Tag: gt2

LMS – Hungaroring, qualifiche:fantastica pole per Strakka

Quarta pole position stagionale per Strakka Racing, ma indubbiamente la più bella dell’anno: infatti, Danny Watts non solo ha preceduto tutte le altre vetture di categoria, ma anche quelle della classe regina, la LMP1. Grazie al fantastico crono di 1’32.431 l’ARX-01 ha rifilato quattro decimi alle due Lola Rebellion e ben 3 secondi alla seconda LMP2, la Ginetta-Zytek del team Quifel-ASM, settima dietro a tutte le P1. Alle sue spalle scatteranno le due Pescarolo del team OAK Racing, seguite dalle due Lola di RML e Racing Box, da poco acquistato da Mik Corse, ma il team continuerà a chiamarsi Racing Box fino a fine stagione per non perdere i punti finora acquisiti.

Nella classe regina pole della coppia Belicchi-Boullion a sorpresa davanti ai compagni di squadra Prost-Jani, più veloci nelle libere. Molto vicina la Peugeot, terza a sorpresa, mentre sono ben più lontane le rivali: l’Aston Martin Signature e la rientrante Ginetta del team dei Mansell, orfani del padre per questo week-end.

In Formula Le Mans la pole è targata Toulemonde-Beche del team Applewood Seven seguita dalla prima DAMS di Firfth-Manning e Hope Polevision.

In GT1 pole per Larbre Competition dopo il forfait di Atlas EFX-Team. In GT2 poker Ferrari con la grande sorpresa di Parente-Barba davanti ai compagni Fisichella-Vilander-Alesi e al duo di CRS con Kirkaldy-Mullen davanti alla terza AF, quella di Russo-Companc. Dietro alle quattro rosse l’Aston del team JMW che ha evitato una cinquina Ferrari, piazzandosi davanti alla F430 delo team Farnbacher. La prima Porsche è quella del team Prospeed classificata settima davani a quella dei leader di classe Lietz- Ried.

Questa sera alle ore 21.30 la diretta del tratto finale di gara su Eurosport.

1. fila
Leventis– Watts–Kane (Acura ARX 01C) – Strakka Racing – 1’32″431
Belicchi–Boullion (Lola B10/60-Judd) – Rebellion – 1’32″888
2. fila
Prost–Jani (Lola B10/60-Judd) – Rebellion – 1’32″924
Panis–Lapierre–Sarrazin (Peugeot 908 HDI) – ORECA – 1’33″613
3. fila
Ragues–Mailleux–V.Ickx (Lola Aston Martin) – Signature – 1’35″297
Mansell-Mansell (Ginetta Zytek 09s) – Beechdean Mansell – 1’35″441
4. fila
Amaral–Pla (Ginetta Zytek 09S) – ASM – 1’35″586
Moreau-Hein (Pescarolo Judd) – OAK Racing – 1’35″873
5. fila
Lahaye–Nicolet (Pescarolo Judd) – OAK Racing – 10’36″250
Erdos–Newton–Collins (Lola HPD) – RML – 1’36″250
6. fila
Geri-Babini-Leo (Lola B09-Judd) – Racing Box – 1’36″660
Ojjeh–Ebbesvik–Greaves (Ginetta Zytek 09S) – Bruichladdich – 1’37″256
7. fila
Gates-Garofall-Hughes (MG Lola AER) – RLR – 1’37″796
Pirri-Cioci-Perazzini (Lola B09-Judd) – Racing Box – 1’38″307
8. fila
Frey-Buncombe (Radical SR9-Judd) – Race Performance – 1’40″988
Toulemonde–Beche (Oreca 09) – Applewood – 1’41″987
9. fila
Firth-Manning (Oreca 09) – DAMS – 1’42″213
Pillon–Verdonck–Capillaire (Oreca 09) – Hope – 1’42″253
10. fila
Zacchia–Moro-Lombard (Oreca 09) – Hope – 1’42″461
Barlesi–Cicognani–Chalandon (Oreca 09) – DAMS – 1’42″814
11. fila
Kraihamer–De Crem–Delhez (Oreca 09) – Boutsen – 1’43″223
Schell–Metz-Da Rocha (Courage Oreca LC75) – Pegasus – 1’45″105
12. fila
Barba Lopez-Parente (Ferrari F430) – AF Corse – 1’46″535
Alesi–Fisichella–Vilander (Ferrari F430) – AF Corse – 1’46″684
13. fila
Kirkaldy–Mullen (Ferrari F430) – CRS – 1’46″950
Gardel–Goueslard–Rees (Saleen S7R) – Larbre – 1’47″005
14. fila
Companc–Russo (Ferrari F430) – AF Corse – 1’47″157
Bell–Turner (Aston Martin Vantage) – JMW – 1’46″847
15. fila
Farnbacher–Simonsen (Ferrari F430) – Hankoock – 1’47″369
Westbrook-Holzer (Porsche 997 RSR) – Prospeed – 1’47″518
16. fila
Lietz–Lieb (Porsche 997 RSR) – Felbermayr – 1’47″526
Pilet–Narac (Porsche 997 RSR) – IMSA – 1’47″551
17. fila
Ragginger–Ried–Dumas (Porsche 997 RSR) – Proton – 1’47″705
Dumbreck–Coronel (Spyker C8) – Spyker – 1’47″800
18. fila
Ehret–Quaife (Ferrari F430) – CRS – 1’48″039
Kutemann–Basso–Hartshorne (Oreca 09) – JMB – 1’48″766
19. fila
Felbermayr-Felbermayr-Seefried (Porsche 997 RSR) – Felbermayr – 1’49″977
Van Dam-Lemeret-Walchhofer (Saleen S7R) – Atlas – senza tempo

Mattia Tremolada

Cosa c’è in TV – Speciale 24 ore di Le Mans

Sebbene la ‘gara’ per antonomasia riguardi solo il fine settimana, la 24 ore di Le Mans comincia di fatto dal lunedì antecedente la gara. Da oggi infatti potrete seguire su Eurosport gli speciali che ogni giorno racconteranno i principali fatti della giornata, presentando i protagonisti e le squadre al via della corsa-mito. Lo speciale format di gara di Le Mans prevede poi i turni di libere al mercoledì, più i vari turni di qualifica divisi tra mercoledì e giovedì. Venerdì giornata solitamente dedicata a media e stampa. Sabato si torna nuovamente in pista con il warm up al mattino, e la partenza della gara nel pomeriggio. Sempre divisa in quattro categorie, come la Le Mans series, la 24 ore vedrà in pista prototipi LMP1 ed LMP2, e vetture GT divise in GT1 e GT2.

Gli speciali dureranno, non a caso, 24 minuti, e saranno trasmessi ogni giorno alle 19.30 (edizione del giorno, previste repliche in altri orari), mentre dal mercoledì si comincerà a far sul serio sulla pista della Sarthe. Tutto (ma proprio tutto!) ovviamente live su Eurosport, con l’emittente satellitare che affronterà anch’essa una maratona di 24 ore, mettendo in diretta tutta la gara, ora dopo ora.

Lunedì 07 giugno

Eurosport – ore 19.30/23.00 – Speciale Le Mans 24 minutes

Martedì 08 giugno

Eurosport – ore 19.30/23.00 – Speciale Le Mans 24 minutes

Mercoledì 09 giugno

Eurosport 2 – ore 16.00 – 24 ore, diretta libere da Le Mans

Eurosport – ore 19.30 – Speciale Le Mans 24 minutes

Eurosport – ore 22.oo – 24 ore, diretta qualifiche da Le Mans

Giovedì 10 giugno

Eurosport 2 ore 19.00 – 24 ore, diretta qualifiche da Le Mans

Eurosport – ore 19.30 – Speciale Le Mans 24 minutes

Eurosport – ore 20.00 – 24 ore, diretta qualifiche da Le Mans

Eurosport – ore 22.00 – 24 ore, diretta qualifiche da Le Mans

Venerdì 11 giugno

Eurosport – ore 19.30 – Speciale Le Mans 24 minutes

Sabato 12 giugno

Eurosport – ore 9.00 – 24 ore, diretta warm up da Le Mans

Eurosport – ore 14.15 – 24 ore, collegamento con Le Mans-starting grid

Eurosport – ore 14.45 – 24 ore, diretta partenza 24 ore di Le Mans

Eurosport 2 – ore 16.15 – 24 ore, diretta gara da Le Mans

Eurosport – ore 20.15 – 24 ore, diretta gara da Le Mans

Eurosport 2 – ore 22.30 – 24 ore, diretta gara da Le Mans

Eurosport – ore 23.15 – 24 ore, diretta gara da Le Mans

Domenica 13 giugno

Eurosport – ore 00.30 – 24 ore, diretta gara da Le Mans

Eurosport – ore 3.00 – 24 ore, diretta gara da Le Mans

Eurosport 2 – ore 9.00 – 24 ore, diretta gara da Le Mans

Eurosport – ore 9.30 – 24 ore, diretta gara da Le Mans

Eurosport 2 – ore 10.30 – 24 ore, diretta gara da Le Mans

Eurosport – ore 13.05 – 24 ore, diretta ultime due ore di gara da Le Mans

Eurosport – ore 15.15 – 24 ore, diretta premiazione 24 ore di Le Mans

Marco Borgo

24 h Le Mans – Gli inviti ufficiali

peugeot-908-hdi-rif-le-mans[1]

L’ACO, acronimo di Automobile Club de l’Ouest, organizzatore della 24 ore di Le Mans, ha diramato la lista degli inviti ufficiali per la gara della Sarthe in programma il prossimo mese di Giugno.

L’elenco che riporteremo di seguito comprenderà un totale di 29 equipaggi, ripartiti in 7 prototipi di classe LM P1, 7 prototipi di classe LM P2, 6 granturismo di classe LM GT1 e 9 granturismo di classe LM GT2.

Le scuderie invitate avranno ora circa due mesi di tempo per decidere se intraprendere oppure no l’avventura della mitica 24 ore, dato che l’ACO ha predisposto un periodo di tempo che va dal 21 Dicembre al 20 Gennaio per confermare o rifiutare la partecipazione.

Nell’elenco degli equipaggi, oltre al team ed alla vettura, riportiamo il titolo sportivo grazie al quale sono stati nominati dall’ACO.

Prototipi classe LM P1

Peugeot Sport Total (Peugeot 908 HDi FAP) – 24 Heures du Mans 2009
Team Peugeot Total (Peugeot 908 HDi FAP) – 24 Heures du Mans 2009
Peugeot Sport Total (Peugeot 908 HDi FAP) – Petit Le Mans
Patron Highcroft Racing (Acura ARX-02a) – ALMS
Aston Martin Racing (Lola Aston-Martin B09/60) – Le Mans Series
Pescarolo Sport (Pescarolo-Judd) – Le Mans Series
SORA Racing (Pescarolo-Judd) – Asian Le Mans Series

Prototipi classe LM P2

Team Essex (Porsche RS Spyder) – 24 Heures du Mans
Speedy Racing Sebah (Lola B08/80) – 24 Heures du Mans
Lowe’s Fernandez Racing (Acura ARX-01b) – American Le Mans Series
Quifel ASM Team (Ginetta-Zytek 09S) – Le Mans Series
Speedy Racing Sebah (Lola B08/80) – Le Mans Series
Speedy Racing Sebah (Lola B08/80) – Michelin Green X Challenge
OAK Racing (Pescarolo-Mazda) – Asian Le Mans Series

Granturismo LM GT1

Corvette Racing (Corvette C6.R) – 24 Heures du Mans
Luc Alphand Aventures (Corvette C6.R) – 24 Heures du Mans
Luc Alphand Aventures (Corvette C6.R) – Le Mans Series
Vitaphone Racing Team (Maserati MC12) – FIA GT
Peka Racing ( Corvette C6.R) – FIA GT
JLOC (Lamborghini Murcielago) – Asian Le Mans Series

Granturismo classe LM GT2

Risi Competizione (Ferrari F430GT) – 24 Heures du Mans
BMS Scuderia Italia (Ferrari F430GT) – 24 Heures du Mans
Risi Competizione (Ferrari F430GT) – Petit Le Mans
Flying Lizard Motorsports (Porsche 997 GT3 RSR) – ALMS
Team Felbermayr Proton (Porsche 997 GT3 RSR) – Le Mans Series
JMW Motorsport (Ferrari F430GT) – Le Mans Series
AF Corse (Ferrari 430GT) – FIA GT
Prospeed Competition (Porsche 997 GT3 RSR) – FIA GT
Hankook Team Farnbacher (Ferrari F430GT) – Asian Le Mans Series

    C.J.

ALMS – Ritorno alla vittoria per Brabham e Sharp

brahbam

Il Patron Highcroft Racing interrompe una striscia di quattro gare senza successi vincendo a Elkhart Lake. Appena mezzo secondo ha diviso sul traguardo David Brabham dal rivale Gil de Ferran, pilota e titolare del De Ferran Motorsports. Per Brabham e il suo compagno Scott Sharp è la prima vittoria del team da quella di St. Petersburg in aprile, seconda in questa stagione, che permette di portare il loro vantaggio campionato da nove a 13 punti. “Credo che quella di oggi fosse la migliore auto che abbiamo mai avuto questo anno“, ha detto Brabham. “Gil mi è stato sempre col fiato sul collo. L’unica volta che ho potuto respirare un po’ è stato quando ha perso un po’ di tempo dietro ad una vettura GT. Le ultime gare sono state piuttosto difficili, ma ci hanno permesso di crescere imparando dai nostri errori.” Partiti dalla pole, la gara di de Ferran e Simon Pagenaud è stata complicata dalla prima caution, che è uscita proprio dopo il loro primo pit stop, facendoli cadere in fondo al gruppo. In seguito un’altra caution nel finale ha riportato entrambe le Acura sulla stessa strategia, permettendo a de Ferran, quando la bandiera verde è sventolata per l’ultima volta a sei minuti dalla fine, di mettere pressione a Brabham. De Ferran ha tentato il possibile, ma Brabham è stato in grado di assorbire la pressione e vincere per meno di mezzo secondo. “David ha fatto un incredibile lavoro sotto pressione, ha meritato la vittoria“, ha ammesso de Ferran. “Eravamo un po’ più veloci, ma abbiamo avuto un po’ troppo sottosterzo quando eravamo alle loro spalle.”

In classe LMP2 ancora una vittoria per il Lowe’s Fernandez Racing, che è ancora una volta riuscito a sconfiggere le Lola Mazda del Dyson Racing. Queste ultime hanno disputato una buona gara fin dall’inizio, ma l’uscita delle seconde bandiere gialle (causate paradossalmente dall’altra vettura del team, tamponata da una Panoz GT dopo aver rallentato per problemi elettrici) durante la fase dei pit stop ha stoppato la corsa al vertice della n.20 di Butch Leitzinger e Marino Franchitti, consentendo ad Adrian Fernandez e Luis Diaz di portarsi in testa e vincere di nuovo. Terzo posto per la Porsche del Cytosport. Per il team messicano si tratta della sesta vittoria di classe in sette gare, questa volta ottenuta dopo essere stati sconfitti in qualifica per la prima volta quest’anno.

Prima vittoria stagionale per la BMW M3 del Rahal Letterman Racing Team grazie a Joey Hand e Bill Auberlen. Per il team si è trattata di una doppietta, visto che la vettura gemella ha terminato al secondo posto, mentre per la BMW si tratta del ritorno alla vittoria dopo 8 anni. “Mi è difficile ricordare quel lontano 2001“, dichiara Auberlen. “Abbiamo un nuovo gruppo di persone che sono così qualificate. Abbiamo avuto il tempo di sviluppare la vettura. Dobbiamo ringraziare Dunlop per il lavoro svolto. Le bandiere gialle ci hanno dato una mano, non c’è niente di male ad ammetterlo. Il livello della classe GT2 è molto alto, ci sono otto o nove vetture che possono vincere ad ogni week-end.” Terzo posto per la nuova Corvette, che dimostra ancora una volta il suo potenziale con due podii su due gare disputate.

ALMS – Timidi segnali di ripresa dalle granturismo

rizi_ferrari_f430_gt1

 

Il campionato dell’American Le Mans Series edizione 2009 sta vivendo un periodo interlocutorio, dovuto all’ingombrante presenza della crisi economica mondiale, che ha costretto i gruppi automobilistici e le scuderie a porre maggiore attenzione ai preventivi di spesa.

Nelle prime cinque gare stagionali infatti, il parco dei partenti non è mai stato estremamente numeroso, specialmente fra le categorie dei prototipi LM P1 ed LM P2, globalmente più esosi nella gestione rispetto alle vetture granturismo e quindi oggetto di maggior oculatezza da parte dei costruttori. Ad esempio, nella gara disputata a Lime Rock lo scorso week end, al via vi erano solamente 5 prototipi di classe LM P1 ed altrettanti di classe LM P2, segnale tangibile del periodo economicamente poco felice che stiamo vivendo.

Nonostante tutto questo, le notizie riguardanti il futuro dell’American Le Mans Series sono da considerarsi moderatamente tendenti all’ottimismo, in quanto alcuni costruttori ed alcune scuderie stanno nuovamente pensando con interesse alla partecipazione alle gare endurance in terra americana.

Per la competizione prevista a Mid Ohio, sesto appuntamento stagionale, la lista dei papabili a prendere il via annovera 29 equipaggi, suddivisi al solito in prototipi LM P1, in prototipi LM P2, in granturismo LM GT2 ed in ALMS Class Challenge GT3. Entrando nel dettaglio, si avranno 5 vetture LM P1, 5 LM P2, 6 ALMS Class Challenge e ben 13 LM GT2, segno che almeno fra Ferrari, Porsche e BMW la voglia di lottare è tanta anche negli States.

 Certo, l’incremento del numero delle LM GT2 e delle “piccole” GT3 dell’ALMS Class Challenge non deve essere preso come la panacea di tutti i mali, vista la quasi definitiva sparizione delle potentissime LM GT1. Piuttosto, andrebbe inteso come una sorta di “down sizing” in funzione della riduzione globale dei costi di gestione, cercando di sopperire all’assenza delle granturismo GT1 con lotte serrate in gara  in grado di soddisfare comunque gli appassionati.

D’altronde, l’essere presenti a tutte le gare dell’ALMS, della LMS, del FIA GT e delle altre categorie minori per GT1, GT2 e GT3, comporta l’utilizzo di budget danarosi non indifferenti per la situazione economica attuale.

                     C.J.

Fia GT, Oschersleben: Vittoria Corvette

             075_corvette_41 

Ad aggiudicarsi la vittoria nella terza prova del Fia Gt disputata sul circuito di Oschersleben in Germania è la Corvette del team Pk Carsport guidata da Hezemans-Kumpen  che vincono una gara che è stata caratterizzata da una pioggia battente per tutta la sua durata e anche se non ci sono stati botti o uscite di pista spettacolari il divertimento per gli spettatori non è mancato. Alla partenza tutti sono stati piuttosto attenti a non commettere errori e a mantenere la posizione ma Hezemans con la sua Corvette ha cominciato subito ad attaccare e dalla settima posizione della partenza ha cominciato la risalita fino prendersi la testa della corsa paasando prima Wendlinger e poi il poleman Muller. Ritmo insostenibile e aggressivo nonostante il maltempo per Hezemans e Kumpen che una volta preso il comando hanno continuato con giri veloci continui come se corressero su pista asciutta portando così alla prima vittoria stagionale la Corvette Z06 del Pk Carsport. Seconda posizione per Bertolini-Bartels bravi a non commettere errori e finire secondi mantenedo così la testa del campionato, terzo l’ equipaggio della pole con Muller-Ramos autori di una gara senza infamia e senza lode che non hanno opposto una particolare resistenza all’ altra Maserati del team Vitaphone accontentandosi di salire sul podio. Quarta e quinta le altre due Corvette di Longin-Ruffier e Maasen-Biagi con quest’ ultimo bravo a non commettere particolari errori con una vettura per lui ancora da scoprire, ottimo sesto e settimo posto assoluto per le Ford Gt in configurazione 2010 del team Matech con Leinders-Kuppens e Mutsch-Hennerici, gara disastrosa invece per la Saleen S7 del K Plus K guidata da Wendlinger-Sharp che partiti dalla prima fila hanno concluso in quindicesima posizione una gara ricca di inconvenienti tecnici e qualche errore di guida. In Gt2 bellissima vittoria per Bruni-Vilander con la Ferrari F430 della AF Corse davanti alla Porsche di Holzer-Edwards e all’ottima Aston Martin Vantage V8 dell’ Hexis guidata da Mucke-Makowiechi partiti terz’ ultimi e giunti secondi di classe e undicesimi assoluti, ritirati Collard-Westbrook con Porsche ma ancora primi in campionato. Ordine di arrivo:

 

1 Hezemans/Kumpen  Corvette Z06 Gt1

2 Bertolini/Bartels  Maserati Mc12 Gt1 a 9.207

3 Muller/Ramos  Maserati Mc12 Gt1 a 35.696

4 Longin/Ruffer Corvette Z06 Gt1 a 1:47.676

5 Maasen/Biagi Corvette Z06 Gt1 a 1 giro

6 Leinders/Kuppens Ford Gt Gt1 2010 a 1 giro

7 Mutsch/Hennerici Ford Gt Gt1 2010 a 1 giro

8 Hines/Lemeret Saleen S7 Gt1 a 2 giri

9 Bruni/Vilander Ferrari F430 Gt2 a 2 giri

10 Holzer/Edwards Porsche 911 Gt2 a 2 giri

11 Mucke/Makowiechi Aston Martin Vantage V8 Gt2 a 2 giri

12 Mullen/Niarchos Ferrari F430 Gt2  a 3 giri

13 Ragginger/Lucchini Porsche 911 Gt2 a 3 giri

14 Krumm/Turner Nissan Gt-R Gt1 2010 a 3 giri

15 Wendlinger/Sharp Saleen S7 Gt1 a 4 giri

16 Bell/Kirkaldy Ferrari F430 Gt2 a 4 giri

17 Bergmeister/Ashburn Porsche 911 Gt2 a 5 giri

Campionato piloti Gt1: 1 Bartels-Bertolini 26 pt. 2 Kumpen-Hezemans 23. 3 Maasen 15.

Campionato piloti Gt2: Collard-Westbrook 20 pt. 2 Bruni-Vilander 18. 3 Holzer 16

campionato team Gt1: Vitaphone (Maserati) 38 pt. 2 Pk Carsport (Corvette) 23. 3 K Plus K (Saleen) 15.

Campionato marche Gt2: Ferrari 42 pt. 2 Porsche 34. 3 Aston Martin 2.

LMS – il volto umano della 24 ore per i bimbi meno fortunati

patrick-dempsey-is-hot1

Nelle giornate in cui le scuderie hanno raggiunto il paddock di Le Mans, salta all’occhio la presenza del Team Seattle- Mecenate Chirurgie Cardiaque che parteciperà alla 24 ore a bordo della Ferrari F430 GT #81 di proprietà del Team Advance Engineering. La motivazione della presenza di questa “strana” equipe consiste nel ricavare sostegni economici per l’ospedale infantile di Seattle negli Stati Uniti e per aiutare le famiglie dei bimbi malati di cuore in Francia a poter sostenere le spese di un’operazione o di un trapianto.

Alla 24 ore la Ferrari F430 GT verrà guidata da Don Kitch jr, da Joe Foster e dall’attore Patrick Dempsey, conosciuto al pubblico del piccolo schermo per interpretare il Dottor Sheperd nella famosa serie tv “Grey’s Anatomy”. Quest’ultimo, che ha già nel carniere una certa esperienza di pilotaggio, potrà realizzare alla 24 ore il sogno di poter aiutare i bambini americani meno fortunati, il tutto aiutato dall’aver scoperto l’associazione Mecenate Chirurgie Cardiaque durante un recente soggiorno in terra francese.

Al fine di sensibilizzare il pubblico, nel paddock della Sarthe verranno distribuiti gadgets e depliants, invitando tutti gli interessati a consultare i siti web correlati all’iniziativa. In particolare, il sito racingforchildren.fr creato appositamente per la raccolta dei fondi economici per i bimbi ed il sito mecenat-cardiaque.fr per quanto concerne l’illustrazione delle problematiche dei malati di cuore in tenera età.

Al di là degli eventuali meriti tecnico sportivi in pista, la Ferrari F430 GT #81 della classe LM GT2 merita a prescindere un grosso in bocca al lupo di incoraggiamento, per aver intrapreso un’opera di estrema importanza sociale che ci fa ricordare che anche il mondo dei motori non deve mai dimenticare chi è meno fortunato di noi.

                     C.J.

Endurance – Categorie LMS, parliamo di tecnica

audi_r10_1Le corse automobilistiche della Le Mans Series sono riservate a due grandi categorie di automobili, le vetture Prototipi, suddivise in LM P1 ed LM P2 e le vetture Gran Turismo differenziate in LM GT1 ed LM GT2. Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza in merito per consentire allo spettatore di godersi ancor di più lo spettacolo dell’Endurance.

Prototipi LM P1

Sono le auto più famose delle moderne edizioni della 24 ore di Le Mans in quanto sono appositamente progettate per competere alla vittoria nella classifica generale delle gare Endurance. Sono definite auto prototipo (aperte e coperte) in quanto veri e propri modelli da competizione senza parentela alcuna con i  modelli stradali, con specifiche meccaniche di assoluta eccellenza.  Esempi attuali della serie regina sono le Audi R10 TDI, le Courage Oreca, le Lola motorizzate Aston Martin, le Pescarolo e le Aston Martin. Alcune specifiche:

  • Peso minimo: 900 kg
  • Larghezza ala posteriore: 1.6 metri
  • Cilindrata massima: 6 litri per i benzina atmosferici, 4 litri per i benzina sovralimentati, 5,5 litri per i ciclo Diesel sovralimentati.
  • Capacità massima serbatoio: 90 litri per i benzina, 81 litri per i Diesel
  • Diametro massimo dischi freno: 38 centimetri
  • Numeri di gara: da 1 a 24
  • Colore numero di gara: rosso
  • Luce dei fari: bianca

Importante è sottolineare l’aspetto ambientalista della categoria, in quanto dal 2008 il 10% del carburante dei ciclo Otto è composto da bioetanolo, così come il 10% del carburante dei ciclo Diesel è rappresentato dal BTL. Dal 2009 ciascuna vettura, per muoversi in pit lane, dovrà servirsi di un motore elettrico che la spingerà fino ai 60 km/h sensibilizzando il pubblico riguardo i possibili scenari corsaioli delle auto ibride.

Prototipi LM P2

Sono automobili prototipo (aperte e chiuse) non derivate dalla produzione stradale dotate di minor potenza rispetto alle sorelle maggiori della LM P1, destinate in genere a team ed equipaggi privati, in grado comunque di ben figurare anche a cospetto della classifica generale. Esempi attuali sono le Parmi Elles, le Lola motorizzate Mazda, le Pescarolo Mazda, le Porsche RS Spyder e le Ginetta Zytek. Alcune specifiche:

  • Peso minimo: 825 kg
  • Larghezza ala posteriore: 1.6 metri
  • Cilindrata massima: 3,4 litri e 8 cilindri per i benzina atmosferici, 2 litri e 6 cilindri per i benzina sovralimentati.
  • Diametro massimo dischi freno: 38 cm
  • Capacità massima serbatoio: 80 litri
  • Numero di gara: da 25 a 49
  • Colore numero di gara: blu
  • Luce dei fari: bianca

Anche per la categoria LM P2 vige la regola di utilizzare i biocarburanti con le stesse modalità della LM P1.

Gran Turismo LM GT1

Le  Gran Turismo LM GT1 sono vetture  derivate da modelli di produzione omologati per la circolazione stradale, aventi come requisito minimo l’essere prodotti in 100 esemplari per le grandi Case ed in 25 per le piccole Case. Va comunque detto che per le competizioni le auto sono preparate ed allestite in modo apposito. Esemplari delle corse attuali sono le Chevrolet Corvette, le Aston Martin DBR9, le Ferrari 550 Maranello, le Lamborghini Murcielago e le Saleen.

  • Peso minimo: 1125 kg (1150 kg per Aston Martin e Corvette)
  • Larghezza massima: 2 metri
  • Cilindrata massima: 8 litri per i benzina atmosferici, 4 litri per i benzina sovralimentati
  • Dischi freno in fibra di carbonio ammessi
  • Capacità serbatoio: 90 litri
  • Cambio con massimo 6 rapporti
  • Numero di gara: da 50 a 74
  • Colore numero: verde
  • Luce dei fari: gialla

Gran Turismo LM GT2

Le  Gran Turismo LM GT2 sono vetture  derivate da modelli di produzione omologati per la circolazione stradale, aventi come requisito minimo l’essere prodotti in 100 esemplari per le grandi Case ed in 25 per le piccole Case. Va comunque detto che per le competizioni le auto sono preparate ed allestite in modo apposito, anche se in misura minore rispetto alle LM GT1. Esemplari delle corse attuali sono le Porsche 997, le Ferrari F430, le Lamborghini Gallardo e le Aston Martin Vintage V8.

  • Peso minimo: 1125 kg
  • Larghezza massima: 2 metri
  • Cilindrata massima: 8 litri per i benzina atmosferici, 4 litri per i benzina sovralimentati
  • Dischi freno in materiale ferroso
  • Capacità serbatoio: 90 litri
  • Cambio con massimo 6 rapporti
  • Numero di gara: da 75 a 99
  • Colore numero: giallo
  • Luce dei fari: gialla

                                                                                        C.J.