Tag: Lamy

24 ore – Le Mans, 20° ora: l’Audi leader può ancora farcela

E’ un tira e molla la lotta per la leadership della 24 ore. Ormai tutto si gioca sugli ultimi pit-stop e sulle strategie. Un paio di volte la Peugeot è balzata davanti, ma lo squadrone Audi ha sempre prontamente ricucito, compensando a suon di giri veloci il maggior consumo di carburante che li obbliga ad un maggior numero di stop. La prima vettura Peugeot è quella dell’equipaggio Lamy-Bourdais-Pagenaud, mentre la seconda vettura, quella di Sarrazin-Minassian-Montagny si è vista comminare uno stop&go di 1′ per un irregolarità nel pit-stop, a tutto vantaggio dell’Audi. La terza vettura francese ha invece incontrato delle difficoltà quando Wurz ha sbattuto contro le barriere, danneggiando la vettura che però è stata ripristinata ai box. Quattro giri il ritardo per questi ultimi. La lotta nella classe top si preannuncia avvincente, con un unica Audi che sembrerebbe poter compiere il colpaccio contro le tre Peugeot. Inoltre la pioggia, seppur di lieve entità, ha portato un po’ di spettacolo aggiuntivo. Battaglia diretta anche tra la Pescarolo e la Oreca Peugeot.

Situazione congelata invece nell’LMP2, con la Zytek Nissan che conduce davanti alla Oreca del Signatech e alla Lola del Level5 Motorsport. Tra le GT grandi colpi di scena, con la Corvette leader che è andata ad impattare contro la Porsche di Felbermayr, costringendo l’ingresso della Safety car per soccorrere Reid colpito dal lato guida dalla Corvette di Magnussen. Al comando passa quindi la 458 Italia di Fisichella-Bruni-Vilander, che però è alle prese con diversi problemi tecnici ed è stata ripresa dalla seconda Corvette che aveva un giro di ritardo. In GTEam continua indisturbata la doppietta del team Larbre Competition.

Le Mans, 20° ora

 1.  #2  Audi       Audi Sport Team Joest     (LMP1)  290 giri
 2.  #9  Peugeot    Team Peugeot Total        (LMP1)  +   59.135
 3.  #8  Peugeot    Peugeot Sport Total       (LMP1)  +    1 Lap
 4.  #7  Peugeot    Peugeot Sport Total       (LMP1)  +   4 Laps
 5.  #16 Pescarolo  Pescarolo Team            (LMP1)  +  11 Laps
 6.  #10 Peugeot    Team Oreca-Matmut         (LMP1)  +  11 Laps
 7.  #12 Lola       Rebellion Racing          (LMP1)  +  12 Laps
 8.  #22 Lola       Kronos Racing             (LMP1)  +  17 Laps
 9.  #41 Zytek      Greaves Motorsport        (LMP2)  +  20 Laps
10.  #26 Oreca      Signatech Nissan          (LMP2)  +  23 Laps
11.  #33 Lola       Level 5 Motorsports       (LMP2)  +  25 Laps
12.  #51 Ferrari    AF Corse                  (GTEP)  +  32 Laps
13.  #73 Corvette   Corvette Racing           (GTEP)  +  32 Laps
14.  #49 OAK        OAK Racing                (LMP2)  +  32 Laps
15.  #36 HPD        RML                       (LMP2)  +  33 Laps
16.  #77 Porsche    Team Felbermayr-Proton    (GTEP)  +  34 Laps
17.  #56 BMW        BMW Motorsport            (GTEP)  +  34 Laps
18.  #55 BMW        BMW Motorsport            (GTEP)  +  35 Laps
19.  #76 Porsche    IMSA Performance Matmut   (GTEP)  +  35 Laps
20.  #40 Oreca      Race Performance          (LMP2)  +  35 Laps
21.  #80 Porsche    Flying Lizard Motorsports (GTEP)  +  36 Laps
22.  #75 Porsche    Prospeed Competition      (GTEP)  +  38 Laps
23.  #35 OAK        OAK Racing                (LMP2)  +  40 Laps
24.  #50 Corvette   Larbre Competition        (GTEA)  +  41 Laps
25.  #70 Porsche    Larbre Competition        (GTEA)  +  42 Laps
26.  #83 Ferrari    JMB Racing                (GTEA)  +  48 Laps
27.  #65 Lotus      Lotus Jetalliance         (GTEP)  +  48 Laps
28.  #66 Ferrari    JMW Motorsport            (GTEP)  +  54 Laps
29.  #68 Ford       Robertson Racing          (GTEA)  +  56 Laps
30.  #44 Norma      Extr                      (LMP2)  +  98 Laps
31.  #74 Corvette   Corvette Racing           (GTEP)  +  77 Laps
32.  #81 Porsche    Flying Lizard Motorsports (GTEA)  +  77 Laps
33.  #48 Oreca      Team Oreca-Matmut         (LMP2)  +  88 Laps
34.  #63 Porsche    Proton Competition        (GTEA)  +  89 Laps
35.  #13 Lola       Rebellion Racing          (LMP1)  Retired
36.  #61 Ferrari    AF Corse                  (GTEA)  + 100 Laps
37.  #59 Ferrari    Luxury Racing             (GTEP)  + 105 Laps
38.  #71 Ferrari    AF Corse                  (GTEP)  + 110 Laps
39.  #88 Porsche    Team Felbermayr-Proton    (GTEP)  + 119 Laps
40.  #42 HPD        Strakka Racing            (LMP2)  Retired
41.  #60 Aston      Gulf AMR Middle East      (GTEA)  Retired
42.  #39 Lola       PeCom Racing              (LMP2)  Retired
43.  #89 Ferrari    Hankook Team Farnbacher   (GTEP)  Retired
44.  #58 Ferrari    Luxury Racing             (GTEP)  + 152 Laps
45.  #64 Lotus      Lotus Jetalliance         (GTEP)  Retired
46.  #57 Ferrari    Krohn Racing              (GTEA)  Retired
47.  #24 OAK        OAK Racing                (LMP1)  Retired
48.  #1  Audi       Audi Sport Team Joest     (LMP1)  Retired
49.  #5  Oreca      Hope Racing               (LMP1)  Retired
50.  #62 Ferrari    CRS Racing                (GTEA)  Retired
51.  #15 OAK        OAK Racing                (LMP1)  Retired
52.  #79 Aston      Jota                      (GTEP)  Retired
53.  #20 Zytek      Quifel-ASM Team           (LMP1)  Retired
54.  #3  Audi       Audi Sport North America  (LMP1)  Retired
55.  #007  AMR-One  Aston Martin Racing       (LMP1)  Retired
56.  #009  AMR-One  Aston Martin Racing       (LMP1)  Retired

Marco Borgo

 

24 ore – Le Mans, 16° ora: è lotta Audi-Peugeot per la leadership

Ormai è lotta per la leadership. Dopo sedici ore di gara le Peugeot hanno recuperato lo svantaggio e si sono portate al comando, con Bourdais e Genè davanti all’unica Audi ancora in gara. Poi l’altra Peugeot di Montagny a precedere la Pescarolo. Ritirata la Rebellion di Belicchi, così come Halliday. In classe LMP2 al comando persiste la Zytek Nissan di Ojjeh davanti alla Signatech Nissan e alla Lola del Level5 motorsport. Tra le GT continua la lotta tra la Corvette di Magnussenche precede di un giro la 458 Italia di Fisichella-Vilander-Bruni. Immutatat la situazione anche tra gli amatoriali, con la Corvette di Gardel che precede le due Porsche di Bourret e Felbermeyr.

Le Mans, 16° ora

 1.  #9  Peugeot    Team Peugeot Total        (LMP1)  227 giri
 2.  #7  Peugeot    Peugeot Sport Total       (LMP1)  +    3.504
 3.  #2  Audi       Audi Sport Team Joest     (LMP1)  +   35.943
 4.  #8  Peugeot    Peugeot Sport Total       (LMP1)  +    1 Lap
 5.  #16 Pescarolo  Pescarolo Team            (LMP1)  +   6 Laps
 6.  #12 Lola       Rebellion Racing          (LMP1)  +   9 Laps
 7.  #10 Peugeot    Team Oreca-Matmut         (LMP1)  +  10 Laps
 8.  #22 Lola       Kronos Racing             (LMP1)  +  13 Laps
 9.  #41 Zytek      Greaves Motorsport        (LMP2)  +  15 Laps
10.  #26 Oreca      Signatech Nissan          (LMP2)  +  17 Laps
11.  #33 Lola       Level 5 Motorsports       (LMP2)  +  19 Laps
12.  #49 OAK        OAK Racing                (LMP2)  +  21 Laps
13.  #74 Corvette   Corvette Racing           (GTEP)  +  23 Laps
14.  #51 Ferrari    AF Corse                  (GTEP)  +  24 Laps
15.  #35 OAK        OAK Racing                (LMP2)  +  24 Laps
16.  #73 Corvette   Corvette Racing           (GTEP)  +  24 Laps
17.  #80 Porsche    Flying Lizard Motorsports (GTEP)  +  25 Laps
18.  #55 BMW        BMW Motorsport            (GTEP)  +  25 Laps
19.  #56 BMW        BMW Motorsport            (GTEP)  +  26 Laps
20.  #77 Porsche    Team Felbermayr-Proton    (GTEP)  +  26 Laps
21.  #76 Porsche    IMSA Performance Matmut   (GTEP)  +  26 Laps
22.  #36 HPD        RML                       (LMP2)  +  28 Laps
23.  #75 Porsche    Prospeed Competition      (GTEP)  +  28 Laps
24.  #40 Oreca      Race Performance          (LMP2)  +  30 Laps
25.  #81 Porsche    Flying Lizard Motorsports (GTEA)  +  30 Laps
26.  #50 Corvette   Larbre Competition        (GTEA)  +  30 Laps
27.  #70 Porsche    Larbre Competition        (GTEA)  +  31 Laps
28.  #63 Porsche    Proton Competition        (GTEA)  +  34 Laps
29.  #83 Ferrari    JMB Racing                (GTEA)  +  37 Laps
30.  #61 Ferrari    AF Corse                  (GTEA)  +  38 Laps
31.  #65 Lotus      Lotus Jetalliance         (GTEP)  +  38 Laps
32.  #59 Ferrari    Luxury Racing             (GTEP)  +  43 Laps
33.  #66 Ferrari    JMW Motorsport            (GTEP)  +  43 Laps
34.  #68 Ford       Robertson Racing          (GTEA)  +  44 Laps
35.  #71 Ferrari    AF Corse                  (GTEP)  +  48 Laps
36.  #88 Porsche    Team Felbermayr-Proton    (GTEP)  +  57 Laps
37.  #44 Norma      Extr                      (LMP2)  +  85 Laps
38.  #58 Ferrari    Luxury Racing             (GTEP)  +  90 Laps
39.  #48 Oreca      Team Oreca-Matmut         (LMP2)  +  26 Laps
40.  #13 Lola       Rebellion Racing          (LMP1)  Retired
41.  #42 HPD        Strakka Racing            (LMP2)  Retired
42.  #60 Aston      Gulf AMR Middle East      (GTEA)  Retired
43.  #39 Lola       PeCom Racing              (LMP2)  Retired
44.  #89 Ferrari    Hankook Team Farnbacher   (GTEP)  Retired
45.  #64 Lotus      Lotus Jetalliance         (GTEP)  Retired
46.  #57 Ferrari    Krohn Racing              (GTEA)  Retired
47.  #24 OAK        OAK Racing                (LMP1)  Retired
48.  #1  Audi       Audi Sport Team Joest     (LMP1)  Retired
49.  #5  Oreca      Hope Racing               (LMP1)  Retired
50.  #62 Ferrari    CRS Racing                (GTEA)  Retired
51.  #15 OAK        OAK Racing                (LMP1)  Retired
52.  #79 Aston      Jota                      (GTEP)  Retired
53.  #20 Zytek      Quifel-ASM Team           (LMP1)  Retired
54.  #3  Audi       Audi Sport North America  (LMP1)  Retired
55.  #007  AMR-One  Aston Martin Racing       (LMP1)  Retired
56.  #009  AMR-One  Aston Martin Racing       (LMP1)  Retired

Marco Borgo

 

24 ore – Le Mans, warm up: la Peugeot ritorna davanti con Bourdais

La Peugeot è ritornata davanti, questa volta nel warm up ad opera di Sebastien Bourdais. L’idolo locale ha portato in prima posizione il prototipo francese negli ultimi minuti della sessione spezzando così un dominio Audi, scese al secondo, terzo e quarto posto. Giro thrilling quello del francese, che ha guadagnato 1″4 sulla prima Audi. Segnale della grande competitività di entrambi i marchi e del livellamento delle prestazioni quest’anno in pista. Tra le Audi, ancora ultimi del trio i veterani, con Treluyer che ha preceduto l’altra vettura guidata da Bernhard. Quinta e sesta piazza per le altre due Peugeot di Sarrazin e Wurz, poi l’Oreca di Duval, settima. La Zytek di Hughes ha preceduto le due vetture del team Rebellion che completano la top ten. Tredicesima assoluta è invece la prima LMP2, la Signatech Nissan di Mailleux, mentre la Strakka è solo quinta di classe dopo aver ricostruito la vettura giovedì notte. In classe GTpro Toni Vilander è riuscito a scrollarsi di dosso le due BMw siglando la miglior prestazione davanti alle due vetture bavaresi, tra gli amatoriali la F430 del team Krohn e l’Aston Martin del team AMR Middle East sono balzate davanti alle Porsche. Problemi meccanici hanno fermato Cioci lungo il percorso.

classifica PDF

Marco Borgo

ILMC – Spa, gara: la Peugeot ribalta i pronostici e fa doppietta contro l’Audi

Contrariamente a quello che ci si aspettava dopo i test di Le Mans, dopo le libere di Spa e soprattutto dopo le qualifiche in cui le Peugeot erano naufragate in una strategia penalizzante, la casa francese ha ribaltato a suo favore l’esito della 1000 km di Spa, siglando una doppietta con gli equipaggi Gené-Wurz-Davidson e Montagny-Sarrazin-Minassian davanti alle tre Audi, doppiate. Non vi sarà quindi l’annunciato dominio di uno dei due team alla 24 ore di Le Mans, ma almeno sull carta tutti partono favoriti.

Alexander Wurz ha infatti recuperato nel primo stint dalla tredicesima posizione di partenza fino alla leadership della corsa, mentre l’Audi di McNish si girava già al primo giro a Les Combes per gomme fredde. Gara impeccabile per le Peugeot che potevano dominare tutte e tre le posizioni del podio, ma a meno di un ora dal termine, la 908 di Pagenaud (già insabbiatasi con Lamy alla guida) ha avuto un cedimento alla sospensione anteriore destra che l’ha costretta ad un intervento ai box. Ecco che l’Audi ha potuto così piazzare una vettura sul podio.

Sesta piazza per la prima LMP1 non diesel, la Pescarolo di Collard-Tinseau-Jousse. Il costruttore della Sarthe ha ammesso in un intervista come pur dando il 100% non riuscissero minimamente a competere contro i prototipi diesel. Il “Pesca” si auspicava un ritocco regolamentare in vista di Le Mans, che molti consideravano impossibile vista l’imminenza della gara francese, ma l’Aco Le Mans ha sorpreso tutti con un comunicato uscito a pochi minuti dalla bandiera a scacchi della 1000 km di Spa, annunciando appunto una sorta di “balance of performance” di cui parleremo a parte.

Nella categoria LMP2 la vittoria è andata all’Oreca del team TDS, classificatisi undicesimi assoluti con Beche-Thiriet-Firth, davanti alla Oreca del team Boutsen rallentato da problemi al sistema di refuelling. In GT2 doppietta Ferrari con Fisichella-Bruni davanti a Farnbacher-Simonsen del team Hankook. Terzo gradino del podio GT per la BMW M3 di Priaulx davanti a quella di Farfus. Podio anche tra gli amatori per AF Corse, classifica in cui la Porsche ha potuto dire la sua con la vittoria di Armindo-Narac. In Formula Le Mans la vittoria è andata al solido equipaggio Moro-Zhang-Marroc.

Spa, gara

 1.  LMP1   Gene/Wurz/Davidson            Peugeot 908                  6h02m03.799s
 2.  LMP1   Montagny/Sarrazin/Minassian   Peugeot 908                     + 42.965s
 3.  LMP1   Capello/Kristensen/McNish     Audi R18 TDI                      + 1 lap
 4.  LMP1   Bernhard/Dumas/Rockenfeller   Audi R18 TDI                     + 2 laps
 5.  LMP1   Fassler/Lotterer/Treluyer     Audi R18 TDI                     + 3 laps
 6.  LMP1   Collard/Tinseau/Jousse        Pescarolo-Judd                   + 5 laps
 7.  LMP1   Jani/Prost                    Rebellion Lola-Toyota            + 5 laps
 8.  LMP1   Lamy/Bourdais/Pagenaud        Peugeot 908                      + 6 laps
 9.  LMP1   Belicchi/Boullion             Rebellion Lola-Toyota            + 6 laps
10.  LMP1   Lapierre/Duval/Panis          ORECA Peugeot 908 Hdi-FAP        + 9 laps
11.  LMP2   Beche/Thiriet/Firth           TDS ORECA-Nissan                + 11 laps
12.  LMP2   Kraihamer/De Crem             Boutsen Energy ORECA-Nissan     + 11 laps
13.  LMP2   Leventis/Watts/Kane           Strakka HPD ARX-01d             + 11 laps
14.  LMP2   Gates/Garofall/Phillips       RLR MG Lola-Judd                + 14 laps
15.  LMP2   Mailleux/Ordoñez/Ayari        Signatech ORECA-Nissan          + 15 laps
16.  FLM    Moro/Zhang/Marroc             Hope ORECA                      + 17 laps
17.  GTE P  Fisichella/Bruni              AF Corse Ferrari                + 17 laps
18.  GTE P  Farnbacher/Simonsen           Hankook Ferrari                 + 17 laps
19.  GTE P  Priaulx/Alzen                 BMW M3                          + 17 laps
20.  FLM    Schultis/Simon/Schell         Pegasus ORECA                   + 17 laps
21.  GTE P  Farfus/Muller                 BMW M3                          + 18 laps
22.  GTE P  Dolan/Hancock                 Jota Aston Martin               + 20 laps
23.  GTE P  Goossens/Holzer               Prospeed Porsche                + 20 laps
24.  FLM    Julian/Zugel/Petersen         Genoa ORECA                     + 20 laps
25.  GTE A  Armindo/Narac                 IMSA Performance Porsche        + 21 laps
26.  GTE A  Perazzini/Cioci/Lemeret       AF Corse Ferrari                + 21 laps
27.  GTE A  Bornhauser/Canal/Gardel       Larbre Corvette                 + 22 laps
28.  GTE A  Ried/Hommerson                Proton Porsche                  + 22 laps
29.  GTE A  Felbermayr Jr./Miller         Felbermayr-Proton Porsche       + 24 laps
30.  GTE A  Ehret/Lynn/Wills              CRS Ferrari                     + 24 laps
31.  GTE A  Broniszewski/Peter            Kessel Ferrari                  + 26 laps
32.  GTE A  Krohn/Jonsson                 Krohn Ferrari                   + 27 laps
33.  LMP2   Barlesi/Da Rocha/Lafargue     Oak Pescarolo-Judd              + 27 laps
34.  GTE P  Bell/Walker                   JMW Ferrari                     + 29 laps
35.  LMP2   Frey/Meichtry/Rostan          Race Performance ORECA-Judd     + 29 laps
36.  GTE P  Lieb/Lietz                    Felbermayr-Proton Porsche       + 32 laps
37.  FLM    Hartshorne/Keating/Keen       Neil Garner ORECA               + 36 laps
38.  LMP2   Ojjeh/Chalandon/Kimber-Smith  Greaves Zytek-Nissan            + 38 laps
39.  LMP2   Rosier/Luco/Basso             Extreme Limite Norma-Judd       + 39 laps
40.  LMP1   Cortes/Geri/Piccini           MIK Corse Zytek                 + 41 laps
41.  GTE P  Rich/Slingerland              Jetalliance Lotus Evora         + 42 laps
42.  FLM    Rodrigues/Menahem/Lombard     JMB ORECA                       + 44 laps

Ritirati

     GTE P  Melo/Vilander                 AF Corse Ferrari                 137 laps
     GTE A  Hummel/Christodoulou/Quaife   CRS Ferrari                      137 laps
     GTE A  Giroix/Goethe/Wainwright      Gulf Aston Martin                108 laps
     LMP1   Amaral/Pla                    Quifel-ASM Zytek                 106 laps
     GTE A  Kauffman/Aguas                AF Corse Ferrari                 105 laps
     GTE P  Ortelli/Makowiecki            Luxury Ferrari                    64 laps
     LMP2   Perez-Companc/Russo/Kaffer    Pecom Lola-Judd                   60 laps
     LMP2   Tucker/Bouchut/Barbosa        Level 5 Lola Coupe-HPD            59 laps
     GTE P  Hirschi/Rossiter/Mowlem       Jetalliance Lotus Evora           21 laps
     GTE P  Pilet/Henzler                 IMSA Performance Porsche          16 laps
     GTE P  Beltoise/Jakubowski/Deletraz  Luxury Ferrari                     4 laps

Marco Borgo

 

ILMC – Spa, libere: L’Audi rimane al top della classifica

Dopo le esaltanti prestazioni del test pasquale a Le Mans, lo squadrone Audi continua a dominare anche sul tracciato delle Ardenne nel corso delle prime libere della 1000 km di Spa, seconda prova ILMC. Davanti a tutti l’equipaggio dei veterani Kristensen-Capello-McNish che hanno preceduto i compagni Bernhard-Dumas-Rockenfeller. Tripletta mancata in casa Audi in quanto tra la seconda e la terza vettura, quella di Fassler-Lotterer-Treluyer si inserisce la più veloce 908, grazie anche ad un uscita di pista del terzo equipaggio Audi per una toccata con una GT.

Faticano ancora le Peugeot a tenere il passo delle rivali tedesche, con distacchi che si fanno subito consistenti. Le Peugeot infatti si piazzano in terza posizione (Lamy-Bourdais-Pagenaud), quinta (Montagny-Sarrazin-Minassian) e sesta (Gené-Wurz-Davidson). Da registrare un uscita di pista che ha fermato una  vettura anche per la casa francese, uscita però che ha davvero malridotto la meglio piazzata delle tre. Pedro Lamy infatti è stato protagonista di un violento incidente che ha seriamente danneggiato la vettura, che però fanno sapere dal box Peugeot verrà riparata e messa in condizione di ritornare in pista nella giornata di domani. Settima posizione per i vincitori di Sebring, nonchè leader dell’attuale classifica, Duval-Lapierre-Panis su Oreca/Peugeot. Ottavo e nono posto per le due Rebellion-Toyota del team svizzero per cui corre anche il nostro Andrea Belicchi.

Apre invece la classifica delle LMP2 l’equipaggio Leventis-Watts-Kane, mentre le Formula Le Mans hanno visto il dominio del team Hope. In clase GTE dominio Ferrari con la 458 Italia del team AF Corse che piazza Fisichella e Bruni al primo posto di classe, e Melo e Bobbi al secondo. Così come le Peugeot, anche le Porsche sono costrette ad inseguire, con la migliore prestazione all’attivo fatta registrare dagli ufficiali Lieb-Lietz, quarti di classe davanti alla BMW M3 di Priaulx-Alzen. Sei posizioni più indietro l’altra vettura bavarese guidata da Farfus-Muller. In fondo allo schieramento invece le Aston Martin DB9 (le LMP1 hanno disertato Spa per i deludenti progressi del loro nuovissimo prototipo) e le Lotus Evora.

Spa, libere

 1.  LMP1   Capello/Kristensen/McNish     Audi R18 TDI                 2m03.844s
 2.  LMP1   Bernhard/Dumas/Rockenfeller   Audi R18 TDI                 2m04.054s
 3.  LMP1   Lamy/Bourdais/Pagenaud        Peugeot 908                  2m04.217s
 4.  LMP1   Fassler/Lotterer/Treluyer     Audi R18 TDI                 2m05.329s
 5.  LMP1   Montagny/Sarrazin/Minassian   Peugeot 908                  2m05.392s
 6.  LMP1   Gene/Wurz/Davidson            Peugeot 908                  2m05.925s
 7.  LMP1   Lapierre/Duval/Panis          ORECA Peugeot 908 Hdi-FAP    2m07.205s
 8.  LMP1   Jani/Prost                    Rebellion Lola-Toyota        2m08.833s
 9.  LMP1   Belicchi/Boullion             Rebellion Lola-Toyota        2m09.011s
10.  LMP1   Amaral/Pla                    Quifel-ASM Zytek             2m09.901s
11.  LMP1   Lahaye/Moreau/Ragues          Oak Pescarolo-Judd           2m10.275s
12.  LMP2   Leventis/Watts/Kane           Strakka HPD ARX-01d          2m11.332s
13.  LMP1   Cortes/Geri/Piccini           MIK Corse Zytek-Hybrid       2m11.417s
14.  LMP2   Mailleux/Ordonez/Ayari        Signatech ORECA-Nissan       2m12.118s
15.  LMP2   Perez Companc/Russo/Kaffer    Pecom Lola-Judd              2m13.444s
16.  LMP2   Erdos/Newton/Collins          RML HPD ARX-01d              2m13.576s
17.  LMP2   Kraihamer/de Crem             Boutsen Energy ORECA-Nissan  2m13.893s
18.  LMP2   Beche/Thiriet/Firth           TDS ORECA-Nissan             2m14.442s
19.  LMP1   Collard/Tinseau/Jousse        Pescarolo-Judd               2m14.713s
20.  LMP2   Ojjeh/Chalandon/Kimber-Smith  Greaves Zytek-Nissan         2m15.020s
21.  FLM    Moro/Marroc/Zheng             Hope ORECA                   2m15.210s
22.  LMP2   Barlesi/De Roche/Lafargue     Oak Pescarolo-Judd           2m15.219s
23.  FLM    Hartshorne/Keating/Keen       Neil Garner ORECA            2m15.265s
24.  LMP2   Gates/Garofall/Philipps       RLR MG Lola                  2m15.792s
25.  FLM    Julian/Zugel/Petersen         Genoa ORECA                  2m17.711s
26.  LMP2   Rosier/Luco/Basso             Extreme Limite Norma-Judd    2m18.806s
27.  FLM    Rodrigues/Menahem/Misslin     JMB ORECA                    2m19.628s
28.  LMP2   Tucker/Bouchut/Barbosa        Level 5 Lola Coupe-HPD       2m20.669s
29.  GTE P  Fisichella/Bruni              AF Corse Ferrari             2m20.911s
30.  GTE P  Melo/Vilander                 AF Corse Ferrari             2m21.077s
31.  GTE P  Bell/Walker                   JMW Ferrari                  2m21.718s
32.  GTE P  Lieb/Lietz                    Felbermayr-Proton Porsche    2m22.049s
33.  GTE P  Priaulx/Alzen                 BMW M3                       2m22.078s
34.  GTE P  Beltoise/Jakubowski/Deletraz  Luxury Racing Ferrari        2m22.569s
35.  GTE P  Ortelli/Makowiecki            Luxury Racing Ferrari        2m22.596s
36.  GTE P  Farnbacher/Simonsen           Farnbacher Ferrari           2m22.905s
37.  FLM    Schultis/Simon/Schell         Pegasus ORECA                2m23.243s
38.  GTE A  Christodoulou/Hummel/Quaife   CRS Ferrari                  2m23.612s
39.  GTE P  Farfus/Muller                 BMW M3                       2m23.679s
40.  GTE P  Goossens/Holzer               Prospeed Porsche             2m23.723s
41.  GTE A  Kauffman/Aguas                AF Corse Ferrari             2m23.726s
42.  GTE P  Pilet/Henzler                 IMSA Performance Porsche     2m23.986s
43.  GTE A  Bornhauser/Canal/Gardel       Larbre Porsche               2m24.117s
44.  GTE A  Armindo/Narac                 IMSA Performance Porsche     2m24.133s
45.  GTE A  Perazzini/Cioci/Lemeret       AF Corse Ferrari             2m24.973s
46.  GTE A  Broniszewski/Peter            Kessel Ferrari               2m25.280s
47.  GTE P  Dolan/Hancock                 Jota Aston Martin            2m25.616s
48.  GTE A  Giroix/Goethe/Wainwright      Gulf Aston Martin            2m25.783s
49.  GTE A  Ehret/Lynn/Wills              CRS Ferrari                  2m26.505s
50.  GTE A  Ried/Hammerson                Felbermayr-Proton Porsche    2m26.579s
51.  GTE A  Felbermayr Jr/Miller          Felbermayr-Proton Porsche    2m26.981s
52.  GTE A  Krohn/Jonsson                 Krohn Ferrari                2m27.882s
53.  GTE P  Hirschi/Rossiter/Mowlem       Jetalliance Lotus Evora      2m29.590s
54.  GTE P  Rich/Slingerland              Jetalliance Lotus Evora      2m37.486s
55.  LMP2   Frey/Meichtry/Rostan          Race Performance ORECA-Judd  no time

Marco Borgo

WSR – Draco, Adriano Morini lascia il motorsport

Con la fine della stagione 2010 della World Series by Renault, ennesima stagione scoppiettante, si sa, cominciano una serie di movimenti tra gli addetti ai lavori. Piloti che partono verso nuovi traguardi, piloti nuovi che arrivano desiderosi di fare strada. Team nuovi, personale e tecnici che vanno e vengono. Ma tra tutto questo “traffico” occorre fermarsi un attimo, perchè fra questo turbinio di persone c’è un uomo che non merita di passare inosservato, ma è un pezzo di storia del motorismo italiano che ha deciso di appendere le cuffie al chiodo.

Adriano Morini, team principal del Draco International dopo aver calcato per anni le piste di tutta Europa e non, ha deciso di ritirarsi dalle corse, anche se per uno come lui non sarà certo facile rimanere lontano dalle piste. La sua storia comincia praticamente quarant’anni fa, quando partiva alla volta dell’Inghilterra per realizzare il sogno che portava con sè nella valigia: sfondare nel mondo del Motorsport. Ma è dal 1979 che ha inizio la grande avventura che lo ha reso famoso agli addetti ai lavori, con la costituzione del team Morini impegnato in Formula 3, che dal 1989 si convertirà in Draco Racing.

Adriano Morini riesce negli anni successivi a realizzare quel desiderio che con testardaggine ammirevole porta a conclusione: la costruzione di una sua vettura da corsa. Ma ciò che lo ha reso ancor più conosciuto nel settore è la capacità di riconoscere e lanciare i giovani piloti verso la F1 ed i vertici del motorismo mondiale. Giusto per citarne qualcuno potremmo nominare Rubens Barrichello, Pedro Lamy, Ricardo Zonta, Esteban Tuero, Bruno Junqueira, Felipe Massa, Augusto Farfus, Markus Winkelhock, Pastor Maldonado e Bertrand Baguette. Le cifre parlano poi di oltre 90 piloti schierati in più di 400 gare che gli sono valse la conquista di ben 8 campionati europei.

A conclusione della stagione 2010, in cui ha portato in pista Nathanael Berthon e Julian Leal, Adriano Morini lascia il team Draco con la serenità di chi guardandosi alle spalle vede un passato privo di rimpianti, ma carico di soddisfazioni come lui stesso ha dichiarato. La gestione del team passa ora alla team Manager Nadia Morini, moglie di Adriano, per tanti anni al suo fianco dentro e fuori dalle piste. Ieri il team Draco si è stretto attorno al suo “big Boss” per festeggiare la chiusura di oltre quarant’anni di motorsport, mentre sempre ieri sono comparsi nei box di Barcellona anche i piloti che nel 2009 regalarono l’ultimo titolo al team italiano: Bertrand Baguette, andato a cercar fortuna in Indycar, e Marco Barba.

Nella foto, Adriano Morini in un fotomontaggio commemorativo creato dal Draco Racing.

Marco Borgo

Gt Fia: anche Villeneuve alla 24 ore di Spa

           mosler

Questo fine settimana si svolgerà la famosa 24 ore di Spa in Belgio e le novità non mancano a partire da un nome che non può passare inosservato: Jacques Villeneuve. Il pilota canadese, che in questi giorni sta facendo parlare molto di sè riguardo un contratto dato per certo per correre in F1, sarà al via della 24 ore belga a bordo di una Mosler MT900R (in foto) del team Gravity che lo ha ingaggiato per correre in equipaggio con Ho Pin Tung-De Sordi e Radermeker nella classe Gt3. Sembrerebbe comunque essere un ingaggio per la sola corsa belga visto che Jacques già si alterna con la Stock Car brasiliana e i Pick Up della Nascar americana, in più ci sono gli impegni per le trattative finalizzate a trovare un sedile in Formula 1. Altra novità da parte del team Vitaphone che metterà in pista una terza Maserati Mc12 per Pierguidi-Lemeret-Vosse e Rosenbland che aiuteranno i due equipaggi di punta del team tedesco formati da Bartels-Bertolini-Sarrazin-Negrao e Van De Poele-Lamy-Ramos-A. Muller. Brutte notizie invece per i team KplusK (Saleen s7) vincitori della prima gara stagionale con Wendlinger-Sharp e Alphand (Corvette C6r) di Biagi-Maassen: entrambe le squadre hanno problemi di budget e hanno preferito dare forfait per concentrarsi sulle ultime 4 corse stagionali. In Gt2 nessuna novità rilevante con le Ferrari F430 dei team BMS e AF Corse che puntano alla vittoria di classe contro una flotta numerosa di Porsche 997 Gt3 RSR, in Gt3 17 iscritti tra cui un’ Audi R8 del Phoenix e due Bmw Alpina dello Sport Garage, oltre alle solite Porsche 996 Gt3, Ferrari F430, Aston Martin DBRS9, la Mosler del team Gravity, e una Ford GT.

Nascar news: “Montoya a rischio taglio, mentre Zonta e Villeneuve…”

Montoya

 

Di sicuro con il suo passaggio dalla Formula Uno alla Nascar Juan Pablo Montoya immaginava di raccogliere ben altre soddisfazioni. Invece dopo due anni di militanza nella categoria regina delle ruote scoperte negli Stati Uniti il colombiano rischia seriamente di ritrovarsi senza un sedile per il 2009. Il motivo è presto detto, i problemi sono innanzitutto di sponsor. Evidentemente trovare un budget per correre nella Nascar non è impresa facile nemmeno se ti chiami Montoya. Lo dimostra il fatto che il team Ganassi ha recentemente dovuto dire addio allo sponsor Texaco. A ciò si aggiunge che Juan Pablo percepisce un ingaggio annuo pari a otto milioni di dollari cui va sommato il 40% degli eventuali premi. Non male per un pilota che tutto sommato finora ha combinato ben poco o comunque meno di quanto gli addetti ai lavori si aspettavano. Ma se Montoya non ride e anzi forse rimpiange di non essere rimasto nell’orbita Formula Uno dopo la rottura con McLaren, nemmeno Jacques Villeneuve e Ricardo Zonta hanno molto da stare allegri. Perché sia il canadese che il brasiliano, entrambi ex F.1, potrebbero essere ben presto lasciati liberi dalla Peugeot che li ha impiegati nel programma 24 Ore di Le Mans. Al di là del risultato finale nella gara endurance più famosa del mondo (vittoria dell’Audi R10 nonostante la sbandierata superiorità Peugeot) i due drivers hanno deluso, soprattutto nel confronto con i compagni di squadra, specialisti del calibro di Lamy, Minassian e Sarrazin. Per Jacques sarebbe l’ennesimo boccone amaro da mandar giù dopo l’interruzione del programma Nascar.

 

Ermanno Frassoni

www.frassoni.com

Lms – Nurburgring, qualifiche:”Peugeot attacca, Audi “dorme”

00_pegnurb

Il “dominio” Audi nella sessione mattutina di libere non ha inciso sul risultato finale delle qualifiche. E’ sempre la Peugeot in pole, questa volta con la coppia Genè- Minassian seguita dall’altra 908 Hdi Fap di Lamy- Sarrazin. Dunque, dominio della Casa del Leone che avrà come prima avversaria, almeno in griglia, la Lola Aston Martin del team Charouz. Leggi tutto

Fia Gt news:”Bucarest stravolge le regole della Fia”

Una particolare, quanto unica, novità andrà di scena sul circuito cittadino di Bucarest in occasione del Gp di Romania valevole per il Fia Gt. Infatti, gli organizzatori hanno deciso di spezzare in due la gara che non sarà più della durata effettiva di 2 ore ma bensì di 60 minuti. Leggi tutto