Tag: Tung

IndyCar – Nel 2012 lo sbarco in Cina

Nel 2012 l’IZOD IndyCar Series arriverà per la prima volta nella sua storia in Cina. La gara verrà disputata il 19 Agosto sul circuito cittadino di Qingdao, città situata nell’est della provincia di Shandong, a circa 700 km da Pechino. “Con l’economia mondiale globale che continua a crescere ed evolversi, la Cina, la seconda più grande economia del mondo, è diventata una priorità assoluta per la maggior parte delle aziende americane e degli sponsor che si impegnano anche nella nostra categoria“, ha affermato il CEO della IndyCar Randy Bernard. “L’anno scorso gli sponsor provenienti dalla Cina erano al primo posto nel volere una gara al di fuori degli Stati Uniti. Siamo molto entusiasti e veramente grati per il pieno sostegno del governo cinese e della municipalità di Qingdao nell’aver creato l’opportunità di portare la IZOD IndyCar Series in Cina. Faremo la nostra parte nel rendere questo evento un fantastico weekend di gare, visibile sulla scena mondiale.” “L’industria automobilistica cinese sta vivendo una crescita esplosiva ed era importante portare il nostro marchio e le basi del nostro business nel mercato cinese“, ha spiegato Terry Angstadt, presidente della divisione commerciale della IndyCar. “Erano tre anni che lavoravamo per la realizzazione di questa manifestazione storica, con il pieno appoggio del governo cinese, della municipalità di Qingdao e con un gruppo di importanti sponsor. Non potremmo essere più felici per i nostri futuri tifosi cinesi e per aver allargato la famiglia della IndyCar.” “L’automobilismo è uno sport ancora relativamente giovane in Cina, anche se la Formula Uno corre qui da un certo numero di anni sul circuito di Shanghai“, ha detto Ho-Pin Tung, primo cinese a disputare una gara IndyCar lo scorso Agosto sull’Infineon Raceway. “Una corsa IndyCar sarà sicuramente un’aggiunta straordinaria per il calendario motoristico del paese. Da parte mia, spero di essere in grado di contribuire a rendere la gara un grande successo.” L’IndyCar nel 2012 disputerà altre tre gare al di fuori degli Stai Uniti, a San Paolo, Toronto ed Edmonton. L’inizio della stagione è fissato per il 25 marzo a St. Petersburg, mentre la 500 Miglia di Indianapolis è in programma il 27 Maggio. Il resto del calendario, insieme a quello della Indy Lights, sarà annunciato a breve.

Marco Strazzulla

GP2 – Spa, post gara: Coletti ricoverato per frattura di due vertebre, stagione finita

a cura di Marco Borgo

Così come nel 2009, dove peraltro la sua era una presenza spot mentre correva a tempo pieno nella F3 Euroseries, Stefano Coletti è stato ricoverato in serata all’ospedale più vicino al termine di gara 1. Il monegasco si è procurato la frattura di due vertebre nell’incidente che oggi lo ha visto protagonista con Mikhail Aleshin.

Trovatosi davanti a sé la vettura del russo che procedeva lentamente, Coletti non è riuscito ad evitarla, e la sua monoposto è decollata sopra a quella del russo. Nel violento impatto della ricaduta contro l’asfalto Stefano ha riportato i danni alla schiena a causa dell’urto violento. Estratto dal team medico, il monegasco era stato trasportato al centro medico dove gli sono stati diagnosticati i traumi. Il pilota non sarà quindi al via della gara di domani né tantomeno a Monza.

Non è la prima volta che i piloti di GP2 vanno incontro a simili traumi. Proprio l’anno scorso Bianchi si girò con la sua vettura e venne colpito frontalmente da Ho Pin Tung ed entrambi riportarono le stesse lesioni, mentre due anni fa Valsecchi sempre con una Durango uscì a Puhon procurandosi le stesse conseguenze. Nel 2009 invece Coletti perse il controllo della Dallara del team Durango all’imbocco dell’Eau Rouge e finì contro le barriere. Stesso pista, stesso trauma.

Da parte di tutto lo staff di erace un saluto ed un caloroso in bocca al lupo a Stefano Coletti per un veloce recupero fisico.

IndyCar – Cominciate le prove per la 500 Miglia di Indianapolis

Con il Rookie Orientation Program è iniziata la fase di avvicinamento alla 500 Miglia di Indianapolis, in programma domenica 29 Maggio. 6 dei 7 rookie scesi in pista hanno superato le quattro fasi previste dal programma, con l’eccezione di James Jakes (che comunque avrà tempo per superarlo a partire dal primo giorno di prove libere, sabato 14). J.R. Hildebrand (Panther Racing) ha ottenuto la migliore velocità a 356.466 kmh, davanti al cinese Ho-Pin Tung (Schmidt Dragon Racing). James Hinchcliffe (Newman Haas Racing), Charlie Kimball (Chip Ganassi Racing), Scott Speed (Dragon Racing) e Pippa Mann (Conquest Racing) gli altri rookie che hanno completato il ROP. Jay Howard, l’ottavo rookie tra gli iscritti, non è sceso in pista avendo già superato il Rookie Orientation Program nel 2008, anche se poi fallì la qualificazione. “La più grande differenza rispetto alla mia precedente esperienza qui con la Indy Lights è che si va molto più veloce e quindi le cose accadono più rapidamente“, ha affermato Hildebrand. “Le auto sembrano simili, a parte la velocità. C’è voluto un po’ di tempo per abituarsi. Una volta che abbiamo cominciato ad andare, siamo stati costanti. Ovviamente l’usura delle gomme è stata una cosa su cui abbiamo tutti prestato attenzione, così abbiamo cercato di essere parsimoniosi con l’uso delle gomme. Abbiamo avuto una giornata abbastanza buona, ed ora si tratta di fare un passo alla volta.” “Mi sono davvero divertita“, ha detto invece la Mann. “Mi ha sorpreso quanto sia stato difficile restare entro i limiti che sono fissati dal Rookie Orientation Program, in particolare verso la fine quando abbiamo montato il nostro secondo set di gomme. Sono scesa in pista ed ho trovato il ritmo molto rapidamente, perché le nuove gomme avevano tanto grip, ma mi è stato detto di alzare un po’ il piede. E’ stata una buona prima giornata, ed ora possiamo concentrarci per sabato.

Marco Strazzulla

IndyCar – Speed all’esordio col Dragon Racing

Il Dragon Racing raddoppia il suo impegno alla 500 Miglia di Indianapolis e, accanto alla vettura di Ho-Pin Tung, schiererà una seconda vettura per Scott Speed. L’ex pilota della Toro Rosso in Formula 1 farà così il suo esordio in IZOD IndyCar Series. Il pilota americano correrà inoltre anche nella prova finale della stagione a Las Vegas e potrà così concorrere per i 5 milioni messi in palio dalla IndyCar per chi vincerà l’ultima gara senza essere un regular della categoria. “Avere la possibilità di competere nella Indy 500 è un sogno per qualsiasi pilota, ed io sono orgoglioso che con il team di Jay Penske possa tentare di vincere la gara più importante del mondo“, ha detto Speed, che sarà in pista giovedì per il Rookie Orientation Program​​. Il proprietario del team Jay Penske ha aggiunto: “Sono entusiasta che Scott abbia scelto il Dragon Racing per fare il suo debutto in IndyCar. Lui può essere uno dei migliori piloti a ruote scoperte, e le sue esperienze precedenti in Formula 1 e NASCAR fanno di lui un serio contendente alla vittoria ad Indianapolis e Las Vegas.

Marco Strazzulla

IndyCar – Nuovi iscritti per la Indy 500

Si avvicina il giorno dell’inizio delle prove libere per la 500 Miglia di Indianapolis (previsto per giovedì 12 Maggio con il Rookie Orientation Program) e si vanno ad aggiungere nuovi protagonisti che cercheranno di prendere parte all’edizione del centenario. Qualche settimana fa il Rahal Letterman Lanigan Racing ha annunciato l’accordo con Bertrand Baguette, che guiderà la vettura n.30 e affiancherà così Jay Howard, iscritto sulla vettura n.88 in partnership con il Sam Schmidt Motorsports. Il pilota belga aveva esordito in IndyCar con il Conquest Racing lo scorso anno, ma non è riuscito a mettere insieme un accordo per l’intera stagione 2011. “Prevediamo un mese entusiasmante ad Indy con una coppia di giovani piloti che hanno voglia di mettersi in mostra in IndyCar“, ha detto Rahal. “L’aggiunta di Bertrand ai nostri programmi ci dà la possibilità di essere più forti con entrambe le vetture. Bertrand ha mostrato tutta la sua carriera che lui è un vincente e ha mostrato miglioramenti ogni volta che è salito su una macchina.” Baguette ha aggiunto: “Questa è un’ottima opportunità per me. E’ importante poter competere nel 100° anniversario di questa grande corsa con una squadra del calibro del Rahal Letterman Lanigan Racing. Loro hanno una ricca storia alle spalle e so che possiamo fare grandi cose.”

Sulla vettura n.44 iscritta dal Panther Racing salirà invece Buddy Rice, vincitore ad Indy nel 2004, che farà quindi coppia con il rookie JR Hildebrand. Il Panther Racing non ha mai vinto la Indy 500, ma è arrivato secondo negli ultimi tre anni: con Vitor Meira nel 2008 e con Dan Wheldon nel 2009 e nel 2010. “Sono esaltato per questo accordo con il Panther Racing“, ha detto la Rice. “L’intenzione è di disputare altre gare, ma questo è solo il primo passo, ed io sono qui soprattutto per aiutare JR e la squadra. La chiave di tutto è che volevo tornare con una struttura competitiva e avere la possibilità di vincere. Non ho voglia di tornare a Indy solo per fare presenza, vista anche la concorrenza che c’è in questa categoria. Ho avuto offerte in passato che non sono andate in porto per diversi motivi. Il Panther Racing è una squadra che può vincere, e quindi non potevo dire loro di no.

La vettura n.8 del Dragon Racing sarà infine portata in pista da Ho-Pin Tung, anch’essa in partnership con il Sam Schmidt Motorsports. Se sarà in grado di qualificarsi, Tung sarà il primo cinese a correre la 500 Miglia di Indianapolis. “Sono entusiasta di partecipare alla Indy 500 con Sam Schmidt Motorsports e Dragon Racing“, ha detto Tung. “Il supporto per me in Cina è sempre stato enorme, ed è un grande onore essere il primo pilota cinese a prendere parte a questa corsa speciale, in particolare nell’anno del suo 100° anniversario. Mi rendo conto che sarà dura dato che sarà il mio debutto in IndyCar, ma il Sam Schmidt Motorsports ha ottenuto ottimi risultati nella Indy 500, e Jay Penske e il team Dragon Racing hanno dimostrato di poter fornire una vettura molto competitiva, quindi sono fiducioso di avere una buona chance di qualificarmi per la gara.”

Al momento quindi è questa la entry list completa per la prossima 500 Miglia di Indianapolis, in programma il 29 Maggio:

#2/2T – Oriol Servia – Newman Haas Racing

#3/3T – Helio Castroneves – Team Penske

#4/4T – JR Hildebrand (R) – Panther Racing

#5/5T – Takuma Sato – Lotus/KV Racing Technology

#6/6T – Ryan Briscoe – Team Penske

#7/7T – Danica Patrick – Andretti Autosport

#8/8T – Ho-Pin Tung (R) – Dragon Racing

#9/9T – Scott Dixon – Target Chip Ganassi Racing

#10/10T – Dario Franchitti – Target Chip Ganassi Racing

#11/11T – Davey Hamilton – Dreyer & Reinbold Racing

#12/12T – Will Power – Team Penske

#14/14T – Vitor Meira – A.J. Foyt Racing

#16/16T – TBA – TBA

#17/17T – Raphael Matos – AFS Racing

#18/18T – James Jakes (R) – Dale Coyne Racing

#19/19T – TBA – Dale Coyne Racing

#22/22T – Justin Wilson – Dreyer & Reinbold Racing

#23/23T – Paul Tracy – Dreyer & Reinbold Racing

#24/24T – Ana Beatriz – Dreyer & Reinbold Racing

#26/26T – Marco Andretti – Andretti Autosport

#27/27T – Mike Conway – Andretti Autosport

#28/28T – Ryan Hunter-Reay – Andretti Autosport

#30/30T – Bertrand Baguette – Rahal Letterman Lanigan Racing

#34/34T – Sebastian Saavedra – Conquest Racing

#36/36T – Pippa Mann (R) – Conquest Racing

#38/38T – Graham Rahal – Service Central Chip Ganassi Racing

#41/41T – Bruno Junqueira – AJ Foyt Racing

#43/43T – John Andretti – Richard Petty/Andretti Autosport

#44/44T – Buddy Rice – Panther Racing

#57 – TBA – Sarah Fisher Racing

#59/59T – EJ Viso – Lotus/KV Racing Technology

#67/67T – Ed Carpenter – Sarah Fisher Racing

#77/77T – Alex Tagliani – Sam Schmidt Motorsports

#78/78T – Simona De Silvestro – HVM Racing

#82/82T – Tony Kanaan – Lotus/KV Racing Technology

#83/83T – Charlie Kimball (R) – Novo Nordisk Chip Ganassi Racing

#88/88T – Jay Howard (R) – Sam Schmidt – Rahal Letterman Lanigan Racing

#89/89T – TBA – China Racing

#98/98T – Dan Wheldon – Bryan Herta Autosport

#99/99T – Townsend Bell – Sam Schmidt Motorsports

#06/06T – James Hinchcliffe (R) – Newman Haas Racing

#07/07T – Tomas Scheckter – SH Racing/KV Racing Technology

Marco Strazzulla

A1Gp – qualifiche 1 – Magico Liuzzi, Italy in pole.

0cttxq908ypi810shm4n4061ukch_600

Le due sessioni di qualifica per la sprint race di domani sono state interrotte da due bandiere rosse che hanno costretto i piloti ad effettuare quindi un unico giro cronometrato nel poco tempo rimasto. A 4 minuti dal termine della prima sessione, Ho Pin Tung si insabbia fermando di fatto la sessione, poi a 6 minuti dal termine della seconda sessione da 10 minuti, Neel Jani parcheggia la sua Ferrari lungo il tracciato. A causa del poco tempo rimasto le carte si rimescolano. Ma è bravo ad approfittarne Vitantonio Liuzzi che piazza la sua monoposto in pole position per la sprint race con un tempo di 1’30″865. Subito dietro al pescarese, il protagonista delle prove libere di questo week end, Robert Doornbos del team Olanda staccato di quasi mezzo secondo.

In seconda fila troviamo l’irlandese Adam Carroll, seguito da una magnifica prestazione del libanese Daniel Morad, seguono Filipe Albuquerque che segue come un’ombra il rivale in campionato Carroll, sesto posto per il neozelandese Earl Bamber. Ultimo e senza tempo Neel Jani causa problemi tecnici. Week end in salita dunque per il team svizzero.

Il team Italy corre con il lutto al braccio per le vittime del violento terremoto di lunedì mattina in Abruzzo. La monoposto italiana porta una fascia nera sul muso.

Portimao – Qualifiche Sprint race

1.Italia – Vitantonio Liuzzi – 1:30.875
2.Olanda – Robert Doornbos – 1:31.346
3.Irlanda – Adam Carroll – 1:31.600
4.Libano – Daniel Morad – 1:31.756
5.Portogallo – Filipe Albuquerque – 1:31.777
6.Nuova Zelanda – Earl Bamber – 1:32.006
7.Germania – Andre Lotterer – 1:32.084
8.Sud Africa – Adria Zaugg – 1:32.301
9.India – Narain Karthikeyan – 1:32.358
10.Monaco – Clivio Piccione – 1:32.420
11.Malesia – Fairuz Fauzy – 1:32.929
12.USA – Marco Andretti – – 1:33.214
13Gran Bretagna – Daniel Clarke – 1:33.860
14.Brasile – Felipe Guimaraes – 1:33.985
15.Indonesia – Zahir Ali – 1:34.005
16.Messico – Salvador Duran –  1:34.216
17.Australia – John Martin –  1:34.405
18.Francia – Nicolas Prost –  1:36.567
19.Cina – Ho Png Tung –  1:36.838
20.Svizzera – Neel Jani

Marco Borgo

A1 Gp Malesia Feature Race – Carroll, che spettacolo!

00_carroll2

Il suo talento merita qualcosa di più di una semplice categoria a livello mondiale, ma visto che è qui, tanto vale elogiarlo con un semplice applauso che duri per sempre. Adam Carroll si ripete per il secondo appuntamento consecutivo, stracciando la concorrenza con una vittoria, questa volta in una Feature Race. Leggi tutto

GP2

Gp2- Gp di Turchia, gara 2:”Grosjean re in una gara pazza”

000_grosjean.jpg

Grosjean pronto per il titolo? Dopo gara 2, abbiamo la prova che può davvero farci un pensierino, vista la sua stupenda vittoria questa mattina. Secondo posto per Petrov che subito dopo la partenza, si era portato al comando ma non ha saputo tenere testa al francese. Leggi tutto