Tag: qualifiche

MotoGP – Phillip Island, Qualifiche: La pole è di casa con Casey Stoner

Al termine di un turno di qualifiche non tiratissimo come ci si sarebbe potuto aspettare sotto il grigio cielo di Phillip Island, è stato il pilota di casa, Casey Stoner, ad agguantare la pole position, precedendo i due spagnoli in lotta per il titolo, Jorge Lorenzo e Daniel Pedrosa nell’ordine.

Ciò che ha destato scalpore è stato il tempo fatto segnare da un Casey dichiaratosi “non in perfetta forma” alla vigilia del weekend. L’australiano è riuscito a staccare di mezzo secondo Jorge, e di più di un secondo tutti gli altri pretendenti alla pole position. Alle spalle dei tre, in seconda fila si sono classificati Cal Crutchlow, Stefan Bradl ed Andrea Dovizioso, davanti ad Alvaro Bautista, Valentino Rossi ed a un fenomenale Randy De Puniet che con la sua modesta CRT si è messo alle spalle piloti del calibro di Nicky Hayden, Karel Abraham ed Hector Barbera. Ottimo lavoro anche del compagno di squadra di Randy, Aleix Espargarà, qualificatosi dodicesimo.

Per quanto riguarda gli altri italiani, Michele Pirro è quattordicesimo, Danilo Petrucci quindicesimo e Roberto Rolfo diciottesimo. Non esaltante la prestazione della wild-card australiana Kris McLaren: il bilancio recita ultima posizione e sei secondi di distacco dal connazionale Stoner, quindi fuori tempo massimo.

ORDINE DI PARTENZA

1 Casey STONER AUS Honda 1’29.623
2 Jorge LORENZO SPA Yamaha 1’30.140
3 Dani PEDROSA SPA Honda 1’30.575
4 Cal CRUTCHLOW GBR Yamaha 1’30.763
5 Stefan BRADL GER Honda 1’30.798
6 Andrea DOVIZIOSO ITA Yamaha 1’31.200
7 Alvaro BAUTISTA SPA Honda 1’31.490
8 Valentino ROSSI ITA Ducati 1’31.661
9 Randy DE PUNIET FRA ART 1’31.667
10 Nicky HAYDEN USA Ducati 1’31.681
11 Karel ABRAHAM CZE Ducati 1’31.910
12 Aleix ESPARGARO SPA ART 1’31.990
13 Hector BARBERA SPA Ducati 1’32.231
14 Michele PIRRO ITA FTR 1’33.050
15 Danilo PETRUCCI ITA Ioda-Suter 1’33.069
16 Colin EDWARDS USA Suter 1’33.450
17 James ELLISON GBR ART 1’33.489
18 Roberto ROLFO ITA ART 1’33.577
19 Ivan SILVA SPA BQR 1’34.156

Fabio Valente (twitter: @hwfabio)

F1 – India, qualifiche: RedBull imprendibili, pole a Vettel. Alonso 5°

Sebastian Vettel conquista la pole position del gran premio dell’India, facendo da asso piglia tutto anche nel corso delle qualifiche. Il tedesco, con la super RedBull del momento, è riuscito a balzare davanti il compagno di squadra Webber, unico in grado di duellare con lui per ottenere la partenza al palo.

Se la prima fila è tutta RedBull la seconda è tutta del team McLaren, con Hamilton che precede Button, mentre Fernando Alonso non va oltre il quinto tempo che certamente non lo rallegra. Lo spagnolo, che sperava di ottenere un posto in seconda fila, ha pagato le ottime performance del team McLaren, anche se i suoi tempi sono stati sempre confrontabili con quelli del redivivo Felipe Massa che gli scatterà a fianco dalla sesta piazza.

Alle spalle dei ferraristi Kimi Raikkonen ottiene quel che può con una Lotus certamente non ai livelli dei top team davanti. Il finnico sarà affiancato da Sergio Perez, mentre in quinta fila Maldonado precede Rosberg. Quest’ultimo non ha fatto registrare nessun riferimento cronometrico, visto che il team Mercedes ha preferito sacrificare un treno di pneumatici in qualifica per avere un vantaggio in gara. Non è stata una grande qualifica neanche per Michael Schumacher, quattordicesimo ed eliminato già in Q2.

Appena fuori dalla Top Ten figura Romain Grosjean, in lotta fino all’ultimo secondo del Q2 con Felipe Massa. Alle spalle del francese prenderà il via Hulkenberg su una Force India non certo in palla proprio nel gran premio di casa. Difatti anche Paul Di Resta non va oltre il sedicesimo tempo.

Per finire, dopo la bella prestazione messa in mostra in Corea, non è stata una grande qualifica per il team Toro Rosso, presente in griglia con Ricciardo quindicesimo e Vergne soltanto diciottesimo.

 

 

Pos Pilota Team Tempo Gap 
 1.  Sebastian Vettel      Red Bull-Renault     1m25.283        
 2.  Mark Webber           Red Bull-Renault     1m25.327  + 0.044
 3.  Lewis Hamilton        McLaren-Mercedes     1m25.544  + 0.261
 4.  Jenson Button         McLaren-Mercedes     1m25.659  + 0.376
 5.  Fernando Alonso       Ferrari              1m25.773  + 0.490
 6.  Felipe Massa          Ferrari              1m25.857  + 0.574
 7.  Kimi Raikkonen        Lotus-Renault        1m26.236  + 0.953
 8.  Sergio Perez          Sauber-Ferrari       1m26.360  + 1.077
 9.  Pastor Maldonado      Williams-Renault     1m26.713  + 1.430
10.  Nico Rosberg          Mercedes             no time

11.  Romain Grosjean       Lotus-Renault        1m26.136s  + 0.701
12.  Nico Hulkenberg       Force India-Mercede  1m26.241s  + 0.806
13.  Bruno Senna           Williams-Renault     1m26.331s  + 0.896
14.  Michael Schumacher    Mercedes             1m26.574s  + 1.139
15.  Daniel Ricciardo      Toro Rosso-Ferrari   1m26.777s  + 1.342
16.  Paul di Resta         Force India-Mercede  1m26.989s  + 1.554
17.  Kamui Kobayashi       Sauber-Ferrari       1m27.219s  + 1.784
18.  Jean-Eric Vergne      Toro Rosso-Ferrari   1m27.525s  + 1.477
19.  Vitaly Petrov         Caterham-Renault     1m28.756s  + 2.708
20.  Heikki Kovalainen     Caterham-Renault     1m29.500s  + 3.452
21.  Timo Glock            Marussia-Cosworth    1m29.613s  + 3.565
22.  Pedro de la Rosa      HRT-Cosworth         1m30.592s  + 4.544
23.  Narain Karthikeyan    HRT-Cosworth         1m30.593s  + 4.545
24.  Charles Pic           Marussia-Cosworth    1m30.662s  + 4.614

107% time: 1m32.071s

 

NASCAR – Kansas, Qualifiche: Quarta pole dell’anno per Kasey Kahne

Si sono disputate oggi le qualifiche valevoli per la sesta gara della Chase for the Sprint Cup Series 2012, che si correrà sul tracciato di Kansas. Grazie al nuovo asfalto tutte e 43 le auto che si sono qualificate per la gara di domani hanno battuto il vecchio record del circuito, ma chi è riuscito a girare più veloce di tutti è stato ancora una volta Kasey Kahne, il giovane pilota della Chevrolet #5 dell’ Hendrick Motorsports. Grazie a questo risultato Kahne potrà partire in prima posizione per la quarta volta quest’anno, per la ventiseiesima nella sua carriera, per la terza sull’ovale di Kansas.

Alle sue spalle si sono dimostrate assai veloci anche le Toyota di Martin, secondo, Bowyer, terzo e Kyle Busch, in quarta posizione. Da notare positivamente la quinta posizione del rookie Aric Almirola e l’ottimo tredicesimo tempo con il Phoenix Racing, squadra non certo di primo piano, di AJ Allmendinger, autore di convincenti prestazioni dal suo ritorno. Partiranno assai indietro Regan Smith, sostituto di Dale Earnhardt Jr. sulla #88, in trentanovesima posizione e soprattutto il leader della classifica Brad Keselowski, che scatterà dalla venticinquesima posizione. Il pilota della Dodge #2 ha però affermato che è sicuro che Paul (Wolfe, il suo crew chief) saprà trovare un modo per fare andare forte la macchina in gara.

Da segnalare infine il misero quarantesimo posto raccolto da Danica Patrick, la giovane pilota alla guida della Chevrolet #10.

ORDINE DI PARTENZA:

1 Kasey Kahne Chevrolet 28.219
2 Mark Martin Toyota 28.237
3 Clint Bowyer Toyota 28.253
4 Kyle Busch Toyota 28.258
5 Aric Almirola Ford 28.274
6 Ryan Newman Chevrolet 28.294
7 Jimmie Johnson Chevrolet 28.296
8 Joey Logano Toyota 28.300
9 Denny Hamlin Toyota 28.314
10 Kevin Harvick Chevrolet 28.360
11 Greg Biffle Ford 28.363
12 Matt Kenseth Ford 28.365
13 AJ Allmendinger Chevrolet 28.398
14 Paul Menard Chevrolet 28.401
15 Sam Hornish Jr. Dodge 28.407
16 Martin Truex Jr. Toyota 28.430
17 Carl Edwards Ford 28.434
18 Marcos Ambrose Ford 28.447
19 Jeff Gordon Chevrolet 28.493
20 Jeff Burton Chevrolet 28.516
21 Jamie McMurray Chevrolet 28.531
22 Bobby Labonte Toyota 28.531
23 Michael McDowell Ford 28.532
24 Juan Montoya Chevrolet 28.594
25 Brad Keselowski Dodge 28.606
26 Landon Cassill Toyota 28.625
27 J.J. Yeley Chevrolet 28.627
28 Casey Mears Ford 28.632
29 Kurt Busch Chevrolet 28.667
30 Mike Bliss Toyota 28.697
31 Travis Kvapil Toyota 28.701
32 Trevor Bayne Ford 28.715
33 Tony Stewart Chevrolet 28.745
34 Reed Sorenson Toyota 28.760
35 Scott Speed Ford 28.762
36 Joe Nemechek Toyota 28.788
37 David Ragan Ford 28.804
38 David Gilliland Ford 28.841
39 Regan Smith Chevrolet 28.849
40 Danica Patrick Chevrolet 28.893
41 Dave Blaney Chevrolet 29.384
42 Timmy Hill Ford 29.408
43 Kelly Bires Ford 28.833

Fabio Valente (twitter: @hwfabio)

DTM – Hockenheim Finale Qualifiche: Farfus in pole, Paffett davanti a Spengler

A cura di Vincenzo Carlesimo

In una qualifica molto emozionante e combattuta sul filo dei millesimi di secondo a partire in pole ad Hockenheim sarà Augusto Farfus, il brasiliano senza alcuna pressione addosso si mette davanti a chi, come Paffett e Spengler, si sta giocando l’intera stagione nell’ultima e decisiva gara che assegnerà il titolo DTM.

E’ la seconda pole position consecutiva per il pilota del team Bmw che non permette a Paffett di partire dal lato pulito del tracciato, per l’inglese è comunque importante partire davanti al suo rivale Spengler che, nonostante abbia commesso un errore nell’ingresso del Motodrom, riesce a precederlo di appena 7 millesimi.

Il duello tra Spengler e Paffett dai tempi visti in questa sessione di qualifica(sempre molto simili tra loro) sembra promettere spettacolo per domani, Farfus correndo libero potrebbe vincere la gara oppure essere una pedina importante in casa Bmw nel caso Paffett si trovasse in posizione migliore del franco-canadese.

Hockenheim è stata sempre favorevole al team Mercedes e, infatti, dopo alcune gare in difesa si rivede un grande Paffett a duellare con il coltello tra i denti con tutti, la Bmw si conferma la squadra più competitiva con più piloti(ci sono ben 5 Bmw nella top ten), l’Audi sembra più in difficoltà: l’unico pilota a qualificarsi per lo shoot-out è stato Ekström, lo svedese bi-campione del DTM è l’unica speranza di podio per il team di Ingolstadt.

Ottima la qualifica di Joey Hand che partirà quinto, l’americano ha sfiorato l’accesso al Q4 e conferma ogni gara di essere sempre più competitivo, dietro di lui troviamo le altre Bmw di Tomczyk che domani perderà il numero 1 sul cofano della sua Bmw e Dirk Werner.

Un grintoso Timo Scheider ottiene con un gran giro in ogni fase finale di qualifica l’ottavo posto; il tedesco bi-campione in casa Audi, come Ekström, infatti ha rischiato di farsi eliminare nella Q1, ma proprio all’ultimo istante ha ottenuto il passaggio in Q2, stesso discorso nella seconda fase riuscendo allo scadere del tempo ad accedere nella Q3 dove però deve accontentarsi di battere soltando Edoardo Mortara e Jamie Green.

L’italiano, che comunque può ritenersi soddisfatto di questo 2012, ha commesso un errore saltando con irruenza sopra i “panettoni” che non permettono ai piloti di sfruttare la pista oltre al tappetino verde dopo il cordolo e con macchina danneggiata deve accontentarsi del nono posto; decimo Jamie Green che, dopo aver fatto due sessioni di altissimo livello, fallisce la Q3 con un drift all’ultima curva con il quale spreca la possibilità di qualificarsi per lo shoot-out.

Nel finale l’inglese è stato richiamato ai box quando aveva la possibilità di compiere un altro giro perché con Paffett terzo, ricordiamo che nell’ultima fase di qualifica accedono i primi 4, l’accesso del leader del campionato allo shoot-out non era molto tranquillo e per non prendere rischi la Mercedes ha deciso di richiamare Green ad abortire l’ultimo tentativo.

Trovi altri articoli qui: Facebook/Twitter: @Vincy85

Pilota Team Q1 Q2 Q3 Q4
1. Augusto Farfus BMW Castrol EDGE Team RBM 1:34.340 1:33.919 1:33.673 1:34.140
2. Gary Paffett Mercedes AMG THOMAS SABO 1:33.964 1:33.823 1:33.805 1:34.261
3. Bruno Spengler BMW Bank Team Schnitzer 1:34.245 1:33.870 1:33.722 1:34.268
4. Mattias Ekström Audi Sport Red Bull Team Abt Sportsline 1:34.096 1:34.007 1:33.865 1:34.627
5. Joey Hand BMW SAMSUNG Team RMG 1:34.388 1:34.273 1:34.031
6. Martin Tomczyk BMW Performance Zubehör Team RMG 1:34.198 1:33.978 1:34.050
7. Dirk Werner BMW E-POSTBRIEF Team Schnitzer 1:34.487 1:33.860 1:34.079
8. Timo Scheider Audi Sport AUTO TEST Team Abt Sportsline 1:34.716 1:34.257 1:34.133
9. Edoardo Mortara Audi Sport Playboy Team Rosberg 1:34.405 1:34.115 1:34.159
10. Jamie Green Mercedes AMG 1:34.358 1:34.025 1:34.251
11. Filipe Albuquerque Audi Sport TV Movie Team Rosberg 1:34.435 1:34.288
12. Mike Rockenfeller Audi Sport Schaeffler Team Phoenix 1:34.219 1:34.304
13. Christian Vietoris Mercedes-Benz Bank 1:34.492 1:34.358
14. Andy Priaulx BMW Crowne Plaza Hotels Team RBM 1:34.506 1:34.375
15. Adrien Tambay Audi Sport ultra Team Abt 1:34.214 1:34.477
16. Rahel Frey Audi Sport E-POSTBRIEF Team Abt 1:34.601 1:34.720
17. Ralf Schumacher Mercedes AMG 1:34.722
18. Robert Wickens Mercedes AMG stern 1:34.723
19. Roberto Merhi Mercedes AMG Junge Sterne 1:35.032
20. Miguel Molina Audi Sport Red Bull Team Phoenix 1:35.080
21. David Coulthard Mercedes AMG DHL Paket 1:35.275
22. Susie Wolff Mercedes AMG TV SPIELFILM 1:35.325

MotoGP – Sepang, Qualifiche: Lorenzo in pole davanti a Pedrosa.

Ad aggiudicarsi la pole position sotto il nuvoloso cielo malese è stato Jorge Lorenzo, che è riuscito a girare in 2′.00.334 durante il turno di qualifiche di questa mattina, precedendo il diretto rivale Daniel Pedrosa, staccato di poco meno di due decimi. A completare la prima fila l’ottimo Andrea Dovizioso con la Yamaha del team Tech3, distanziato di due decimi dalla pole.

In seconda fila partiranno i compagni di squadra dei suddetti piloti, in un ruolo simile a quello dei gregari, ovvero nell’ordine Casey Stoner, Cal Crutchlow e Ben Spies. Attardate le Ducati di Nicky Hayden, nono e di Valentino Rossi, solo undicesimo.

Tra le CRT il primato è di Aleix Espargarò, staccato dal poleman di 2.5 secondi, a precedere il compagno di team De Puniet di ben sette decimi.

A seguire l’ordine di partenza:

1 Jorge LORENZO SPA Yamaha 2’00.334
2 Dani PEDROSA SPA Honda 2’00.528
3 Andrea DOVIZIOSO ITA Yamaha 2’00.567
4 Casey STONER AUS Honda 2’00.811
5 Cal CRUTCHLOW GBR Yamaha 2’01.178
6 Ben SPIES USA Yamaha 2’01.185
7 Hector BARBERA SPA Ducati 2’01.294
8 Stefan BRADL GER Honda 2’01.491
9 Nicky HAYDEN USA Ducati 2’01.526
10 Alvaro BAUTISTA SPA Honda 2’01.640
11 Valentino ROSSI ITA Ducati 2’01.783
12 Aleix ESPARGARO SPA ART 2’02.842
13 Randy DE PUNIET FRA ART 2’03.389
14 Karel ABRAHAM CZE Ducati 2’03.774
15 Michele PIRRO ITA FTR 2’04.152
16 James ELLISON GBR ART 2’04.515
17 Danilo PETRUCCI ITA Ioda-Suter 2’04.726
18 Colin EDWARDS USA Suter 2’04.941
19 Roberto ROLFO ITA ART 2’05.100
20 Ivan SILVA SPA BQR 2’05.921

Fabio Valente (twitter: @hwfabio)

MotoGP – Motegi, Qualifiche: Lorenzo davanti a tutti, Pedrosa e Crutchlow in prima fila.

A conquistare la pole position sul circuito giapponese di Motegi è Jorge Lorenzo, capace di stampare il suo giro veloce sotto il muro dell’1.45, fermando il cronometro, per essere precisi, a 1.44.969. A due decimi dallo spagnolo leader del mondiale c’è il suo rivale, Daniel Pedrosa, staccato di soli 2 decimi, che ha dimostrato di possedere una velocità di punta ben maggiore dell’antagonista e che tenterà quindi di sfruttare il suo scatto al pronti-via. A completare la prima fila la Yamaha Tech3 di un ottimo Cal Crutchlow: il britannico ha così preceduto Ben Spies, Alvaro Bautista ed Andrea Dovizioso, tutti e tre racchiusi nello spazio di due decimi di secondo.

Alle loro spalle un Casey Stoner che rientra dall’infortunio patito poche gare fa, che ha dichiarato di non aver recuperato del tutto, ma di essere solo al 50% delle sue capacità. L’australiano precede quindi il tedesco Stefan Bradl e, a chiudere la terza fila, la Ducati di Valentino Rossi, a oltre un secondo di distacco da Jorge Lorenzo.

Tra le CRT la prima moto a piazzarsi in griglia sarà quella guidata dallo spagnolo Aleix Espargarò, che precederà il compagno di squadra Randy De Puniet. I due, lo ricordiamo, sono in lotta per la conquista del campionato riservato alle CRT, in cui sono separati di sole due lunghezze.

ORDINE DI PARTENZA:

1 Jorge LORENZO SPA Yamaha 1’44.969
2 Dani PEDROSA SPA Honda 1’45.215
3 Cal CRUTCHLOW GBR Yamaha 1’45.257
4 Ben SPIES USA Yamaha 1’45.336
5 Alvaro BAUTISTA SPA Honda 1’45.481
6 Andrea DOVIZIOSO ITA Yamaha 1’45.612
7 Casey STONER AUS Honda 1’45.745
8 Stefan BRADL GER Honda 1’45.848
9 Valentino ROSSI ITA Ducati 1’45.976
10 Nicky HAYDEN USA Ducati 1’46.461
11 Katsuyuki NAKASUGA JPN Yamaha 1’46.780
12 Hector BARBERA SPA Ducati 1’46.881
13 Aleix ESPARGARO SPA ART 1’47.383
14 Randy DE PUNIET FRA ART 1’47.581
15 Karel ABRAHAM CZE Ducati 1’47.791
16 Colin EDWARDS USA Suter 1’48.125
17 Yonny HERNANDEZ COL BQR 1’48.513
18 Michele PIRRO ITA FTR 1’48.653
19 Danilo PETRUCCI ITA Ioda-Suter 1’48.831
20 James ELLISON GBR ART 1’49.023
21 Roberto ROLFO ITA ART 1’49.183
22 Ivan SILVA SPA BQR 1’49.831

Fabio Valente (twitter: @hwfabio)

F1 – Corea, qualifiche: Webber in pole, prima fila RedBull. Alonso 4°

Le qualifiche coreane regalano un’altra prima fila tutta RedBull, seppur a parti invertite. Stavolta sarà Mark Webber a prendere il via dalla prima posizione, con l’australiano che ha cacciato dietro il compagno-rivale di 74millesimi ed ha conquistato la prima vera pole dell’anno, dopo quella giunta a Monaco. Dal suo canto Vettel, sempre al top nelle precedenti sessioni, è venuto meno proprio nell’ultimo tentativo utile, probabilmente condizionato dalla presenza di Massa che stava facendo il tempo davanti a lui.

Alle spalle dei due bibitari torna a vedersi la McLaren di Lewis Hamilton, il quale precede Fernando Alonso su una Ferrari che ha mostrato passi avanti rispetto la vettura vista in Giappone. A conferma di ciò Felipe Massa ha chiuso con il sesto tempo quantificato in tre decimi di ritardo rispetto il compagno di box.

Ottima qualifica per Kimi Raikkonen, quinto, in grado di intromettersi tra le due Ferrari, mentre la Lotus di Grosjean non va oltre il settimo crono davanti la Force India di Hulkenberg. Non è stata certo una qualifica super il team Mercedes, ma almeno la casa della stelle a tre punte è riuscita a portare entrambe le vetture in Q3.

Tra gli eliminati in Q2 spicca la presenza della futura coppia McLaren identificata in Jenson Button e Sergio Perez che così compongono la sesta fila. Alle spalle del messicano prenderà il via il compagno Kobayashi reduce dal sogno giapponese di domenica scorsa.

Poteva andare meglio in casa Toro Rosso dove Ricciardo è stato costretto allo stop in Q2 a causa di problemi al cambio. Oltre al danno è stata anche una beffa per gli italiani poiché Vergne ha dovuto abortire l’ultimo tentativo utile per guadagnare qualche posizione a causa delle bandiere gialle esposte proprio per l’inconveniente del compagno di squadra.

 

 

 

Pos Pilota Team Tempo Gap 
 1.  Mark Webber           Red Bull-Renault     1m37.242s
 2.  Sebastian Vettel      Red Bull-Renault     1m37.316s  + 0.074
 3.  Lewis Hamilton        McLaren-Mercedes     1m37.469s  + 0.227
 4.  Fernando Alonso       Ferrari              1m37.534s  + 0.292
 5.  Kimi Raikkonen        Lotus-Renault        1m37.625s  + 0.383
 6.  Felipe Massa          Ferrari              1m37.884s  + 0.642
 7.  Romain Grosjean       Lotus-Renault        1m37.934s  + 0.692
 8.  Nico Hulkenberg       Force India-Mercedes 1m38.266s  + 1.024
 9.  Nico Rosberg          Mercedes             1m38.361s  + 1.119
10.  Michael Schumacher    Mercedes             1m38.513s  + 1.271

11.  Jenson Button         McLaren-Mercedes     1m38.441s  + 0.674
12.  Sergio Perez          Sauber-Ferrari       1m38.460s  + 0.693
13.  Kamui Kobayashi       Sauber-Ferrari       1m38.594s  + 0.827
14.  Paul di Resta         Force India-Mercedes 1m38.643s  + 0.876
15.  Pastor Maldonado      Williams-Renault     1m38.725s  + 0.958
16.  Daniel Ricciardo      Toro Rosso-Ferrari   1m39.084s  + 1.317
17.  Jean-Eric Vergne      Toro Rosso-Ferrari   1m39.340s  + 1.573
18.  Bruno Senna           Williams-Renault     1m39.443s  + 1.235
19.  Vitaly Petrov         Caterham-Renault     1m40.207s  + 1.999
20.  Heikki Kovalainen     Caterham-Renault     1m40.333s  + 2.125
21.  Charles Pic           Marussia-Cosworth    1m41.317s  + 3.109
22.  Timo Glock            Marussia-Cosworth    1m41.371s  + 3.163
23.  Pedro de la Rosa      HRT-Cosworth         1m42.881s  + 4.673
24.  Narain Karthikeyan    HRT-Cosworth         no time

107% time: 1m45.082s

 

NASCAR – Charlotte, Qualifiche: Pole e record della pista per Greg Biffle

 

Si correrà nella notte la Bank of America 500, quinta gara della Chase for The Sprint Cup Series 2012. Le qualifiche, disputatesi oggi, hanno visto dominare la #16 del team Roush Fenway, guidata da Greg Biffle. L’esperto pilota americano ha ottenuto la sua terza pole dell’anno stabilendo anche il nuovo record della pista, fermando il cronometro dopo 27.877 secondi a seguito di un giro alla media di 193.708 miglia orarie.

Da segnalare il ritorno in pista di AJ Allmendinger con la Chevrolet #51 a sostituire Kurt Busch, passato sulla #78 del team Furniture Row. L’ex pilota della #78, Regan Smith, ha trovato posto sulla #88 di Dale Earnahrdt Jr., costretto ad uno stop di due gare a causa di un trauma subito nell’incidente a Talladega.

Di seguito la griglia di partenza:

1 Greg Biffle Ford 27.877 Leader
2 Mark Martin Toyota 27.927 -0.050
3 Ryan Newman Chevrolet 27.943 -0.066
4 Clint Bowyer Toyota 27.973 -0.096
5 Jimmie Johnson Chevrolet 27.980 -0.103
6 Martin Truex Jr. Toyota 27.991 -0.114
7 Matt Kenseth Ford 27.996 -0.119
8 Kyle Busch Toyota 28.001 -0.124
9 Denny Hamlin Toyota 28.008 -0.131
10 Kasey Kahne Chevrolet 28.031 -0.154
11 Kevin Harvick Chevrolet 28.032 -0.155
12 Joey Logano Toyota 28.043 -0.166
13 Jeff Gordon Chevrolet 28.094 -0.217
14 Sam Hornish Jr. Dodge 28.174 -0.297
15 Bobby Labonte Toyota 28.183 -0.306
16 Trevor Bayne Ford 28.229 -0.352
17 Aric Almirola Ford 28.230 -0.353
18 Marcos Ambrose Ford 28.231 -0.354
19 Carl Edwards Ford 28.236 -0.359
20 Brad Keselowski Dodge 28.238 -0.361
21 Kurt Busch Chevrolet 28.239 -0.362
22 Juan Montoya Chevrolet 28.318 -0.441
23 Scott Speed Ford 28.318 -0.441
24 Paul Menard Chevrolet 28.329 -0.452
25 David Ragan Ford 28.364 -0.487
26 Regan Smith Chevrolet 28.394 -0.517
27 Casey Mears Ford 28.417 -0.540
28 Mike Bliss Toyota 28.417 -0.540
29 Ricky Stenhouse Jr. Ford 28.423 -0.546
30 Jamie McMurray Chevrolet 28.441 -0.564
31 David Stremme Toyota 28.468 -0.591
32 Tony Stewart Chevrolet 28.483 -0.606
33 Michael McDowell Ford 28.483 -0.606
34 David Reutimann Chevrolet 28.493 -0.616
35 J.J. Yeley Ford 28.520 -0.643
36 David Gilliland Ford 28.533 -0.656
37 Landon Cassill Toyota 28.546 -0.669
38 AJ Allmendinger Chevrolet 28.550 -0.673
39 Jeff Burton Chevrolet 28.652 -0.775
40 Timmy Hill Ford 28.689 -0.812
41 Travis Kvapil Toyota 28.918 -1.041
42 Dave Blaney Chevrolet 28.982 -1.105
43 Reed Sorenson Toyota 28.556 -0.679
Non Qualificati
44 Joe Nemechek Toyota 28.581 -0.704
45 Josh Wise Ford 28.858 -0.981
46 Scott Riggs Chevrolet 29.191 -1.314
47 Cole Whitt Chevrolet 29.425 -1.548

Fabio Valente (twitter: @hwfabio)

NASCAR – Talladega, qualifiche: Kasey Kahne regala la pole al Team Hendrick Motorsports

La pole per Good Sam Roadside Assistance 500, quarto appuntamento della Chase for the Sprint Cup Series, che si disputerà domani, domenica 7 Ottobre, sul Superspeedway di Talladega, se la aggiudica oggi al termine delle qualifiche Kasey Kahne. Il pilota nativo di Enumclaw, alla guida della Chevrolet #5 del Team Hendrick Motorsports, ha così conquistato la sua terza pole dell’anno, la venticinquesima nella sua carriera di pilota nella Sprint Cup Series.

Grazie ad un giro veloce alla media di 191.455 miglia orarie, Kahne si è innalzato in vetta alla classifica delle qualifiche, superando l’ottimo tempo di Ryan Newman, a lungo in testa e sempre tra i più veloci del weekend. Dalla seconda fila scatteranno appaiati Bowyer e Stewart ed alle loro spalle Biffle e Gordon. A completare la top 10 Edwards, il giovane Trevor Bayne, Truex Jr. ed Hornish Jr.

Piuttosto attardati nelle qualifiche di oggi Jimmie Johnson, Brad Keselowski, attuale leader della classifica generale e Denny Hamlin, i quali partiranno rispettivamente dalla diciassettesima, ventiduesima e ventitreesima posizione.

Appuntamento a domani con la gara, di seguito la classifica:

Ordine di partenza della Good Sam Roadside Assistance 500

1 Kasey Kahne Chevrolet 50.017
2 Ryan Newman Chevrolet 50.098
3 Clint Bowyer Toyota 50.105
4 Tony Stewart Chevrolet 50.138
5 Greg Biffle Ford 50.148
6 Jeff Gordon Chevrolet 50.176
7 Carl Edwards Ford 50.193
8 Trevor Bayne Ford 50.208
9 Martin Truex Jr. Toyota 50.225
10 Sam Hornish Jr. Dodge 50.234
11 Michael Waltrip Toyota 50.277
12 Dale Earnhardt Jr. Chevrolet 50.287
13 Kyle Busch Toyota 50.289
14 Joey Logano Toyota 50.296
15 Matt Kenseth Ford 50.302
16 Paul Menard Chevrolet 50.312
17 Jimmie Johnson Chevrolet 50.321
18 Aric Almirola Ford 50.321
19 Casey Mears Ford 50.353
20 Marcos Ambrose Ford 50.355
21 Kevin Harvick Chevrolet 50.370
22 Brad Keselowski Dodge 50.459
23 Denny Hamlin Toyota 50.467
24 Jamie McMurray Chevrolet 50.469
25 David Ragan Ford 50.502
26 Jeff Burton Chevrolet 50.519
27 Juan Montoya Chevrolet 50.565
28 Regan Smith Chevrolet 50.582
29 Kurt Busch Chevrolet 50.660
30 David Stremme Toyota 50.681
31 Terry Labonte Ford 50.722
32 David Gilliland Ford 50.740
33 Josh Wise* Ford 50.761
34 Michael McDowell Ford 50.764
35 Timmy Hill Toyota 50.848
36 Travis Kvapil Toyota 50.856
37 Joe Nemechek Toyota 50.936
38 Landon Cassill Toyota 50.940
39 Dave Blaney Chevrolet 51.083
40 Bobby Labonte Toyota 51.211
41 David Reutimann Chevrolet 51.268
42 Cole Whitt Chevrolet 51.404
43 Robert Richardson Jr. Chevrolet 51.500

Fabio Valente (twitter: @hwfabio)

F1 – Suzuka, qualifiche: Raikkonen ferma tutto. Vettel in pole

Quarta pole in quattro negli ultimi quattro appuntamenti a Suzuka, alti numeri, alta scuola. Sarà quindi Sebastian Vettel a partire dalla pole position del gran premio del Giappone, affiancato da un ritrovato Webber che così regala la prima fila della stagione al team RedBull.

La lotta alla pole, però, è stata condizionata dall’errore di Kimi Raikkonen il quale andando fuori alla Spoon ha costretto il regime di bandiere gialle, congelando così le posizioni ottenute fino a quel momento. E’ stato solo Button a migliorare il proprio tempo, ma l’inglese, nonostante il terzo crono, verrà retrocesso di cinque posizioni per aver sostituito il cambio prima di questo appuntamento.

Straordianario il quarto tempo dell’idolo di casa Kamui Kobayashi, su una Sauber che sembra davvero competitiva e potrebbe giocare un ruolo da outsider nel caso in cui in casa svizzera trovino la strategia giusta come visto a Monza. Alle spalle del giapponese prenderanno il via i giovani Grosjean e Perez, mentre Fernando Alonso non va oltre il settimo tempo complice l’aborto dell’ultimo giro lanciato a causa delle bandiere gialle.

Stessa sorte è toccata ad Hamilton, così costretto a non migliorare il nono tempo ottenuto, mentre Hulkenberg completa i primi dieci senza aver fatto registrare nessun tempo.

Poteva (e doveva) essere una qualifica migliore per Felipe Massa, venuto meno proprio nel momento clou del Q2, dove a suo modo ha pagato il poco grip degli pneumatici a mescola morbida. Brutta giornata anche per il team Mercedes, il quale ha ottenuto il tredicesimo tempo con Schumacher ed il quindicesimo con Rosberg. Il sette volte campione del mondo però dovrà scontare la penalità inflittagli a Singapore pertanto scatterà dalla retrovie affiancato al nome di Senna, anch’egli retrocesso di cinque posizioni per aver sostituito il cambio.

Pos Pilota Team Tempo Gap 
 1.  Sebastian Vettel      Red Bull-Renault     1m30.839s
 2.  Mark Webber           Red Bull-Renault     1m31.090s  + 0.251
 3.  Jenson Button         McLaren-Mercedes     1m31.294s  + 0.451
 4.  Kamui Kobayashi       Sauber-Ferrari       1m31.700s  + 0.861
 5.  Romain Grosjean       Lotus-Renault        1m31.989s  + 1.059
 6.  Sergio Perez          Sauber-Ferrari       1m32.022s  + 1.183
 7.  Fernando Alonso       Ferrari              1m32.114s  + 1.275
 8.  Kimi Raikkonen        Lotus-Renault        1m32.208s  + 1.369
 9.  Lewis Hamilton        McLaren-Mercedes     1m32.327s  + 1.488
10.  Nico Hulkenberg       Force India-Mercedes no time

11.  Felipe Massa          Ferrari              1m32.293s  + 0.792
12.  Paul di Resta         Force India-Mercedes 1m32.327s  + 0.826
13.  Michael Schumacher    Mercedes             1m32.469s  + 0.968
14.  Pastor Maldonado      Williams-Renault     1m32.512s  + 1.011
15.  Nico Rosberg          Mercedes             1m32.625s  + 1.124
16.  Daniel Ricciardo      Toro Rosso-Ferrari   1m32.954s  + 1.453
17.  Jean-Eric Vergne      Toro Rosso-Ferrari   1m33.368s  + 1.867
18.  Bruno Senna           Williams-Renault     1m33.405s  + 1.376
19.  Heikki Kovalainen     Caterham-Renault     1m34.657s  + 2.628
20.  Timo Glock            Marussia-Cosworth    1m35.213s  + 3.184
21.  Pedro de la Rosa      HRT-Cosworth         1m35.385s  + 3.356
22.  Charles Pic           Marussia-Cosworth    1m35.429s  + 3.400
23.  Vitaly Petrov         Caterham-Renault     1m35.432s  + 3.403
24.  Narain Karthikeyan    HRT-Cosworth         1m36.734s  + 4.705

107% time: 1m38.471s