Tag: Marco Andretti

Indycar – “De Ferran-Vision”? Marco Andretti rinnova il contratto

DeFerran[1]

Sono le notizie più calde dell’inizio settimana. Il rinnovo del contratto da parte di Marco Andretti, con il team gestito – ora unicamente – dal padre Michael, è ormai un affare concluso ed ufficializzato sabato scorso. Si tratterebbe di un prolungamento della permanenza in “Andretti Racing” per ben quattr’anni con l’appoggio, almeno per il 2010, dello sponsor “Venom Energy Drink” che lo ha accompagnato per buona parte del 2009. Questo spegne anche le remote speranze di veder comparire il nome del giovane statunitense fra i papabili del team USF1.

L’altra, la più clamorosa, almeno per i risvolti, è quella che riguarda il team di Tony George. Sia perchè non è mai stato fatto mistero delle difficoltà economiche di Vision Racing, quanto per il fatto che sta prendendo concretamente sempre più forma l’idea di vedere Gil De Ferran alla guida di una scuderia. Sembra infatti tramontata l’ipotesi di un impegno da team manager in “solitaria” per il brasiliano , che invece potrebbe unire le forze con Vision al fine di schierare due vetture al via nel 2010. Gil de Ferran aveva, alcuni mesi fa, anche ufficializzato la nomenclatura del team “De Ferran Motorsport”.

MN

Indycar – Nasce l’Andretti Autosport

andretti_autosport_hd_rgb

L’Andretti Green Racing ha completato la ristrutturazione annunciata nei mesi scorsi dopo la separazione tra i due soci, Michael Andretti e Kim Green. A causa di dissapori sorti negli ultimi tempi riguardo ad alcune scelte organizzative, Andretti e Gary Peterson, fondatore quest’ultimo del programma Indy Lights della AGR, hanno preso le distanze da Green e Kevin Savoree, gli altri soci del team. Adesso la squadra corse è esclusivamente di proprietà di Michael Andretti ed è stata rinominata Andretti Autosport. “Questo è un grande giorno per tutti noi“, ha detto Andretti. “Siamo molto eccitati per il futuro della squadra e non vediamo l’ora di essere di nuovo in pista per la prossima stagione. Tutti in Andretti Autosport siamo concentrati al 100 per cento per vincere gare e campionati. Abbiamo molto lavoro da fare questo inverno, ma ognuno si impegnerà a fondo e non vediamo l’ora che siamo il 2010.” L’Andretti Green Racing ha schierato nella scorsa stagione quattro vetture nella Indycar Series e due, in partnership con l’AFS Racing, nella Firestone Indy Lights (dove ha vinto gli ultimi due campionati). Nel 2010 Andretti è intenzionato a schierare lo stesso numero di vetture. A giorni verranno ufficializzati il rinnovo di contratto con Danica Patrick e la firma di Ryan Hunter-Reay per il 2010, che completeranno lo schieramento nella IZOD IndyCar Series insieme a Tony Kanaan e Marco Andretti. Nella Firestone Indy Lights il team dovrebbe schierare il confermato pilota colombiano Sebastian Saavedra e l’inglese Martin Plowman.

Indycar- Marco Andretti rinnova con AGR

marco_andretti

Marco Andretti è stato confermato alla guida di una delle quattro vetture del team Andretti Green Racing. Per il secondo anno consecutivo sarà in squadra con Kanaan, veterano della serie e campione IRL 2004, Danica Patrick, “Rookie of the Year 2005” e vincitrice quest’anno a Motegi, e Hideki Mutoh, “Rookie of the Year 2008”.

Per il nipote di Mario e figlio di Michael, tra l’altro quest’ultimo co-proprietario della scuderia assieme a Kim Green, si tratterà della quarta stagione in IRL/Indycar Series sempre nelle file dello stesso team. Nel 2008 Marco  è stato al comando per trecentotrenta tornate, quarto in classifica generale in questa speciale classifica. Il ventunenne pilota statunitense ha conquistato quattro podii e sei piazzamenti nella “Top-Five”, incluso anche un terzo piazzamento finale nella 92esima 500 Miglia di Indianapolis, suo secondo miglior risultato in tre tentativi ed altrettante partenze (nell’anno di debutto sfiorò la vittoria con un testa a testa con Hornish). Quest’anno anche due partenze nella A1gp World Cup.

“Sono già concentrato in vista della prossima stagione con Andretti Green. Come team dobbiamo fare meglio di quest’anno , io in particolare, ed è per questo motivo che voglio dare un grande contributo. Ho imparato molto dai miei errori e  ne ho tratto molti insegnamenti utili su come comportarmi in certe situazioni. Ho su di me grandi responsabilità ed aspettative e non voglio deludere nessuno, nè tantomeno illudere me stesso. Abbiamo tutte le credianzialità per essere li’ davanti a tutti”- le parole di Marco.

Il nome di Marco Andretti era stato accostato più volte dalla stampa al team Penske, in vista di una eventuale sostituzione di Castroneves.

MN

A1 Gp Chengdu Feature Race – Primo trionfo per il Portogallo, delusione Italia

00_portogallo

Dopo il classico dominio in stile irlandese di Adam Carroll nella Sprint Race, è il Portogallo, sostenuto da Filipe Albuquerque, ad aggiudicarsi l’ambita Feature Race in terra cinese. Il lusitano beffa sul traguardo gli accerrimi rivali britannici, che vedono protagonista il solito Carroll abbinato all’inglese Danny Watts, terzo col secondo podio di giornata. Leggi tutto

A1 Gp Chengdu Sprint Race – Vittoria Irlanda, Italia quattordicesima

00_carroll

L’Irlanda di Adam Carroll porta a casa il primo successo in terra cinese con la Sprint Race. Alle sue spalle l’Olanda che conserva la posizione iniziale di partenza, terza la Gran Bretagna. In una gara combattutissima, l’Italia non è andata oltre la quattordicesima posizione, regalando in compenso una minima soddisfazione allo staff azzurro in terra cinese, conscio delle potenzialità che si possono ottenere in futuro con i prossimi appuntamenti. Leggi tutto

A1gp – Marco Andretti e Christian Montanari le novità a Chengdu.

marco-andretti-irl

Aria di fermento nel paddock della A1gp. A conferma di quanto si vociferava da qualche settimana, Marco Andretti farà il suo debutto nella serie per nazioni al volante della monoposto americana, gestita a partire da quest’ anno dal padre Michael. Per il nipote del grande Mario si tratta della prima uscita ufficiale in una serie di filosofia “europea”, dopo le proficue esperienze in  Indy Proseries, IRL e ALMS. A fargli compagnia sul tracciato di Chengdu ci saranno anche Chris Van Der Drift e Danny Watts, che difenderanno i colori rispettivamente di Nuova Zelanda e Gran Bretagna. Assente la rivelazione Earl Bamber, che sarà sostituita proprio dal fresco campione della F.Master. Oltre a Bamber, in Cina mancheranno anche i preannunciati Pakistan e Germania, attardati da problemi tecnico-finanziari. L’ Olanda schiererà Robert Doornbons, protagonista con il Milan nella Superleague Formula, mentre per la Francia Nicolas Prost prenderà il posto di un Loic Duval impegnato questo week-end in Giappone.

Novità anche per il team Italia, che in occasione della tappa asiatica porterà al debutto nella sessione dedicata ai Rookie il ventisettenne Christian Montanari. Per il pilota sanmarinese, che attualmente corre nel Fia Gt con la Ferrari 430 GT2 del team AF corse, si tratta di un ritorno alle monoposto dopo le buone prestazioni mostrate negli anni precedenti in F3 e World Series Renault. “Guidare auto con tantissimo down-force è entusiasmante e non facile su una pista cittadina. ” – ha detto Montanari – “Questo cocktail rende ancora piu selettivi i due turni di prova riservati ai rookie. Ho vissuto due anni pieni di soddisfazioni con le vetture GT, Maserati MC12 e Ferrari 430, e questo ritorno con le monoposto mi riempie di gioia. Mi sento onorato di rappresentare i colori dell’Italia in attesa che la Repubblica di San Marino costituisca un suo team nell’A1GP. Spero al più presto” . Per la gara invece farà ritorno il romano Edoardo Piscopo, che nel corso della stagione si alternerà con Fabio Onidi al volante della vettura gestita da Ghinzani. A seguire, la lista dei probabili titolari.

AUSTRALIA: Martin
BRASILE: Guimaraes
CINA: Cheng
FRANCIA: Prost
GRAN BRETAGNA: Watts
INDONESIA: Hermanto
INDIA: Karthikeyan
IRLANDA: Carroll
ITALIA: Piscopo
COREA: Hwang
LIBANO: Morad
MALESIA: Fauzy
MESSICO: Garza
MONACO: Piccione
OLANDA: Doornbos
NUOVA ZELANDA: Van der Drift
PORTOGALLO: Albuquerque
SUDAFRICA: Zaugg
SVIZZERA: Jani
USA: Andretti

Davide Mainò

A1gp – Finalmente si parte. Forse arriva Danica Patrick…

presentazione-a1gp

 Dopo alterne vicende e lunghi mesi di presentazioni, si appresta a partire la quarta stagione della A1gp. Sul circuito olandese, la serie per nazioni porterà al debutto la nuovo monoposto marchiata Ferrari, anche se non tutte le nazioni iscritte al campionato prenderanno regolarmente il via. Infatti Germania, Messico, Inghilterra, Canada, India hanno dovuto di rinunciare alla partecipazione a causa di forti ritardi sulla consegna delle monoposto. La cosa ha creato forti malumori nel paddock, e fino a poche ore fa non era dato sapere se l’ appuntamento di domenica avrebbe assegnato punti validi per il campionato proprio a causa di questa “disparità”. Stando alle voci delle ultime ore, si sarebbe giunti ad un compromesso che prevede l’assegnazione di punti per i piloti che parteciperanno alla gara, i quali saranno però costretti a scartare a fine campionato il risultato peggiore, in modo da non penalizzare chi non abbia avuto la possibilità di prendere parte all’ evento. Una soluzione certamente di rattoppo, ma che quantomeno risolve una problematica non secondaria. Sarà della partita il team Italia, che nella recente presentazione della monoposto a Milano (vedi foto) ha annunciato Edoardo Piscopo e Fabio Onidi come piloti ufficiali. Intanto, l’ambiente accoglie con curiosità l’avvento del team Andretti, che come in precedenza riportato ha acquistato la franchigia del team USA. Per il posto di titolare, due nomi due nomi su tutti: Marco Andretti e Danica Patrick. Una bella pubblicità per un campionato in rapida espansione. Per quanto riguarda la copertura televisiva, la Rai si è aggiudicata i diritti per la diffusione delle immagini sul territorio italiano. Le gare verrano trasmesse sul canale digitale Rai Sport, con uno speciale in onda dalle 14:00 alle 16:30 in occasione di tutte le gare.

Davide Mainò

Indycar-A1GP: Il Team USA sarà targato Andretti Green

andrettigreenlogo

Il team Andretti Green Racing ha annunciato oggi di voler correre in prima persona nel campionato A1Gp dando cosi’ man forte al team Usa. L’obiettivo è quello di portare Marco Andretti e Danica Patrick a partecipare alla gara inaugurale dell’edizione 2009 a Zandvoort.

“Siamo orgogliosi di aver l’occasione di rappresentare gli Stati Uniti d’America in un campionato altamente competitivo come quello fornito dalla A1GP”- fa sapere il co-proprietario della scuderia Michael Andretti – Andretti Green si può ritenere fortunata di aver portato a termine il suo obiettivo, quello di essersi mantenuta sulla cresta dell’onda  in questi sei anni di attività, e sta cercando per mantenere il suo successo, nuovi sbocchi e frontiere da esplorare: la A1Gp ne rappresenta un valido esempio”.

Per la cronaca AGR è di comproprietà fra Michael Andretti e i partners storici come Kim Green, originario  titolare della scuderia assieme a Gerry Forsythe , e Kevin Savoree. Il palmares annovera tre campionati IRL, un titolo Indy Lights, una vittoria nella classe LMP2 dell’appuntamento ALMS nella 12H di Sebring e una vittoria in ALMS nel 2008 a Detroit.

MN

Indycar- Montagny è veloce e convincente nei suoi tests

montagny

Franck Montagny ha riportato risultati più che confortanti e soddisfacenti nel suo primo test in Indycar, assoluto debutto personale sui circuiti ovali. A Sparta, sul  Kentucky Speedway , ha il francese ha compiuto circa duecento giri con il miglior crono di 218,180 miglia orarie: sarebbe stato il quarto miglior tempo in assoluto nelle qualifiche dell’evento Indycar Series 2008 corsosi ad Agosto.  A questo punto sembra rafforzarsi la candidatura di Montagny a pilota titolare nel 2009. Bisogna ora vedere quanto sia convinta la AGR di puntare su di lui: in questo caso con Kanaan che ha prolungato il contratto per gli anni a venire (lo stesso dicasi per lo sponsor 7-Eleven), in “lizza” per far posto alla new-entry, assoluto jolly che Michael Andretti e Kim Green potrebbero giocare, ci sarebbero Danica Patrick il cui nome era stato timidamente accostato durante la stagione alla scuderia Rahal Lettermann, oppure il giovane Hideki Mutoh o Marco Andretti. La candidatura della prima dovrebbe cadere : se da una parte è vera la notizia secondo la quale Bobby Rahal potrebbe dal 2009 schierare due vetture , d’altro canto  se questo accadrà, probabilmente sono  altri nomi destinati ad essere presenti sulla lista del tricampione CART, in cima su tutti quello di Alex Lloyd. Il giapponese poi ha ben figurato nel campionato 2008 ed è stato premiato con il titolo di miglior debuttante assoluto dell’anno, riconoscenza assolutamente meritata per le prestazioni offerte soprattutto sui circuiti su cui si basa la sua formazione professionale, gli ovali appunto;  mentre per quanto riguarda Marco Andretti la sua situazione è alquanto complicata, visto che è l’unico  della scuderia che  secondo notizie ufficiali ancora deve prolungare il contratto. D’altronde dopo la buona stagione di debutto, coronata anche da una quasi vittoria ad Indianapolis, il suo rendimento è stato alquanto deludente e le sue prestazioni si sono rivelate inadatte per puntare ad una seria  e decisa candidatura per il titolo. Mai una vittoria , soltanto alcuni podii e soprattutto  tanti ritiri per incidenti e manovre alquanto azzardate e scorrette , anche a danno di compagni di squadra.

MN

Indycar- Sonoma Sears Point- Le novità dell’Infineon Raceway

infineon

La prima è il nuovo layout del circuito, il quale presenta , per la IRL,  modifiche notevoli alla “The Chute” (il tratto che va dalla “4a” alla “7a”) , ed al tornante curva 11 trasformato in “11a”. I cambiamenti di quest’anno riguardano nella fattispecie  il tratto  “6”-“7a” : alla “6” uscendo si trova  ora  un lungo rettilineo completamente dritto , e virtualmente perpendicolare a quello che va lega la “4a” con la “7”, che porta al tornante  successivo. Quest’ultimo di conseguenza è stato ristretto ed abbassato , e la marcia di percorrenza diventa la prima .Qui sotto una foto esplicativa del layout 2007 da confrontare con il video di presentazione 2008 della ESPN:Layout 2008 Leggi tutto