Tag: Leal

GP3

GP3 – Estoril, day 3: Tambay leader assoluto

Terza ed ultima giornata di test sul tracciato dell’Estoril. A spuntarla è stato Adrien Tambay, il figlio d’arte che già quest’anno a Spa è stato capace di una rimonta incredibile avendo azzardato la fuga sotto l’acqua mentre tutti correvano ai box a montare le gomme rain. Suo è infatti il miglior tempo della mattinata, che è risutato il migliore di questa tre giorni di test portoghese.

Altri due nomi nuovi sono scesi in pista sulle Dallara GP3: stiamo parlando di Gabriel “Gabby” Chaves, già protagonista in F3 Italia col telaio Mygale dell’Eurointernational, e di Oliver Webb, che proviene invece dalla Formula 3 UK. Da registrare anche qualche scambio di sedili, con alcuni piloti che hanno effettuato le varie giornate di test con team diversi.

Nel primo turno Adrien Tambay ha segnato la miglior prestazione assoluta in 1’30.973, precedendo di pochi centesimi il leader della giornata di ieri, Lewis Williamson. Bene anche Melker, Nunes e Chaves, al primo contatto con la nuova vettura. Nel secondo turno invece è tornato in testa Williamson, ma i tempi erano più alti della mattinata. Zona alta della classifica per Frijns, così come Chaves che in questa sua prima presa di contatto con la GP3 non ha certo sfigurato. Sempre nella top ten anche Julian Leal, che però ha alle spalle esperienze in 3000, WSR e AutoGP…

Prossima tornata di test dal 20 al 22 ottobre a Jerez De La Frontera.

Estoril, 5° turno

1 – Adrien Tambay – Manor – 1’30″973 – 40 giri
2 – Lewis Williamson – Atech CRS – 1’31″098 – 44
3 – Nigel Melker – Mucke – 1’31″122 – 39
4 – Pedro Nunes – ART – 1’31″122 – 44
5 – Gabriel Chaves – ART – 1’31″224 – 41
6 – Robin Frijns – MW Arden – 1’31″236 – 31
7 – Dean Smith – Addax – 1’31″240 – 36.
8 – Michael Christensen – Status – 1’31″242 – 34
9 – Julian Leal – Addax – 1’31″266 – 40
10 – Mitch Evans – MW Arden – 1’31″310 – 34
11 – Aaro Vainio – Tech 1 – 1’31″374 – 42
12 – Simon Trummer – MW Arden – 1’31″465 – 31
13 – Miki Monras – Tech 1 – 1’31″490 – 25
14 – James Calado – ART – 1’31″506 – 37.
15 – Josef Newgarden – Carlin – 1’31″560 – 34
16 – Willi Steindl – Mucke – 1’31″596 – 41
17 – Nick Yelloly – Atech CRS – 1’31″598 – 40
18 – Oli Webb – Status – 1’31″653 – 45
19 – Hugo Valente – Tech 1 – 1’31″679 – 42
20 – Marlon Stockinger – Jenzer – 1’31″763 – 44
21 – Zoel Amberg – Jenzer – 1’31″771 – 31.
22 – Thomas Hylkema – Manor – 1’31″815 – 38
23 – Adriano Buzaid – Addax – 1’31″839 – 31
24 – Vittorio Ghirelli – Jenzer – 1’31″841 – 42
25 – Tamas P’al Kiss – Atech CRS – 1’31″936 – 29
26 – Rupert Svendsen -Cook – Carlin – 1’31″976 – 34
27 – Rio Haryanto – Manor – 1’32″566 – 27
28 – Kotaro Sakurai – Status – 1’32″578 – 47.
29 – Richard Bradley – Carlin – 1’32″594 – 31

Estoril, 6° turno

1 – Lewis Williamson – Atech CRS – 1’31″230 – 36 giri
2 – Robin Frijns – MW Arden – 1’31″243 – 40
3 – Dean Smith – Addax – 1’31″734 – 24
4 – Gabriel Chaves – ART – 1’31″770 – 39
5 – James Calado – ART – 1’31″819 – 33
6 – Mitch Evans – MW Arden – 1’31″821 – 29.
7 – Nigel Melker – Mucke – 1’31″829 – 36
8 – Julian Leal – Addax – 1’31″875 – 33
9 – Rio Haryanto – Manor – 1’31″878 – 33
10 – Simon Trummer – MW Arden – 1’31″885 – 35
11 – Marlon Stockinger – Jenzer – 1’31″888 – 47
12 – Miki Monras – Tech 1 – 1’31″908 – 28
13 – Adrien Tambay – Manor – 1’31″957 – 27.
14 – Michael Christensen – Status – 1’31″983 – 34
15 – Adriano Buzaid – Addax – 1’32″015 – 35
16 – Pedro Nunes – ART – 1’32″035 – 31
17 – Josef Newgarden – Carlin – 1’32″055 – 48
18 – Tamas Pal Kiss – Atech CRS – 1’32″209 – 41
19 – Zoel Amberg – Jenzer – 1’32″233 – 40
20 – Nick Yelloly – Atech CRS – 1’32″316 – 36.
21 – Aaro Vainio – Tech 1 – 1’32″427 – 43
22 – Richard Bradley – Carlin – 1’32″519 – 40
23 – Thomas Hylkema – Manor – 1’32″568 – 41
24 – Oliver Webb – Status – 1’32″673 – 29
25 – Rupert Svendsen Cook – Carlin – 1’32″744 – 30
26 – Vittorio Ghirelli – Jenzer – 1’32″923 – 39
27 – Willi Steindl – Mucke – 1’33″050 – 25.
28 – Kotaro Sakurai – Status – 1’33″083 – 29
29 – Hugo Valente – Tech 1 – 1’33″341 – 27

Marco borgo

WSR – Barcellona, day 1: un inedito Quaife Hobbs in cima alla classifica

A due soli giorni dal termine ufficiale della stagione 2010, conquistata da Mikhail Aleshin a seguito di un duello mozzafiato con Ricciardo, già si guarda al prossimo anno. Sempre sulla pista di Barcellona le Dallara 3.5 hanno riacceso oggi i motori, portando in pista nomi noti e non per le prime sessioni di test. Anche il nuovo team, l’italianissimo BVM Target ha schierato le sue vetture.

Nella sessione del mattino i piloti si sono dovuti misurare con la pioggia battente che non accennava a diminuire dalla notte. Il primo timido approccio è stato fatto dagli esordienti Venturini, Costa, Richelmi e Negrao. Dopo un’ora di attesa, la pioggia ha lasciato spazio alle vetture che hann cominciato a fare sul serio. La pista è rimasta bagnata per tutto il corso della sessione, con i commissari che hanno avuto il loro bel daffare tra bandiere rosse e recupero di vetture. Il primo a capitanare la classifica è stato Costa, sulla vettura dell’Epsilon Euskadi. Dopo due ore è Rossi, l’italoamericano già presente a Montecarlo, a siglare la miglior prestazione.

Man mano che la pista si va asciugando, Costa ritorna in testa alla classifica, seguito da Rossi e Stevens. Ottimi sono i progressi del team BVM Target, che vede Subito la top ten con Daniel Zampieri. Centro schieramento invece per Bortolotti, che per la prima volta sale sulla Dallara 3.5. La prima sessione termina con la leadership di Hartley, il neozelandese appiedato dalla Red Bull, in 1’36.623. Seguono Rossi e Zampieri. Quarto posto per Leal, salito su una delle vetture dell’ISR. Sesto Chilton, il biondino proveniente dalla GP2, mentre Arthur Pic impressiona piazzandosi ottavo.Da notare che da mezzogiorno i piloti cominciavano a montare gomma da asciutto.

Nella sessione del pomeriggio la sfida tra Hartley e Rossi ha dominato la scena, con i due intenti a battagliare per la prima posizione. Ma a breve rinviene bene anche Leal, deciso a inserirsi nella lotta, come anche il giovane Quaife Hobbs proveniente dalla GP3. Nell’ultima ora, il colpo di scena. Hartley finisce sulla ghiaia a meno di mezz’ora dal termine. Ciò lo farà sprofondare fino alla sesta posizione finale. Davanti Rossi si migliora (già praticamente demoliti i tempi della pole di ricciardo di sabato), ma Quaife Hobbs piazza la zampata e salta davanti. Terzo invece Robert Wickens, mentre è da evidenziare la prestazione dei rookie Pic (settimo) e Venturini (nono). Se Bortolotti si riconferma a centro schieramento, finisce indietro Zampieri, ma poco importa. I due si sono detti soddisfatti di come si siano rivelate subito competitive e bilanciate le vetture del BVM pur a inizio chilometraggio. Buono anche il primo approccio di Richelmi, attualmente secondo in Formula 3 Italia.

Domani le vetture torneranno nuovamente in pista per una ulteriore giornata di test. Sono attesi ulteriori cambi di sedili, nonchè l’arrivo di nuovi piloti.

Barcellona, 1° turno

1 – Brendon Hartley – P1 – 1’36″623 – 28 giri
2 – Alexander Rossi – ISR – 1’36″991 – 42
3 – Daniel Zampieri – BVM Target – 1’37″080 – 27
4 – Julian Leal – ISR – 1’37″159 – 37
5 – Albert Costa – Epsilon Euskadi – 1’37″273 – 54
6 – Max Chilton – Carlin – 1’37″820 – 28
7 – Adrian Quaife Hobbs – Comtec – 1’37″885 – 32.
8 – Arthur Pic – Tech 1 – 1’37″944 – 33
9 – Nelson Panciatici – KMP – 1’37″957 – 43
10 – Andre Negrao – Draco – 1’37″971 – 50
11 – Giovanni Venturini – Epsilon Euskadi – 1’38″522 – 44
12 – Mirko Bortolotti – BVM Target – 1’38″645 – 25
13 – Robert Wickens – Fortec – 1’38″663 – 19
14 – Anton Nebilitskiy – KMP – 1’39″038 – 29.
15 – Ivan Lukashevich – Junior Lotus – 1’39″164 – 32
16 – Will Stevens – Comtec – 1’39″182 – 48
17 – Jazeman Jaafar – Carlin – 1’40″529 – 35
18 – Pierre Thiriet – Junior Lotus – 1’40″962 – 26
19 – Daniel McKenzie – Fortec – 1’43″588 – 34
20 – Stephane Richelmi – Draco – 1’55″874 – 32
21 – Jean Eric Vergne – Tech 1 – 1’57″079 – 27
22 – Walter Grubmuller – P1 – no time

Barcellona, 2° turno

1 – Adrian Quaife Hobbs – Comtec – 1’33″595 – 45 giri
2 – Alexander Rossi – ISR – 1’33″660 – 42
3 – Robert Wickens – Fortec – 1’33″770 – 42
4 – Walter Grubmuller – P1 – 1’34″069 – 40
5 – Julian Leal – ISR – 1’34″206 – 48
6 – Brendon Hartley – P1 – 1’34″473 – 35
7 – Arthur Pic – Tech 1 – 1’34″524 – 51.
8 – Albert Costa – Epsilon Euskadi – 1’34″625 – 23
9 – Giovanni Venturini – Epsilon Euskadi – 1’34″822 – 43
10 – Nelson Panciatici – KMP – 1’34″827 – 34
11 – Anton Nebilitskiy – KMP – 1’34″881 – 43
12 – Stephane Richelmi – Draco – 1’34″925 – 51
13 – Mirko Bortolotti – BVM Target – 1’35″062 – 41
14 – Max Chilton – Carlin – 1’35″211 – 36.
15 – Jazeman Jaafar – Carlin – 1’35″331 – 45
16 – Daniel Zampieri – BVM Target – 1’35″462 – 40
17 – Ivan Lukashevich – Junior Lotus – 1’35″816 – 44
18 – Andre Negrao – Draco – 1’35″934 – 36
19 – Will Stevens – Comtec – 1’36″218 – 47
20 – Daniel McKenzie – Fortec – 1’36″453 – 48
21 – Jean Eric Vergne – Tech 1 – 1’36″774 – 42.
22 – Pierre Thiriet – Junior Lotus – 1’38″272 – 26

Marco Borgo

WSR – Barcellona, libere: si accende la battaglia tra i tre leader

Nelle due sessioni di libere di quest’oggi sul tracciato catalano di Barcellona si è accesa più che mai la battaglia tra i tre leader del campionato, Aleshin, Ricciardo e Guerrieri, decisi a battagliare fino all’ultima curva per il titolo, e per l’ambito test sulla Renault F1. Nella sessione del mattino è stato l’argentino a primeggiare, in 1’34.845, precedendo Costa e Panciatici. I due rivali se la sono invece presa un po’ più comoda, cercando il miglior assetto per la pista spagnola. La sessione è stata interrotta due volte a causa dell’insabbiamento di Zampieri prima, e di Stoneman poi. L’esordiente, campione 2010 della Formula 2, prende parte a questa singola gara con lo scopo di mettersi alla prova al volante della Dallara 3.5.

Nel secondo turno invece la battaglia per la leadership è stata proprio tra Ricciardo e Aleshin, con l’australiano che ha chiuso ampiamente davanti al russo. Al terzo posto un ottimo Coletti, mentre Guerrieri scende fino alla quinta piazza. Poi Zampieri e i due piloti del team Draco. Jon Lancaster, nono, è riuscito a contenere la ripresa di Stoneman, che pur al debutto chiude la seconda sessione in decima posizione. assente invece Vergne, che a causa di impegni del team Red Bull scenderà in pista solo domani mattina nella prima sessione di qualifica, mentre alle ore 14.45 su Eurosport sarà trasmessa la diretta di gara 1.

Barcellona, libere 1

1 – Esteban Guerrieri – ISR – 1’34″845 – 18 giri
2 – Albert Costa – Epsilon Euskadi – 1’35″302 – 25
3 – Nelson Panciatici – Junior Lotus – 1’35″304 – 21
4 – Jake Rosenzweig – Carlin – 1’35″355 – 25
5 – Walter Grubmuller – P1 – 1’35″447 – 27
6 – Keisuke Kunimoto – Epsilon Euskadi – 1’35″524 – 27
7 – Anton Nebilitskiy – KMP – 1’35″658 – 24.
8 – Mikhail Aleshin – Carlin – 1’35″715 – 27
9 – Filip Salaquarda – ISR – 1’36″055 – 22
10 – Salvador Duran – Interwetten – 1’36″171 – 27
11 – Jon Lancaster – Fortec – 1’36″179 – 24
12 – Victor Garcia – KMP – 1’36″182 – 24
13 – Sergio Canamasas – Interwetten – 1’36″280 – 26
14 – Julian Leal – Trident – 1’36″384 – 28.
15 – Nathanael Berthon – Draco – 1’36″396 – 27
16 – Jan Charouz – P1 – 1’36″418 – 23
17 – Stefano Coletti – Comtec – 1’36″493 – 23
18 – Daniel Zampieri – Pons – 1’36″596 – 13
19 – Daniel Ricciardo – Tech 1 – 1’36″717 – 29
20 – Sten Pentus – Fortec – 1’36″774 – 27
21 – Federico Leo – Pons – 1’36″914 – 28
22 – Greg Mansell – Comtec – 1’36″932 – 25
23 – Dean Stoneman – Junior Lotus – 1’37″188 – 24

Barcellona, libere 2

1 – Daniel Ricciardo – Tech 1 – 1’34″896 – 25 giri
2 – Mikhail Aleshin – Carlin – 1’35″350 – 20
3 – Stefano Coletti – Comtec – 1’35″409 – 21
4 – Nelson Panciatici – Junior Lotus – 1’35″517 – 19
5 – Esteban Guerrieri – ISR – 1’35″674 – 18
6 – Daniel Zampieri – Pons – 1’35″675 – 22
7 – Nathanael Berthon – Draco – 1’35″685 – 26.
8 – Julian Leal – Draco – 1’35″858 – 23
9 – Jon Lancaster – Fortec – 1’35″892 – 22
10 – Dean Stoneman – Junior Lotus – 1’35″918 – 21
11 – Anton Nebilitskiy – KMP – 1’36″226 – 25
12 – Albert Costa – Epsilon Euskadi – 1’36″335 – 26
13 – Sten Pentus – Fortec – 1’36″337 – 21
14 – Jan Charouz – P1 – 1’36″523 – 19.
15 – Filip Salaquarda – ISR – 1’36″565 – 14
16 – Walter Grubmuller – P1 – 1’36″713 – 24
17 – Salvador Duran – Interwetten – 1’36″714 – 22
18 – Federico Leo – Pons – 1’36″843 – 21
19 – Victor Garcia – KMP – 1’36″890 – 21
20 – Jake Rosenzweig – Carlin – 1’37″011 – 18
21 – Greg Mansell – Comtec – 1’37″088 – 24.
22 – Keisuke Kunimoto – Epsilon Euskadi – 1’37″093 – 25
23 – Sergio Canamasas – Interwetten – 1’37″524 – 24

Marco Borgo

AutoGP – Navarra, Gara 1: Prima vittoria per Leal, secondo Piscopo

Grande vittoria per Julian Leal nella prima gara dell’Auto GP sul circuito di Navarra. Il pilota colombiano, che partiva dalla pole position, ha disputato una corsa perfetta centrando prima un’ottima partenza e poi una sequenza di giri veloci che gli hanno permesso di involarsi, con il solo Edoardo Piscopo a seguirlo da vicino, staccato di circa 1”.

Il pilota romano, leader di campionato, ha iniziato a fare pressione sull’avversario al nono giro, rientrando al decimo passaggio per il pit-stop obbligatorio. Leal si è fermato alla tornata successiva e i meccanici della Trident Racing hanno fatto un ottimo lavoro, rimandandolo in pista appena in tempo per tenere dietro Piscopo. I due hanno percorso appaiati la prima sequenza di curve ma il colombiano è riuscito a tenere la testa. A complicargli la vita ha provato anche la Safety-Car, entrata in pista per permettere ai commissari di rimuovere la vettura di Tambay, mandato in testacoda dal compagno di squadra Charouz. Al restart, al giro 16, Leal è comunque riuscito a rispondere colpo su colpo agli attacchi di Piscopo, chiudendogli la porta in ben tre occasioni e cogliendo un successo meritatissimo.

Il pilota italiano della DAMS può comunque essere contento del risultato perché con il secondo posto è riuscito a precedere un Romain Grosjean decisamente in palla e aggressivo, rinforzando la propria leadership nella classifica generale del campionato.

Il francese ha comunque dato un’altra dimostrazione della propria forza: partito 8° dopo la concitata qualifica della mattinata, con la DAMS ha optato per un pit-stop anticipato e girando a pista libera è stato in grado di impostare un ritmo irraggiungibile per tutti. Girando circa un secondo al giro più veloce del resto del gruppo è riuscito a risalire fino alla terza piazza. A chiudere un trio tutto DAMS, Duncan Tappy ha finito la gara nella stessa posizione che aveva al via la quarta, precedendo Jonny Reid. Il neozelandese, che partiva dalla terza piazza, ha perso cinque posizioni tra lo start e la seconda curva, ma grazie a un buon ritmo è poi riuscito a farsi strada nel gruppo. Dopo il restart era stato superato da Jan Charouz ma il pilota ceco è stato poi penalizzato di 25” per aver colpito sia Tambay che Stefano Bizzarri. Stessa sanzione per Alexander Sims, colpevole di aver sorpassato in regime di Safety-Car, mentre Carlos Iaconelli è stato escluso dalla classifica per aver toccato Fabio Onidi, causandone il ritiro.

La sesta piazza è quindi andata a Giacomo Ricci davanti a Luca Filippi, con Natacha Gachnang all’ottavo posto, che vale la pole position per la seconda gara, in programma domani alle 11.35.

Julian Leal: “Vincere è una sensazione bellissima, davvero non so spiegare come mi sento adesso. La gara non è stata facile, ma credo di non aver davvero sbagliato niente. La partenza è stata ottima e poi sono scappato via davanti a Edoardo. Lui mi è tornato sotto quando le mie gomme posteriori hanno iniziato a soffrire ma dopo il pit-stop la macchina era di nuovo perfetta e sono riuscito a tenerlo dietro, anche se è stata davvero dura”.

Edoardo Piscopo: “Ci ho provato, ma fin da prima della gara sapevo che passare qui sarebbe stato difficile. Comunque ho fatto una bella corsa e arrivando davanti a Grosjean ho centrato il mio obiettivo principale, che era aumentare il mio vantaggio in campionato”.

Romain Grosjean: “Dopo le qualifiche eravamo abbastanza delusi di come era andata ma sapevamo che i pit-stop potevano essere fondamentali per recuperare terreno. Con il team abbiamo deciso di fermarci appena possibile, al quarto giro, e la strategia ha funzionato. Vedendo Piscopo lottare con Leal ho sperato mi dessero un’occasione, ma non c’è mai stato il margine per provare a passare”.

Navarra, il risultato di Gara 1

1 Julian Leal (TRIDENT RACING) 23 giri in 36’59”514

2 Edoardo Piscopo (DAMS) + 0”390

3 Romain Grosjean (DAMS) + 1”237

4 Duncan Tappy (DAMS) + 2”387

5 Jonny Reid (SUPERNOVA) + 9”695

6 Giacomo Ricci (RP MOTORSPORT) + 10”521

7 Luca Filippi (SUPERNOVA) + 11”023

8 Natacha Gachnang (CHAROUZ-GRAVITY RACING) + 22”603

9 Jan Charouz (CHAROUZ-GRAVITY RACING) + 28”133

10 Stefano Bizzarri (RP MOTORSPORT) + 34”314

11 Alexander Sims (CHAROUZ-GRAVITY RACING) + 48”898

12 Fabio Onidi (LAZARUS) + 2 giri

13 Adrien Tambay (CHAROUZ-GRAVITY RACING) Ritirato

14 Carlos Iaconelli (DURANGO) Escluso

Giro più veloce: Julian Leal in 1’28”642, media 159.731 km/h

La classifica piloti: 1. Piscopo 40 punti; 2. Grosjean 36; 3. Tappy 29; 4. Filippi 25; 5. Iaconelli e Charouz 24; 7. Onidi 18; 8. Tambay e Leal 17; 10. Reid 15; 11. Arabadzhiev e Pantano 8; 13. Miguez e Zaugg 6; 15. Rosenzweig e Guerrieri 5; 17. Ricci 3; 18. Grubmuller, Coletti e Leo 2; 21. Gachnang 1.

La classifica team: 1. Dams 104 punti; 2. Charouz-Gravity Racing 50; 3. SuperNova 30; 4. Trident 25; 5. Durango 24; 6. Euronova 23; 7. Lazarus 18; 8. RP Motorsport 8.

WSR – Silverstone, gara 2: Guerrieri imbattibile, Ricciardo 2°

Davvero incontenibile Esteban Guerrieri sul tracciato di Silverstone. L’argentino nel finale di gara ha raggiunto Ricciardo che conduceva al comando, e si è impossessato con facilità della leadership della corsa al penultimo giro. Zero punti per Aleshin, mentre risalgono bene Ricciardo e Guerrieri, che senza la squalifica di ieri sarebbe a pari punti col russo. A Barcellona, nell’ultimo round stagionale saranno scintille.

La cronaca

Alla partenza scatta bene Ricciardo dalla pole, mentre dietro Guerrieri in breve si libera di Hartley e passa secondo. Subito ne approfitta anche Vergne, e per il neozelandese è un altra batosta il sorpasso dal pilota che prende il suo posto. Subito compromessa la gara di Aleshin, che a causa di un testacoda scivola in ultima posizione. Guadagna un paio di posizioni Salaquarda. Comincia però subito il lavoro dei meccanici, con Mansell che ha perso l’ala posteriore mentre Canamasas finisce contro le barriere dopo un contatto con Coletti.

Non appena si apre la finestra per il pit obbligatorio, Hartley prova ad inventarsi qualcosa, e inforca per primo la corsia box. Sempre ai box Aleshin supera Garcia. Ricciardo si ferma ai box 3 giri prima di Guerrieri, che nel frattempo aveva staccato di oltre 4 secondi. La scelta si rivelerà poco felice e sarà la chiave del sorpasso dell’argentino nel finale. Ultimo a fermarsi Zampieri, passato al comando.

Mentre la Draco è ancora alle prese con problemi tecnici, questa volta sulla vettura di Berthon, si ristabilisce la formazione iniziale, con Ricciardo davanti a Guerrieri e Vergne, poi Salaquarda, Nebilitsky e Zampieri. Comincia la gran rimonta di Guerrieri, che giro dopo giro si avvicina all’australiano. Al penultimo giro gli è addosso. Ricciardo, in crisi con le gomme ormai finite, riesce a rispondere solo al primo attacco, complice un lungo di Guerrieri, che effettivamente l’aveva superato con grande velocità. Al secondo attacco Guerrieri sale sul cordolo e si infila all’interno dell’ultimo curvone, superando Ricciardo. All’ultimo giro Ricciardo amministra, non potendo fare niente contro l’argentino, rivelazione di questa stagione. Ottimo davvero Vergne, che al secondo week end di gare in WSR è già due volte sul podio, con vittoria. Finisce sesto Zampieri, mentre Leo ha compromesso la sua gara con un testacoda dopo un ottimo avvio.

Silverstone, gara 2

1 – Esteban Guerrieri – ISR – 25 giri 46’02″792
2 – Daniel Ricciardo – Tech 1 – 0″575
3 – Jean Eric Vergne – Tech 1 – 7″589
4 – Filip Salaquarda – ISR – 13″357
5 – Anton Nebilitskiy – KMP – 14″052
6 – Daniel Zampieri – Pons – 15″165
7 – Brendon Hartley – P1 – 19″805.
8 – Sten Pentus – Fortec – 20″665
9 – Albert Costa – Epsilon Euskadi – 23″504
10 – Nelson Panciatici – Junior Lotus – 24″682
11 – Julian Leal – Draco – 29″391
12 – Mikhail Aleshin – Carlin – 33″800
13 – Stefano Coletti – Comtec – 37″713
14 – Keisuke Kunimoto – Epsilon Euskadi – 38″630.
15 – Walter Grubmuller – P1 – 42″042
16 – Bruno Mendez – Interwetten – 45″417
17 – Jon Lancaster – Fortec – 50″543
18 – Federico Leo – Pons – 1’01″230
19 – Daniil Move – Junior Lotus – 1’02″237
20 – Jake Rosenzweig – Carlin – 1’38″763
21 – Victor Garcia – KMP – 1’39″199.

Giro veloce: Jon Lancaster 1’48″165

Ritirati
1° giro – Greg Mansell
2° giro – Sergio Canamasas
15° giro – Nathanael Berthon

Il campionato

1.Aleshin 116;
2.Ricciardo 113;
3.Guerrieri 100;
4.Pentus 77;
5.Costa 70
Marco Borgo

WSR – Silverstone, gara 1: Guerrieri vince ancora, che disastro Lancaster!

Dopo aver siglato la pole, la partenza in gara 1 dal palo era un ottima occasione per ben figurare davanti alle migliaia di tifosi inglesi accorsi in circuito. E invece per Lancaster è stata una figuraccia. Non che l’abbia fatto apposta, ma il modo in cui ha eliminato Ricciardo è stato molto spettacolare. Con la strada spianata, Guerrieri ha preso il comando della corsa per non cedere più fin sotto alla bandiera a scacchi agli attacchi di Vergne, esordiente, ma potenzialmente vincente. Peccato che Salaquarda sr. abbia dovuto assistere all’ennesima vittoria del suo team dall’albergo.

La Cronaca

Al via Lancaster fa pattinare le gomme. Nel chiudere Guerrieri alla sua destra rischia di perdere il controllo e di colpirlo, così sterza bruscamente a sinistra, perdendo questa volta sul serio il controllo della vettura, colpendo Ricciardo che sopraggiungeva e causandone il ribaltamento della vettura sull’erba. Lancaster riesce a ripartire in coda al gruppo, mentre Ricciardo deve ritirarsi. In testa passa così Guerrieri, seguito da Vergne, Berthon, Costa, Hartley, Panciatici e Coletti. La safety car non è necessaria. La zona è in breve rimessa in sicurezza.

Subito Guerrieri impone il suo ritmo, staccando il gruppo con Vergne incollato alle sue spalle. Dopo dieci giri Costa riesce a salire al terzo posto, liberandosi di Berthon, che perde anche alcune posizioni per un fuoripista. Nonostante non sia obbligatorio il pit stop in gara 1, Pentus cambia le gomme. Berthon ed Hartley entrano in contatto, e saranno costretti al ritiro ai box. Gran lavoro in casa Draco dove anche Leal è costretto ad alzare bandiera bianca ai box.

Aleshin non riesce andare oltre alla settima posizione, e deve difendersi da Nebilitsky. Mentre negli ultimi giri Vergne sembra amministrare su Guerrieri, Coletti compie un bel sorpasso all’esterno su Panciatici. Vince così la quinta gara stagionale l’esordiente Guerrieri, così come esordienti sono Vergne e Costa che completano il podio. Non ne ha approfittato Aleshin della battuta a vuoto di Ricciardo, mentre lo stesso Guerrieri ora è a solo 15 punti dalla vetta.

Silverstone, gara 1

01. Esteban Guerrieri – ISR – 25 giri in 45’55.743
02. Jean Eric Vergne – Tech 1 Racing – +1.651
03. Albert Costa – Epsilon Euskadi – +11.860
04. Stefano Coletti – Comtec Racing – +19.657
05. Nelson Panciatici – Junior Lotus Racing – +21.286
06. Filip Salaquarda – ISR – +22.283
07. Mikhail Aleshin – Carlin – +25.694
08. Anton Nebylitskiy – KMP Racing – +26.249
09. Victor Garcia – KMP Racing – +26.689
10. Daniil Move – Junior Lotus Racing – +32.481
11. Greg Mansell – Comtec Racing – +32.898
12. Federico Leo – Pons Racing – +33.353
13. Keisuke Kunimoto – Epsilon Euskadi – +34.287
14. Jon Lancaster – Fortec Motorsport – +36.154
15. Jake Rosenzweig – Carlin – +50.814
16. Sten Pentus – Fortec Motorsport – +54.811

Ritirati

17. Sergio Canamasas – FHV Interwetten – 21 giri
18. Julian Leal – Draco – 12 giri
19. Nathanael Berthon – Draco – 11 giri
20. Brendon Hartley – P1 Motorsport – 10 giri
21. Bruno Mendez – FHV Interwetten – 10 giri
22. Walter Grubmuller – P1 Motorsport – 5 giri
23. Daniel Ricciardo – Tech 1 Racing – 0 giri

Escluso

Daniel Zampieri

Marco Borgo

WSR – Hockenheim, gara 1: Ricciardo non molla

Daniel Ricciardo dopo la brillante pole siglata in mattinata, ha ricucito lo strappo da Aleshin, ora leader con solo due punti di vantaggio. L’australiano, che sta imprimendo la sua orma in questa sua prima stagione in World Series, è stato e continua ad essere uno dei più seri pretendenti al titolo.

Alla partenza Ricciardo è impeccabile e prende il comando della corsa. Dietro di lui Zampieri ha già scavalcato Aleshin per la quarta posizione, facendo il gioco proprio di Ricciardo. tra i due ci sono Guerrieri e Lancaster. Mansell intanto è alle spalle del russo, seguito da Berthon e Coletti. Subito Fuori Charouz e Panciatici, entrati in contatto al tornantino dopo la parabolika. Problemi invece per Pentus.

Al terzo giro la safety car che aveva reso possibile il recupero della vettura di Charouz abbandona la pista, riaprendo la gara. Ancora una volta Ricciardo tiene la leadership, mentre è Coletti che riesce ad approfittare di Berthon, soffiandogli la settima piazza. Fuori pista per Federico Leo, che scivola in fondo.

Ricciado spinge ancora, fuggendo in solitaria, mentre Guerrieri deve guardarsi le spalle da Lancaster. Errore di Leo al tornante quando è in battaglia con Leal per una posizione di rincalzo. Il colombiano balza davanti all’italiano, che però ritorna in breve all’attacco. Finisce così la corsa con Ricciardo che approfitta dei pochi punti raccolti dal diretto rivale per l’aggancio in campionato. Secondo Guerrieri, che nel finale si scrolla di dosso Lancaster. Fuori dal podio Zampieri, ottimo quarto.

Hockenheim, gara 1

1 – Daniel Ricciardo – Tech 1 – 30 giri 46’47″111
2 – Esteban Guerrieri – ISR – 2″917
3 – Jon Lancaster – Fortec – 12″515
4 – Daniel Zampieri – Pons – 15″116
5 – Mikhail Aleshin – Carlin – 19″291
6 – Greg Mansell – Comtec – 19″496
7 – Stefano Coletti – Comtec – 20″454.
8 – Albert Costa – Epsilon Euskadi – 22″139
9 – Nathanael Berthon – Draco – 24″540
10 – Anton Nebilitskiy – KMP – 25″128
11 – Jean Eric Vergne – Tech 1 – 27″459
12 – Keisuke Kunimoto – Epsilon Euskadi – 41″581
13 – Julian Leal – Draco – 56″232
14 – Bruno Mendez – Interwetten – 59″065.
15 – Sergio Canamasas – Interwetten – 1’14″388

Giro veloce: Esteban Guerrieri 1’29″595

Ritirati
0 giri – Nelson Panciatici
0 giri – Jan Charouz
1° giro – Filip Salaquarda
1° giro – Sten Pentus
5° giro – Walter Grubmuller
11° giro – Victor Garcia.
26° giro – Jake Rosenzweig
27° giro – Federico Leo
27° giro – Daniil Move

Marco Borgo

WSR – Budapest, gara 1: Ricciardo vince facile, Aleshin 2° amministra

Vittoria di Ricciardo, l’australiano del Red Bull junior, che sta tentando di togliere la leadership in campionato ad Aleshin. Partito dalla pole, Daniel ha dovuto difendersi dal russo fino a che quest’ultimo non ha deciso di accontentarsi del secondo posto. Gara molto movimentata, condita da toccate ed uscite. Male l’Italia in pista. Leo è uscito subito al primo giro, mentre l’intera formazione Draco non ha visto il traguardo del primo giro. Si salva Zampieri con l’ottavo posto finale.

La cronaca

Partenza leggermente “sporca” per Ricciardo, che riesce comunque a mantenere la testa della corsa dopo aver fatto pattinare troppo le gomme. Dietro al leader seguono Aleshin, Pentus, Hartley e Panciatici. L’estone Pentus vorrebbe approfittare dell’assenza del team ISR per salire al terzo posto in classifica ai danni di Guerrieri. Dopo poche curve cominciano i primi guai, con Berthon partito ultimo che tampona Kunimoto. Il primo raggiungerà i box per ritirarsi, mentre il nipponico del team Epsilon riesce a riprendere la corsa. Leal invece colpisce Leo, causando il ritiro di entrambi.

Disatro anche per Lancaster che precipita in fondo. Nel corso del quarto giro Canamasas finisce contro le gomme dopo aver perso il controllo della sua vettura. L’aver imposto da regolamento di correre con l’assetto scarico aerodinamicamente ha penalizzato non pochi piloti, che “remavano” nelle curve per tenere la macchina in pista. Entra in pista la Safety car per rimuovere la vettura dello spagnolo. Alla ripartenza l’australiano non si fa sorprendere da Aleshin, che è così costretto a inseguire nuovamente il Toro.

Recupera posizioni Lancaster, mentre Grubmuller perde posizioni a favore di un Nebilitsky che si butta dentro con decisione. Si accende intanto la lotta tra Hartley, quarto, e Pentus, terzo. Davanti intanto Ricciardo conduce indisturbato, mentre anche Aleshin comincia a perdere. Dietro ai primi quattro troviamo Panciatici, Nebilitsky, Charouz e Costa. Zampieri nono, fa da tappa a chi lo segue. Prime penalità: Nebilitsky deve scontare un drive through per ripetuti tagli di chicane, mentre Move riceve una penalità di 10″ per partenza anticipata, ma il russo non vedrà la bandiera a scacchi.

Gara incolore per Coletti, che è costretto al ritiro al 17° giro. Ormai la battaglia tra Hartley e Pentus dura da un paio di giri, e non accenna a calmarsi. Il neozelandese tenta ogni varco, che l’estone prontamente chiude prendendo la traiettoria interna ad ogni curva. Evidente che l’assetto “downforce” lo penalizza. Mansell supera Grubmuller, ma quando Lacaster tenta la stessa manovra i due vengono a contatto e l’inglese è costretto al ritiro col braccetto dello sterzo piegato. Anche la gara di Mansell, per quanto strepitosa dura poco. Nel tentativo di superare Garcia, l’inglese viene a contatto con lo spagnolo, terminando lì la sua cavalcata. Davanti ormai Ricciardo taglia il traguardo, mentre l’attenzione è tutta per la battaglia ostinata tra Pentus, che ha la meglio salendo così sul podio, e Hartley.

Budapest, gara 1

1 – Daniel Ricciardo – Tech 1 – 28 giri 47’14″151
2 – Mikhail Aleshin – Carlin – 13″758
3 – Sten Pentus – Fortec – 29″710
4 – Brendon Hartley – Tech 1 – 31″154
5 – Nelson Panciatici – Junior Lotus – 38″845
6 – Albert Costa – Epsilon Euskadi – 39″345
7 – Jan Charouz – P1 – 39″796.
8 – Daniel Zampieri – Pons – 1’00″963
9 – Jake Rosenzweig – Carlin – 1’02″240
10 – Keisuke Kunimoto – Epsilon Euskadi – 1’02″819
11 – Anton Nebilitskiy – KMP – 1’03″345
12 – Walter Grubmuller – P1 – 1’05″581.
13 – Victor Garcia – KMP – 1’06″716
14 – Bruno Mendez – Interwetten – 1’25″715

Giro veloce: Daniel Ricciardo 1’36″513

Ritirati
22° giro – Greg Mansell
20° giro – Jon Lancaster
17° giro – Stefano Coletti
13° giro – Daniil Move
3° giro – Sergio Canamasas
1° giro – Nathanael Berthon.
0 giri – Julian Leal
0 giri – Federico Leo

Marco Borgo

WSR – Budapest, libere: nel segno di Coletti

Giornata di test sul tracciato dell’Hungaroring, alle porte di Budapest. Nella mattinata, dove tutti sono stati un po’ più abbottonati, è stato Walter Grubmuller a guidare la classifica con il tempo di 1’34.635. Al secondo posto un subito aggressivo Esteban Guerrieri. Nonostante l’avvio in sordina, dopo l’arrivo da partecipazioni in Superleague, l’argentino si sta candidando concretamente al ruolo di terzo incomodo nella lotta al titolo tra Ricciardo e Aleshin. Sessione tranquilla anche per gli italiani: Leo è 13°, mentre Zampieri 17°. Nella top ten Berthon, del team italiano Draco, mentre Leal ha avuto problemi con la vettura non terminando così la sessione.

Nel pomeriggio invece cambia la musica, con Stefano Coletti che balza dalla 14° posizione alla prima. Suo è infatti il miglior tempo dell’intera giornata: 1’34.377. Non può però rilassarsi sui propri progressi il monegasco, perchè Berthon dietro di lui promette battaglia con i miglioramenti fatti evidenziare dal cronometro. Migliora Ricciardo, che completa il podio dopo essere rimasto a filo nella top ten nel primo turno. Quarto Guerrieri, mentre anche Mansell ha fatto la sua bella progressione. Ancora un po’ di lavoro sulle vetture per gli italiani (poca importanza quindi al tempo sul giro): Zampieri quindicesimo avanza di un paio di posizioni, mentre guadagna poco Leo che arretra anche sulla classifica del secondo turno.

Libere 1

1 – Walter Grubmuller – P1 – 1’34″635 – 28 giri
2 – Esteban Guerrieri – ISR – 1’34″775 – 22
3 – Anton Nebilitskiy – KMP – 1’35″073 – 24
4 – Mikhail Aleshin – Carlin – 1’35″146 – 25
5 – Jon Lancaster – Fortec – 1’35″166 – 26
6 – Filip Salaquarda – ISR – 1’35″474 – 26.
7 – Brendon Hartley – Tech 1 – 1’35″652 – 21
8 – Nelson Panciatici – Junior Lotus – 1’35″687 – 26
9 – Nathanael Berthon – Draco – 1’35″716 – 24
10 – Daniel Ricciardo – Tech 1 – 1’35″854 – 26
11 – Jan Charouz – P1 – 1’35″967 – 27
12 – Sten Pentus – Fortec – 1’36″290 – 27.
13 – Federico Leo – Pons – 1’36″384 – 28
14 – Stefano Coletti – Comtec – 1’36″487 – 28
15 – Jake Rosenzweig – Carlin – 1’36″488 – 25
16 – Keisuke Kunimoto – Epsilon Euskadi – 1’36″502 – 26
17 – Daniel Zampieri – Pons – 1’36″554 – 24
18 – Victor Garcia – KMP – 1’36″574 – 24
19 – Albert Costa – Epsilon Euskadi – 1’36″653 – 25.
20 – Greg Mansell – Comtec – 1’36″712 – 25
21 – Daniil Move – Junior Lotus – 1’36″754 – 26
22 – Sergio Canamasas – Interwetten – 1’36″827 – 26
23 – Bruno Mendez – Interwetten – 1’37″305 – 26
24 – Julian Leal – Draco – 1’38″053 – 19

Libere 2

1 – Stefano Coletti – Comtec – 1’34″377 – 28 giri
2 – Nathanael Berthon – Draco – 1’34″625 – 26
3 – Daniel Ricciardo – Tech 1 – 1’34″677 – 27
4 – Esteban Guerrieri – ISR – 1’34″709 – 25
5 – Greg Mansell – Comtec – 1’34″886 – 25
6 – Brendon Hartley – Tech 1 – 1’35″029 – 26
7 – Victor Garcia – KMP – 1’35″080 – 24.
8 – Filip Salaquarda – ISR – 1’35″161 – 24
9 – Keisuke Kunimoto – Epsilon Euskadi – 1’35″350 – 24
10 – Sten Pentus – Fortec – 1’35″441 – 23
11 – Albert Costa – Epsilon Euskadi – 1’35″569 – 25
12 – Nelson Panciatici – Junior Lotus – 1’35″592 – 25
13 – Anton Nebilitskiy – KMP – 1’35″633 – 28
14 – Jon Lancaster – Fortec – 1’35″689 – 27.
15 – Daniel Zampieri – Pons – 1’35″728 – 24
16 – Jake Rosenzweig – Carlin – 1’35″824 – 26
17 – Julian Leal – Draco – 1’35″877 – 22
18 – Walter Grubmuller – P1 – 1’36″028 – 27
19 – Mikhail Aleshin – Carlin – 1’36″038 – 18
20 – Federico Leo – Pons – 1’36″105 – 31
21 – Jan Charouz – P1 – 1’36″266 – 24
22 – Daniil Move – Junior Lotus – 1’36″379 – 26
23 – Sergio Canamasas – Interwetten – 1’36″681 – 26
24 – Bruno Mendez – Interwetten – 1’36″695 – 24.

Marco Borgo

WSR – Magny Cours, gara 1: Aleshin riesce a piegare Guerrieri, grandissimo Zampieri!

La prima gara della World Series by Renault in terra di Francia è stata caratterizzata dall’abbondante acqua caduta nelle immediate vicinanze del via della gara, che ha vivacizzato la corsa facendo emergere chi “ne aveva veramente” più degli altri. Ottima davvero la progressione di Zampieri sull’acqua: da sedicesimo a quinto senza l’ombra di un incertezza! Guerrieri invece, scattato al comando della gara dopo aver siglato la pole, ha dovuto cedere nel finale ad Aleshin.

La cronaca

Al via del giro di ricognizione Lancaster rimane piantato sullo schieramento, e sarà quindi costretto a partire dal fondo. Allo spegnersi dei semafori, Guerrieri riesce a tenere il comando della corsa, Aleshin invece deve rincorrere. Costa non ha un ottimo spunto, mentre nelle prime delicate fasi di gara a causa della pista bagnata si insabbia Hartley. Al tornantino leal si gira. Molte le toccate e gli errori, in cui incappano anche Salaquarda e Leo. Coletti intanto dall’uncidesima posizione è già nel gradino più basso del podio virtuale.

Dietro invece è Zampieri che si mangia gli avversari. Da decimo qual’è al secondo giro, al successivo supera Berthon, mentre al tornantino Nebilitsky va largo su pressione dello stesso Zampieri che ringrazia. La classifica vede Guerrieri seguito da Aleshin, Panciatici che è riuscito a superare Coletti, Ricciardo, Costa, Zampieri e Pentus. Salaquarda intanto è costretto a fare i conti con un altro testacoda.

Nonostante non piova le condizioni della pista non migliorano, e Guerrieri fa fatica (come anche chi lo segue) a tenere alto il ritmo, e soprattutto, la vettura in pista. Aleshin però insiste su Guerrieri, e alla staccata dell’ultima chicane riesce a buttarsi dentro su Guerrieri, passando così sul traguardo quale nuovo leader della corsa. Guerrieri sembra aver perso il ritmo, e Panciatici ormai gli è addosso. Costa intanto cede la posizione a Zampieri.

L’errore di Panciatici riconsegna a Coletti la terza posizione, e a Guerrieri la possibilità di respirare. Anche Ricciardo intanto è finito tra le vittime di Zampieri. Termina sulla ghiaia la gara di Leal, mentre anche Pentus supera Ricciardo. Confusione tra Costa e Pentus, con quest’ultimo che appena superato lo spagnolo rischia di essere tamponato. Costa va così sull’erba e Ricciardo gli passa davanti. Pentus però è in difficoltà e perde il ritmo. Nel tentativo di difesa con Berthon, i due entrano in contatto. Finisce con Aleshin in solitaria, con Guerrieri secondo che solo nel finale riesce a reagire alla risalita di Coletti. Quinto Zampieri.

Magny Cours, gara 1

1 – Mikhail Aleshin – Carlin – 25 giri in 47’06″881
2 – Esteban Guerrieri – ISR – 14″891
3 – Stefano Coletti – Comtec – 16″918
4 – Nelson Panciatici – Junior Lotus – 24″776
5 – Daniel Zampieri – Pons – 37″663
6 – Daniel Ricciardo – Tech 1 – 42″897.
7 – Sten Pentus – Fortec – 43″942
8 – Albert Costa – Epsilon Euskadi – 1’04″189
9 – Nathanael Berthon – Draco – 1’16″258
10 – Jon Lancaster – Fortec – 1’20″780
11 – Anton Nebilitskiy – KMP – 1’23″053
12 – Daniil Move – Junior Lotus – 1’24″004.
13 – Bruno Mendez – Interwetten – 1’50″788
14 – Filip Salaquarda – ISR – 1 giro
15 – Keisuke Kunimoto – Epsilon Euskadi – 1 giro
16 – Sergio Canamasas – Interwetten – 1 giro
17 – Greg Mansell – Comtec – 1 giro
18 – Victor Garcia – KMP – 3 giri
19 – Jan Charouz – P1 – 4 giri

Giro più veloce: Sten Pentus 1’50″663

Ritirati
16° giro – Federico Leo
14° giro – Julian Leal
10° giro – Walter Grubmuller
0 giri – Jake Rosenzweig

Marco Borgo