Tag: Lmp1

F1 – Red Bull: Addio Mark Webber!! L’australiano saluta il Circus

A fine anno il pilota australiano della Red Bull, Mark Webber, ha deciso di abbandonare la F1 e di intraprendere la carriera nel campionato di Endurance alla guida della Porsche.

Webber ha firmato con la casa tedesca un contratto pluriennale , il quale gli consentirà di ritornare a gareggiare nella mitica 24 Ore di Le Mans.

Il suo addio alle corse di F1, a quanto pare, era stato gia’ deciso da tempo e così commenta la notizia durante la conferenza stampa piloti di stamani:

“Il momento è perfetto per me. Sono molto entusiasta di cominciare una nuova sfida in uno dei brand più importanti e rispettati degli sport motoristici, la Porsche. Certo mi mancherà il tempo passato con ragazzi come Fernando e Jenson. Mi mancherà lavorare con persone come Adrian Newey. Sono cresciuto in Australia, dove la Formula1 è considerata il massimo delle corse, il picco della carriera di un pilota. Ma non hai 25 anni per sempre, devi capire il momento in cui passare al capitolo successivo. Questa decisione è stata ponderata e l’ho presa già da parecchio tempo. Ma nel frattempo ho rispettato e sto continuando a rispettare la professione che ho in questo momento, in Redbull, cercando di ottenere degli ottimi risultati nella mia ultima stagione in Formula1.

Nelle ultime gare cercherò di arrivare tra i primi e di fare tutto nel modo giusto. Dovrò mantenere alta la motivazione fino al Brasile: lo devo ai ragazzi della squadra che lavorano duro in fabbrica per migliorare la vettura“.

Ovviamente della nuova avventura con la Porsche, Mark Webber , non fa altro che manifestare tutta la sua gioia:

“E’ un onore per me poter prendere parte al programma di rientro di Porsche a Le Mans. Questo marchio ha fatto la storia delle corse e ha sempre avuto tecnologie e performance ad alti livelli. Sono impaziente per questa nuova sfida. Insieme a Porsche abbiamo obiettivi molto ambiziosi e non vedo l’ora di poter pilotare una delle vetture più veloci al mondo”, ha ammesso Webber che ha anche aggiunto “Il mio tempo in F1 è finito”.

Anche Wolfgang Hatz, membro del Consiglio per la Ricerca e lo sviluppo di Porsche AG, commenta entusiasta l’arrivo del pilota australiano:

“Sono davvero contento di poter contare su Mark Webber per il nostro progetto LMP1. E’ senza dubbio uno dei migliori piloti nel mondo delle corse, ha esperienza anche per quanto riguarda l’endurance e per di più è un appassionato del marchio Porsche da molti anni”.

Gli fa eco anche il Responsabile del progetto LMP1, Fritz Enzinger:

“Ho imparato ad apprezzare le qualità di MArk quando siamo stati entrambi coinvolti in Formula 1. E’ uno dei migliori piloti che avrei potuto immaginare per la nostra squadra. Sono assolutamente felice di avere un tale esperto nel mio team”.

Ora con l’addio di Mark Webber, alla Red Bull inizia il toto nome del pilota che andrà a sostituirlo e molte indiscrezioni fanno sempre più vicino al team di Milton Keynes il nome del finlandese Kimi Raikkonen.

Anche il mercato piloti 2014 è iniziato!!!

 

Bartolomeo De Stefano

 

 

 

 

FIA WEC – Ufficializzato l’elenco dei team iscritti alla 24 ore di Le Mans 2013

Le Mans 2012

a cura di Marco Borgo

Prende forma lo schieramento di partenza del mondiale Endurance FIA e di pari passo anche la lista dei team invitati alla 24 ore di Le Mans 2013. Tra le LMP1 si rinnova la battaglia tra l’Audi e il suo nuovo rivale costituito dalla Toyota, mentre il team Rebellion se la giocherà con la new entry nella categoria top dei prototipi, il team Strakka racing. Tre le vetture che la casa degli anelli schiererà a Le Mans (e alla 6 ore di Spa, noto banco prova della maratona francese) mentre nelle restanti tappe della stagione avrà due vetture per i due equipaggi composti da Marcel Fassler, Benoit Treluyer e André Lotterer assieme ai veterani Tom Kristensen, Allan McNish e a Loic Duval, promosso a sostituto dell’uscente Dindo Capello. La terza vettura (un Audi R18 ultra) a Le Mans sarà affidata a Lucas Di Grassi, Marc Gené e Oliver Jarvis.

Dopo le prime dichiarazioni in cui annunciava di prendere parte alla stagione 2013 con una sola vettura così come successe l’anno passato, anche la Toyota schiererà due vetture così come fece a Le Mans. Obiettivo dichiarato interrompere il dominio Audi, traguardo non impossibile per un team al debutto che ha già dato filo da torcere al blasonato rivale. Gli equipaggi nipponici saranno composti da Alex Wurz, Nicolas Lapierre e Kazuki Nakajima, mentre sulla seconda vettura saliranno Stephane Sarrazin, Anthony Davidson e Sebastien Buemi. Due vetture a Le Mans per gli svizzeri del team Rebellion, i quali divideranno le due vetture tra mondiale endurance FIA e American Le Mans Series. Una vettura invece per la new entry Strakka Racing, che dalla classe LMP2 passa alla LMP1.

Corposa è invece la classe LMP2 per un totale di 22 vetture al via. Confermati team quali l’OAK Racing, Delta ADR, HVM Status, Lotus, Level 5, Signatech, Greaves, Starworks, Murphy e Pecom racing. Debutta nella maratona francese il team del campionissimo dei rally Sebastien Loeb, oltre al Thiriet by TDS dalla Le Mans Series.

11 vetture nella classe top del GT. Due le Ferrari 458 del team AF Corse più una schierata dal JMW, due Corvette C6, due anche le Porsche 911 del team Manthey e due Aston Martin del Gulf Racing. Sorpresa dell’edizione 2013 il ritorno in pista della Chevrolet Viper con due esemplari dell’SRT Motorsport.

Tra gli amatori sono quattordici le vetture ammesse, per un totale di sei Ferrari 458 (3 AF, 1 Krohn, 1 Extreme SPeed, 1 eight star), due Corvette del team Larbre, quattro Porsche 911 (2 IMSA, 1 Dempsey, 1 Proton) con l’esordio ufficiale del team dell’attore Patrick Dempsey. Due Aston anche nella seconda divisione GT. Il Box 56, storicamente assegnato ad un nuovo modello di veicolo scelto per innovazione tecnologica (nel 2012 fu assegnato alla Deltawing) quest’anno sarà ad appannaggio del nuovo progetto targato Green GT H2.

LMP1
#1. Audi Sport Team Joest Audi R18 e-tron
#2. Audi Sport Team Joest Audi R18 e-tron
#3. Audi Sport North America Audi R18 ultra
#7. Toyota Racing Toyota TS030
#8. Toyota Racing Toyota TS030
#12. Rebellion Racing Lola B12/60 Toyota
#13. Rebellion Racing Lola B12/60 Toyota
#21. Strakka Racing HPD ARX-03c

LMP2
#21. OAK Racing Morgan
#25. Delta-ADR ORECA 03
#26. G-Drive Racing ORECA 03
#27. Loeb Racing ORECA 03
#28. Gulf Racing Lola B12/80
#29. Gulf Racing Lola B12/80
#30. HVM/Status Lola B12/80
#31. Lotus T128
#32. Lotus T128
#33. Level 5 Motorsports HPD ARX-03b
#35. OAK Racing Morgan
#36. Signatech-Nissan ORECA 03
#38. Jota Zytek Z11SN
#40. Boutsen Ginion Racing ORECA 03
#41. Greaves Motorsport Zytek Z11SN
#42. Greaves Motorsport Zytek Z11SN
#44. Starworks Motorsport HPD ARX-03b
#45. OAK Racing Morgan
#46. Thiriet by TDS Racing ORECA 03
#47. KCMG Morgan
#48. Murphy Prototypes ORECA 03
#49. Pecom Racing ORECA 03

GTE-Pro
#51. AF Corse Ferrari F458
#66. JMW Motorsport Ferrari F458
#71. AF Corse Ferrari F458
#73. Corvette Racing Corvette C6.R
#74. Corvette Racing Corvette C6.R
#91. Porsche Team Manthey Porsche 911 GT3-RSR
#92. Porsche Team Manthey Porsche 911 GT3-RSR
#93. SRT Motorsports Viper GTS-R
#94. SRT Motorsports Viper GTS-R
#97. Aston Martin Racing GTE
#99. Aston Martin Racing GTE

GTE-Am
#50. Larbre Competition Corvette C6
#54. AF Corse Ferrari F458
#55. AF Corse Ferrari F458
#57. Krohn Racing Ferrari F458
#61. AF Corse Ferrari F458
#67. IMSA Porsche 911 GT3-RSR
#70. Larbre Competition Corvette C6
#76. IMSA Porsche 911 GT3-RSR
#77. Dempsey – Proton Porsche 911 GT3-RSR
#80. Extreme Speed Ferrari F458
#81. 8 Star Ferrari F458
#88. Proton Porsche 911 GT3-RSR
#95. Aston Martin Racing GTE
#96. Aston Martin Racing GTE

BOX 56 (Nuove tecnologie)
#56. Green GT H2

FIA World Endurance – Andrea Caldarelli nominato Junior Driver di Toyota Racing

Andrea Caldarelli ricoprirà il ruolo di Junior Driver per Toyota Racing nel 2012 FIA World Endurance Championship. Per il ventunenne pescarese si tratta di un ritorno sotto l’ala della casa nipponica dopo essere stato parte del Young Driver Programme dal 2007 al 2009, dove aveva anche ricoperto il ruolo di collaudatore in Formula 1. Grazie anche a queste precedenti esperienze, al ritorno in Europa del costruttore nipponico Caldarelli è stato richiamato in “famiglia” con un ruolo molto importante: quello di Junior Driver. L’abruzzese infatti prenderà parte alle gare del Mondiale Endurance introdotto per il primo anno dalla FIA, partecipando ai briefing tecnici e seguendo la corsa dai box. Inoltre Andrea lavorerà al simulatore di Colonia per sviluppare la vettura nel corso della stagione e della prestigiosa 24 Ore di Le Mans.

Andrea Caldarelli
“Sono onorato di poter raggiungere Toyota Racing in questo nuovo progetto e mi aspetto di vivere un’esperienza davvero inestimabile. Pur avendo iniziato a correre nel 2005, ho solo 21 anni e penso di aver molto da imparare da questa nuova avventura. Conosco alcuni dei ragazzi della squadra sin da quando eravamo nelle stesse fila del TDP e sarà divertente tornare a lavorare insieme. Per un giovane pilota essere parte attiva di un team così professionale ed esperto sarà un grande beneficio e non vedo l’ora di imparare molto di più sulla sfida delle gare endurance”.

FIA World Endurance – La Toyota esce allo scoperto con interessanti novità

a cura di Marco Borgo

La Toyota è uscita finalmente allo scoperto. Dopo alcune foto che avevano smascherato alcuni test a porte chiuse, oggi la casa nipponica basata a Colonia, in Germania, le porte le ha aperte eccome. E’ stata presentata ufficialmente oggi sul circuito di Le Castellet la vettura (chiamata TS030 HYBRIDs) che segnerà il ritorno di Toyota alle gare. Il prototipo LMP1 della casa asiatica si troverà fin da subito nel difficile ruolo di contrastare la rivale Audi dopo l’uscita di scena della Peugeot dal nuovo mondiale FIA pur non prendendo parte nel 2012 a tutte le tappe del calendario, ma solamente alla 6 ore di Spa, Silverstone e Fuji, e alla 24 ore di Le Mans.

Presenti anche i piloti: Alex Wurz, Nicolas Lapierre e Kazuki Nakajima. Oltre ai primi tre piloti ufficiali c’era anche Hiroaki Ishiura, pilota che ha curato i primi sviluppi in pista e che è il più serio candidato ad accasarsi sulla seconda vettura, visto che la Toyota ha in due e due quattro raddoppiato il suo programma sportivo annunciando lo schieramento di due vetture. Ed è qui che la cosa ha subito preso una piega decisamente interessante per l’Italia. Andrea Caldarelli infatti faceva parte del vivaio Toyota quando questa correva in F1, salvo poi ritrovarsi a piedi quando il costruttore ha deciso di ritirarsi dal mondiale.

Ma quando l’anno scorso Caldarelli è stato richiamato in Giappone da Toyota, la quale aveva annunciato il ritorno all’endurance, molti avevano fatto due più due. Caldarelli infatti è stato inserito quale Junior driver nel programma Endurance di Toyota Motorsport. Ufficialmente l’italiano dovrebbe essere presente in pista quale pilota di riserva, e lavorare molto sul simulatore, ma visto che sulla seconda vettura è dato per sicuro solo Buemi, mentre due sedili restano ancora in forse, non è detto che uno non diventi suo. Inoltre, in vista della 24 ore di Le Mans Caldarelli potrebbe salire davvero in vettura, sempre che Toyota non ci smentisca prima.

ILMC – Zhuhai, libere: le Peugeot al comando, tra le GT BMW protagoniste

a cura di Marco Borgo

Dominio Peugeot nelle prime sessioni di libere sul tracciato cinese di Zhuhai. La casa francese ha piazzato al vertice i suoi due equipaggi, incalzati (ma con ritardi stranamente consistenti) dai due equipaggi rivali del’Audi. Dietro ai leader si piazza la Pescarolo del team Oak, che ha avuto la meglio sull’unica Lola del team Rebellion guidata da Jani e Prost. Tra le LMP2 la vettura del team Signatech conduce su quella del team Oak.

Ben più corposa la battaglia tra le GT, con le due BMW emerse nel confronto con le Ferrari. L’equipaggio composto da Farfus/Muller ha preceduto il compagno di colori Priaulx/Alzen, con le Ferrari di Luxury e AF Corse relegate ai ruoli di inseguitori. Secondi di classe amatori per il team Krohn, dove corre l’italiano Rugolo, preceduto dalla Corvette del team Larbre. Da evidenziare anche la prestazione dell’equipaggio cui fa parte Hakkinen, diciannovesimo assoluto e capace di mettersi dietro Ferrari, Aston e Porsche.

Zhuhai, libere

1. Montagny/Sarrazin – Peugeot 908 – 1’21.999 – 73
2. Bourdais/Minassian – Peugeot 908 – 0.496 – 88
3. Kristensen/McNish – Audi R18 TDI – 1.609 – 86
4. Bernhard/Fassler – Audi R18 TDI – 2.313 – 83
5. Nicolet/Premat/Pla – Oak Pescarolo Judd – 3.097 – 67
6. Jani/Prost – Rebellion Toyota – 3.534 – 60
7. Lahaye/Moureau/Ragues – Oak Peascarolo Judd – 3.974 – 69
8. Meyrick/Mucke/Primat – Lola Aston Martin – 4.021 – 68
9. Mailleux/Ordonez/Vernay – Oreca Nissan Signatech- 7.938 – 65  
10. Shogo/Naoki – Courage Oreca – 9.551 – 34
11. Lafargue/Da Rocha – Oak Pescarolo Judd – 10.523 – 70
12. Farfus/Muller – BMW M3 – 12.509 – 60
13. Chen/Shanqi – Formula LeMans Oreca – 12.687 – 30
14. Priaulx/Alzen – BMW M3 – 13.109 – 63
15. Bornhauser/Canal/Beretta – Corvette C6 Larbre – 13.236 – 58
16. Ortelli/Makowiecky – Ferrari 458 Luxury – 13.520 – 47
17. Fisichella/Bruni – Ferrari 458 AF Corse – 13.717 – 64
18. Krohn/Johnson/Rugolo – 13.736 – 59
19. Cheng/Arnold/Hakkinen – Mercedes SLS GT3 AMG – 13.789 – 65
20. Ehret/Mullen/Wills – Ferrari F430  CRS – 14.179 – 62
21. Beltoise/Farnbacher/Firman – Ferrari 458 Luxury – 14.316 – 63
22. Giroix/Goethe – Aston Martin Middle East – 14.363 – 55
23. Lietz/Ried/Roda – Porsche 911 RSR Proton – 14.456 – 34
24. Cioci/Ma – Ferrari 430 AF Corse – 15.131 – 49
25. Tsuzuki/Kim/Van Dam – Audi R8 LMS – 15.168 – 63
26. Mortara/O’Young/Imperatori – Audi R8 LMS – 15.256 – 56
27. Gruber/Lee/Tak Mak – Audi R8 LMS – 15.474 – 63
28. Rossiter/Mowlem/Heinemeier – Lotus Evora Jetaliance – 16.155 – 37
29. Slingerland/Rich/Rasmussen – Lotus Evora Jetalliance – 17.148 – 50
 
LMP1   LMP2   FLM   GTePRO   GTeAM   GTC

ILMC, Zhuhai preview: i protagonisti al via dell’ultima tappa del 2011

 

a cura di Marco Borgo

L’ultima tappa dell’Intercontinental Le Mans Cup si disputerà sul tracciato cinese di Zhuhai, pista in cui le vetture dell’endurance si sfideranno per l’ultima volta prima di ributtarsi a capofitto nella nuova avventura chiamata “FIA World Endurance Championship”. In asia sono giunte due Audi e due Peugeot, per l’ultima passerella finale. Dietro agli equipaggi top troviamo una Lola del team Rebellion, una sola Aston Martin, oltre a due Pescarolo schierate dal team Oak. Solo due le  LMP2 in pista, con la battaglia che sarà tutta tra il team Signatech e il team Oak.

Tra le Gt immancabili le Ferrari del team AF Corse, Krohn e Luxury. Presenti anche le due BMW ufficiali, oltre alle Lotus ed una unica Porsche 911. Un unico esamplare anche di Formula Le Mans, mentre nella nuova classe GTC sono state inserite tre Audi R8 e una Mercedes SLS GT3. 

ZHUHAI Entry list

#007 – Meyrick-Mucke – Lola Aston Martin
#1 – Bernhard-Fassler – Audi R18 TDI
#2 – Kristensen-McNish – Audi R18 TDI
#7 – Bourdais-Davidson – Peugeot 908
#8 – Montagny-Sarrazin – Peuget 908
#12 – Prost-Jani – Lola/Toyota Rebellion
#15 – Lahaye-Moureau – Oak Pescarolo/Judd
#23 – Shogo-Naoki – Courage/Oreca LC70
#24 – Nicolet-Premat – Oak Pescarolo/Judd
#26 – Mailleux-Ordonez – Oreca/Nissan Signatech
#35 – Da Rocha-Lafargue – Oak Pescarolo/Judd
#51 – Fisichella-Bruni – Ferrari 458 AF Corse
#55 – Farfus-Muller – BMW M3
#56 – Priaulx-Alzen – BMW M3
#58 – Beltoise-Farnbacher – Ferrari 458 Luxury
#59 – Makowiecky-Ortelli – Ferrari 458 Luxury
#64 – Slingerland-Rich – Lotus Evora Jetalliance
#65 – Rossiter-Mowlem – Lotus Evora Jetalliance
#50 – Bornhauser-Canal-Beretta – Corvette C6 Larbre
#57 – Korhn-Johnson-Rugolo – Ferrari 430 Krohn
#60 – Giroix-Goethe-Wainwright – Aston Martin Vantage Middle East
#61 – Cioci-TBA – Ferrari 430 AF Corse
#62 – Ehret-Mullen-Wills – Ferrari 430 CRS
#63 – Lietz-Roda-Ried – Porsche 911 RSR Proton
#90 – Shanqi-Chen – Oreca Formula Le Mans PTRS
#94 – Tsuzuki-Kim-Van Dam – Audi R8 LMS Hitotsuyama
#96 – Hakkinen-Cheng-Arnold – Mercedes SLS GT3 AMG
#97 – Lee-Gruber-Mak – Audi R8 LMS
#98 – Mortara-O’Young-Imperatori – Audi R8 LMS
 
LMP1   LMP2   GTePRO   GTeAM   Formula LeMans   GTC

Endurance – Toyota ha scelto i suoi piloti LMP1: Wurz e Lapierre lasciano Peugeot, assieme a loro Nakajima

a cura di Marco Borgo

Sta davvero facendo le cose in grande il costruttore nipponico che ha annunciato il suo ritorno nelle corse con la partecipazione ad alcune gare del mondiale endurance 2012 inclusa la 24 ore di Le Mans con un prototipo ibrido. La Toyota ha diramato oggi la formazione dei piloti che porteranno in pista il prototipo LMP1, e per farlo ha scelto piloti di primo piano.

Tra tutti spicca il nome di Alexander Wurz, ex pilota di F1, nonché pilota top di casa Peugeot capace di affermarsi due volte in quel di Le Mans e che dal 2012 cambierà casacca. Altro pilota del marchio Peugeot è Nicolas Lapierre, francese anch’egli, ex di GP2 passato poi all’endurance con Oreca. Terzo pilota sarà invece Kazuki Nakajima, figlio di Satoru, sparito in Formula Nippon dopo due anni in F1 con Williams e che ora riemerge grazie all’appoggio di Toyota. I tre piloti sono già al lavoro nel simulatore della casa nipponica, nell’attesa che la nuova vettura prenda forma e possa scendere in pista.

FIA Endurance – Nuove restrizioni ai prototipi diesel nel nuovo mondiale endurance

a cura di Marco Borgo

A seguito della 1000 km di Spa e della 24 ore di Le Mans, la commissione dell’ACO si è messa subito al lavoro per cercare di ivellare le prestazioni tra i prototipi diesel e quelli a benzina, restrizioni già entrate in vigore nel corso della stagione 2011. Ora, sul finire della prima stagione dell’Intercontinental Le Mans Cup, la commissione tecnica che lavora con la FIA per la stesura del regolamento tecnico del primo World Endurance Championship che prenderà il via il prossimo anno ha deliberato ulteriori modifiche  per livellare le prestazioni tra le vetture, ma ha anche posto particolare attenzione sul fronte della sicurezza, dopo gli incidenti avvenuti nella 24 ore francese.

La prima modifica consistente per “tarpare le ali” ai prototipi Diesel consiste nella riduzione del serbatoio da 65 a 60 litri. Prima della 24 ore di Le Mans, inoltre, i prototipi a benzina hanno potuto scaricare 10 kg di peso, aumentando il diametro dei loro restrittori. Ora i prototipi diesel dovranno adottare strozzature da 16 millimetri per il singolo e 11 per il doppio. Sul fronte della sicurezza, la FIA introdurrà la pinna obbligatoria per tutti i prototipi, non più alle sole LMP1, ma anche a LMP2 e Formula Le Mans. Modifiche inoltre alle dimensioni degli specchietti, e l’obbligo di montare una “rear camera” (telecamera collegata ad uno schermo che sopperisce allo specchietto retrovisore, ndr) per tutte le GT.

Confermato inoltre l’utilizo del nuovo sistema di punteggio stile F1 (25, 28, 15, 12, 10, 8, 6,4, 2, 1) e l’assegnazione di un punto per la pole ad ogni vettura leader della propria classe. 

ILMC – Road Atlanta, qualifica: Davidson ritorna e porta la Peugeot in pole

a cura di Marco Borgo

Prosegue la battaglia tra Audi e Peugeot anche nella Petit Le Mans che scatterà domani sul tracciato di Road Atlanta. Ancora una volta la Peugeot è riuscita a stare davanti alla rivale Audi con l’equipaggio Bourdais-Pagenaud-Davidson. Quest’ultimo non poteva fare un miglior ritorno nella serie dopo l’infortunio rimediato con la bici se non siglando il giro veloce che è valso la pole al suo equipaggio. In prima fila scatterà anche l’Audi del trio Bernhard-Dumas-Fassler, ovvero i vincitori della 24 ore di Le Mans sull’unica vettura della casa dei quattro anelli che giunse al traguardo.

Seconda fila per l’altra Peugeot, quella con l’intero equipaggio transalpino e composto da Montagny-Sarrazin-Wurz. Quarta posizione invece per la seconda Audi, che questa volta vede al via anche il nostro Dindo Capello. In squadra con Tom Kristensen e Allan McNish, l’italiano conta di salire in vettura, dopo aver perso le speranze quando erano trascorsi solo 50 minuti dall’inizio della 24 ore francese. Rispunta anche la Peugeot-Oreca, vettura che aveva trionfato a Sebring e che ha colto la quinta posizione assoluta. Sesti invece Prost-Jani-Belicchi, con l’italiano in aggiunta al classico duo sull’unica Lola del team Rebellion portata in America.

Solo cinque invece le LMP2 in pista, per la maggior parte provenienti dall’American Le Mans Series. Tra le GT invece, l’equipaggio vincitore della Le Mans Series una settimana fa all’Estoril, e composto da Fisichella Bruni-Kaffer, ha colto la prima posizione di classe, nonché la 25° assoluta davanti alle due BMW e alla seconda ferrari, con Melo-Vilander schierati dal team Risi e con Rafael Matos in aggiunta al duo ex AF Corse. Sarà invece una dura battaglia per Porsche e Corvette stritolate dalle Ferrari. Tra gli amatoriali sono sempre le Ferrari ad imporsi, con l’equipaggio AF Corse composto da Kaufmann-Aguas-Bell impostosi sul team Krohn racing nel quale corre anche il nostro Michele Rugolo. Domani sera alle ore 17.30 la partenza della gara con diretta su Eurosport, e dalle 24.00 riprende la diretta fino al traguardo (ore 3.30 circa di domenica mattina)

Road Atlanta, qualifiche

 1.  P1     Bourdais/Pagenaud/Davidson       Peugeot                 1m07.428s
 2.  P1     Bernhard/Dumas/Fassler           Audi                    1m07.556s
 3.  P1     Montagny/Sarrazin/Wurz           Peugeot                 1m07.881s
 4.  P1     Capello/Kristensen/McNish        Audi                    1m08.013s
 5.  P1     Lapierre/Minassian/Gene          ORECA Peugeot           1m09.777s
 6.  P1     Prost/Jani/Belicchi              Rebellion Lola-Toyota   1m10.123s
 7.  P1     Pla/Premat/Yvon                  OAK Pescarolo           1m10.355s
 8.  P1     Fernandez/Primat/Mucke           AMR Lola-Aston          1m10.485s
 9.  P1     Al Masaood/Kane/Leitzinger       Dyson Lola-Mazda        1m10.811s
10.  P1     Lahaye/Moreau/Ragues             OAK Pescarolo           1m10.864s
11.  P1     Luhr/Graf/Pickett                Muscle Milk Lola-Aston  1m10.948s
12.  P1     Dyson/Smith/Cochran              Dyson Lola-Mazda        1m11.396s
13.  P2     Tucker/Franchitti/Diaz           Level 5 HPD             1m12.335s
14.  P2     Mailleux/Ordonez/Vernay          Signatech ORECA-Nissan  1m12.640s
15.  P2     Tucker/Bouchut/Barbosa           Level 5 HPD             1m12.729s
16.  P2     Nicolet/da Rocha/Lafargue        OAK Pescarolo           1m14.654s
17.  PC     Ducote/Ducote/Marcelli/Drissi    Intersport FLM          1m14.848s
18.  P2     Brown/Johansson/Patterson        United OAK Pescarolo    1m15.158s
19.  PC     Grogor/Mitchell/Kronfli/Cameron  Genoa FLM               1m15.591s
20.  PC     Dobson/Richard/Lewis             PR1 Mathiasen FLM       1m15.649s
21.  PC     Jeannette/Gonzalez/Junco         CORE Autosport FLM      1m15.688s
22.  PC     Lux/Julian/Zugel/Grogor          Genoa FLM               1m16.069s
23.  PC     Bennett/Montecalvo/Dalziel       CORE Autosport FLM      1m16.553s
24.  P1     Burgess/McMurry/Willman          Autocon Lola-AER        1m18.420s
25.  GT     Fisichella/Bruni/Kaffer          AF Corse Ferrari        1m18.699s
26.  GT     Auberlen/Werner/Farfus           BMW                     1m18.786s
27.  GT     Muller/Hand/Priaulx              BMW                     1m19.219s
28.  GT     Melo/Vilander/Matos              Risi Ferrari            1m19.247s
29.  GT     Bergmeister/Long/Pilet           Flying Lizard Porsche   1m19.511s
30.  GT     Sharp/van Overbeek/Farnbacher    Extreme Speed Ferrari   1m19.519s
31.  GT     Ortelli/Makowiecki/Beltoise      Luxury Ferrari          1m19.539s
32.  GT     Gavin/Magnussen/Westbrook        Corvette                1m19.586s
33.  GT     Beretta/Milner/Garcia            Corvette                1m19.619s
34.  GT     Brown/Cosmo/Bell                 Extreme Speed Ferrari   1m19.705s
35.  GT     Firman/Jakubowski/Halliday       Luxury Ferrari          1m20.294s
36.  GTE-A  Kauffman/Aguas/Bell              AF Corse Ferrari        1m20.619s
37.  GT     Henzler/Sellers/Ragginger        Falken Porsche          1m20.777s
38.  GTE-A  Krohn/Jonsson/Rugolo             Krohn Ferrari           1m20.880s
39.  GTE-A  Lietz/Ried                       Proton Porsche          1m20.897s
40.  GT     Junqueira/Wilden/James           RSR Jaguar              1m20.996s
41.  GT     Neiman/Holzer/Law                Flying Lizard Porsche   1m21.090s
42.  GTE-A  Bornhauser/Canal/Gardel          Larbre Corvette         1m21.164s
43.  GTE-A  Ehret/Mullen/Wills               CRS Ferrari             1m21.294s
44.  GT     Jones/Moran/Lewis                RSR Jaguar              1m21.335s
45.  GT     Miller/Maassen/Collard           Miller Porsche          1m21.577s
46.  GT     Rossiter/Mowlem/Hansson          Jetalliance Lotus       1m22.560s
47.  GTE-A  Giroix/Kauffman/Wainwright       Gulf Aston Martin       1m23.075s
48.  GT     Slingerland/Rich/Kasper          Jetalliance Lotus       1m23.760s
49.  PC     Nicolosi/Boon/Lueders            Performance Tech FLM    1m23.810s
50.  GTC    Pappas/Bleekemolen/Bleekemolen   Black Swan Porsche      1m24.543s
51.  GTC    Ende/Pumpelly/Ludwig             TRG Porsche             1m24.596s
52.  GTC    von Moltke/Norman/Keating        TRG Porsche             1m24.844s
53.  GTC    Sweedler/Wong/Keen               Alex Job Porsche        1m24.861s
54.  GTC    Potter/Stanton/Eversley          Magnus Porsche          1m25.206s
LMS

LMS – Estoril, qualifica: Jani-Prost in pole con la Lola Rebellion

a cura di Marco Borgo

Lo svizzero Neel Jani ha portato in pole la Lola-Toyota del team Rebellion che divide con Nicolas Prost. La squadra svizzera ha battagliato con il team Pescarolo per la pole position, avendo la meglio sulla squadra di Le Mans per 199 millesimi. Seconda fila invece per l’altra vettura del team Rebellion, quella che vede alla guida il nostro Andrea Belicchi in coppia con Christof Bouillon. Finisce qui l’elenco delle LMP1 in pista. Al quarto posto assoluto troviamo infatti la prima vettura LMP2, la Zytek Nissan del Greaves Motorsport che ha primeggiato sulla compagna di classe del team Strakka racing. Terzi e quarti di classe i team TDS e Boutsen, impegnati anche nell’Euro Megane. Schieramento ridotto anche per le Formula Le Mans con sole tre vetture al via.

Le GT vedono nuovamente le Ferrari 458 prevalere sulle Porsche. In pole tra i professionisti nonché 15° ssoluti sono Bell/Walker del team JMW davanti alla vettura di Fisichella/Bruni del team italiano AF Corse. A seguire due Porsche, quelle degli ufficiali Lieb/Lietz e Goossens/Holzer. Quattro sole vetture invece tra gli amatoriali, con il secondo posto della seconda vettura AF Corse guidata da Perazzini/Cioci/Lemeret dietro alla Porsche dell’IMSA Performance. Il via della corsa è previsto per oggi pomeriggio alle ore 13.00

Estoril, qualifica

 1. LMP1-  Jani/Prost – Rebellion Lola-Toyota – 1’30.118
 2. LMP1 – Collard/Tinseau/Jousse – Pescarolo-Judd – 0.199             
 3. LMP1 – Belicchi/Boullion – Rebellion Lola-Toyota – 0.474       
 4. LMP2 – Ojjeh/Lombard/Kimber-Smith – Greaves Zytek-Nissan – 1.682      
 5. LMP2 – Leventis/Watts/Kane – Strakka HPD – 1.954
 6. LMP2 – Beche/Thiriet/Firth – TDS ORECA-Nissan – 2.229            
 7. LMP2 – Kraihamer/Ebbesvik – Boutsen Energy ORECA-Nissan – 2.577 
 8. LMP2 –  Frey/Meichtry/Hirschi – Race Performance ORECA-Judd – 3.168
 9. LMP2 – Perez Companc/Russo/Kaffer – Pecom Lola-Judd – 3.407            
10. LMP2 – Gates/Garofall/Hughes – RLR MG Lola-Judd – 3.948            
11. LMP2 – Rosier/Mello-Breyner/Mello-Breyner – Extreme Limite Norma-Judd – 4.050   
12. FLM – Hartshorne/Graves/Kapadia – Neil Garner – 5.926                
13. FLM – Kutemann/Marroc – JMB FLM – 6.362                     
14. FLM – Schultis/Simon/Schell – Pegasus FLM – 7.356                  
15. GTE-P – Bell/Walker – JMW Ferrari – 9.058                 
16. GTE-P – Fisichella/Bruni – AF Corse Ferrari – 9.115          
17. GTE-P – Lieb/Lietz – Felbermayr-Proton Porsche – 9.256   
18. GTE-P – Goossens/Holzer – Prospeed Porsche – 9.408            
19. GTE-P – Farnbacher/Simonsen – Farnbacher Ferrari – 9.631           
20. GTE-P – Pilet/Henzler – IMSA Performance Porsche – 9.846   
21. GTE-A – Armindo/Narac – IMSA Performance Porsche – 9.896   
22. GTE-P – Melo/Vilander – AF Corse Ferrari – 10.272            
23. GTE-P – Dolan/Hancock – Jota Aston Martin – 10.299            
24. GTE-A – Perazzini/Cioci/Lemeret – AF Corse Ferrari – 10.440          
25. GTE-P – Ayari/Rodrigues/Ballay – JMB Ferrari – 10.628               
26. GTE-A – Hummel/Christodoulou/Quaife – CRS Ferrari – 10.659                  
27. GTE-A – Ried/Felbermayr – Felbermayr-Proton Porsche – 11.989   
LMP1 LMP2 FLM GTePRO GTeAM