Tag: qualifiche

F1: Pirelli farà debuttare un set di pneumatici prototipali nelle libere del prossimo Gp

Come già noto la Pirelli porterà in occasione del Gran Premio di Spagna  i nuovi pneumatici PZero Hard Orange e le PZero Medium White.

“In Spagna porteremo una variazione della nostra mescola dura che sarà più simile alle caratteristiche dello pneumatico 2012. Questo presenta una finestra d’esercizio più ampia e offre prestazioni meno spinte.

Essa dovrebbe permettere alle squadre di prevedere una più ampia varietà di strategie di gara rispetto a prima, in combinazione con le altre mescole. Abbiamo preso questa decisione dopo aver esaminato i dati delle prime quattro gare, con l’obiettivo di migliorare ulteriormente lo spettacolo della Formula Uno. In realtà è quasi una tradizione per noi: anche per il Gran premio di Spagna del 2011, il nostro primo anno in F1, introducemmo delle modifiche alla mesocla dura.

Ci aspettiamo che la mescola media sia significativamente più veloce, per questo crediamo che sarà la mescola che le squadre preferiranno per le qualifiche, mentre la dura sarà la mescola preferita per la gara cita il Direttore Motorsport della Pirelli Paul Hembery.

Ma la vera novità sussiste nella possibilità che avranno i vari piloti e team di testare nelle libere di venerdì un set di gomme dure prototipali extra.

Tale scelta è stata fatta per far si che i team possano completare per intero le due sessioni di prove libere senza decidere di rimanere ai box per preservare le gomme in previsione della gara.

Però Pirelli ha voluto sottolineare che si trattano di pneumatici sperimentali i quali si differenzieranno da quelle usate in qualifica e gara.Per distinguerli essi non avranno nessuna marcatura sul fianco.

“Solo per le prove libere forniremo un set di gomme speciali a mescola molto dura. Speriamo così di incoraggiare le squadre a completare l’intera sessione, in particolare la prima mezz’ora, quando in pista scendono i giovani piloti e dare così ai tifosi lo spettacolo che meritano”  conclude Hembery.

 

Bartolomeo De Stefano

 

F1 – Shanghai Qualifiche: Hamilton in pole davanti a Räikkönen ed Alonso, gran qualifica di Ricciardo

Qualify_Shanghai

A cura di Vincenzo Carlesimo

Lewis Hamilton conquista la prima pole position da quando ha lasciato la McLaren per la Mercedes sul tracciato di Shanghai, lo stesso circuito in cui lo scorso anno il suo attuale compagno di squadra Rosberg conquistò la prima e unica vittoria per il team di Stoccarda da quando è ritornato in F1.

Circuito che, quindi, sembra essere perfetto per questa vettura ma sicuramente l’inglese campione del mondo 2008 ha tirato fuori tutto il suo immenso talento per ottenere l’1:34.484 che gli ha permesso di conquistare la partenza dalla prima posizione, il suo compagno di squadra Rosberg invece si è dovuto accontentare del quarto posto dietro a Kimi Räikkönen e Fernando Alonso.

Il finlandese così veloce e competitivo in qualifica non si vedeva dai tempi della Ferrari, con la Lotus e con le nuove Pirelli riusciva ad esaltarsi nel passo gara ma non sul giro secco, per cui il secondo posto di Räikkönen può considerarsi una sorpresa: una piacevole sorpresa per tutti gli appassionati di formula 1 perché un duello tra Hamilton, Räikkönen ed Alonso che si preannuncia nella gara di domani promette spettacolo.

La Ferrari vista la velocità dimostrata nelle terze libere forse si aspettava la pole position, ma allo stesso modo partire in terza posizione con Alonso e in quinta con Massa, con Rosberg in mezzo, non può rendere deluso un team che fino allo scorso anno aveva evidenti problemi in qualifica; chi sicuramente può festeggiare è Daniel Ricciardo che con la Toro Rosso ottiene una splendida settima posizione alle spalle del francese Romain Grosjean.

Capitolo Red Bull: Vettel non sentendosi sicuro di partire davanti con il team ha deciso di optare per una strategia diversa, ossia mettere gli pneumatici medium e non effettuare alcun tentativo nella Q3, mentre Webber ha avuto un problema nel Q2 che lo ha estromesso di fatto dalla lotta per la pole e sarà costretto a partire dalla quattordicesima posizione.

Jenson Button, come Vettel, ha montato le gomme soft ma a differenza del tedesco ha comunque effettuato un giro a passo di lumaca in 2:05.673 per cui partirà davanti al tre volte campione del mondo in ottava posizione, chiude in decima posizione Hülkenberg che invece nella Q3 ha deciso proprio di restare ai box.

Il risultato in gara resta comunque molto incerto: Mercedes, Ferrari e Lotus(soprattutto con Räikkönen mentre Grosjean fa un po’ più fatica) sembrano molto competitive, ma c’è la problematica gomme.

Le soft durano max 5/6 giri e quindi se tutti usciranno indenni dalla prima curva i piloti saranno costretto a rallentare il ritmo per cercare di allungare di più lo stint per provare una tattica di due soste, quasi impossibile che qualcuno ci riesca comunque: la più quotata è quella con 3 soste, con il primo stint cortissimo con le soft e due con le medie, da vedere cosa faranno Vettel e Button che hanno invece la strategia opposta sperando che a fine gara le soft si degradano di meno.

Trovi altri articoli qui: Facebook/Twitter: @Vincy85

Pilota Team Q1 Q2 Q3
1. Lewis Hamilton Mercedes 1:35.793 1:35.078 1:34.484
2. Kimi Räikkönen Lotus-Renault 1:37.046 1:35.659 1:34.761
3. Fernando Alonso Ferrari 1:36.253 1:35.148 1:34.788
4. Nico Rosberg Mercedes 1:35.959 1:35.537 1:34.861
5. Felipe Massa Ferrari 1:35.972 1:35.403 1:34.933
6. Romain Grosjean Lotus-Renault 1:36.929 1:36.065 1:35.364
7. Daniel Ricciardo STR-Ferrari 1:36.993 1:36.258 1:35.998
8. Jenson Button McLaren-Mercedes 1:36.667 1:35.784 2:05.673
9. Sebastian Vettel Red Bull Racing-Renault 1:36.537 1:35.343 Nessun Tempo
10. Nico Hülkenberg Sauber-Ferrari 1:36.985 1:36.261 Nessun Tempo
11. Paul di Resta Force India-Mercedes 1:37.478 1:36.287
12. Sergio Perez McLaren-Mercedes 1:36.952 1:36.314
13. Adrian Sutil Force India-Mercedes 1:37.349 1:36.405
14. Mark Webber Red Bull Racing-Renault 1:36.148 1:36.679
15. Pastor Maldonado Williams-Renault 1:37.281 1:37.139
16. Jean-Eric Vergne STR-Ferrari 1:37.508 1:37.199
17. Valtteri Bottas Williams-Renault 1:37.769
18. Esteban Gutierrez Sauber-Ferrari 1:37.990
19. Jules Bianchi Marussia-Cosworth 1:38.780
20. Max Chilton Marussia-Cosworth 1:39.537
21. Charles Pic Caterham-Renault 1:39.614
22. Giedo van der Garde Caterham-Renault 1:39.660

Q1 107% Time 1:42.498

F1 – Malesia, qualifiche: Vettel irraggiungibile, pole sul bagnato

vettel_malesia13

Sulla bagnata pista di Sepang Sebastian Vettel conquista la seconda pole position in sette giorni con un giro letteralmente sopra la media. Il tedesco ha rifilato ben nove decimi a Felipe Massa, secondo davanti il compagno di box Fernando Alonso. Per la Ferrari questo rappresenta comunque un ottimo risultato, visto che in casa RedBull sembrano lamentare gli stessi problemi di usura visti in Australia.

In seconda fila figura anche Lewis Hamilton che sul bagnato è riuscito a fare meglio della RedBull di un opaco Webber e del compagno di squadra Rosberg. Delude, invece, Kimi Raikkonen, settimo, nonostante una Lotus che sembrava ben promettere. Per il finnico le chance di vittoria restano comunque elevate visto e considerato il passo della vettura nero-oro che in Australia lo ha portato al triofo. Per Grosjean è stata un qualifica sfortunata, complice la pioggia che ha fatto il suo ingresso in Q2 nel momento il cui il francese era fuori dalla Top Ten.

Passo avanti in casa McLaren presente in Top Ten con entrambi i piloti seppur soltanto in quarta e quinta fila. Tra le due vetture di Woking prenderà il via la Force India di Sutil ancora una volta sugli scudi. La scuderia indiana ha messo in mostra prestazioni interessanti anche con Paul Di Resta, rimasto escluso in Q2 come Grosjean proprio nel momento in cui stava facendo segnare il tempo. Quanto meno si premia la tenacia dello scozzese che ha provato a centrare la qualificazione in Q3 nonostante l’acqua presente sul tracciato.

Sorrisi anche in casa Sauber che conquista la sesta fila con Hulkenberg e la settima con Gutierrez, mentre continua a deludere la Williams, soltanto sedicesima con Maldonado e diciottesima con Bottas.

 

Pos  Pilota             Team              Tempo       Gap   
 1.  Sebastian Vettel      Red Bull-Renault     1m49.674s           
 2.  Felipe Massa          Ferrari              1m50.587s  + 0.913s 
 3.  Fernando Alonso       Ferrari              1m50.727s  + 1.053s 
 4.  Lewis Hamilton        Mercedes             1m51.699s  + 2.025s 
 5.  Mark Webber           Red Bull-Renault     1m52.244s  + 2.570s 
 6.  Nico Rosberg          Mercedes             1m52.519s  + 2.845s 
 7.  Kimi Raikkonen        Lotus-Renault        1m52.970s  + 3.296s 
 8.  Jenson Button         McLaren-Mercedes     1m53.175s  + 3.501s 
 9.  Adrian Sutil          Force India-Mercedes 1m53.439s  + 3.765s 
10.  Sergio Perez          McLaren-Mercedes     1m54.136s  + 4.462s 
11.  Romain Grosjean       Lotus-Renault        1m37.636s  + 1.446s
12.  Nico Hulkenberg       Sauber-Ferrari       1m38.125s  + 1.935s
13.  Daniel Ricciardo      Toro Rosso-Ferrari   1m38.822s  + 2.632s
14.  Esteban Gutierrez     Sauber-Ferrari       1m39.221s  + 3.031s
15.  Paul di Resta         Force India-Mercedes 1m44.509s  + 8.319s
16.  Pastor Maldonado      Williams-Renault     no time
17.  Jean-Eric Vergne      Toro Rosso-Ferrari   1m38.157s  + 1.348s
18.  Valtteri Bottas       Williams-Renault     1m38.207s  + 1.398s
19.  Jules Bianchi         Marussia-Cosworth    1m38.434s  + 1.625s
20.  Charles Pic           Caterham-Renault     1m39.314s  + 2.505s
21.  Max Chilton           Marussia-Cosworth    1m39.672s  + 2.863s
22.  Giedo van der Garde   Caterham-Renault     1m39.932s  + 3.123s

107% time: 1m43.585s

F1 – Melbourne, qualifiche – La lotta alla pole slitta a domenica

australia13_ql2

Scende copiosa la pioggia sull’Albert Park al punto di concere alle vetture soltanto 20 venti minuti di tregua, cioè quelli necessari per portare al termine il Q1. Tutto il resto è noia, o giù di lì. La pioggia si issa protagonista, il vento completa l’opera mentre la sera comincia a fare il suo ingresso. Q2 e Q3 vengono così rinviate alle ore 11:00 locali, quando in italia sarà l’una di notte.

Per la cronaca si fa presente che la prima sessione sul bagnato è stata una lotta di sopravvivenza, viste le pessime condizioni atmosferiche. Van der Garde, Hamilton, Massa, Pic e Gutierrez sono stati autori di testacoda pirotecnici, mentre Vettel e Alonso hanno mostrato fin da subito una forte concentrazione. L’unico responso odierno vede l’eliminazione di: Maldonado, Gutierrez, Bianchi, Chilton, Van der Garde e Pic che non prenderanno parte al Q2.

F1 – Brasile, qualifiche: McLaren sugli scudi, pole di Hamilton. Vettel davanti Alonso

Continua il momento sì in casa McLaren che domani occuperà l’intera prima fila del gran premio del Brasile. Ancora una volta il protagonita di giornata è stato Lewis Hamilton, alla sua ultima apparizione con il team di Woking. Seconda fila per una buona RedBull che sembra leggermente indietro in termini di prestazioni dal team inglese, ma riesce comunque a piazzare Webber terzo e Vettel quarto. Il pilota tedesco riesce così nell’intento di giornata, cioè quello di fare una qualifica migliore del rivale Alonso che partirà soltanto dall’ottava piazza.

In casa Ferrari potrebbero avere optato per un assetto più consono al bagnato considerate le enormi chances che prevedono una gara. Ad ogni modo il team di Maranello conquista la quinta posizione con Felipe Massa, il quale sarà affiancato da un ottimo Pastor Maldonado. In quarta fila figura anche Nico Hulkenberg, mentre Raikkonen e Rosberg chiudono la Top Ten.

Appena fuori dalla Q3 figurano la Force India Di Resta e l’altra Williams di Senna, mentre Michael Scumacher non ricorderà certamente l’ultima qualifica della sua carriera, chiusa con un misero quattordicesimo posto. Il tedesco però confida in una gara bagnata per effettura una gara “alla Schumacher” come da lui stessso dichiarato. Stessa speranza nutre Fernando Alonso, il cui primo settore lento lascia pensare ad una scelta aerodinamica “più carica” in ottica di una gara bagnata.

Brutta giornata anche per Romain Grosjean il cui tempo nelle libere lasciava ben sperare. Il francese che ancora non ha rinnovato il contratto in Lotus, è stato autore di un’altra manovra evitabile, colpendo sull’Archibancadas Pedro De la Rosa e compromettendo la sua qualifica al punto di restare escluso già in Q1.

Riguardo il titolo piloti si ricorda che Alonso deve giungere almeno a podio per poter sperare di vincere il mondiale, mentre Vettel avrà la certezza matematica se riuscirà a chiudere tra i primi quattro. E’ aperta anche la lotta al secondo posto costruttori dove il team McLaren con la prestazione odierna sferra l’attacco alla casa di Maranello avanti di quattordici punti.

 

Pos Pilota Team Tempo Gap 
 1.  Lewis Hamilton        McLaren-Mercedes     1m12.458s
 2.  Jenson Button         McLaren-Mercedes     1m12.513s   + 0.055
 3.  Mark Webber           Red Bull-Renault     1m12.581s   + 0.123
 4.  Sebastian Vettel      Red Bull-Renault     1m12.760s   + 0.302
 5.  Felipe Massa          Ferrari              1m12.987s   + 0.529
 6.  Pastor Maldonado      Williams-Renault     1m13.174s   + 0.716
 7.  Nico Hulkenberg       Force India-Mercedes 1m13.206s   + 0.748
 8.  Fernando Alonso       Ferrari              1m13.253s   + 0.795
 9.  Kimi Raikkonen        Lotus-Renault        1m13.298s   + 0.840
10.  Nico Rosberg          Mercedes             1m13.489s   + 1.031

11.  Paul di Resta         Force India-Mercedes 1m14.121s   + 0.912
12.  Bruno Senna           Williams-Renault     1m14.219s   + 1.010
13.  Sergio Perez          Sauber-Ferrari       1m14.234s   + 1.025
14.  Michael Schumacher    Mercedes             1m14.334s   + 1.125
15.  Kamui Kobayashi       Sauber-Ferrari       1m14.380s   + 1.171
16.  Daniel Ricciardo      Toro Rosso-Ferrari   1m14.574s   + 1.365
17.  Jean-Eric Vergne      Toro Rosso-Ferrari   1m14.619s   + 1.410
18.  Romain Grosjean       Lotus-Renault        1m16.967s   + 1.892
19.  Vitaly Petrov         Caterham-Renault     1m17.073s   + 1.998
20.  Heikki Kovalainen     Caterham-Renault     1m17.086s   + 2.011
21.  Timo Glock            Marussia-Cosworth    1m17.508s   + 2.433
22.  Charles Pic           Marussia-Cosworth    1m18.104s   + 3.029
23.  Narain Karthikeyan    HRT-Cosworth         1m19.576s   + 4.501
24.  Pedro de la Rosa      HRT-Cosworth         1m19.699s   + 4.624

107% time: 1m20.330s

 

F1 – Austin, qualifiche: Vettel da impazzire. Ferrari disastrosa: Alonso è 8°

Non molla la prima posizione Sebastian Vettel, non lo fa per tutta la qualifica. Il tedesco conquista così la prima pole position del gran premio di Austin, giunta non proprio facilmente, complice un Lewis Hamilton in grande spolvero ed unico in grado di lottare con il driver RedBull dal quale ha accusato un ritardo di appena un decimo.

La prima fila sarà quindi composta dall’asse RedBull-McLaren, ma la notizia di giornata sta nel nono tempo registrato da Fernando Alonso, lontano dalla testa e con tanti avversari che si interpongono tra lui ed il leader del mondiale. Fa meglio di lui Felipe Massa, settimo, con una vettura priva degli ultimi aggiornamenti tecnici i quali non hanno portato gli effetti sperati.

In seconda fila Webber chiude con il terzo crono, seppur accusa un ritardo superiore al mezzo secondo dal compagno di squadra. Al suo fianco partirà una Lotus, ma non sarà quella di Grosjean a cui tocca il quarto tempo di giornata. Difatti il francese verrà arretrato di cinque posizioni per aver sostituito il cambio al termine delle terze prove libere, ma al suo posto prenderà il via il teammate Raikkonen pronto a ripetere la prestazione di Abu Dhabi con una vettura che sembra ben adattarsi al neocircuito americano.

Torna in Q3 Michael Schumacher e lo fa con un prestazione degna di nota. Il pluricampione del mondo è stato autore di una qualifica sopra le righe, portando la Mercedes in un’ insperata terza fila.

Con la penalità inflitta a Grosjean guadagna una posizione Fernando Alonso, affiancato da Nico Hulkbenberg, mentre Pastor Maldonado chiude col decimo crono deludendo un po’ le aspettative dopo aver vissuto al top le prime due sessioni di qualifica.

Non sono mancate noie di affidabilità in casa McLaren, vittima stavolta con Button di un problema tecnico che ha causato l’esclusione del driver inglese dalla lotta alla pole. Buon risultato per Vergne in grado di affiancare la Force India di Di Resta, mentre il team Sauber occuperà l’intera ottava fila con Perez e Kobayashi.

Pos Pilota Team Tempo Gap 
 1.  Sebastian Vettel      Red Bull-Renault     1m35.657s
 2.  Lewis Hamilton        McLaren-Mercedes     1m35.766s  + 0.109
 3.  Mark Webber           Red Bull-Renault     1m36.174s  + 0.517
 4.  Romain Grosjean*      Lotus-Renault        1m36.587s  + 1.051
 5.  Kimi Raikkonen        Lotus-Renault        1m36.708s  + 1.137
 6.  Michael Schumacher    Mercedes             1m36.794s  + 1.280
 7.  Felipe Massa          Ferrari              1m36.937s  + 1.484
 8.  Nico Hulkenberg       Force India-Mercedes 1m37.141s  + 1.643
 9.  Fernando Alonso       Ferrari              1m37.300s  + 0.930
10.  Pastor Maldonado      Williams-Renault     1m37.842s  + 2.185

11.  Bruno Senna           Williams-Renault     1m37.604s   + 1.808
12.  Jenson Button         McLaren-Mercedes     1m37.616s   + 1.820
13.  Paul di Resta         Force India-Mercedes 1m37.665s   + 1.869
14.  Jean-Eric Vergne      Toro Rosso-Ferrari   1m37.879s   + 2.083
15.  Sergio Perez          Sauber-Ferrari       1m38.206s   + 2.410
16.  Kamui Kobayashi       Sauber-Ferrari       1m38.437s   + 2.641
17.  Nico Rosberg          Mercedes             1m38.501s   + 2.705
18.  Daniel Ricciardo      Toro Rosso-Ferrari   1m39.114s   + 2.556
19.  Timo Glock            Marussia-Cosworth    1m40.056s   + 3.498
20.  Charles Pic           Marussia-Cosworth    1m40.664s   + 4.106
21.  Vitaly Petrov         Caterham-Renault     1m40.809s   + 4.251
22.  Heikki Kovalainen     Caterham-Renault     1m41.166s   + 4.608
23.  Pedro de la Rosa      HRT-Cosworth         1m42.011s   + 5.453
24.  Narain Karthikeyan    HRT-Cosworth         1m42.740s   + 6.182

107% time: 1m43.317s

* verrà retrocesso di 5 posizioni per aver sostituito il cambio

F1 – Abu Dhabi, post-qualifiche: Vettel retrocesso, partirà ultimo

Brutte notizie in casa RedBull: Sebastian Vettel è stato retrocesso in fondo alla griglia di partenza poiché la quantità di carburante trovata sulla sua vettura era inferiore al litro previsto dal regolamento.

Una brutta tegola per i bibitari che pagano così a caro prezzo un errore di calcolo imperdonabile in ottica iridata. Si ricorda che al pilota tedesco è stato imposto di fermare la vettura nel corso del giro di rientro ai box, cosa che ha suscitato sospetti fin da subito.

Con la retrocessione Alonso guadagna una posizione: partirà sesto.

NASCAR – Texas, Qualifiche: Jimmie Johnson ancora in pole

Unico pilota a girare con una velocità media superiore alle 191 miglia orarie, Jimmie Johnson ha ottenuto la pole position nelle qualifiche disputatesi oggi valide per la ottava gara della Chase for the Sprint Cup Series 2012, la AAA Texas 500, che si correrà nella giornata di domani. Il leader della classifica iridata conquista così la sua seconda pole consecutiva, la quarta della stagione in corso, precedendo in prima fila un altro “chaser” del calibro di Greg Biffle.

In seconda fila le due Toyota di Kyle Busch e di Clint Bowyer, a precedere Martin Truex Jr. e Joey Logano; settima posizione per il giovanissimo Trevor Bayne con la #21 del Wood Brothers Racing. Il principale contendente per la lotta al titolo, staccato da Johnson di sole due lunghezze, Brad Keselowski, partirà accanto al giovane Bayne dall’ottava posizione.

Il pilota della Dodge #2 del Penske Racing Team si è però dichiarato assai ottimista sia nelle interviste rilasciate ai giornalisti della televisione americana sia su Twitter, dove ha affermato di voler essere il protagonista di quell’inversione di tendenza che porterà il titolo lontano dalle mani del già cinque volte campione del mondo Jimmie Johnson. Appuntamento a domani sera per la gara dal Texas Motor Speedway.

ORDINE DI PARTENZA:

1 Jimmie Johnson Chevrolet Lowe’s 28.261 Leader
2 Greg Biffle Ford 3M 28.364 -0.103
3 Kyle Busch Toyota Snickers 28.402 -0.141
4 Clint Bowyer Toyota 5-hour Energy 28.411 -0.150
5 Martin Truex Jr. Toyota Carlyle Tools by NAPA 28.422 -0.161
6 Joey Logano Toyota The Home Depot / redbeacon.com 28.457 -0.196
7 Trevor Bayne Ford Motorcraft / Quick Lane Tire & Auto Center 28.480 -0.219
8 Brad Keselowski Dodge Miller Lite 28.491 -0.230
9 Carl Edwards Ford Aflac 28.500 -0.239
10 Matt Kenseth Ford Ford EcoBoost 28.502 -0.241
11 Mark Martin Toyota Aaron’s Dream Machine 28.527 -0.266
12 Denny Hamlin Toyota FedEx Office 28.530 -0.269
13 Kasey Kahne Chevrolet HendrickCars.com / Great Clips 28.573 -0.312
14 Aric Almirola Ford Farmland 28.575 -0.314
15 Marcos Ambrose Ford Mac Tools 28.583 -0.322
16 Jeff Gordon Chevrolet Drive to End Hunger 28.602 -0.341
17 Sam Hornish Jr. Dodge Shell / Pennzoil 28.628 -0.367
18 Kurt Busch Chevrolet Furniture Row 28.663 -0.402
19 Dale Earnhardt Jr. Chevrolet National Guard / Diet Mountain Dew 28.669 -0.408
20 Casey Mears Ford GEICO 28.672 -0.411
21 Tony Stewart Chevrolet Office Depot / Mobil 1 28.717 -0.456
22 Jeff Burton Chevrolet Caterpillar 28.724 -0.463
23 Kevin Harvick Chevrolet Rheem / Budweiser 28.757 -0.496
24 Jamie McMurray Chevrolet McDonald’s 28.790 -0.529
25 Juan Montoya Chevrolet Huggies 28.810 -0.549
26 AJ Allmendinger Chevrolet Phoenix Construction 28.817 -0.556
27 Paul Menard Chevrolet Quaker State / Menards 28.823 -0.562
28 J.J. Yeley Chevrolet MaxQworkforce.com 28.836 -0.575
29 Bobby Labonte Toyota Wounded Warrior Project 28.842 -0.581
30 David Gilliland Ford Long John Silver’s 28.899 -0.638
31 Scott Speed Ford B&D Electrical / TWD 28.899 -0.638
32 Danica Patrick Chevrolet GoDaddy.com 28.948 -0.687
33 David Ragan Ford CertainTeed / 31-W Insulation 28.958 -0.697
34 Mike Bliss Toyota Plinker Tactical / MCM Elegante 28.959 -0.698
35 Josh Wise Ford MDS Transport 28.968 -0.707
36 Ryan Newman Chevrolet Quicken Loans 28.975 -0.714
37 Michael McDowell Ford Phil Parsons Racing 29.022 -0.761
38 Travis Kvapil Toyota Dr Pepper 29.053 -0.792
39 Reed Sorenson Toyota Plinker Tactical / MCM Elegante 29.077 -0.816
40 Dave Blaney Chevrolet Tommy Baldwin Racing 29.204 -0.943
41 Landon Cassill Toyota Burger King 29.287 -1.026
42 Ken Schrader Ford Federated Auto Parts 29.696 -1.435
43 Joe Nemechek Toyota AM / FM Energy Wood & Pellet Stoves 29.097 -0.836
NON QUALIFICATI
44 Stephen Leicht Chevrolet Little Joes Autos.com 29.173 -0.912
45 Kelly Bires Ford United Supermarkets / Randy Hill Racing.com 29.494 -1.233
46 David Stremme Toyota Inception Motorsports 30.568 -2.307

Fabio Valente (twitter: @hwfabio)

F1 – Abu Dhabi: Gigante Hamilton, Alonso dietro Vettel

Il sabato di Abu Dhabi regala l’unica certezza di giornata identificata in Lewis Hamilton, ampiamente sopra la media, nei tempi e nelle prestazioni. L’inglese della McLaren ha fermato il crono in 1’40”630, infliggendo quasi quattro decimi a Mark Webber che partirà con lui dalla prima fila.

Chiude, invece, col terzo tempo Sebastian Vettel, non in grado di abbattere il muro del 1’41”. Dopo i problemi ai freni occorsi in mattinata, un altro giallo affligge il tedesco costretto a fermare la vettura nel corso del giro di rientro come ordinatogli via radio dai propri ingegneri. Si capirà il motivo più avanti. Al fianco del bicampione del mondo partirà Pastor Maldonado che si conferma una garanzia sui circuiti cittadini.

In terza fila prenderanno il via Button e Raikkonen. Se il tempo del finlandese è comunque degno di nota per aver fatto meglio delle Ferrari, non lo è altrettanto quello dell’inglese in evidente affanno rispetto il compagno di squadra da cui paga un ritardo di sette decimi.

Per Fernando Alonso sarà una gara in rimonta, poiché lo spagnolo non è riuscito a fare meglio del settimo tempo, nonostante le modifiche introdotte dalla scuderia di Maranello per questo week-end. Difatti anche Felipe Massa non è riuscito ad andare oltre il nono tempo, ma il brasiliano ha pagato qualche imperfezione di troppo nel momento in cui doveva fare il tempo.

Tra le due Ferrari, Nico Rosberg tiene in alto il nome della Mercedes, mentre Romain Grosjean chiude la Top Ten. Immediatamente fuori dai primi dieci Hulkenberg e Perez compono la sesta fila, con Sauber e Force India possibili candidate alla zona punti. Nelle retrovie figurano anche Michael Schumacher e Bruno Senna lontani, forse troppo, dai rispettivi team-mate.

 

 

Pos Pilota Team Tempo Gap 
 1.  Lewis Hamilton        McLaren-Mercedes     1m40.630s
 2.  Mark Webber           Red Bull-Renault     1m40.978s  + 0.348
 3.  Sebastian Vettel      Red Bull-Renault     1m41.073s  + 0.443
 4.  Pastor Maldonado      Williams-Renault     1m41.226s  + 0.596
 5.  Kimi Raikkonen        Lotus-Renault        1m41.260s  + 0.630
 6.  Jenson Button         McLaren-Mercedes     1m41.290s  + 0.660
 7.  Fernando Alonso       Ferrari              1m41.582s  + 0.952
 8.  Nico Rosberg          Mercedes             1m41.603s  + 0.973
 9.  Felipe Massa          Ferrari              1m41.723s  + 1.093
10.  Romain Grosjean       Lotus-Renault        1m41.778s  + 1.148  

11.  Nico Hulkenberg       Force India-Mercedes 1m42.019s  + 1.118
12.  Sergio Perez          Sauber-Ferrari       1m42.084s  + 1.183
13.  Paul di Resta         Force India-Mercedes 1m42.218s  + 1.317
14.  Michael Schumacher    Mercedes             1m42.289s  + 1.388
15.  Bruno Senna           Williams-Renault     1m42.330s  + 1.429
16.  Kamui Kobayashi       Sauber-Ferrari       1m42.606s  + 1.705
17.  Daniel Ricciardo      Toro Rosso-Ferrari   1m42.765s  + 1.864
18.  Jean-Eric Vergne      Toro Rosso-Ferrari   1m44.058s  + 2.561
19.  Heikki Kovalainen     Caterham-Renault     1m44.956s  + 3.459
20.  Charles Pic           Marussia-Cosworth    1m45.089s  + 3.592
21.  Vitaly Petrov         Caterham-Renault     1m45.151s  + 3.654
22.  Timo Glock            Marussia-Cosworth    1m45.426s  + 3.929
23.  Pedro de la Rosa      HRT-Cosworth         1m45.766s  + 4.269
24.  Narain Karthikeyan    HRT-Cosworth         1m46.382s  + 4.885

107% time: 1m48.601s

 

 

NASCAR – Martinsville, Qualifiche: L’effimera pole di Martinsville è appannaggio di Jimmie Johnson

Ad ottenere la pole position sullo short track di Martinsville è stato Jimmie Johnson, con una tornata record alla media di 97.598 miglia orarie, che ha regalato al pluricampione NASCAR la terza pole dell’anno. A partire accanto a lui sarà un ottimo Brian Vickers, al volante della Toyota #55 del Michael Waltrip Racing, alternatosi alla guida con Mark Martin durante la stagione in corso.

Insieme a Jimmie Johnson a contendersi il mondiale nella difficile gara di Martinsville, la Tums Fast Relief 500, saranno Denny Hamlin, che inizierà la sua corsa dalla quinta posizione, Clint Bowyer, dall’ottava piazza e soprattutto Brad Keselowski, che a causa di una qualifica disastrosa si ritroverà davanti una gara tutta in salita, con inizio dalla tentaduesima posizione e con il rischio di essere ben presto doppiato dai rivali.

Da segnalare infine le ottime qualifiche di Jeff Burton (quarto), Paul Menard (nono) e Aric Almirola (decimo). Solo ventiseiesimo AJ Allmendinger, assente invece Regan Smith, senza un sedile a seguito del ritorno di Dale Earnhardt Jr. sulla #88.

ORDINE DI PARTENZA:

1 Jimmie Johnson Chevrolet 19.402 Leader
2 Brian Vickers Toyota 19.415 -0.013
3 Kyle Busch Toyota 19.436 -0.034
4 Jeff Burton Chevrolet 19.443 -0.041
5 Denny Hamlin Toyota 19.445 -0.043
6 Matt Kenseth Ford 19.467 -0.065
7 Tony Stewart Chevrolet 19.470 -0.068
8 Clint Bowyer Toyota 19.472 -0.070
9 Paul Menard Chevrolet 19.490 -0.088
10 Aric Almirola Ford 19.500 -0.098
11 Jeff Gordon Chevrolet 19.528 -0.126
12 Martin Truex Jr. Toyota 19.529 -0.127
13 Kevin Harvick Chevrolet 19.530 -0.128
14 Joey Logano Toyota 19.541 -0.139
15 Kasey Kahne Chevrolet 19.548 -0.146
16 David Ragan Ford 19.554 -0.152
17 Bobby Labonte Toyota 19.555 -0.153
18 Ryan Newman Chevrolet 19.555 -0.153
19 Kurt Busch Chevrolet 19.572 -0.170
20 Dale Earnhardt Jr. Chevrolet 19.579 -0.177
21 Michael McDowell Ford 19.581 -0.179
22 Casey Mears Ford 19.586 -0.184
23 Carl Edwards Ford 19.592 -0.190
24 Jamie McMurray Chevrolet 19.607 -0.205
25 Juan Montoya Chevrolet 19.616 -0.214
26 AJ Allmendinger Chevrolet 19.645 -0.243
27 Sam Hornish Jr. Dodge 19.669 -0.267
28 Ken Schrader Ford 19.693 -0.291
29 David Reutimann Chevrolet 19.696 -0.294
30 Greg Biffle Ford 19.702 -0.300
31 Josh Wise Ford 19.712 -0.310
32 Brad Keselowski Dodge 19.722 -0.320
33 Marcos Ambrose Ford 19.728 -0.326
34 Landon Cassill Toyota 19.730 -0.328
35 Scott Riggs Chevrolet 19.741 -0.339
36 David Gilliland Ford 19.741 -0.339
37 Dave Blaney Chevrolet 19.764 -0.362
38 Joe Nemechek Toyota 19.792 -0.390
39 Reed Sorenson Toyota 19.813 -0.411
40 David Stremme Toyota 19.819 -0.417
41 Travis Kvapil Toyota 19.820 -0.418
42 Stephen Leicht Chevrolet 19.890 -0.488
43 Scott Speed Ford 19.954 -0.552
NON QUALIFICATI
44 Mike Bliss Toyota 20.015 -0.613
45 J.J. Yeley Chevrolet 20.015 -0.613

Fabio Valente (twitter: @hwfabio)