. Jörg Müller (BMW) +0.892
4. Andy Priaulx (BMW) +1.105
5. Sergio Hernandez (BMW) +1.943
6. Felix Porteiro (BMW) +9.241
7. Franz Engstler (BMW) +9.544
8. Alain Menu (Chevrolet) +9.550
9. Tom Coronel (SEAT) +11.050
10. Tom Boardman (SEAT) +23.983
11. Eric Cayrolle (SEAT) +31.504
12. Yvan Muller (SEAT) +32.037
13. Gabriele Tarquini (SEAT) +32.485
14. Rickard Rydell (SEAT) +33.322
15. Tiago Monteiro (SEAT) +34.067
16. Kristian Poulsen (BMW) +34.823
17. Jordi Gene (SEAT) +36.815
18. Viktor Shapovalov (Lada) +54.020
19. Mehdi Bennati (SEAT) +54.870
20. Marin Colak (SEAT) +1 lap

FIA WTCC Macao Gara 2 – Successo di Huff, disastro Thompson

00_huff

Oramai il mondiale piloti è stato assegnato (nelle mani di Yvan Muller), il titolo costruttori e quello indipendenti anche, quindi non resta che il divertimento a trionfare tra i saliscendi di Macao per Gara 2, ultimo evento stagionale del Campionato mondiale Turismo. In poche parole, successo di Rob Huff davanti a Yvan Muller ed Andy Priaulx. Leggi tutto

FIA WTCC Macao Gara 1 – Vince Menu, Y.Muller Campione del Mondo!

00_mullermacao

Nessuna sorpresa in Gara 1 dell’appuntamento di Macao valevole per il Campionato mondiale turismo. Partito dalla pole, Alain Menu non ha subito nessun problema e si è involato verso la vittoria, sconfiggendo seppur di poco il britannico della Bmw, Andy Priaulx ed il nuovo campione del mondo Yvan Muller su Seat. Leggi tutto