Tag: Moto GP

Le Mans – Nelle libere è sempre Marquez

La classe regina scende in pista per la seconda sessione di prove libere del venerdì in quel di le Mans. Come sempre ci si aspetta che il buon Marquez faccia il fenomeno ed alla fine le cose andranno in questa direzione. Intanto sia la temperatura che l’asfalto sono quelli ideali.

Nei primi minuti sono le Desmosedici dei nostri Andrea Dovizioso (Ducati Team) e Andrea Iannone (Pramac Racing) a inserirsi nella lotta tra i due rivali spagnoli Marc Marquez (Repsol Honda e Jorge Lorenzo (Movistar Yamaha). Il maiorchino in particolare sembra essere in palla e va a  condurre la tabella provvisoria dei tempi.

93marquez,gpfrance_ds-_s1d2782_preview_big

La Honda di Alvaro Bautista (GO&FUN Gresini) è quella subito dietro alle moto di Borgo Panigale mentre, a mezzo secondo dal leader, si trovano Espargaró (NGM Forward Racing), sempre tra i primi cinque con la sua Open, e Dani Pedrosa. Proprio lui e  Valentino Rossi, non riescono a  migliorare i riferimenti cronometrici della mattina: i due si ritrovano in 8ª e 9ª posizione.

A pochi minuti dalla conclusione, il Campione del Mondo in carica scende prima di tutti sotto il muro dell’1’34″. Il suo crono sveglia il compagno di squadra Pedrosa, che rialza subito la testa e si porta alle sue spalle. Ma  la gioia del pilota di Sabadell dura pocoperchè con un giro semiperfetto Andrea Iannone lo scavalca di pochissimo.

 Nel finale, anche Bautista e Smith (con la prima Yamaha in classifica) passano Pedrosal. Dietro di lui, troviamo Stefan Bradl (LCR Honda), Lorenzo, Dovizioso e Aleix Espargaró. Solo Al 10º posto, al limite della Q2, il nove volte campione Valentino Rossi. Il terzo turno di libere della classe regina scatterá domani alle h 9:55.

F1 – Ferrari: In occasione del Wrooom 2013 Ferrari e Ducati s’incontrano a Madonna di Campiglio

Come di tradizione la Ferrari s’incontra con i colleghi della Ducati sulle nevi del trentino di Madonna di Campiglio  in occasione dell’evento Wrooom 2013.

L’evento è inaugurato, da circa ventitre anni, dal Press Ski Meeting di Philip Morris International il quale da inizio simbolicamente alla stagione sportiva della F1 e della Moto Gp.

L’incontro a cena tra la Ferrari, la Ducati e i rappresentanti della stampa internazionale avverrà come da anni presso il Salone Hofer.

Il primo incontro con la stampa per la Ferrari si terrà mercoledì con una conferenza stampa del team principal Stefano Domenicali, mentre giovedì sarà la volta di Fernando Alonso e Felipe  Massa con la presenza anche di Marc Genè.

Infine l’evento si chiuderà con la sfida in go-kart tra i tre piloti Ferrari e i due Ducati  venerdì sul laghetto ghiacciato.

Bartolomeo De Stefano

 

 

Moto Gp – Assen: Stoner batte Pedrosa e il dolore, Lorenzo out

A cura di Vincenzo Carlesimo

Casey Stoner riesce a rendere perfetto un Weekend partito male dopo l’incidente delle libere, nel quale vince battendo Dani Pedrosa in un duello durato per tutto l’arco della gara e raggiungendo a pari punti Lorenzo caduto alla prima curva.

In partenza Pedrosa parte come sempre molto bene e conquista la prima posizione, seguito da Stoner e da Lorenzo, ma nella prima curva Bautista arriva nettamente lungo in frenata e nella piega verso sinistra cade travolgendo anche l’incolpevole pilota spagnolo della Yamaha.

Con l’estromissione di Lorenzo dalla gara, il duo della Honda prende il largo con Pedrosa che riesce a rimanere davanti a Stoner, dietro di loro si accende la bagarre per il terzo posto tra Spies e Dovizioso che si protrarrà per tutta la gara.

Molto bene le Ducati: ad inizio gara Hayden, Rossi e Bautista si trovano in quinta, sesta e settima posizione, aiutate anche dall’incidente di Lorenzo che ha costretto Crutchlow ad allargare la traiettoria e lasciar passare avanti il gruppetto della casa di Borgo Panigale.

Il pilota inglese della Yamaha ha un ritmo nettamente superiore e riesce, seppur con qualche difficoltà, a superare prima Bautista poi le due Ducati ufficiali conquistando il quinto posto, dopodiché il nove volte campione del mondo rallenta vistosamente e sarà costretto a cambiare lo pneumatico posteriore completamente finito.

Veramente sfortunato Rossi che stava facendo una buona gara, sullo stesso ritmo del compagno di squadra, a dimostrazione che le critiche rivolte alla Ducati forse hanno prodotto qualcosa di positivo.

A pochi giri dal termine Stoner riesce a scalvarcare Pedrosa andando a vincere una gara fondamentale per le sue speranze iridate, lo spagnolo deve accontentarsi del secondo posto arrendendosi solo alla stanchezza; Dovizioso vince la lotta per l’ultimo gradino del podio su Spies, sorpassandolo proprio all’inizio del giro finale.

Quinto posto per Crutchlow che allunga nelle fasi conclusive su Hayden, rallenta anche Barbera nel finale ma riesce a concludere in settima posizione davanti a Randy De Puniet che vince la gara della categoria Crt davanti agli italiani Pirro e Pasini che completano la top ten. Rossi conclude in tredicesima posizione doppiato.

L’impresa di Stoner nonostante sia sceso dalla moto molto dolorante riporta l’australiano a pari punti con Lorenzo in classifica generale, tutto da rifare per lo spagnolo che con 3 successi consecutivi sembrava aver messo al sicuro il campionato. Stoner non molla mai e Lorenzo non può più permettersi uno 0 in classifica, anche se questa volta non è stata colpa sua ma di Bautista.

L’incidente è sotto investigazione dai commissari di gara e probabilmente al pilota del team Gresini sarà inflitta una penalità a breve per una manovra considerata da Lorenzo “da pazzi”.

Trovi altri articoli qui: Facebook/Twitter: @Vincy85

Pilota Team Tempo
1. Casey Stoner Repsol Honda Team 41:19.855
2. Dani Pedrosa Repsol Honda Team + 4.965
3. Andrea Dovizioso Monster Yamaha Tech 3 + 11.994
4. Ben Spies Yamaha Factory Racing + 14.775
5. Cal Crutchlow Monster Yamaha Tech 3 + 22.074
6. Nicky Hayden Ducati Team + 31.660
7. Hector Barbera Ducati Pramac Racing Team + 59.107
8. Randy De Puniet ART Power Electronics Aspar + 1’04.441
9. Michele Pirro FTR San Carlo Honda Gresini + 1’06.980
10. Mattia Pasini ART Speed Master + 1’25.087
11. Danilo Petrucci Came IodaRacing Project + 1’32.103
12. Ivan Silva BQR Avintia Blusens + 1’33.797
13. Valentino Rossi Ducati Team + 1 Giro
14. James Ellison ART Paul Bird Motorsport + 1 Giro

Ritirati:

Pilota Team Giri Completati
Aleix Espargaro ART Power Electronics Aspar 14 Giri
Colin Edwards Suter NGM Mobile Forward Racing 6 Giri
Yonny Hernandez BQR Avintia Blusens 5 Giri
Stefan Bradl LCR Honda MotoGP 1 Giro
Jorge Lorenzo Yamaha Factory Racing Nessun Giro
Alvaro Bautista San Carlo Honda Gresini Nessun Giro

Non partiti:

Pilota Team
Karel Abraham Ducati Cardion AB Motoracing

Moto Gp – Assen: Stoner in pole davanti a Pedrosa, terzo Lorenzo

A cura di Vincenzo Carlesimo

Ad Assen, l’Honda domina la sessione di qualifica con Casey Stoner ad ottenere la pole davanti a Pedrosa, terzo posto per il leader del mondiale Jorge Lorenzo.

In Olanda, come da tradizione, si corre il venerdì e il sabato in quanto la domenica è sacra e non può ospitare nessun avvenimento sportivo, per cui tutto il weekend viene anticipato di un giorno e domani sarà già giorno delle gare.

Dietro ai magnifici tre che rendono le gare di questo campionato più belle ed avvincenti troviamo Stefan Bradl, il tedesco chiude a meno di un decimo dal leader del mondiale ed ha dimostrato di esser molto competitivo in questo weekend.

Dopo la stratosferica gara di Crutchlow A Silverstone, sul circuito Olandese l’inglese potrà fare una gara normale partendo dal quinto posto e provare a salire sul podio, dietro di lui in sesta posizione troviamo Ben Spies ed Andrea Dovizioso.

Chiudono la top ten Bautista e le due Ducati, con Hayden davanti a Rossi: questa volta l’americano non è riuscito nell’impresa di ottenere un ottimo tempo in qualifica come ha fatto spesso quest’anno, ma riesce lo stesso a rifilare ben tre decimi al compagno di squadra.

Randy de Puniet è il miglior pilota Crt in dodicesima posizione davanti al compagno di team Espargaro; continuano, purtroppo per lui, le enormi difficoltà di Colin Edwards che si qualifica addirittura ultimo a 4 secondi e mezzo di gap da Stoner.

Trovi altri articoli qui: Facebook/Twitter: @Vincy85

Pilota Team Tempo Distacco Giri
1. Casey Stoner Repsol Honda Team 1:33.713 15
2. Dani Pedrosa Repsol Honda Team 1:33.828 + 0.115 19
3. Jorge Lorenzo Yamaha Factory Racing 1:34.001 + 0.288 20
4. Stefan Bradl LCR Honda MotoGP 1:34.035 + 0.322 20
5. Cal Crutchlow Monster Yamaha Tech 3 1:34.486 + 0.773 17
6. Ben Spies Yamaha Factory Racing 1:34.644 + 0.931 16
7. Andrea Dovizioso Monster Yamaha Tech 3 1:34.698 + 0.985 17
8. Alvaro Bautista San Carlo Honda Gresini 1:34.722 + 1.009 16
9. Nicky Hayden Ducati Team 1:34.751 + 1.038 19
10. Valentino Rossi Ducati Team 1:35.057 + 1.344 22
11. Hector Barbera Ducati Pramac Racing Team 1:35.289 + 1.576 16
12. Randy De Puniet ART Power Electronics Aspar 1:35.830 + 2.117 20
13. Aleix Espargaro ART Power Electronics Aspar 1:36.007 + 2.294 14
14. Michele Pirro FTR San Carlo Honda Gresini 1:36.647 + 2.934 15
15. Mattia Pasini ART Speed Master 1:36.943 + 3.230 17
16. Danilo Petrucci Came IodaRacing Project IODA 1:36.967 + 3.254 22
17. Karel Abraham Ducati Cardion AB Motoracing 1:37.110 + 3.397 15
18. Yonny Hernandez BQR Avintia Blusens 1:37.191 + 3.478 18
19. James Ellison ART Paul Bird Motorsport 1:37.281 + 3.568 19
20. Ivan Silva BQR Avintia Blusens 1:37.554 + 3.841 17
21. Colin Edwards Suter NGM Mobile Forward Racing 1:38.305 + 4.592 16

Moto Gp – Silverstone: Lorenzo beffa Stoner, gran gara di Crutchlow

A cura di Vincenzo Carlesimo

Jorge Lorenzo ormai sa solo vincere; lo spagnolo, infatti, conquista la terza vittoria consecutiva, davanti a Stoner e Pedrosa, sul tracciato di Silverstone allungando sull’australiano nella classifica generale sul quale ha ora un margine di 25 punti.

La gara del pilota Yamaha non è stata comunque perfetta, sbagliando la partenza si è ritrovato sesto alla prima curva, mentre il suo compagno di squadra Spies andava a prendersi la leadership davanti a Stoner e a Bautista che ha pagato forse l’emozione della prima pole.

Impressionante l’avvio di Nicky Hayden che in pochi metri si è riportato a ridosso dei primi in quarta posizione, seguito dal solito Pedrosa che ha nella partenza il suo punto forte e da Dovizioso; l’avvio a rilento di Lorenzo ha consentito comunque di assistere ad una gara spettacolare con lo spagnolo ad imprimere subito un ritmo infernale, scendendo addirittura sotto il 2:03(2:02.888 è il nuovo record del circuito) ed iniziare la sua rimonta.

La caduta di Dovizioso e il cedimento del ritmo gara di Nicky Hayden privano la gara di due protagonisti lasciando disputare il duello finale per ottenere il podio a Lorenzo e ai due piloti Honda, Stoner e Pedrosa, mentre anche Spies dopo aver subito il sorpasso dal compagno di squadra perde contatto dal gruppo dei migliori dove invece resta agganciato Alvaro Bautista.

Lorenzo supera Pedrosa prima e poi con molta difficoltà Casey Stoner; i due pretendenti al mondiale si sfidano in un duello fantastico, scambiandosi ripetutamente le posizioni, prima che il pilota Yamaha prenda il largo andando a conquistare il quarto successo stagionale sul tracciato di Silverstone, seguito da Stoner che difende con le unghie il secondo posto su Pedrosa e dal bravissimo Bautista che sfiora il podio.

Il protagonista della gara è sicuramente Crutchlow: l’inglese, nella sua gara di casa, tira fuori dal cilindro una prestazione superlativa e, considerando che aveva saltato le qualifiche per un infortunio alla caviglia, conquista un ottimo sesto posto superando proprio nel finale Nicky Hayden chiudendo alle spalle di Spies.

Bradl chiude ottavo davanti a Rossi e Barbera che completa la top ten: Valentino riesce a battere solo 1 Moto Gp, quella dello spagnolo del team Ducati Pramac e continua a soffrire la moto che proprio non riesce a guidare; nonostante tutte le difficoltà l’italiano non è arrivato distante dal compagno di squadra che però, rispetto a lui, ha provato almeno a fare una gara da protagonista.

Espargaro batte il compagno di squadra De Puniet nella categoria CRT, ottimo terzo posto per l’italiano Michele Pirro nonostante non disponga di una moto molto competitiva; in difficoltà invece Colin Edwards che ad inizio campionato sembrava poter lottare con la coppia ART per il podio e poi si è un po’ perso.

Trovi altri articoli qui: Facebook/Twitter: @Vincy85

Pilota Team Tempo
1. Jorge Lorenzo Yamaha Factory Racing 41:16.429
2. Casey Stoner Honda Repsol Team + 3.313
3. Dani Pedrosa Honda Repsol Team + 3.599
4. Alvaro Bautista Honda San Carlo Gresini + 5.196
5. Ben Spies Yamaha Factory Racing + 11.531
6. Cal Crutchlow Monster Yamaha Tech 3 + 15.112
7. Nicky Hayden Ducati Team + 15.527
8. Stefan Bradl Honda LCR MotoGP + 22.521
9. Valentino Rossi Ducati Team + 36.138
10. Hector Barbera Ducati Pramac Racing Team + 41.328
11. Aleix Espargaro ART Power Electronics Aspar + 1:03.157
12. Randy De Puniet ART Power Electronics Aspar + 1’03.443
13. Michele Pirro FTR Honda San Carlo Gresini + 1:07.290
14. James Ellison ART Paul Bird Motorsport + 1:14.782
15. Yonny Hernandez BQR Avintia Blusens + 1:15.108
16. Colin Edwards Suter NGM Mobile Forward Racing + 1:29.899
17. Danilo Petrucci Came IodaRacing Project + 1:40.302
18. Ivan Silva BQR Avintia Blusens + 1:52.099
19. Andrea Dovizioso Yamaha Monster Tech 3 +1 Giro

Ritirati:

Pilota Team
Mattia Pasini ART Speed Master

Moto Gp – Silverstone qualifiche: La pioggia regala a Bautista la pole, male la Ducati

A cura di Vincenzo Carlesimo

Alvaro Bautista conquista la pole position a Silverstone davanti a Spies, Stoner e Lorenzo; lo spagnolo ha ottenuto il miglior tempo appena prima che la pioggia arrivasse sul circuito e impedisse agli altri, soprattutto a Lorenzo e Stoner, di sopravanzarlo.

Il team Gresini, squadra clienti del team Honda, torna in pole dopo averla ottenuta lo scorso anno da Marco Simoncelli e, nonostante la pioggia sia stata determinante per l’esito delle qualifiche, Bautista sembra avere tutte le carte in regola per giocarsi il podio o addirittura provare a vincere la gara visto il ritmo gara impresso durante la sessione di qualifica.

Stoner e Lorenzo hanno un passo superiore a quello dello spagnolo e sono sicuramente i favoriti per la gara, ma nel terzo e quarto settore il pilota del team Gresini è davvero molto veloce e sicuramente sarà della partita.

Male il team Ducati: entrambi i piloti sono caduti esattamente nella stessa maniera, il primo è stato Rossi e successivamente anche Hayden mentre tentava l’attacco alla pole position; l’americano si conferma nettamente il più veloce dei due e chiude settimo dietro a Pedrosa(5°)e Barbera(6°) e , lento invece l’italiano che proprio non riesce ad adattarsi alla moto e si qualifica in decima posizione ad oltre 2 secondi da Bautista.

Dovizioso e Bradl completano la top ten, chiudendo rispettivamente ottavo e nono, migliore della classe CRT Espargaro davanti al compagno di squadra De Puniet e a Yonny Hernandez.

Non hanno disputato le qualifiche sia Karel Abraham sia Cal Crutchlow entrambi assenti per un infortunio, avremo solo 19 piloti in pista domani.

Trovi altri articoli qui: Facebook/Twitter: @Vincy85

Pilota Team Tempo Distacco Giri
1. Alvaro Bautista Honda San Carlo Gresini 2:03.303 19
2. Ben Spies Yamaha Factory Racing 2:03.409 + 0.106 19
3. Casey Stoner Honda Repsol Team 2:03.423 + 0.120 19
4. Jorge Lorenzo Yamaha Factory Racing 2:03.763 + 0.460 19
5. Dani Pedrosa Honda Repsol Team 2:03.835 + 0.532 18
6. Hector Barbera Ducati Pramac Racing Team 2:03.876 + 0.573 18
7. Nicky Hayden Ducati Team 2:04.162 + 0.859 15
8. Andrea Dovizioso Yamaha Monster Tech 3 2:04.304 + 1.001 21
9. Stefan Bradl Honda LCR MotoGP 2:05.035 + 1.732 19
10. Valentino Rossi Ducati Team 2:05.416 + 2.113 15
11. Aleix Espargaro ART Power Electronics Aspar 2:06.283 + 2.980 16
12. Randy De Puniet ART Power Electronics Aspar 2:06.303 + 3.000 19
13. Yonny Hernandez BQR Avintia Blusens 2:06.814 + 3.511 17
14. Michele Pirro FTR Honda San Carlo Gresini 2:07.016 + 3.713 17
15. Colin Edwards Suter NGM Mobile Forward Racing 2:07.376 + 4.073 15
16. Mattia Pasini ART Speed Master 2:07.511 + 4.208 18
17. James Ellison ART Paul Bird Motorsport 2:08.228 + 4.925 19
18. Danilo Petrucci Came IodaRacing Project 2:08.686 + 5.383 20
19. Ivan Silva BQR Avintia Blusens 2:10.092 + 6.789 17

Non qualificati:

Pilota Team
Karel Abraham Ducati Cardion AB Motoracing
Cal Crutchlow Yamaha Monster Tech 3

Moto Gp – Le Mans: Jorge Lorenzo domina a Le Mans, gran gara di Rossi

A cura di Vincenzo Carlesimo

Jorge Lorenzo domina la gara di Le Mans e riconquista il primato nella classifica generale guidando in maniera impeccabile la sua Yamaha sulla pioggia, ottimo secondo posto per Valentino Rossi che esce vincitore dal duello finale con Casey Stoner.

L’italiano della Ducati ottiene un podio in Francia, come successe anche l’anno scorso, in una pista che evidentemente ama in modo particolare che lo rende sempre protagonista ad alti livelli. Rossi, aiutato sicuramente dalla pioggia che livella tutte le prestazioni delle moto, riesce qui su questo tracciato ad esprimere tutto il suo talento e non a caso gli unici due podi ottenuti dall’italiano da quando è sulla Ducati li ha ottenuti qui a Le Mans.

Casey Stoner deve quindi accontentarsi del terzo posto finendo dietro anche a Rossi, oltre che al suo rivale per il mondiale Lorenzo, perdendo il primato in classifica generale proprio dal pilota spagnolo del team Yamaha.

Pedrosa chiude ai margini del podio (4°), davanti a Bradl autore di una grandissima gara chiusa al quinto posto e alla seconda Ducati di Hayden.

Andrea Dovizioso è stato a lungo in lotta per il podio dietro a Rossi e Stoner, ma con una caduta nelle fasi conclusive deve accontentarsi del settimo posto; ottavo Crutchlow, anche lui autore di una scivolata, Barbera e Bautista completano la top ten.

James Ellison chiude ai margini dei primi 10, l’inglese che è costantemente in ultima posizione sulla pioggia conquista il miglior risultato della stagione vincendo la categoria CRT davanti a Mattia Pasini e Aleix Espargaro.

Trovi altri articoli qui: Facebook/Twitter: @Vincy85

Pilota Team Tempo
1. Jorge Lorenzo Yamaha Factory Racing 49:39.743
2. Valentino Rossi Ducati Team + 9.905
3. Casey Stoner Repsol Honda Team + 11.298
4. Dani Pedrosa Repsol Honda Team + 29.361
5. Stefan Bradl LCR Honda MotoGP + 32.477
6. Nicky Hayden Ducati Team + 32.842
7. Andrea Dovizioso Monster Yamaha Tech + 59.759
8. Cal Crutchlow Monster Yamaha Tech 3 + 1:05.152
9. Hector Barbera Ducati Pramac Racing Team + 1:07.846
10. Alvaro Bautista Carlo Honda Gresini + 1:13.193
11. James Ellison Paul Bird Motorsport + 1:26.663
12. Mattia Pasini ART Speed Master + 1:27.633
13. Aleix Espargaro ART Power Electronics Aspar + 1 Giro
14. Michele Pirro FTR San Carlo Honda Gresini + 1 Giro
15. Yonny Hernandez BQR Avintia Blusens + 1 Giro
16. Ben Spies Yamaha Factory Racing + 1 Giro
17. Chris Vermeulen Suter NGM Mobile Forward Racing + 2 Giri
18. Ivan Silva BQR Avintia Blusens + 2 Giri

Ritirati:

Pilota Team Giri Completati
Danilo Petrucci Came IodaRacing Project 24
Randy De Puniet ART Power Electronics Aspar 22
Karel Abraham Ducati Cardion AB Motoracing 11

Moto Gp – Le Mans Qualifiche: Pedrosa riesce a battere Stoner, Valentino Rossi settimo

A cura di Vincenzo Carlesimo

Casey Stoner dopo aver dominato tutte le sessioni di prove libere deve arrendersi a Dani Pedrosa; lo spagnolo, infatti, ottiene la pole position nel Gp di Francia di Le Mans battendo proprio l’australiano e Andrea Dovizioso.

Quarto posto per Jorge Lorenzo: il pilota del team Yamaha non sembra aver il ritmo per stare con il duo Honda ma in gara riesce sempre ad esprimersi ad alti livelli.Sicuramente lo vedremo in lotta per la vittoria domani.

Capitolo Valentino Rossi: settimo tempo e miglior pilota Ducati, una delle migliori qualifiche dell’anno per l’italiano; Hayden ottiene, invece, l’undicesimo tempo.

Randy De Puniet è il migliore delle CRT in dodicesima posizione a 2 secondi da Pedrosa, davanti a Bradl e Pirro, Chirs Vermeulen chiude a 5 secondi dallo spagnolo ma rientra nel 107%.

Trovi altri articoli qui: Facebook/Twitter: @Vincy85

Pilota Team Tempo Distacco
1. Dani Pedrosa Repsol Honda Team 1:33.638
2. Casey Stoner Repsol Honda Team 1:33.941 + 0.303
3. Andrea Dovizioso Monster Yamaha Tech 3 1:33.976 + 0.338
4. Jorge Lorenzo Yamaha Factory Racing 1:34.104 + 0.466
5. Cal Crutchlow Monster Yamaha Tech 3 1:34.178 + 0.540
6. Ben Spies Yamaha Factory Racing 1:34.669 + 1.031
7. Valentino Rossi Ducati Team 1:34.907 + 1.269
8. Alvaro Bautista San Carlo Honda Gresini 1:34.922 + 1.284
9. Hector Barbera Ducati Pramac Racing Team 1:34.950 + 1.312
10. Karel Abraham Ducati Cardion AB Motoracing 1:35.250 + 1.612
11. Nicky Hayden Ducati Team 1.35.291 + 1.653
12. Randy De Puniet ART Power Electronics Aspar 1:35.694 + 2.056
13. Stefan Bradl LCR Honda MotoGP 1:35.862 + 2.224
14. Michele Pirro FTR San Carlo Honda Gresini 1:36.646 + 3.008
15. Yonny Hernandez BQR Avintia Blusens 1:37.202 + 3.564
16. James Ellison ART Paul Bird Motorsport 1:37.666 + 4.028
17. Aleix Espargaro ART Power Electronics Aspar 1:37.760 + 4.122
18. Danilo Petrucci Came IodaRacing Project 1:37.767 + 4.129
19. Ivan Silva BQR Avintia Blusens 1:38.198 + 4.560
20. Mattia Pasini ART Speed Master 1:38.511 + 4.873
21. Chris Vermeulen Suter NGM Mobile Forward Racing 1:38.658 + 5.020

Moto Gp – Le Mans Prove libere 2: Stoner resta il più veloce, Pedrosa e Lorenzo si avvicinano

A cura di Vincenzo Carlesimo

Casey Stoner resta il più veloce anche nella seconda sessione di prove libere a Le Mans, il pilota Honda sfiora il record della pista ottenuto da Pedrosa lo scorso anno e completa un venerdì da assoluto protagonista.

Dani Pedrosa e Jorge Lorenzo si avvicinano portandosi a meno di mezzo secondo dall’australiano, scende invece Dovizioso che in questa sessione chiude sesto dietro a Bautista e l’altra Yamaha di Ben Spies.

Hector Barbera si conferma il miglior pilota Ducati in ottava posizione, lo spagnolo chiude dietro a Crutchlow(7°) e precede le moto ufficiali di Rossi ed Hayden con l’americano che termina la top ten.

Chris Vermeulen riesce questa volta ad ottenere un tempo entro il 107% e se non ci saranno problemi parteciperà nella di domenica.

Trovi altri articoli qui: Facebook/Twitter: @Vincy85

Pilota Team Tempo Distacco Giri
1. Casey Stoner Repsol Honda Team 1:33.740 17
2. Dani Pedrosa Repsol Honda Team 1:34.005 + 0.265 17
3. Jorge Lorenzo Yamaha Factory Racing 1:34.136 + 0.396 20
4. Alvaro Bautista San Carlo Honda Gresini 1:34.437 + 0.697 19
5. Ben Spies Yamaha Factory Racing 1:34.467 + 0.727 18
6. Andrea Dovizioso Monster Yamaha Tech 3 1:34.585 + 0.845 22
7. Cal Crutchlow Monster Yamaha Tech 3 1:34.610 + 0.870 21
8. Hector Barbera Pramac Racing Team 1:35.079 + 1.339 18
9. Valentino Rossi Ducati Team 1:35.112 + 1.372 23
10. Nicky Hayden Ducati Team 1:35.132 + 1.392 20
11. Stefan Bradl LCR Honda MotoGP 1:35.201 + 1.461 21
12. Karel Abraham Ducati Cardion AB Motoracing 1:35.787 + 2.047 19
13. Randy De Puniet ART Power Electronics Aspar 1:36.438 + 2.698 22
14. Yonny Hernandez BQR Avintia Blusens 1:36.928 + 3.188 21
15. Mattia Pasini ART Speed Master 1:37.093 + 3.353 11
16. Michele Pirro San Carlo Honda Gresini 1:37.310 + 3.570 17
17. Aleix Espargaro ART Power Electronics Aspar 1:37.585 + 3.845 16
18. Danilo Petrucci Came IodaRacing Project 1:38.255 + 4.515 18
19. Ivan Silva BQR Avintia Blusens 1:38.260 + 4.520 18
20. James Ellison ART Paul Bird Motorsport 1:38.395 + 4.655 17
21. Chris Vermeulen Suter NGM Mobile Forward Racing 1:39.383 + 5.643 18

Moto Gp – Le Mans Prove Libere 1: Casey Stoner domina la prima sessione, Lorenzo a 9 decimi

A cura di Vincenzo Carlesimo

Casey Stoner domina la prima sessione di prove libere sul tracciato di Le Mans con quasi sei decimi di margine sul compagno di squadra Dani Pedrosa e infiggendo quasi un secondo al suo rivale per il campionato Jorge Lorenzo.

Nella giornata di ieri l’australiano aveva dichiarato che questa sarà la sua ultima stagione nel motomondiale perché la Moto Gp non lo diverte più, per chi credeva che dopo queste affermazioni Stoner avesse avuto un calo di prestazioni in pista dovrà ricredersi dopo aver visto il risultato di questa prima sessione.

Una dimostrazione di forza per il pilota che dalla maggior parte degli esperti di moto viene considerato il più gran manico del Motomondiale che ci fa domandare il perché voglia ritirarsi così presto? La risposta è semplice: ora che è diventato papà forse non se la sente più di mettere in pericolo la sua vita e preferisce fare una vita normale da genitore.

Secondo tempo per Pedrosa: lo spagnolo, che ha sofferto il talento del due volte campione del mondo, spera di diventare il nuovo leader del team HRC a partire dal 2013, terzo posto per il miglior italiano Andrea Dovizioso che precede la prima Yamaha ufficiale di Ben Spies.

Più in difficoltà rispetto al compagno di squadra Jorge Lorenzo che chiude a 9 decimi di gap da Stoner in sesta posizione, preceduto dalla prima Ducati, quella del team privato Pramac; le moto ufficiali di Borgo Panigale, invece, chiudono al nono e decimo posto con Hayden davanti a Rossi.

Chiudono nella top ten anche Cal Crutchlow(7°) e Bautista(8°), l’unico pilota fuori dal 107% è stato Chris Vermeulen con la Suter NGM Mobile Forward Racing a cui manca mezzo secondo per qualificarsi.

Trovi altri articoli qui: Facebook/Twitter: @Vincy85

Pilota Team Tempo Distacco Giri
1. Casey Stoner Repsol Honda Team 1:34.321 16
2. Dani Pedrosa Repsol Honda Team 1:34.908 + 0.587 20
3. Andrea Dovizioso Monster Yamaha Tech 3 1:35.065 + 0.744 21
4. Ben Spies Yamaha Factory Racing 1:35.202 + 0.881 20
5. Hector Barbera Pramac Ducati Racing Team 1:35.213 + 0.892 17
6. Jorge Lorenzo Yamaha Factory Racing 1:35.239 + 0.918 17
7. Cal Crutchlow Monster Yamaha Tech 3 1:35.318 + 0.997 20
8. Alvaro Bautista San Carlo Honda Gresini 1:35.336 + 1.015 20
9. Nicky Hayden Ducati Team 1:35.403 + 1.082 19
10. Valentino Rossi Ducati Team 1:35.829 + 1.508 23
11. Karel Abraham Cardion Ducati AB Motoracing 1:36.291 + 1.970 20
12. Stefan Bradl LCR Honda MotoGP 1:36.500 + 2.179 20
13. Randy De Puniet ART Power Electronics Aspar 1:36.935 + 2.614 15
14. Aleix Espargaro ART Power Electronics Aspar 1:37.916 + 3.595 16
15. Mattia Pasini ART Speed Master 1:38.140 + 3.819 19
16. Yonny Hernandez BQR Avintia Blusens 1:38.209 + 3.888 18
17. Michele Pirro San Carlo Honda Gresini 1:38.255 + 3.934 14
18. James Ellison ART Paul Bird Motorsport 1:38.943 + 4.622 20
19. Danilo Petrucci Came IodaRacing Project 1:39.110 + 4.789 21
20. Ivan Silva BQR Avintia Blusens 1:39.729 + 5.408 16

Non qualificati(Fuori dal 107%) 1’40.923

Pilota Team Tempo Distacco Giri
21. Chris Vermeulen Suter NGM Mobile Forward Racing 1:41.398 + 7.077 16